Gli americani vorrebbero Putin come Presidente USA

Putin si è mostrato così vincente nella crisi dell’Ucraina e della Crimea, che gli americani lo preferiscono ad Obama.

Infatti Panorama scrive oggi:

“E non è un caso che molti americani vorrebbero a capo della Casa Bianca proprio lo zar di Mosca. Il quotidiano conservatore con sede a Washington The Daily Caller ha proposto un curioso sondaggio ai suoi lettori, chiedendo loro chi vorrebbero come presidente , se Putin oppure Obama. Si può votare online e al momento Vladimir batte Barack 56 (per cento) a 44. La rilevazione fa il paio con quella diffusa da YouGov a settembre del 2013, subito dopo la conclusione della fase estiva della crisi siriana. Allora le statistiche erano persino più impietose nei confronti del presidente americano.”

http://news.panorama.it/esteri/Crimea-Putin-Obama-Ucraina-indipendenza

Il link per il sondaggio è:

http://dailycaller.com/2014/03/06/urgent-news-poll-who-would-make-a-better-president-obama-or-putin/

Appare evidente che nell’era di internet e dell’informazione totale il potere della propaganda funziona male, non è più quello di una volta.

Così esso cede il passo al potere della forza fisica e al potere economico.

Che in questa vicenda Putin ha molto di più dell’Occidente.

Infatti, come ho riportato in post precedenti, contro la Russia è oggi impossibile ricorrere alla forza o alle ritorsioni economiche, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/09/linternazionalismo-di-david-rockefeller-sara-fermato-dalla-russia-e-dalla-cina/

Così le sanzioni dell’Unione Europea contro 21 personalità della Russia e della Crimea sono una chiara espressione del delirio in cui vive attualmente l’Occidente:

“Sono 21 le persone inserite nella lista delle sanzioni decise dall’Unione europea contro «alcuni politici e alcuni militari» di Russia e Crimea. Lo riportano fonti diplomatiche europee, specificando che delle 21 personalità, 13 sono russe, 8 della Crimea. Il primo nome in lista è quello dell’autoproclamato premier della Crimea Sergei Aksyonov.”

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/

sanzioni_crimea_referendum_unione_europea_mosca

/notizie/578468.shtml

L’Occidentale scrive oggi:

“Credere che davvero colpire con delle restrizioni 21 abitanti di un Paese che ne conta 150 milioni abbia qualche effetto deterrente vuol dire vivere in un mondo tanto fantastico quanto umiliante. Per l’occidente.”

http://www.loccidentale.it/node/130951

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: