Archive for maggio 2014

Essere contro lo Stato non è monopolio della sinistra

20 maggio 2014

Da tempo sostengo che la sinistra europea attuale (compresa quella italiana) è contro lo Stato, vedi per esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/23/ecco-perche-le-sinistre-europee-vogliono-leuro/

Ma essere contro lo Stato non è monopolio della sinistra.

Leggiamo un articolo di Antonio Martino pubblicato il 16/10/2008 sul sito dell’Istituto Bruno Leoni (IBL) e intitolato La cintura di castità:

«Il più grande filosofo politico vivente, Anthony de Jasay, economista inglese nato in Ungheria e residente in Francia, nel suo capolavoro The State (1985), pietra miliare del pensiero politico moderno, mette in guardia nei confronti dell’illusione che sia sufficiente un vincolo costituzionale qualsiasi per impedire che lo Stato straripi dai suoi compiti istituzionali, invadendo la società e mettendo in pericolo le libertà personali. Una cintura di castità con la chiave a portata di mano, dice de Jasay, può al massimo ritardare il corso naturale degli eventi.»

http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=7166

Chi è Antonio Martino? Leggiamo da Wikipedia:

«A fine 1993 è stato tra i fondatori di Forza Italia (la sua tessera di partito porta il numero “2”, dopo quella di Silvio Berlusconi).»

In seguito ha ricoperto la carica di «Ministro degli esteri nel primo Governo Berlusconi» e quella di «Ministro della difesa (Governi Berlusconi II e III)»

http://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Martino

Questo significa solo una cosa: che Forza Italia e Silvio Berlusconi in realtà sono sempre stati per l’eliminazione dello Stato.

Ecco infatti un passo significativo di The State di Anthony de Jasay:

«Among men and groups of men, it is harder to judge the viability of the state of nature than among nations. Civilized men have long been the subjects of states, so we have no opportunity to observe how well they would cooperate in the state of nature. Hence we cannot even pretend empirically to assess the difference it makes to have a state. Would people honour contracts in the absence of an enforcing agent possessing the monopoly of last-resort force? It used to be held that since it is every man’s interest that all other men should keep their word and that he should be free to break his, social cooperation could not be maintained on a voluntary basis. In the technical language of decision theory, a properly constructed “prisoners’ dilemma” could not have a non-imposed cooperative solution. Recent contributions of mathematics and psychology to the social sciences teach us that if men confront such dilemmas repeatedly, this need not be so. Results teach them, and expected results induce them, to cooperate spontaneously [il corsivo è mio]. Any argument that, since the state must force them to cooperate, they would not have done so without being forced is, of course, a non sequitur

(Anthony de Jasay, The State, Liberty Fund, 1998, Introduction, http://oll.libertyfund.org/titles/jasay-the-state, data di accesso odierna)

In un post precedente avevo scritto:

«Leggiamo questo passo di un notissimo testo di scienza politica:

«CAN COOPERATION OCCUR WITHOUT THE STATE?

According to Hobbes (1651/1994), life in the state of nature is “solitary, poor, nasty, brutish, and short.” This seemed to be confirmed when we found that both players in our State of Nature Game had a dominant strategy to steal rather than refrain—both players were better off stealing no matter what the other player was doing. Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them. As we saw in our Civil Society Game, the threat of a large enough punishment by the state was sufficient to get the players to refrain. In fact, both players now had a dominant strategy to cooperate and refrain. In effect, this is Hobbes’s justification for the existence of the state. Some scholars, however, have challenged this justification by arguing that cooperation can emerge through a decentralized process in the state of nature; you do not always need to create a sovereign or a state (Axelrod 1981, 1984; Taylor 1976). These scholars claim that cooperation can occur without a sovereign as long as the individuals in the state of nature repeatedly interact with each other and care sufficiently about the future benefits of cooperation. Earlier in the chapter, we saw that cooperation or refraining was not possible when the State of Nature Game was played once. But let’s now examine what happens if the individuals in the state of nature play the game over and over again…

…The important point here is that cooperation can occur in the state of nature without needing to create a state. In effect, cooperation can evolve in the state of nature as long as the players are sufficiently concerned about the potential benefits of future cooperation. This conclusion runs directly counter to the claims of social contract theorists like Hobbes and provides support for groups like anarchists who believe that society can survive, and thrive, without a state.
That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not necessarily mean that we should all become anarchists, though. It turns out that cooperation is only one of a whole host of possible equilibria in the infinitely repeated State of Nature Game. For example, it is also a Nash equilibrium for both players to steal. This is relatively easy to see. If your opponent is always going to steal, then you never have an incentive to unilaterally deviate—you will always steal as well. Thus, (Steal; Steal) is another Nash equilibrium. Game theory cannot tell us which equilibrium is most likely to occur in these circumstances. As a result, there is no reason to believe that the cooperative outcome will be any more likely to occur than any of the other equilibrium outcomes. That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not guarantee that cooperation will, in fact, occur. Moreover, it actually takes a lot of effort for the players to sustain cooperation in the state of nature because everyone has to monitor everyone else to see who is stealing and who is not. It is also requires that the individuals get together to punish those people who have been caught stealing. In sum, although it is possible for cooperation to occur in the state of nature without a state, relying on it to emerge through some decentralized process may not be the best thing to do—the creation of a state may be a more preferable and reliable route to cooperative outcomes.»

(William Roberts Clark, Matt Golder, Sona Nadenichek Golder, Principles of Comparative Politics, CQ Press, 2013, second edition, pagg. 138-142)»

Insomma, il concetto surriportato in corsivo di Anthony de Jasay («Il più grande filosofo politico vivente» secondo Antonio Martino, uno dei fondatori di Forza Italia), ossia che la teoria dei giochi dimostra che lo Stato è inutile, è erroneo.

E tale concetto è basilare nell’opera di Anthony de Jasay di cui stiamo parlando, ossia The State.

Inoltre, come avevo scritto nello stesso post:

«Oltre a ciò, è mia opinione che l’argomento di Thomas Hobbes a cui viene applicata da tutti la teoria dei giochi, ossia, come scrivono William Roberts Clark et al., «Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them.» (vedi a questo proposito: Thomas Hobbes, Leviatano, Laterza, 2009, pag. 143), non è affatto l’argomento migliore fornito dal saggio di Malmesbury per dimostrare la necessità dello Stato.

La grandezza di Thomas Hobbes sta nell’aver fornito un altro argomento per dimostrare incontrovertibilmente la necessità dello Stato (ibid., pag. 140 e pag. 142)…»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/05/la-teoria-dei-giochi-dimostra-che-lo-stato-e-inutile-e-falso/

Qual è l’argomento incontrovertibile fornito da Hobbes per dimostrare la necessità dello Stato?

Come avevo scritto in un altro post:

«Il nodo della questione è espresso da Hobbes con queste parole:

“Divergendo, infatti, nelle opinioni concernenti il miglior uso e la migliore applicazione della loro forza, non si aiutano, ma si ostacolano a vicenda e, con la reciproca opposizione, riducono la loro forza a nulla…”

(Thomas Hobbes, ibid., pag. 140)

Nell’originale inglese:

“For being distracted in opinions concerning the best use and application of their strength, they do not help, but hinder one another, and reduce their strength by mutual opposition to nothing…”

(Thomas Hobbes, Leviathan, prepared for the McMaster University Archive of the History of Economic Thought by Rod Hay, pag. 104, XVII: Of the Causes, Generation, and Definition of a Commonwealth, disponibile su: http://ebookbrowsee.net/gdoc.php?id=52021357&url=9d32467d4831e17f19d83845ff1deac8&c=146451481, data di accesso odierna)

Ho denominato la spiegazione di Hobbes (depurandola dalla sua faziosità politica) Principio di Hobbes in entrambi i miei saggi di scienza politica (Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, pagg. 40-43; Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, pagg. 19-23).

Lo Stato consiste in questo: nel porre sotto un solo centro di comando (che può essere costituito da un uomo o da più uomini) il potere della forza fisica di tutti i membri di una comunità, perché solo così si può assicurare, per quanto riguarda l’esercito, la coordinazione e la strategia e, per quanto riguarda la legge, la terzietà e l’imparzialità.

Si tratta dunque del modo di gestire efficacemente il potere della forza fisica in tutti i gruppi umani che gestiscono tale potere (anche nei piccoli gruppi e perfino quando non c’è il fattore territorio di cui scrisse Max Weber, per esempio nelle popolazioni nomadi).

Ciò non va confuso con la forma di governo, che è tutt’altra cosa.»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/03/siamo-in-mezzo-a-un-conflitto-mondiale-ma-nessuno-ne-parla/

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Sui sondaggi per le imminenti elezioni europee

13 maggio 2014

Leggo i vari sondaggi per le imminenti elezioni europee e mi chiedo: ma da cosa sono mossi coloro che voterebbero per Forza Italia, Nuovo Centrodestra e Fratelli d’Italia? Ossia coloro che voterebbero per ciò che resta di quello che fu il partito di Berlusconi?

Capisco chi vota PD, capisco chi vota Movimento 5 Stelle, capisco chi vota Lega Nord, ma quegli altri proprio non li capisco.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Due predecessori della Merkel accusano l’Europa di aver sbagliato in Ucraina

13 maggio 2014

Due ex Cancellieri della Germania, Gerhard Schroeder ed Helmut Schmidt, hanno accusato l’Europa di aver sbagliato in Ucraina.

Leggo da un articolo di Guglielmo Sano pubblicato ieri da Termometro Politico, intitolato Ex cancelliere Schroeder difende Putin: “crisi in Ucraina per colpa dell’Europa”:

«Se il governo tedesco si mostra critico nei confronti della Russia sulla questione ucraina, ci pensa l’ex cancelliere Schroeder a intervenire in favore dell’amico Putin. Come già qualche mese fa aveva fatto un altro personaggio politico tedesco apprezzatissimo in patria e suo compagno di partito, ovvero l’ex primo ministro socialdemocratico Helmut Schmidt, Schroeder accusa l’Europa di aver sbagliato sin dall’inizio in Ucraina, sin dalle proteste di Maidan che ora sembrano così lontane ma da cui tutte le drammatiche scene di guerra civile degli ultimi tempi traggono origine.

“Le cause originarie della crisi in Ucraina sono di responsabilità dell’Ue non della Russia” – così dice Schroeder intervistato dalla rivista Welt am Sonntag, dopo che la foto dell’abbraccio con Putin alla sua festa di compleanno aveva destato scalpore dalle parti di Berlino – “l’errore base fu nella politica di associazione condotta dalla Ue. La Ue ha ignorato che l’Ucraina è un paese culturalmente diviso in profondità: da sempre a sud e a est si sono orientati verso la Russia, all’Ovest verso la Ue. Proporre un aut-aut, o associazione con la Ue o unione doganale con la Russia, è stato l’errore originario”.

Vabene, ma allora il “corrotto” Yanukovich? Il presidente rovesciato sarà stato corrotto ma “era stato eletto attraverso libere elezioni” risponde Schroeder…».

http://www.termometropolitico.it/118256_schroeder-ucraina-colpa-europa.html?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=schroeder-ucraina-colpa-europa

Per quanto riguarda Helmut Schmidt, vedi un articolo precedente di Guglielmo Sano, nel quale è riportato:

«La Germania dovrebbe attuare una politica “cauta” nei confronti della Russia – questo il pensiero dell’ex cancelliere – soprattutto perché le sanzioni decise da USA e UE “sono una stupidaggine. Specialmente il divieto di viaggio in Occidente per alte personalità della leadership russa. E sanzioni economiche colpirebbero l’Occidente come i russi”.»

http://www.termometropolitico.it/110495_cancelliere-schmidt-una-terza-guerra-mondiale-e-inverosimile-ma-non-impensabile.html

Così sono state definite da Helmut Schmidt le sanzioni contro la Russia decise dalla Merkel e da Obama: “una stupidaggine”!

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il fallimento della politica estera di Obama ci tocca il portafoglio

12 maggio 2014

Leggo dal Sole24ore di oggi un articolo intitolato Referendum nell’Est dell’Ucraina: i filorussi annunciano un plebiscito. Il governo di Kiev: è una farsa.

Ne riporto un passo:

«Lagarde (Fmi): da crisi ucraina pesanti conseguenze economiche
La crisi ucraina può avere «pesanti conseguenze economiche» ancora difficili da stimare, come il rischio di contagio ad altri paesi. Lo dice il presidente del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, in un’intervista al quotidiano tedesco Handelsblatt. Il programma di aiuti da 17 miliardi di dollari – pari a circa 12,3 miliardi di euro – concesso dal Fmi, stima Lagarde, non sarà sufficiente, «l’Ucraina ha bisogno di molto di più». Secondo il presidente del Fmi, la crisi ucraina ha riflessi sul commercio internazionale, sugli investimenti stranieri e sull’approvigionamento energetico dell’Europa perché l’Ucraina é il paese di transito.»

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-05-12/l-est-ucraina-voto-dice-si-secessione-governo-kiev-e-farsa-073731.shtml

In conclusione: il fallimento della politica estera di Obama ci tocca il portafoglio.

