Archive for 9 luglio 2013

Sartori ha ragione, ma usa anche un argomento fallace

9 luglio 2013

Il 17 giugno il Professor Giovanni Sartori ha scritto un editoriale per il Corriere della sera, intitolato Ius Soli Integrazione e una Catena di Equivoci L’Italia non è una nazione meticcia Ecco perché lo ius soli non funziona, che è stato pubblicato, senza consultarlo, in una posizione diversa da quella canonica degli editoriali (da cui l’ira del Professore).

In tale articolo egli ha espresso critiche su alcune affermazioni di Cécile Kyenge, Ministro del governo Letta, la quale, come è noto, è nata in Congo e si è laureata e specializzata in Italia, divenendo medico oculista.

È il primo Ministro nero (come ha detto lei stessa: “Sono nera, non di colore”) dello Stato italiano.

Vedi infatti qui:

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/kyenge-il-ministro-salva-faccia/2207255/1111?google_editors_picks=true

Questo è l’articolo di Sartori:

http://archiviostorico.corriere.it/2013/giugno/17/

Ius_Soli_Integrazione_una_Catena_co_0_20130617_f6ffd484-d70d-11e2-a7a5-17a71547d62b.shtml

Ci sono, in ciò che scrive qui Sartori, argomenti validi e un argomento fallace.

Quelli validi sono parecchi, ma, a mio avviso, i principali sono due:

“Sia come sia, la nostra oculista ha sentenziato che siamo tutti meticci, e che il nostro Paese deve passare dal principio dello ius sanguinis (chi è figlio di italiani è italiano) al principio dello ius soli (chi nasce in Italia diventa italiano). Di regola, in passato lo ius soli si applicava al Nuovo Mondo e comunque ai Paesi sottopopolati che avevano bisogno di nuovi cittadini, mentre lo ius sanguinis valeva per le popolazioni stanziali che da secoli popolano determinati territori.”

“La brava Ministra ha anche scoperto che il nostro è un Paese «meticcio». Se lo Stato italiano le dà i soldi si compri un dizionarietto, e scoprirà che meticcio significa persona nata da genitore di razze (etnie) diverse.”

Come ognuno può verificare da sé, “meticcio” significa esattamente ciò che riporta Sartori.

Per inciso, vorrei rimarcare che Wikipedia in italiano, alla voce Dichiarazione sulla razza (UNESCO 1950) attualmente riporta ciò che con un eufemismo possiamo definire “inesattezze”.

Infatti attualmente riporta che:

“La «Dichiarazione sulla razza» è un documento dell’UNESCO approvato a Parigi nel 1950. È considerato il primo ad aver affermato ufficialmente la non scientificità delle razze umane e dunque l’inesistenza di razze biologicamente diverse in seno alla specie umana:

« In base alle conoscenze attuali non vi è alcuna prova che i gruppi dell’umanità differiscano nelle loro caratteristiche mentali innate, riguardo all’intelligenza o al comportamento »

(Dichiarazione sulla razza, Parigi, UNESCO, 1950)”

http://it.wikipedia.org/wiki/Dichiarazione

_sulla_razza_%28UNESCO_1950%29

Il bello è che riporta anche un link dove è possibile leggere (in inglese) il testo in questione:

http://www.honestthinking.org/en/unesco/

UNESCO.1950.Statement_on_Race.htm

Tale testo è disponibile anche in formato pdf a questo link (che, come ho personalmente verificato, è un link del sito unesco.org e quindi è più attendibile del link riportato sopra):

http://unesdoc.unesco.org/images/0012/001282/128291eo.pdf

Quali sono le “inesattezze” di cui dicevo? Sono in questa frase (vedi sopra): “È considerato il primo ad aver affermato ufficialmente la non scientificità delle razze umane e dunque l’inesistenza di razze biologicamente diverse in seno alla specie umana”.

Basta leggere il testo in inglese del link dell’unesco.org per capire che questa frase afferma il falso (riporto qui sotto solo alcune piccole parti del testo in pdf dell’UNESCO del 1950):

«1. Scientists have reached general agreements in recognizing that mankind is one : that all men belong to the same species, Homo sapiens

…2. From the biological standpoint, the specie Homo sapiens is made up of a number of populations, each one of which differs from the others in the frequency of one or more genes…

…3. A race, from the biological standpoint, may therefore be defined as one of the group of populations constituting the species Homo sapiens

…4. In short, the term ” race ” designates a group or population characterized by some concentrations, relative as to frequency and distribution, of hereditary particles (genes) or physical characters, which appear, fluctuate, and often disappear in the course of time by reason of geographic and or cultural isolation…

…5. These are the scientific facts. Unfortunately, however, when most people use the term ” race ” they do not do so in the sense above defined. To most people, a race is any group of people whom they choose to describe as a race. Thus, many national, religious, geographic, linguistic or cultural groups have, in such loose usage, been called ” race “, when obviously Americans are not a race, nor are Englishmen, nor Frenchmen, nor any other national group. Catholics, Protestants, Moslems and Jews are not races, nor are groups who speak English or any other language thereby definable as a race; people who live in Iceland or England or India are not races; nor are people who are culturally Turkish or Chinese or the like thereby describable as races.

6. National, religious, geographic, linguistic and cultural groups do not necessarily coincide with racial groups : and the cultural traits of such groups have no demonstrated genetic connexion with racial traits. Because serious errors of this kind are habitually committed when the term ” race ” is used in popular parlance, it would be better when speaking of human races to drop the term ” race ” altogether and speak of ethnic groups.

7. Now what has the scientist to say about the groups of mankind which may be recognized at the present time ? Human races can be and have been differently classified by different anthropologists, but at the present time most anthropologists agree on classifying the greater part of present-day mankind into three major divisions, as follows :

The Mongoloid Division

The Negroid Division

The Caucasoid Division…

…8. Many sub-groups or ethnic groups within these divisions have been described. There is no general agreement upon their number, and in any event most ethnic groups have not yet been either studied or described by the physical anthropologists.

9. Whatever classification the anthropologist makes of man, he never includes mental characteristics as part of those classifications. It is now generally recognised that intelligence tests do not in themselves enable us to differentiate safely between what is due to innate capacity and what is the result of environmental influences, training and education. Wherever it has been possible to make allowances for differences in environmental opportunities, the tests have shown essential similarity in mental characters among all human groups. In short, given similar degrees of cultural opportunity to realize their potentialities, the average achievement of the members of each ethnic group is about the same…

…The original statement was drafted at Unesco House, Paris, by the following experts :

Professor Ernest Beaglehole, New Zealand

Professor Juan Comas, Mexico

Professor L. A. Costa Pinto, Brazil

Professor Franklin Frazier, United States

Professor Morris Ginsberg, United Kingdom

Dr. Humayun Kabir, India

Professor Claude Levi-Strauss, France

Professor Ashley Montagu, United States (Rapporteur) .

The text was revised by Professor Ashley Montagu, after criticism submitted by Professors Hadley Cantril, E. G. Conklin, Gunnar Dahlberg, Theodosius Dobzhansky, L. C. Dunn, Donald Hager, Julian S. Huxley, Otto Klineberg, Wilbert Moore, H. J. Muller, Gunnar Myrdal, Joseph Needham, Curt Stern.»

Questo documento suscitò tali polemiche, che un anno dopo l’UNESCO ne pubblicò un altro, nel quale alcune parti del primo sono censurate. È ovvio che il secondo documento è una censura, tanto più che basta leggere i nomi dei responsabili del primo per rendersi conto del suo altissimo valore scientifico.

Personalmente trovo, però, che è indispensabile muovere due critiche al documento del 1950. Innanzitutto il termine “razza” non può essere rimpiazzato dal termine “etnia”, perché, come si può leggere in qualsiasi dizionario, il primo riguarda esclusivamente caratteristiche ereditarie, ossia genetiche, mentre il secondo riguarda caratteristiche in parte genetiche, in parte culturali. In secondo luogo, usare i termini “Mongoloid” e “Negroid” è assolutamente sconsigliabile, perché tali termini hanno assunto nel corso del tempo connotazioni fortemente negative. Molto meglio usare i termini “caucasici”, “africani” e “mongolici”, come ho fatto in questo post:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/27/gli-usa-non-capiscono-che-cosa-stia-succedendo-in-europa/

Per comprendere in profondità il problema di cui stiamo discutendo vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/07/15/multiculturalismo-razzismo-e-politiche-di-immigrazione/

Consiglio anche di leggere la voce RAZZISMO del Dizionario di Filosofia di Nicola Abbagnano, voce che personalmente trovo veramente molto ben fatta (Nicola Abbagnano, Dizionario di Filosofia, 1971, UTET, pagg. 730-731).

Ritornando a Sartori, qual è l’argomento fallace che egli usa nel suo articolo?

È questo: “Nata in Congo, si è laureata in Italia in medicina e si è specializzata in oculistica. Cosa ne sa di «integrazione», di ius soli e correlativamente di ius sanguinis?”

Vorrei ricordare al Professor Sartori che Benedetto Croce non aveva neanche uno straccio di laurea e che Louis Pasteur era un chimico, non un medico.

Certo, si può sempre dire che il Ministro in questione non si può paragonare a questi illustri pensatori, ma ciò equivale a dire che non si tratta di una cima, il che, in definitiva, è un puro e semplice insulto piuttosto che un argomento.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci