Archive for febbraio 2014

Comprendere l’origine del disastro italiano e del disastro europeo

28 febbraio 2014

Purtroppo le disastrose realtà in cui viviamo, ossia il disastro italiano (che si può anche definire l’anomalia italiana) e il disastro europeo, non hanno un’origine d’immediata e semplice comprensione.

C’è chi marxianamente ne dà un’interpretazione basata sull’economia, c’è chi farnetica di complotti demo-pluto-giudaico-massonici, c’è chi, con maggiore creatività, pensa a complotti satanisti (vedi a questo proposito Wikipedia alla voce Teoria del complotto del Nuovo Ordine Mondiale, data odierna), ecc. ecc.

Fra tutti giganteggia David Icke, secondo il quale ci sarebbe un complotto mondiale ordito da esseri alieni, i rettiliani, che possono prendere all’occorrenza forma umana.

E stupisce che alcuni, come Ida Magli, prendano talmente sul serio le idee deliranti di Icke, da citarlo più volte nelle loro opere (vedi ad esempio Ida Magli, La dittatura europea, Rizzoli, 2011, pag. 153, pag. 179, pag. 199 e pag. 201).

Personalmente, da tempo ho proposto un’interpretazione basata sulla scienza politica.

Tale interpretazione permette, fra l’altro, di spiegare un elemento che nessuno riesce a spiegare in modo adeguato: il perché le sinistre europee, compresa quella italiana, siano compattamente e fanaticamente favorevoli all’euro, il quale, come tutti ormai hanno capito, impoverisce il popolo.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/08/09/gli-economisti-non-comprendono-perche-in-europa-si-voglia-eliminare-lo-stato/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/09/25/lennesima-dimostrazione-che-gli-economisti-non-capiscono-cose-leuropeismo-lunione-europea-e-leuro/

Innanzitutto occorre comprendere che c’è un elemento comune alla base del disastro italiano (assai antico) e del disastro europeo (assai recente).

È la mancanza dello Stato.

La teoria dello Stato, e cito a questo proposito Machiavelli, Hobbes, Weber, Kelsen e Bobbio, ci indica che lo Stato è l’istituzione politica che ha lo scopo di gestire il potere della forza fisica.

Secondo Bertrand Russell “i tre principali tipi di potere” sono: il potere della forza fisica, il potere economico e il potere della propaganda (Bertrand Russell, Bertrand Russell dice la sua, Longanesi, 1968, pagg. 93-94).

Dato che il potere della forza fisica è ineliminabile, lo Stato è necessario.

La domanda quindi è: perché c’è mancanza dello Stato sia nel disastro italiano che nel disastro europeo?

La mia risposta è che la causa di tale mancanza si trova nel Cristianesimo.

È dal Cristianesimo che bisogna partire per dare una spiegazione razionale, ossia basata sulla Ragione, al disastro italiano e al disastro europeo.

Ed è quello che ho fatto nei miei due saggi e nei post di questo blog.

I miei due saggi sono:

Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo

Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi

Vedi anche qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/10/il-compromesso-tra-forza-e-caritas/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/27/quale-sara-il-futuro-delloccidente/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/02/14/linternazionalismo-di-rockefeller-e-un-millenarismo/

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Non ci sarà nessun miracolo

25 febbraio 2014

Più si va avanti nel folle progetto internazionalista di David Rockefeller, più diventa evidente la natura religiosa di tale progetto.

Con Renzi Presidente del Consiglio, per esempio, la speranza di un miracolo appare palese.

Leggiamo cosa scrive Raffaello Binelli sul Giornale:

Il piano di Renzi costa almeno 80 miliardi

Renzi ha indicato le cose che intende fare per rilanciare l’economia e provare a risolvere i problemi del Paese. Ma sulle coperture è stato sin troppo vago. Financial Times: “Non spiega come realizzerà le riforme”.

«Il premier non ha indicato esattamente dove pensa di trovare i soldi.»

«Anche il Financial Times non fa sconti a Renzi. Il quotidiano della City ha trovato “fiacco” il suo discorso di esordio, con “pochi dettagli” su come vuole realizzare le sue riforme. Renzi, commenta FT, “potrebbe essere il leader che inizia a tracciare una linea sopra decenni di stagnazione economica, ma deve spiegare presto come intende farlo”. Siamo alle solite: non bastano le parole, servono i numeri per dimostrare la fattibilità delle promesse.»

http://www.ilgiornale.it/news/interni/piano-renzi-costa-almeno-80-miliardi-995967.html

E sul Mondo leggiamo:

Meloni: da Renzi un discorso da bar, non da premier imposto

Fallimento totale, tanto valeva tenere in carica Letta

«Roma, 24 feb. “Nel mondo reale del lavoro si dice che
non avrai una seconda possibilità di fare una buona prima
impressione. E il primo discorso di Renzi da capo del governo è
stato un fallimento totale, condito da una retorica
imbarazzante”. Lo ha detto il presidente dei deputati di Fratelli
d’Italia, Giorgia Meloni.

“Un elenco confuso – ha aggiunto – di buoni propositi che,
pallottoliere alla mano, incidono sulle casse dello Stato per
diverse decine di miliardi senza alcuna indicazione su dove si
dovrebbero reperire le risorse…»

http://www.ilmondo.it/politica/2014-02-24/meloni-renzi-discorso-bar-non-premier-imposto_415404.shtml

Insomma si aspetta il miracolo, una sorta di moltiplicazione dei pani e dei pesci, in accordo con quella che Nicola Abbagnano definisce «la concezione della S. [Storia] come piano provvidenziale».

(Nicola Abbagnano, Dizionario di Filosofia, 1971, UTET, pag. 839)

Ebbene, non ci sarà nessun miracolo.

Non esiste alcun piano provvidenziale della storia.

Prima o poi l’Euro crollerà e con esso l’Unione Europea.

Perché il progetto cristiano di eliminare lo Stato non può avere successo.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La futilità della contesa tra Unione Europea e Russia per l’Ucraina

21 febbraio 2014

Sta divampando la contesa tra Unione Europea e Russia per l’Ucraina, vedi qui:

Massacro a Kiev, oltre 100 morti
Nottata di trattative, poi l’annuncio:
«Intesa raggiunta con oppositori e Ue»

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/ucraina_

kiev_proteste_scontri_morti_feriti_yanukovich_

accordo_opposizione_ministri_ue/notizie/532559.shtml

e qui:

Gli scontri a Kiev e la battaglia per l’Ucraina, nel contesto

http://temi.repubblica.it/limes/gli-scontri-a-kiev-e-la-battaglia-

per-lucraina-nel-contesto/58230

e qui:

Il fuoco di Kiev separa Putin e papa Francesco

http://temi.repubblica.it/limes/il-fuoco-di-kiev-separa-putin-e

-papa-francesco/57635

Tale contesa è in realtà tra l’attuale millenarismo dell’Occidente, ossia il tentativo di eliminare lo Stato, ossia, usando la terminologia di Sant’Agostino, il tentativo di far trionfare la città celeste (il Cristianesimo) sulla città terrena (lo Stato), e il cesaropapismo della Russia, ossia la subordinazione del Cristianesimo allo Stato, che la terza Roma (Mosca) ha ereditato da Costantinopoli.

Comunque vada la contesa tra Unione Europea e Russia per l’Ucraina, il punto nodale della questione è che il millenarismo è destinato al fallimento, perché lo Stato, ossia l’istituzione politica che ha lo scopo di gestire in modo ottimale il potere della forza fisica, che Norberto Bobbio chiama “il sommo potere”, è indispensabile, come ho mostrato nel mio saggio di scienza politica Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi.

La cultura più riuscita dell’Occidente, guarda caso, è quella inglese, nella quale Enrico VIII introdusse il cesaropapismo.

Il millenarismo odierno dell’Occidente, che ha prodotto l’attuale disastro europeo, può vincere la battaglia per l’Ucraina, ma perderà inevitabilmente la guerra, perché è destinato a fallire.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Ma voi vi occupate di economia o di qualcosa d’altro?

20 febbraio 2014

Leggo sull’ineffabile giornale della Confindustria, il Sole24ore, l’articolo di ieri di Laura Di Pillo:

Notizie Italia
Confindustria: economia quasi ferma, uscita dalla crisi lentissima

“L’uscita dalla crisi è lenta, anzi«lentissima». Si evidenziano nel primo trimestre dell’anno «segnali di tenuta» ma è urgente agire per evitare altri danni al sistema economico italiano. Lo sottolinea il centro studi di Confindustria nell’analisi mensile, Congiuntura flash. «Avanti adagio, quasi ferma – spiegano gli economisti di viale dell’Astronomia – I duri dati dell’economia italiana, relativi a produzione industriale e occupazione, ribadiscono che la risalita dalla profonda fossa scavata dalla recessione è lentissima ed è contrassegnata anche da scivoloni indietro, anziché dall’atteso graduale consolidamento».”

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-02-19/confindustria-economia-quasi-ferma-uscita-crisi-lentissima-163740.shtml

“atteso graduale consolidamento”???

Ma non lo sapevate che l’euro ha distrutto l’economia italiana?

Ma non lo sapevate che la maggioranza degli italiani non vuole più l’euro?

vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/05/la-maggioranza-degli-italiani-non-vuole-piu-leuro/

Ma voi vi occupate di economia o di qualcosa d’altro?

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Imbecillità o raggiro?

18 febbraio 2014

Leggo dall’Espresso del 15 febbraio 2014:

Diego Della Valle: “John Elkann
è un poveretto e un imbecille”
Nuovo scontro tra i due imprenditori. Il patron di Tod’s: “Il poveretto si permette di dire che i ragazzi stanno a casa perché non hanno voglia di lavorare. E’ una vergogna, vada a sciare”

“«Il poveretto di Jakie non perde mai tempo di ricordare agli italiani che è un imbecille. È uno che appartiene a una famiglia che ha distrutto una quantità industriale di posti di lavoro e di conseguenza la speranza di molti giovani». Lo ha detto Diego Della Valle, patron di Tod’s commentando le dichiarazioni del presidente della Fiat John Elkann, secondo il quale molti giovani non trovano lavoro perché stanno bene a casa.

«Uno che si permette di dire che i ragazzi stanno a casa perché non hanno voglia di lavorare perché il lavoro c’è, è un imbecille», ha aggiunto Della Valle parlando con i giornalisti a Firenze durante una passeggiata in piazza della Signoria.”

http://espresso.repubblica.it/attualita/2014/02/15/news/diego-della-valle-john-elkann-e-un-imbecille-1.153317

Nonostante la mia personale simpatia per Diego Della Valle, penso che non si tratti di imbecillità, ma piuttosto di raggiro. Che poi sia un raggiro assai maldestro è un altro discorso.

In realtà l’idea di addossare al popolo gli errori della classe dirigente è un’idea antica e nel caso specifico l’invenzione dei “bamboccioni” fu di Padoa-Schioppa, come riporta per esempio Stefano Zecchi, vedi post precedente.

A questo siamo arrivati!

Fino a quando il popolo italiano sopporterà di essere derubato e per giunta deriso?

Questo è il tragico risultato dell’Euro e dell’Unione Europea.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Quando al danno si unisce la beffa

17 febbraio 2014

Leggo quest’articolo di Stefano Zecchi, pubblicato il 15 febbraio 2014 dal Giornale:

Se l’erede Agnelli fa la ramanzina ai bamboccioni

«Le prediche si possono anche ascoltare, seguire e apprezzare se arrivano da un pulpito la cui autorevolezza è dimostrata dalla coerenza della condotta di vita. Insomma, è sempre l’esempio il messaggio decisivo, quello che si può ragionevolmente supporre che gli altri seguano quando si vuole insegnare e indicare le strade da intraprendere. John Elkann, beato lui, è giovane di buona famiglia…

…Ascoltare da chi non si è fatto il sedere quadrato per raggiungere quei risultati che adesso lo hanno portato sul pulpito una predica rivolta ai suoi coetanei sulla necessità di rimboccarsi le maniche, per affrontare l’esistenza con quella decisione che porta all’autonomia, all’autorealizzazione, lo trovo irritante.
È accaduto che il presidente della Fiat Chrysler, invitato dalla Banca Popolare di Sondrio, istituzione che ha il grande merito di proporre alla cittadinanza incontri con importanti personaggi per approfondire questioni sociali ed economiche, ha incontrato gli studenti del capoluogo valtellinese e abbia sferzato il suo uditorio, usando un adagio ormai stantio: basta bamboccioni, viva i giovani che si impegnano veramente nella scuola e nel lavoro per realizzare se stessi e correre liberi per le strade del mondo senza la protezione della famiglia o di chi ne fa le veci. Il bamboccio è una categoria socio-antropologica di cui si è finora ufficialmente servita la politica: in ordine, Padoa Schioppa, Brunetta, Fornero (che ha introdotto un’elegante variante anglosassone).
Adesso ci si mettono anche i cavalieri d’industria, John Elkann, ovviamente, è apparso a tutti i ragazzi sondriesi che, se privi di santi in Paradiso hanno di fronte a sé la disoccupazione, come un fulgido esempio di chi si è fatto dal nulla e che sacrificio dopo sacrificio è diventato quello che è…

…La retorica riempie le frasi, soprattutto dei politici, sui «giovani nostro futuro», senza riflettere sul fatto che i giovani sono il nostro presente che riserva loro la disoccupazione. E se i livelli di disoccupazione giovanile hanno raggiunto vertici assoluti in Europa, la responsabilità è dei bamboccioni? Chi ha bloccato il mercato del lavoro per cui assumere oggi un giovane ha un costo insostenibile? Naturalmente i bamboccioni.
D’accordo, torno a dire, ci sono lavativi che preferiscono non rimboccarsi le maniche, ma per mia esperienza sono davvero una irrilevante minoranza.
La maggioranza è fatta di ragazzi commoventi per la loro dedizione allo studio nella speranza di trovare lavoro e ripagare i genitori di tanti sacrifici: ragazzi che non meritano questa politica e predicatori che dovrebbero vergognarsi di dire tante sciocchezze.»

http://www.ilgiornale.it/news/interni/se-lerede-agnelli-fa-ramanzina-ai-bamboccioni-992687.html

Stefano Zecchi ha assolutamente ragione, semmai gli potrei rimproverare il tono troppo pacato dell’articolo.

E vorrei far notare che se noi andiamo a questi due link:

http://www.bilderbergmeetings.org/governance.html

http://www.bilderbergmeetings.org/former-steering-committee-members.html

ci troveremo i seguenti nomi:

Bernabè, Franco

Monti, Mario

Agnelli, Giovanni

Agnelli, Umberto

Padoa-Schioppa, Tommaso

Cittadini Cesi, Gian G.

Prodi, Romano

Ruggiero, Renato

Valetta, Vittorio

Cosa hanno in comune questi nomi?

È scritto nell’articolo di Giuliano Balestreri, pubblicato da Repubblica il 3 giugno 2013:

Gli italiani al vertice del Bilderberg:
dalla galassia Fiat a Letta e Tremonti

http://www.repubblica.it/economia/2013/06/03/news/

gli_italiani_al_vertice_del_

bildenberg_dalla_galassia_fiat_a_letta_e_tremonti-60276045/

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’internazionalismo di Rockefeller è un millenarismo

14 febbraio 2014

In vari post precedenti ho scritto di David Rockefeller e del suo progetto internazionalista.

Egli stesso usa la parola “internazionalist” (in italiano “internazionalista”) nella sua autobiografia:

«Some even believe we are part of a secret cabal working against the best interests of the United States, characterizing my family and me as “internationalists” and of conspiring with others around the world to build a more integrated global political and economic structure – one world, if you will.

If that’s the charge, I stand guilty, and I am proud of it.»

(David Rockefeller, Memoirs, Random House, 2003, pag. 405).

Da notare che questo passo, molto noto in internet, è spesso tradotto assai maldestramente in lingua italiana (per esempio su Wikiquote alla voce Nuovo Ordine Mondiale, data odierna), soprattutto per quanto riguarda la parola inglese “cabal”, che in realtà significa “complotto” e non ha niente a che fare con l’occulto, come invece si farnetica in internet da parte di italiani che non hanno evidentemente in casa un dizionario inglese-italiano.

Il disastro europeo, nel quale noi europei attualmente viviamo, è il tragico risultato dell’internazionalismo di David Rockefeller, che, come ho già ricordato in altri post, è il fondatore della Trilaterale e l’unico membro dell’Advisory Group (Gruppo Consultivo) del Gruppo Bilderberg, come riporta lo stesso bilderbergmeetings.org (in data odierna):

http://www.bilderbergmeetings.org/governance.html

E parlare di Trilaterale e di Bilderberg non è affatto complottismo, come alcuni pensano. Si tratta della realtà oggettiva. Per esempio, basta andare al link suddetto per trovare i nomi di Monti e di Prodi.

In un post precedente ho scritto:

«Così come è essenzialmente tragicomico il progetto internazionalista di David Rockefeller (quindi Bilderberg, Trilaterale, ecc. ecc.), il quale molto probabilmente non si è mai reso conto che tale suo progetto non è altro che il progetto cristiano di far trionfare la città celeste sulla città terrena. E che i popoli non cristiani, per esempio quelli musulmani, ma anche i cinesi, i giapponesi, ecc. ecc., non l’accetteranno mai. Perfino la Russia, che è cristiana ortodossa (ossia discende dall’Impero romano d’Oriente), non l’accetterà mai.»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/27/quale-sara-il-futuro-delloccidente/

Tale folle progetto internazionalista non avrà dunque nessun altro effetto che quello di mandare in rovina l’Occidente.

In Italia spesso i nostalgici del ventennio pensano che tutto ciò sia un complotto demo-pluto-giudaico-massonico.

In realtà non è altro che l’ennesimo esempio di millenarismo cristiano.

E infatti i Rockefeller sono cristiani protestanti (come del resto scrive lo stesso David Rockefeller nella sua autobiografia a proposito del padre, vedi a pag. 406).

Leggiamo cosa riporta Nicola Abbagnano nel suo Dizionario di Filosofia, alla voce CHILIASMO:

«C. o millenarismo si chiama ogni credenza nell’avvento di un radicale rinnovamento del genere umano e nell’instaurazione di uno stato definitivo di perfezione. L’Apocalisse di S. Giovanni è il maggiore documento di una credenza del genere che fu abbastanza frequente nei primi tempi del Cristianesimo e si ripresentò spesso anche nel Medioevo.»

(Nicola Abbagnano, Dizionario di Filosofia, 1971, UTET, pag. 126)

È ben noto che il chiliasmo o millenarismo è un fenomeno caratteristico del Cristianesimo.

Il punto nodale della questione è quello che Abbagnano chiama «la concezione della S. [Storia] come piano provvidenziale»:

«La nozione di piano provvidenziale è implicita in ogni millenarismo o chiliasmo (v.): ogni dottrina siffatta include l’idea di uno sviluppo necessario degli eventi umani, sino al raggiungimento di uno stato definitivo di perfezione. Questo fu, per es., il concetto che della S. [Storia] ebbe Origene…

…Ma il primo a formulare chiaramente il concetto del piano provvidenziale è stato S. Agostino. Questi vide nella S. [Storia] la lotta tra la città celeste e la città terrena: lotta destinata a finire con il trionfo della città celeste…

…Dall’altro lato non è indispensabile che il concetto della S. [Storia] come ordine provvidenziale si fondi sulla credenza in una provvidenza, immanente o trascendente, di natura divina. «Ordine provvidenziale» significa «ordine necessario e perfetto»: e un ordine siffatto è riconosciuto proprio della S. [Storia] anche da dottrine che negano il concetto religioso della provvidenza, come il positivismo sociale e il marxismo.»

(Nicola Abbagnano, Dizionario di Filosofia, 1971, UTET, pagg. 839-840)

Come ho scritto in un post precedente:

«Avendo l’Occidente raggiunto (ad esclusione dell’anomalia italiana) un compromesso funzionale tra la forza dello Stato e la caritas della Chiesa, si potrebbe pensare che esso non abbia più problemi.

Invece, a partire dalla filosofia politica di John Locke (1690), il suddetto equilibrio è stato minacciato da forme laicizzate delle istanze del Cristianesimo, ossia dalle ideologie antistato di tipo filosofico: anarchismo, comunismo, europeismo e multiculturalismo.

L’Occidente è assai vulnerabile a tali ideologie, perché non ne riconosce l’origine cristiana, non ne riconosce lo scopo di raggiungere il trionfo della città celeste sulla città terrena (per usare la terminologia agostiniana), ossia il trionfo delle istanze del Cristianesimo sulle istanze dello Stato.

Così il futuro dell’Occidente è in grave pericolo, sia perché il compromesso funzionale su cui si basa sta diventando sempre più rapidamente disfunzionale, sia perché l’eterno nemico del Cristianesimo, ossia l’Islam, ha compreso benissimo che l’Occidente è ormai in ginocchio e, come è sempre avvenuto nella storia, lo sta attaccando militarmente.»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/27/quale-sara-il-futuro-delloccidente/

È anche importante ricordare che Karl Marx fu battezzato all’età di sei anni e quindi ebbe certamente modo di assorbire l’ideologia cristiana e la propensione a vedere nello Stato un nemico, che è tipica del Cristianesimo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/24/di-quale-religione-era-karl-marx/

Tutto questo ci permette di comprendere che noi viviamo in una sorta di Matrix, la nota saga cinematografica dei fratelli Wachowski.

Infatti quella che noi crediamo sia la realtà, ossia l’inevitabile internazionalismo, l’inevitabile europeismo, l’inevitabile multiculturalismo, il tutto illuminato dall’asettica luce della scienza economica, è invece tutt’altro, ossia uno psicodramma religioso a fosche tinte dell’Occidente cristiano.

Ed è evidente il perché gli Stati Uniti d’America guidino tale psicodramma: non bisogna mai dimenticare che i Padri Pellegrini del Mayflower erano puritani, una fazione estremista dei protestanti inglesi. Il Giorno del Ringraziamento, una delle più importanti festività statunitensi, non è altro che la ricorrenza di un festeggiamento dei Padri Pellegrini avvenuto nel 1621 a Plymouth, nel Massachusetts.

È anche ben noto che i puritani furono fortemente influenzati dal millenarismo.

Leggiamo un altro passo dell’autobiografia di David Rockefeller:

«Like many in my generation I returned from World War II believing a new international architecture had to be erected and that the United States had a moral obligation to provide leadership to the effort.»

(David Rockefeller, Memoirs, Random House, 2003, pag. 406).

Così questi bravi americani stanno conducendo l’Occidente alla rovina, in nome delle loro concezioni religiose, presentate però in forma laicizzata.

Se l’Occidente si vuole salvare, dovrà rifiutare la loro leadership, perché essi sono in realtà dei fanatici religiosi, più estremisti dei fondamentalisti islamici. E anche più pericolosi, perché si mascherano da laici.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il tempo delle parole sta per terminare

10 febbraio 2014

Leggo l’articolo di Francesco Alberoni intitolato:

Non saranno i fanatici a salvare il Paese

Abbiamo bisogno di razionalità e fermezza non di odio e violenza

Esso finisce così:

«Quando l’uomo razionale incontra il fanatico resta annichilito, si accorge che l’altro lo odia e vorrebbe solo annientarlo. Guardiamo quali sciagure provoca il fanatismo religioso in Medio Oriente. Ma anche la nostra vita politica è stata intollerante ed oggi vi si è aggiunto un movimento carico di odio e di violenza. Per questo è doveroso chiedere agli studiosi, agli intellettuali e ai giornalisti di condannare con decisione tutte le tendenze violente e irrazionali [il corsivo è mio], e di fare ogni sforzo, anche su se stessi, per evitare la rissa e il disordine. La nostra democrazia ha bisogno di fermezza e di razionalità. Le sole qualità che ci porteranno fuori dalla tempesta in cui ci siamo cacciati.»

http://www.ilgiornale.it/news/interni/990705.html

Alberoni mette in contrapposizione la razionalità con la violenza.

Ebbene, proprio in nome della Ragione, io trovo che questa contrapposizione è completamente errata.

Vorrei rammentare ad Alberoni la famosa frase di Thomas Hobbes: «E patti senza la spada non sono che parole…».

Il tempo delle parole sta per terminare.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il Presidente della Confindustria è terrorizzato

10 febbraio 2014

Leggo dall’Agenzia di Stampa TM News dell’8 febbraio 2014:

«Squinzi: “Siamo terrorizzati dall’andamento dell’economia reale”

Il presidente di Confindustria: riportare al centro la questione settentrionale

Sesto San Giovanni (Milano), 8 feb. (TMNews) – Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi si è detto “terroruizzato” dall’andamento dell’economia reale: “Noi siamo veramente preoccupati, terrorizzati dall’andamento dell’economia reale del Paese e in particolare del Nord del Paese”. Squinziè tornato a sottolineare il problema di riportare al centro la questione settentrionale “dopo venti anni di nebbie della politica”.»

http://www.tmnews.it/web/sezioni/dalla-redazione/squinzi-siamo-terrorizzati-dall-andamento-dell-economia-reale-PN_20140208_00046.shtml

Egregio Presidente della Confindustria, vorrei cortesemente dirle che noi italiani siamo terrorizzati dall’insipienza dell’organizzazione da lei presieduta.

E non da oggi, da parecchio.

Vedi infatti qui:

http://scenarieconomici.it/lettera-a-squinzi-confindustria-un-sereno-invito-a-riflettere-sullinteresse-del-sistema-industriale-italiano/

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Le folli decisioni di Woodrow Wilson

9 febbraio 2014

In post precedenti ho scritto che gli Stati Uniti d’America hanno rovinato l’Europa per ben due volte: quasi un secolo fa, con le folli decisioni prese da Woodrow Wilson alla fine della prima guerra mondiale e attualmente, con il folle progetto internazionalista di David Rockefeller (quindi Bilderberg, Trilaterale, ecc. ecc.).

Approfondirò qui quanto ho già scritto a proposito di Wilson.

Ebbene, le esiziali decisioni di Wilson riguardano due tematiche: l’atteggiamento esageratamente punitivo verso la Germania, che aveva perso la guerra, e il tradimento di un alleato, ossia l’Italia.

Tali decisioni produssero direttamente e inevitabilmente la seconda guerra mondiale, il fascismo e il nazismo.

È vero che poi, nella seconda guerra mondiale, gli americani salvarono il mondo dal nazismo, ma lo salvarono distruggendo un mostro che essi stessi avevano creato.

I morti della seconda guerra mondiale, compreso l’Olocausto, superarono i 50 milioni. Inoltre il mondo intero fu messo in una situazione terribile, perché se i nazisti avessero realizzato un ordigno nucleare, non avrebbero di certo esitato a usarlo in modo intensivo.

Questo fu l’esito diretto e inevitabile delle folli decisioni di Wilson. Ed è errato attribuire ad altri tali decisioni, perché è indiscusso che fu Wilson, ossia gli Stati Uniti d’America, a guidare le decisioni prese alla fine della prima guerra mondiale.

Per quanto riguarda la Germania, basta guardare una cartina politica dell’Europa degli anni compresi tra le due guerre mondiali, per capire cosa fu in realtà il Corridoio di Danzica.

Esso non fu altro che un mezzo per dividere il territorio del popolo tedesco in due parti, per mutilarlo, per spezzarne la continuità. Insomma una versione moderna delle Forche Caudine.

Si immagini cosa sarebbe successo se i tedeschi avessero vinto la guerra e avessero poi diviso in due parti, ad esempio, il territorio del popolo francese.

Inoltre l’idea wilsoniana che la Polonia necessitasse di un accesso al mare è ridicola. La Cecoslovacchia ebbe un accesso al mare? L’Austria ebbe un accesso al mare? L’Ungheria ebbe un accesso al mare?

Ma questo non è tutto. Infatti il grande storico inglese Alan J.P. Taylor scrive:

“…Danzica, città di popolazione tedesca…”

(Alan J.P. Taylor, Le origini della seconda guerra mondiale, Laterza, 2006, pag. 52).

Quindi secondo il principio di autodeterminazione dei popoli così solennemente sostenuto da Woodrow Wilson stesso, Danzica avrebbe dovuto far parte del territorio tedesco.

Invece essa fu tolta alla Germania.

Per quanto riguarda l’Italia, che era un alleato, ci fu un tradimento, come spiega Alan J.P. Taylor:

“La politica americana avrebbe contato meno se le grandi potenze europee fossero state di un solo avviso. Francia, Gran Bretagna e Italia costituivano una coalizione formidabile, nonostante la svalutazione che se ne fece dopo. Avevano retto contro la Germania, pur non riuscendo a sconfiggerla. L’Italia era la più debole delle tre, sia per risorse economiche che per coerenza politica; si era inoltre estraniata dai suoi alleati per il risentimento di non aver avuto la giusta parte delle spoglie belliche: non le era stata data la sua fetta di Impero ottomano, e fu poi gabbata, dopo molte lagnanze, con insignificanti concessioni coloniali. [il corsivo è mio]”

(ibid., pag. 60)

Questo tradimento fu opera di Wilson. E non ha alcuna rilevanza che gli USA non avessero firmato il Patto di Londra, che è del 1915. Non lo firmarono semplicemente perché entrarono in guerra più tardi, nel 1917. Ma è evidente che i patti si fanno per essere rispettati, se non li si rispetta si tratta di un tradimento.

Tradire un alleato è cosa etica e nobile? Eppure Wilson è noto per essere l’alfiere dell’idealismo politico.

E non è finita: Fiume, che non era compresa nel Patto di Londra, era una città di popolazione italiana. Eppure non fu data all’Italia, in contraddizione col principio di autodeterminazione dei popoli.

In definitiva, le decisioni concrete che Wilson prese alla fine della prima guerra mondiale non solo erano di per sé sbagliate, perché avrebbero chiaramente condotto a un nuovo conflitto armato, erano anche contrarie a tutto ciò che egli sosteneva teoricamente. Così al danno si unì anche la beffa, l’irrisione.

Come scrive giustamente Taylor:

“La pace di Versailles difettò fin da principio di validità morale.”

(ibid., pag. 54).

Così la “Vittoria mutilata” (espressione coniata da Gabriele D’Annunzio) non fu affatto un mito, come spesso erroneamente si ritiene, bensì fu un’evidente realtà. Infatti per quanto riguarda l’Italia, né venne applicato il Patto di Londra, né venne applicato il principio di autodeterminazione dei popoli.

E senza l’Impresa di Fiume da parte di D’annunzio (1919), ciò che si intende per fascismo non sarebbe mai nato. Infatti il Partito Nazionale Fascista fu fondato nel 1921. È vero che i Fasci italiani di combattimento nacquero qualche mese prima dell’Impresa di Fiume, ma se è per questo i Fasci di azione rivoluzionaria interventista nacquero nel 1914 e i Fasci dei lavoratori nel 1891. Il punto è che senza l’estetica del poeta Gabriele D’Annunzio, il fascismo sarebbe stato tutt’altra cosa e non avrebbe mai avuto l’enorme impatto sulle masse che invece ebbe.

Intendiamoci: se Fiume fosse stata assegnata all’Italia e/o se il Patto di Londra fosse stato rispettato, ossia se non ci fosse stata la “Vittoria mutilata”, il fascismo, con o senza D’Annunzio, non sarebbe mai sorto, come del resto è ben noto.

Comunque, come i fatti storici si svolsero, l’estetica di D’annunzio appare determinante. Infatti, come scrive Lucy Hughes-Hallett nella sua biografia di D’Annunzio (Lucy Hughes-Hallett, Gabriele d’Annunzio, Rizzoli, 2013), Mussolini imitò tutto ciò che il Vate aveva messo in scena nell’Impresa di Fiume: le camicie nere, il saluto romano, l’urlo «Eia, eia, eia, alalà!», i dialoghi con la folla, le parate in stile militare, ecc. ecc.

Insomma i modelli del fascismo, che furono poi copiati da Hitler (le camicie brune, il saluto nazista, ecc. ecc.).

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.