Ma è davvero necessario sapere di economia per capire che l’euro è fallito?

Si stanno moltiplicando in internet i post di economisti che condannano l’euro: la miglior fonte d’informazione in lingua italiana è, a mio parere, Goofynomics, il blog di Alberto Bagnai (professore associato di politica economica presso il Dipartimento di Economia dell’Università Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara e ricercatore associato al Centre de Recherche en Economie Appliquée à la Mondialisation, CREAM, dell’Università di Rouen).
Vedi per esempio:

Euro: una catastrofe annunciata

http://goofynomics.blogspot.it/2011/12/euro-una-catastrofe-annunciata.html

In lingua inglese ci sono i post di Paul Krugman, premio Nobel per l’economia 2008, vedi per esempio:

Boring Cruel Romantics

http://www.nytimes.com/2011/11/21/opinion/boring-cruel-euro-romantics.html?_r=1

e questa è la traduzione italiana:

Noiosi Romantici Crudeli

http://www.megachip.info/tematiche/kill-pil/7209-noiosi-romantici-crudeli.html

Ma è davvero necessario sapere di economia per capire che l’euro è fallito?

Vediamo l’intervista all’artista islandese Hordur Torfason, leader della recente rivoluzione silenziosa dell’Islanda contro la finanza internazionale:

http://www.youtube.com/watch?v=zZ9Vy-3lXG0

Vediamo in particolare questo punto dell’intervista:

Domanda: “Lei è un esperto di economia o finanza?”
Risposta: “No. Sono una persona molto semplice su queste questioni. Ma non c’è bisogno di studiare economia per capire quando ti stanno fregando.”

Non c’è altro da aggiungere.

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: