Archive for luglio 2013

Siamo tutti Jack Harper

22 luglio 2013

Ci sono film che hanno un secondo piano di lettura di natura filosofica.

Mi viene in mente Quintet di Robert Altman, un film sull’«homo homini lupus», un film molto hobbesiano.

Oppure Nirvana di Gabriele Salvatores, che illustra la convinzione dell’autore che il libero arbitrio non esista (argomento sul quale personalmente mi dichiaro agnostico).

Recentemente ho visto un bel film, Oblivion di Joseph Kosinski, che ha un secondo piano di lettura assai attinente all’attuale situazione politica.

Infatti Oblivion è superficialmente uno spettacolare film di science fiction, laddove il secondo piano di lettura riguarda la tematica dell’inganno.

Oblivion (che in inglese significa “oblio”) è un film sull’inganno, sull’oblio della verità.

Siamo stati tutti ingannati sull’Unione Europea e sull’euro.

L’euro avrebbe dovuto portarci vantaggi economici, mentre invece sta distruggendo economicamente l’Italia e quasi tutti i paesi che l’hanno adottato.

Siamo tutti Jack Harper, il protagonista di Oblivion, interpretato magistralmente da Tom Cruise, un attore che ha nelle sue corde sia l’interpretazione dell’ingenuità, sia quella dell’intelligenza.

E siamo stati tutti ingenui, ma adesso, con lucida intelligenza, dobbiamo uscire, a qualsiasi costo, dall’inganno in cui ci hanno fatto cadere.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Il cervello di Kant

15 luglio 2013

Non avrei voluto scrivere questo post su Immanuel Kant. Perché dovrò criticare un grande filosofo a causa di una sua malattia neurologica, il che non è bello.

Inoltre Kant, in primo luogo, è perfettamente inquadrabile nella tesi che sostengo da tempo, ossia che l’Occidente sta cercando ripetutamente di suicidarsi e che la causa di ciò è il mito della dannosità dello Stato creato dalla filosofia politica di Locke con i Due trattati sul governo del 1690.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/10/23/il-mito-della-dannosita-dello-stato/

Kant fu infatti fortemente influenzato da Rousseau (aveva perfino, nel suo studio, un ritratto del filosofo ginevrino) e quest’ultimo sarebbe impensabile senza Locke.

In secondo luogo, Kant non è necessario alla mia tesi, alla mia teoria.

Così ho resistito a lungo dallo scrivere sulla filosofia politica di Kant.

Ma quando l’ho visto tirato in ballo, contro Hobbes, da Vittorio Emanuele Parsi, nel suo articolo del 2 luglio sul Sole24ore, intitolato Se la potenza diventa prepotenza, ho capito che non potevo più esimermi (come direbbe Salvatore Veca).

Sono rimasto molto stupito che Parsi nominasse Kant. Infatti ho memoria di un Vittorio Emanuele Parsi, brillante e sarcastico, che apparve in televisione appena dopo l’attacco USA all’Iraq nella seconda guerra del Golfo e spiegò a un contrariato interlocutore francese (non ricordo chi fosse) che il diritto si fonda sulla forza e non l’inverso, allo stesso modo in cui, per fare una torta, sotto si mette il cioccolato e sopra la panna, mai l’inverso.

Sembrava di sentir parlare Hobbes in persona, il quale genialmente scrisse: “E patti senza la spada non sono che parole…” (Thomas Hobbes, Leviatano, Laterza, 2009, pag. 139).

Per l’articolo di Parsi vedi qui:

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-07-02/potenza-diventa-prepotenza-063738.shtml?uuid=AbTzPNAI

E quindi non mi esimo più. E che Kant, dall’alto del paradiso dei filosofi, mi perdoni.

Immanuel Kant nacque il 22 aprile del 1724 a Königsberg (che a quel tempo apparteneva al territorio tedesco, mentre oggi appartiene alla Russia e si chiama Kaliningrad, lo scrivo perché più avanti sarà utile sapere ciò) e vi morì il 12 febbraio del 1804. La sua tomba si trova ancora là.

Come riporta Ludovico Geymonat: “Molti studiosi vedono in Kant il maggiore filosofo dell’età moderna” (Ludovico Geymonat, Storia del pensiero filosofico e scientifico, UTET, 1977, Vol. 3, pag. 565).

Kant era famoso per le sue capacità intellettuali. Come scrive Renato Fellin: “La facoltà certamente più sviluppata in lui era tuttavia la capacità analitica: egli riusciva a scomporre concetti complessi nelle loro più semplici componenti, potendo così sviscerare sistemi e dottrine allo scopo di individuarne errori e contraddizioni.” (Renato Fellin, Federica Sgarbi, Stefano Caracciolo, L’altro Kant – La malattia, l’uomo, il filosofo, Introduzione di Pietro Vigorelli, Piccin, 2009, pag. 19).

Kant non si occupò di filosofia politica se non in tarda età, ossia dopo i settanta anni.

Infatti Norberto Bobbio in Stato, governo, società fornisce un elenco di tutte le più importanti opere dell’Evo Moderno sullo Stato, le forme di governo e argomenti attinenti, cioè da Machiavelli ai nostri giorni, riportando di Kant solo due opere: Per la pace perpetua e la Metafisica dei costumi (Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pag. 163). La prima risale al 1795 (quando Kant aveva settantun anni), la seconda al 1797.

Le sue opere maggiori erano state pubblicate da tempo: la Critica della ragion pura, la sua opera capitale, è del 1781; la Critica della ragion pratica è del 1788; la Critica del giudizio è del 1790.

Ora, se voi andate al motore di ricerca del sito pubmed.gov, noto sito governativo USA per gli articoli scientifici di medicina e biologia, e immettete “Immanuel Kant” ed “Emmanuel Kant”, troverete alcuni articoli scientifici sul grande filosofo tedesco.

Perché? Perché in vecchiaia egli presentò sintomi gravi e inequivocabili di una malattia dementigena, individuabile per alcuni nella demenza di Alzheimer:

1) Fellin R, Blè A, The disease of Immanuel Kant, The Lancet, 1997 Dec 13; 350(9093): 1771-3

2) Podoll K, Hoff P, Sass H, The migraine of Immanual Kant, Fortschritte der Neurologie-Psychiatrie, 2000 Jul; 68(7): 332-7

per altri in un tumore frontale (i tumori frontali possono causare demenza):

3) Marchand JC, Was Emmanuel Kant’s dementia symptomatic of a frontal tumor?, Revue Neurologique, 1997 Feb; 153(1): 35-9

per altri ancora nella demenza da corpi di Lewy:

4) Miranda M, Slachevsky A, Garcia-Borreguero D, Did Immanuel Kant have dementia with Lewy bodies and REM behavior disorder?, Sleep Medicine, 2010 Jun; 11(6): 586-8

Ecco i link per i rispettivi abstract:

1) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9413481

N.B.: Non è qui disponibile alcun abstract

2) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10945159

3) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9296154

4) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20451446

È interessante notare che, mentre gli altri autori degli articoli succitati risultano appartenere a istituti medici, Marchand JC risulta appartenere a: “Yale University, Institute for Social and Policy Studies”. E quando da pubmed.gov ho cercato di risalire al testo completo dell’articolo (cliccando sulla piccola icona in alto a destra in cui c’è scritto: “Full text on EM consulte – Subscription required”), sono comparse queste parole: “There’s a bug in the system”.

Certo, se si potesse fare una biopsia del cervello di Kant, si potrebbe avere la diagnosi istologica della malattia di cui egli soffriva. Perché le malattie ipotizzate negli articoli suddetti in base ai sintomi sono inesorabilmente certificate dall’esame istologico.

Peccato che Kant sia morto nel 1804.

Ma, un momento…leggiamo questa frase del libro succitato L’altro Kant – La malattia, l’uomo, il filosofo:

“Lo stesso dott. Gall assieme al professor Knorr ne prelevarono il cervello…

…conservato sotto spirito in una ampolla di vetro, andò distrutto nell’incendio che divampò alla Lubjanka di Mosca il 12 novembre 1999 dove era arrivato dopo lunghe e singolari vicende.” (Renato Fellin, Federica Sgarbi, Stefano Caracciolo, ibid., pag. 21).

Non sono un complottista, ma se fossi Dan Brown, scriverei immediatamente un bel romanzo su quest’argomento, romanzo che sarebbe certamente più plausibile del Codice da Vinci.

Appare infatti singolare che il cervello di Kant, dopo essere passato senza danni attraverso un’iraddidio di guerre e rivoluzioni per quasi duecento anni, venga distrutto da un banalissimo incendio alla Lubjanka, che è poi la famigerata sede dei servizi segreti dell’URSS prima e della Russia oggi.

E questo quando (ammesso che sia realmente accaduto)? Lo stesso anno dell’introduzione nei mercati finanziari dell’euro e dopo due anni dalla pubblicazione dell’articolo di Marchand JC, cronologicamente il primo degli articoli scientifici succitati.

Ma quando inizia la demenza di Kant? Pietro Vigorelli scrive: nel 1793; lo stesso scrive Renato Fellin (Renato Fellin, Federica Sgarbi, Stefano Caracciolo, ibid., pag. viii; pagg. 38-39).

Inoltre Pietro Vigorelli (che è, come Fellin, un medico) riporta una lettera scritta da Kant a Jacob Sigismund Beck del 1° luglio 1794, nella quale lo stesso Kant rivela apertamente di avere gravi difficoltà di comprensione intellettuale (Renato Fellin, Federica Sgarbi, Stefano Caracciolo, ibid., pag. x).

Tutti quelli che farneticano di Stati Uniti d’Europa dovrebbero leggere questo libro. A meno che, ovviamente, non siano anch’essi colpiti da una qualche forma di demenza. Nel qual caso sarebbe inutile leggere alcunché.

Arrivato fin qui, non posso non entrare nel merito.

Commenterò brevissimamente soltanto alcuni punti salienti dell’opera di Kant Per la pace perpetua. Punti, per così dire, che saltano all’occhio.

Ci sono in tale opera: 1) concetti assolutamente puerili 2) clamorosi errori di ragionamento 3) contraddizioni inverosimili

1) concetti assolutamente puerili

Ne citerò due. Il primo è: “Gli eserciti permanenti (miles perpetuus) devono col tempo scomparire del tutto” (Immanuel Kant, Per la pace perpetua, Feltrinelli, 2013, pag. 47).

Riflettiamo un attimo su questa frase.

Cosa succederebbe se l’esercito degli Stati Uniti d’America venisse smantellato?

Cosa succederebbe all’Italia se non avesse più lo scudo della NATO e neanche eventuali rimpiazzi, per esempio dalla Francia (che è una potenza nucleare) o dalla Russia (che è una potenza nucleare e che è pur sempre un paese cristiano, anche se non occidentale)?

Cosa succederebbe allo Stato d’Israele se non avesse più il suo esercito e la sua deterrenza nucleare?

Il secondo è quello che condanna “…l’uso delle spie (uti exploratoribus), dove non viene utilizzata che la mancanza di onore degli altri…” (Immanuel Kant, ibid., pag. 50). Sorvoliamo.

2) clamorosi errori di ragionamento

Farò due esempi, entrambi relativi a: “In ogni Stato la costituzione civile deve essere repubblicana” (Immanuel Kant, ibid., pagg. 54-59).

Primo esempio.

Kant afferma che gli Stati repubblicani (e spiega bene cosa intenda per repubblica: la divisione dei poteri, vedi avanti) sono naturalmente pacifisti, in quanto i “…cittadini…

…rifletteranno molto prima di iniziare un gioco così brutto.”, mentre “…il sovrano non è il concittadino, ma il proprietario dello Stato, e la guerra non toccherà minimamente i suoi banchetti, le sue battute di caccia, i suoi castelli in campagna, le sue feste di corte e così via…” (Immanuel Kant, ibid., pag. 56).

Bene, gli Stati Uniti d’America sono una repubblica e hanno una pronunciata divisione dei poteri: sono forse uno Stato pacifista?

Certo, Kant non poteva conoscere il futuro (ma se un ragionamento è giusto, deve esserlo anche per il futuro, altrimenti è un ragionamento sbagliato).

In ogni caso Kant conosceva molto bene il passato.

La Repubblica romana era una repubblica e aveva la divisione dei poteri, come affermato da Niccolò Machiavelli nei Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio, che Kant non poteva non conoscere (la cultura inglese conosceva benissimo quest’opera).

Leggiamo cosa scrive di essa Bertrand Russell, un uomo della cui intelligenza è impossibile dubitare:

“Ci sono interi capitoli che sembrano quasi scritti da Montesquieu; la maggior parte del libro avrebbe potuto ricevere l’assenso di un liberale del XVIII secolo. La dottrina dei controlli e dell’equilibrio [ossia la dottrina della divisione dei poteri] è esposta esplicitamente…

…La costituzione repubblicana di Roma era buona, proprio per il conflitto tra il Senato e il popolo.”

(Bertrand Russell, Storia della filosofia occidentale, Longanesi, 1967, pag. 668).

La Repubblica romana era uno Stato pacifista?

Secondo esempio.

Kant descrive qui una sua personalissima ed eccezionalmente stravagante classificazione delle forme di governo, nella quale egli cerca di dimostrare l’indimostrabile, ossia che nell’«autocrazia» si ottiene il «repubblicanismo», mentre nella «democrazia» si ottiene il «dispotismo».

Infatti:

“Il repubblicanismo è il principio politico della separazione del potere esecutivo (il governo) dal potere legislativo; il dispotismo è il principio politico dell’autonoma esecuzione, da parte dello Stato, di leggi che lo Stato stesso ha promulgato, quindi è la volontà pubblica che viene esercitata dal sovrano come sua volontà privata. Tra le tre forme [autocrazia, aristocrazia, democrazia] quella della democrazia, nel senso proprio della parola, è necessariamente un dispotismo…” (Immanuel Kant, ibid., pag. 57).

“Si può dire quindi che più è ristretto il personale del potere politico (il numero dei governanti), più grande è al contrario la loro capacità rappresentativa, e tanto più la costituzione politica si accorda alla possibilità del repubblicanismo e può sperare di raggiungere alla fine questa meta attraverso graduali riforme. Per tale ragione in un’aristocrazia è già più difficile che in una monarchia arrivare a questa unica costituzione perfettamente legale, ma nella democrazia un tale passaggio è impossibile se non attraverso una rivoluzione violenta.” (Immanuel Kant, ibid., pag. 58).

Vorrei far notare che i primi a mettere in pratica nell’Evo Moderno la dottrina della divisione dei poteri furono gli inglesi, che avevano, è vero, una monarchia. Ma furono necessarie ben due rivoluzioni: la prima rivoluzione inglese (1642-1651), nella quale, fra l’altro, fu tagliata la testa al re Carlo I, e la seconda rivoluzione inglese, detta anche Gloriosa Rivoluzione, che fu incruenta (1688). Tagliare la testa al re non è per Kant un esempio di “rivoluzione violenta”? O egli pensa che la seconda rivoluzione inglese non c’entri nulla con la prima? Invece fu proprio il sangue versato copiosamente nella prima rivoluzione inglese (non solo quello del re) a rendere possibile la Gloriosa Rivoluzione.

Norberto Bobbio in Stato, governo, società riporta un elenco di varie classificazioni delle forme di governo e precisamente quelle di Aristotele, di Machiavelli, di Montesquieu e di Kelsen (Norberto Bobbio, ibid., pagg. 95-97).

Egli si guarda bene dal citare, anche solo di sfuggita, l’assurda classificazione di Kant.

Perché egli non cita questa classificazione, dato che in altre pagine dello stesso libro, come ho già detto prima, riporta l’opera di Kant Per la pace perpetua? Eppure questa classificazione è completamente diversa da quelle che egli elenca. Perché non citare una classificazione così originale e per giunta di uno dei massimi filosofi della storia? Anche solo per criticarla. Ma evidentemente criticarla è troppo imbarazzante…

3) contraddizioni inverosimili

Farò due esempi, entrambi relativi a: “Il diritto internazionale deve fondarsi su un federalismo di liberi Stati” (Immanuel Kant, ibid., pagg. 59-64).

Primo esempio.

Kant scrive all’inizio, nel titolo del “Secondo articolo definitivo per la pace perpetua“, ossia quello che ho appena riportato: “…liberi Stati” (Immanuel Kant, ibid., pag. 59).

Poi spiega che tali Stati devono perdere la propria sovranità, ossia la propria libertà, e lo spiega molto chiaramente:

«Quando però questo Stato dice: “Non ci deve essere nessuna guerra tra me e gli altri Stati, benché io non riconosca nessun potere legislativo superiore che garantisca a me il mio diritto e al quale io garantisca il suo”, allora non si riesce affatto a comprendere su che cosa io voglia basare la fiducia che il mio diritto venga garantito…» (Immanuel Kant, ibid., pag. 63).

“Per gli Stati, nel rapporto tra loro, è impossibile secondo la ragione pensare di uscire dalla condizione della mancanza di legge, che non contiene altro che la guerra [e i trattati di pace?], se non rinunciando, esattamente come fanno i singoli individui, alla loro libertà selvaggia (senza legge), sottomettendosi a pubbliche leggi costrittive…” (Immanuel Kant, ibid., pag. 64).

In ogni caso Kant non scrive assolutamente nulla di preciso e di razionale su come si possa realizzare concretamente questo “federalismo di liberi Stati“, che poi però devono necessariamente perdere la loro libertà per potersi federare.

Secondo esempio.

Kant prima scrive che si deve ottenere “una federazione di popoli” e non “uno Stato di popoli” (Immanuel Kant, ibid., pag. 60).

Poi scrive l’esatto contrario: “…formando così uno Stato dei popoli (civitas gentium), che dovrà sempre crescere, per arrivare a comprendere finalmente tutti i popoli della Terra.” (Immanuel Kant, ibid., pag. 64).

In conclusione: è meglio non parlare più della filosofia politica di Immanuel Kant.

Lasciatelo riposare in pace.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Sartori ha ragione, ma usa anche un argomento fallace

9 luglio 2013

Il 17 giugno il Professor Giovanni Sartori ha scritto un editoriale per il Corriere della sera, intitolato Ius Soli Integrazione e una Catena di Equivoci L’Italia non è una nazione meticcia Ecco perché lo ius soli non funziona, che è stato pubblicato, senza consultarlo, in una posizione diversa da quella canonica degli editoriali (da cui l’ira del Professore).

In tale articolo egli ha espresso critiche su alcune affermazioni di Cécile Kyenge, Ministro del governo Letta, la quale, come è noto, è nata in Congo e si è laureata e specializzata in Italia, divenendo medico oculista.

È il primo Ministro nero (come ha detto lei stessa: “Sono nera, non di colore”) dello Stato italiano.

Vedi infatti qui:

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/kyenge-il-ministro-salva-faccia/2207255/1111?google_editors_picks=true

Questo è l’articolo di Sartori:

http://archiviostorico.corriere.it/2013/giugno/17/

Ius_Soli_Integrazione_una_Catena_co_0_20130617_f6ffd484-d70d-11e2-a7a5-17a71547d62b.shtml

Ci sono, in ciò che scrive qui Sartori, argomenti validi e un argomento fallace.

Quelli validi sono parecchi, ma, a mio avviso, i principali sono due:

“Sia come sia, la nostra oculista ha sentenziato che siamo tutti meticci, e che il nostro Paese deve passare dal principio dello ius sanguinis (chi è figlio di italiani è italiano) al principio dello ius soli (chi nasce in Italia diventa italiano). Di regola, in passato lo ius soli si applicava al Nuovo Mondo e comunque ai Paesi sottopopolati che avevano bisogno di nuovi cittadini, mentre lo ius sanguinis valeva per le popolazioni stanziali che da secoli popolano determinati territori.”

“La brava Ministra ha anche scoperto che il nostro è un Paese «meticcio». Se lo Stato italiano le dà i soldi si compri un dizionarietto, e scoprirà che meticcio significa persona nata da genitore di razze (etnie) diverse.”

Come ognuno può verificare da sé, “meticcio” significa esattamente ciò che riporta Sartori.

Per inciso, vorrei rimarcare che Wikipedia in italiano, alla voce Dichiarazione sulla razza (UNESCO 1950) attualmente riporta ciò che con un eufemismo possiamo definire “inesattezze”.

Infatti attualmente riporta che:

“La «Dichiarazione sulla razza» è un documento dell’UNESCO approvato a Parigi nel 1950. È considerato il primo ad aver affermato ufficialmente la non scientificità delle razze umane e dunque l’inesistenza di razze biologicamente diverse in seno alla specie umana:

« In base alle conoscenze attuali non vi è alcuna prova che i gruppi dell’umanità differiscano nelle loro caratteristiche mentali innate, riguardo all’intelligenza o al comportamento »

(Dichiarazione sulla razza, Parigi, UNESCO, 1950)”

http://it.wikipedia.org/wiki/Dichiarazione

_sulla_razza_%28UNESCO_1950%29

Il bello è che riporta anche un link dove è possibile leggere (in inglese) il testo in questione:

http://www.honestthinking.org/en/unesco/

UNESCO.1950.Statement_on_Race.htm

Tale testo è disponibile anche in formato pdf a questo link (che, come ho personalmente verificato, è un link del sito unesco.org e quindi è più attendibile del link riportato sopra):

http://unesdoc.unesco.org/images/0012/001282/128291eo.pdf

Quali sono le “inesattezze” di cui dicevo? Sono in questa frase (vedi sopra): “È considerato il primo ad aver affermato ufficialmente la non scientificità delle razze umane e dunque l’inesistenza di razze biologicamente diverse in seno alla specie umana”.

Basta leggere il testo in inglese del link dell’unesco.org per capire che questa frase afferma il falso (riporto qui sotto solo alcune piccole parti del testo in pdf dell’UNESCO del 1950):

«1. Scientists have reached general agreements in recognizing that mankind is one : that all men belong to the same species, Homo sapiens

…2. From the biological standpoint, the specie Homo sapiens is made up of a number of populations, each one of which differs from the others in the frequency of one or more genes…

…3. A race, from the biological standpoint, may therefore be defined as one of the group of populations constituting the species Homo sapiens

…4. In short, the term ” race ” designates a group or population characterized by some concentrations, relative as to frequency and distribution, of hereditary particles (genes) or physical characters, which appear, fluctuate, and often disappear in the course of time by reason of geographic and or cultural isolation…

…5. These are the scientific facts. Unfortunately, however, when most people use the term ” race ” they do not do so in the sense above defined. To most people, a race is any group of people whom they choose to describe as a race. Thus, many national, religious, geographic, linguistic or cultural groups have, in such loose usage, been called ” race “, when obviously Americans are not a race, nor are Englishmen, nor Frenchmen, nor any other national group. Catholics, Protestants, Moslems and Jews are not races, nor are groups who speak English or any other language thereby definable as a race; people who live in Iceland or England or India are not races; nor are people who are culturally Turkish or Chinese or the like thereby describable as races.

6. National, religious, geographic, linguistic and cultural groups do not necessarily coincide with racial groups : and the cultural traits of such groups have no demonstrated genetic connexion with racial traits. Because serious errors of this kind are habitually committed when the term ” race ” is used in popular parlance, it would be better when speaking of human races to drop the term ” race ” altogether and speak of ethnic groups.

7. Now what has the scientist to say about the groups of mankind which may be recognized at the present time ? Human races can be and have been differently classified by different anthropologists, but at the present time most anthropologists agree on classifying the greater part of present-day mankind into three major divisions, as follows :

The Mongoloid Division

The Negroid Division

The Caucasoid Division…

…8. Many sub-groups or ethnic groups within these divisions have been described. There is no general agreement upon their number, and in any event most ethnic groups have not yet been either studied or described by the physical anthropologists.

9. Whatever classification the anthropologist makes of man, he never includes mental characteristics as part of those classifications. It is now generally recognised that intelligence tests do not in themselves enable us to differentiate safely between what is due to innate capacity and what is the result of environmental influences, training and education. Wherever it has been possible to make allowances for differences in environmental opportunities, the tests have shown essential similarity in mental characters among all human groups. In short, given similar degrees of cultural opportunity to realize their potentialities, the average achievement of the members of each ethnic group is about the same…

…The original statement was drafted at Unesco House, Paris, by the following experts :

Professor Ernest Beaglehole, New Zealand

Professor Juan Comas, Mexico

Professor L. A. Costa Pinto, Brazil

Professor Franklin Frazier, United States

Professor Morris Ginsberg, United Kingdom

Dr. Humayun Kabir, India

Professor Claude Levi-Strauss, France

Professor Ashley Montagu, United States (Rapporteur) .

The text was revised by Professor Ashley Montagu, after criticism submitted by Professors Hadley Cantril, E. G. Conklin, Gunnar Dahlberg, Theodosius Dobzhansky, L. C. Dunn, Donald Hager, Julian S. Huxley, Otto Klineberg, Wilbert Moore, H. J. Muller, Gunnar Myrdal, Joseph Needham, Curt Stern.»

Questo documento suscitò tali polemiche, che un anno dopo l’UNESCO ne pubblicò un altro, nel quale alcune parti del primo sono censurate. È ovvio che il secondo documento è una censura, tanto più che basta leggere i nomi dei responsabili del primo per rendersi conto del suo altissimo valore scientifico.

Personalmente trovo, però, che è indispensabile muovere due critiche al documento del 1950. Innanzitutto il termine “razza” non può essere rimpiazzato dal termine “etnia”, perché, come si può leggere in qualsiasi dizionario, il primo riguarda esclusivamente caratteristiche ereditarie, ossia genetiche, mentre il secondo riguarda caratteristiche in parte genetiche, in parte culturali. In secondo luogo, usare i termini “Mongoloid” e “Negroid” è assolutamente sconsigliabile, perché tali termini hanno assunto nel corso del tempo connotazioni fortemente negative. Molto meglio usare i termini “caucasici”, “africani” e “mongolici”, come ho fatto in questo post:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/27/gli-usa-non-capiscono-che-cosa-stia-succedendo-in-europa/

Per comprendere in profondità il problema di cui stiamo discutendo vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/07/15/multiculturalismo-razzismo-e-politiche-di-immigrazione/

Consiglio anche di leggere la voce RAZZISMO del Dizionario di Filosofia di Nicola Abbagnano, voce che personalmente trovo veramente molto ben fatta (Nicola Abbagnano, Dizionario di Filosofia, 1971, UTET, pagg. 730-731).

Ritornando a Sartori, qual è l’argomento fallace che egli usa nel suo articolo?

È questo: “Nata in Congo, si è laureata in Italia in medicina e si è specializzata in oculistica. Cosa ne sa di «integrazione», di ius soli e correlativamente di ius sanguinis?”

Vorrei ricordare al Professor Sartori che Benedetto Croce non aveva neanche uno straccio di laurea e che Louis Pasteur era un chimico, non un medico.

Certo, si può sempre dire che il Ministro in questione non si può paragonare a questi illustri pensatori, ma ciò equivale a dire che non si tratta di una cima, il che, in definitiva, è un puro e semplice insulto piuttosto che un argomento.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La legittimità e Obama

5 luglio 2013

La legittimità è un concetto fondamentale della scienza politica.

Leggiamo un passo di eccezionale importanza scritto dal grande, anzi grandissimo, politologo americano Robert A. Dahl, professore emerito di scienza politica all’università di Yale:

“I leaders di un sistema politico cercano di ottenere che – quali che siano i mezzi usati dal governo per risolvere i conflitti – le decisioni prese non vengano generalmente accettate solo per timore di violenza, punizioni, o coercizione, ma che tale accettazione derivi anche dalla convinzione che la decisione è giusta e opportuna sotto il profilo morale. La convinzione che la struttura, le procedure, gli atti, le decisioni, i provvedimenti politici, così come i funzionari o i leaders del governo, siano «giusti», e che per questo loro carattere debbano essere accettati quale che sia il contenuto specifico dei loro atti, è ciò che intendiamo per «legittimità»…

…È piuttosto facile capire perché i leaders si preoccupano di ottenere la legittimità…

…Sarebbe impossibile, per esempio, contare esclusivamente sulla paura e sul terrore per assicurare lo svolgimento dei complessi compiti di una vasta organizzazione burocratica moderna. Con ogni probabilità sarebbe ugualmente impossibile, o quantomeno più costoso, avvalersi di un sistema di ricompense dirette, perché ciò richiederebbe un oneroso sistema di «tanto al pezzo». Ma quando un subordinato considera moralmente vincolanti gli ordini e gli incarichi che riceve [il corsivo è mio], un consumo relativamente piccolo di risorse basta ad assicurare un adempimento soddisfacente. Sebbene molti tipi diversi di sistemi politici possano conseguire la legittimità, le democrazie ne hanno più bisogno degli altri sistemi. [il corsivo è mio]”.

(Robert A. Dahl, Introduzione alla scienza politica, Il Mulino, 1970, pagg. 77-78).

Norberto Bobbio in Stato, governo, società fornisce un elenco di tutte le più importanti opere dell’Evo Moderno sullo Stato, le forme di governo e argomenti attinenti, cioè da Machiavelli ai nostri giorni. Ebbene, in tale elenco c’è anche la suddetta opera di Robert A. Dahl (Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pag. 162).

Quando Obama calpesta il diritto internazionale (vedi la vicenda del presidente della Bolivia; vedi la pretesa che sia un obbligo per la Russia consegnare agli USA Edward Snowden, quando invece non esistono trattati di estradizione tra Russia e USA; vedi le cimici nelle ambasciate in USA dei paesi europei, compresa l’Italia, senza che neanche ci sia la ragion di Stato della guerra fredda; ecc. ecc.), egli non fa che distruggere la legittimità della sua politica, vale a dire della politica degli Stati Uniti d’America.

Egli non fa che distruggere la democrazia americana, in quanto, come scrive Dahl, le democrazie hanno più bisogno della legittimità rispetto ad altri sistemi politici.

Del resto, perché Edward Snowden si è ribellato? Perché non considerava più “moralmente vincolanti gli ordini e gli incarichi” ricevuti.

E né la paura, né il denaro sono riusciti a fermarlo.

Il fatto è che a Obama, poiché si tratta del primo presidente afroamericano degli USA, è stato concesso tutto, ogni cosa, perfino il premio Nobel per la pace in via anticipata. Si è arrivati al grottesco.

Vedi a questo proposito l’interessante articolo sul Giornale di ieri, scritto da Livio Caputo e intitolato La parabola di Obama Dal nobel sulla fiducia alla sfiducia mondiale:

http://www.ilgiornale.it/news/esteri/parabola-obama-nobel-sulla-fiducia-sfiducia-mondialeil-932848.html

In questo clima di esaltazione estrema, è naturale che Obama abbia perso la testa.

Come scrisse Lord Acton:

“Il potere tende a corrompere, il potere assoluto corrompe in modo assoluto”.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

I continui colpi di scena del Datagate

3 luglio 2013

È di oggi la notizia che Obama è riuscito a far imbufalire, dopo l’Unione Europea, anche l’America Latina.

Ecco qui l’articolo della Repubblica:

Datagate, volo Morales “dirottato” a Vienna.

Presidente furioso: “Non sono criminale”

Il velivolo su cui viaggiava il capo di Stato proveniente da Mosca è stato costretto ad atterrare in Austria dopo il divieto di sorvolo notificato da Francia e Portogallo, motivato dal sospetto che a bordo ci fosse la “fonte” delle rivelazioni sullo spionaggio Usa, Edward Snowden. Parigi chiede ”sospensione temporanea” trattative libero scambio

http://www.repubblica.it/esteri/2013/07/03/news/

datagate_bloccato_a_vienna_il_volo_del_presidente_boliviano-62290435/

Ma Obama ha fatto anche di meglio: è riuscito a legittimare sia la Cina che la Russia nel campo dei diritti civili.

Chi oserà più dire che in Cina i diritti civili sono violati?

Come riporta Lettera43, nel suo articolo del 17 giugno di Gabriele Battaglia:

Datagate, la condanna della Cina

Pechino svela le trame degli Usa per spiare i suoi segreti. E Obama finisce in una vignetta.

Snowden ...secondo un editoriale pubblicato dal Global Times [quotidiano cinese pubblicato anche in lingua inglese] non ha commesso alcun reato: «Il suo ‘crimine’ è l’avere denunciato la violazione dei diritti civili da parte del governo americano. La sua azione è a favore dei ‘diritti umani’, così come sono definiti nella Carta dell’Onu».

http://www.lettera43.it/cronaca/datagate-la-condanna-della-cina_4367599196.htm

Chi oserà più dire che Putin ha tendenze dittatoriali?

Ormai sembra essere diventato una sorta di santo laico.

Ecco alcune sue dichiarazioni virgolettate, riportate nell’articolo dell’Internazionale del 1 luglio, Datagate. Putin: Snowden si sente un dissidente come Sakharov:

«…Sottolineando poi il fatto che Snowden “si sente, più che un ex ufficiale dell’intelligence, un campione dei diritti umani, in una certa misura il nuovo dissidente, qualcosa di simile (all’accademico Andrej) Sakharov, beh, forse su scala diversa”. Ma è suonato anche strano il riferimento al fisico sovietico, famoso nel mondo dapprima per il contributo alla messa a punto della bomba all’idrogeno e successivamente per la sua attività in favore dei diritti civili che gli valse il premio Nobel per la pace.

Infine Putin, che ha appena dato un giro di vite sulle Ong nel proprio paese, ha continuato salace, sulla possibilità di restituire Snowden agli americani: “Sai, le nostre organizzazioni per i diritti umani hanno promosso la convinzione che non si può riconsegnare (un dissidente) a un Paese in cui è in vigore la pena di morte…»

http://www.internazionale.it/news/datagate/2013/07/01/putin-snowden-si-sente-un-dissidente-come-sakharov/

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Obama è riuscito in una difficile impresa

2 luglio 2013

Obama è riuscito in una difficile impresa, quella di far diventare gli USA l’impero del male, espressione coniata a suo tempo per l’URSS dal grande Ronald Reagan (grande non per la sua politica economica, bensì perché egli fu l’uomo che distrusse il comunismo).

Obama, cioè, ha delegittimato gli USA nella comunità internazionale.

Cosa vuol dire “comunità internazionale”?

“La comunità internazionale è l’insieme degli stati e delle altre organizzazioni o istituzioni le cui relazioni reciproche si basano sul diritto internazionale.”

http://it.wikipedia.org/wiki/Comunit%C3%A0_internazionale

Come si può più parlare di diritto internazionale quando si spinge così decisamente sul pedale dello spionaggio, piazzando cimici perfino nelle ambasciate in USA di paesi amici, come per esempio l’ambasciata italiana?

Vedi l’articolo del Corriere della Sera del 30 giugno, intitolato Datagate, il Guardian: «Cimici americane nelle ambasciate Ue, Italia inclusa»:

“Lo scandalo Datagate, ora estesosi dalle iniziali rivelazioni di Snowden, sullo spionaggio interno agli Stati Uniti a quello degli Usa nei confronti anche degli alleati europei, diventa sempre più intricato. Tanto da scatenare anche l’ira della Commissione Ue, che minaccia di non sedersi neanche al tavolo dei negoziati commerciali con gli Stati Uniti se c’è il sospetto che i propri rappresentanti possono essere spiati…

… Intanto dal Guardian arrivano nuove rivelazioni sulla vicenda di spionaggio internazionale basate questa volta su documenti fatti filtrare da Edward Snwoden, la talpa del Datagate. Cimici nelle ambasciate di Paesi europei e alleati, compresa l’Italia, sia a Washington che a New York, sarebbero state piazzate dagli Stati Uniti nell’ambito della gigantesca operazione di spionaggio.”

http://www.corriere.it/esteri/13_giugno_30/guardian-datagate-pagina-rimossa_569d17ee-e163-11e2-a879-533dfc673450.shtml

Vedi anche l’articolo Datagate in Europa, il Guardian: “Cimici Usa anche all’ambasciata italiana del Fatto Quotidiano, sempre del 30 giugno:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/30/datagate-in-europa-guardian-cimici-usa-anche-allambasciata-italiana/641861/

Ma naturalmente il Datagate non si limita all’Europa, vedi questo mio recente post:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/26/ma-perche-jinping-e-putin-sono-cosi-cattivi/

E in un post del 16 febbraio 2013, intitolato Obama, che delusione, l’avevo definito “un presidente mediocre”:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/16/obama-che-delusione/

Sono stato troppo buono.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.