E pesantemente, vedi sopra quanto affermato da Christine Lagarde, il direttore del Fondo Monetario Internazionale, FMI.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Sperando che gli intellettuali americani non siano tutti così

9 maggio 2014

Leggo un articolo di Mattia Ferraresi pubblicato dal Foglio il 17 aprile 2014 e intitolato Il crepuscolo dell’impero americano tradito da Venere:

http://www.ilfoglio.it/soloqui/22899

Si tratta di un’intervista a Donald Kagan, che «…è uno storico dell’antica Grecia e intellettuale conservatore nato in Lituania nel 1932 e cresciuto a Brooklyn. Ha insegnato alla Cornell University e a Yale.».

Donald Kagan è il padre di Robert Kagan (marito di Victoria Nuland): «Kagan è studioso della classicità e pater familias di una dinastia conservatrice. Robert Kagan è l’intellettuale neocon che all’inizio della guerra al terrore condensò la cruciale differenza fra l’America che viene da Marte e l’Europa da Venere…».

Robert Kagan si riferiva chiaramente a un bestseller, Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere, che, come ci informa Wikipedia in italiano, «…ha venduto 6 milioni di copie.»:

http://it.wikipedia.org/wiki/John_Gray_%28psicologo%29

È interessante notare che l’autore, John Gray, «…received an unaccredited PhD degree by correspondence in 1982 from Columbia Pacific University (CPU), a now-defunct university located in San Rafael…», vedi qui:

http://en.wikipedia.org/wiki/John_Gray_%28U.S._author%29

Ma torniamo a Donald Kagan.

Leggo la sua intervista con crescente disapprovazione: «Adesso esagero, ma credo che senza l’intervento dell’America la Prima guerra mondiale non sarebbe mai finita.».

Senza l’intervento dell’America, certamente la prima guerra mondiale non sarebbe finita producendo inevitabilmente il fascismo, il nazismo e la seconda guerra mondiale (non ci sarebbe stato neanche l’Olocausto!), vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/02/09/le-folli-decisioni-di-woodrow-wilson/

E ancora:

«Siamo soltanto all’inizio, e la Russia non è ancora abbastanza potente per rappresentare una minaccia chiara e imminente, ma l’aggressività di Putin ha introdotto un senso di paura inedito.».

Aggressività di Putin? Ma è Putin che è stato aggredito dall’Occidente, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/05/obama-sta-spingendo-il-mondo-verso-la-terza-guerra-mondiale/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/09/linternazionalismo-di-david-rockefeller-sara-fermato-dalla-russia-e-dalla-cina/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/18/con-lucraina-loccidente-ha-gettato-la-maschera/

E ancora:

«Kagan, mente abituata a non soffermarsi sulle cose penultime, mette lo spettacolo poco edificante della debolezza occidentale sullo sfondo di una crisi antropologico-culturale la cui chiave è la “parte soffice del cristianesimo”. “C’è un aspetto problematico nel cristianesimo e per quanto la secolarizzazione avanzi, il cristianesimo non si può sradicare dalla mentalità occidentale. Il punto è questo: la figura di Gesù che predica il sermone della montagna, un insegnamento così utopico che se non fosse così serio e ammirevole sarebbe ridicolo. Il suo potere persuasivo è enorme, chiunque sia cresciuto nella cultura occidentale se lo ritrova da qualche parte nel cuore e nella mente. E’ ammirevole, dicevo, ma è l’opposto di come le cose vanno nel mondo. Non si può eliminare il fatto che gli uomini agiscono virtuosamente in certi casi, ma nelle cose più importanti altre motivazioni prevalgono. Il potere e l’egoismo tendono a dominare le cose umane. Dunque, cosa fanno gli uomini quando hanno questa promessa enorme nel cuore ma allo stesso tempo devono venire a patti con il mondo? L’occidente ha al suo interno questa terribile e affascinante contraddizione. L’islam in questo senso ha un vantaggio filosofico enorme, perché non c’è contraddizione fra la sua visione antropologica e la dominazione politica e militare.».

È evidente che Kagan non ha capito cos’è il Cristianesimo (e la cosa non mi sorprende). Guarda un po’, magari Gesù, invece di ammirare la ricchezza, sarebbe stato favorevole a quel welfare state che Donald Kagan odia tanto:

«Se il professore è duro con l’America guidata dal sedile posteriore, sull’Europa ha posizioni simili a quelle della nuora, Toria Nuland, sottosegretario del dipartimento di stato sorpresa a pronunciare in una telefonata privata le ineffabili parole: “Fuck the Eu”. “L’Europa è pietosa – dice Kagan – il welfare state, e questo è sempre più vero anche in America, l’ha depredata della capacità di pensare chiaramente e criticamente a qualunque cosa. Non è disposta a fare sacrifici di nessun tipo per qualsiasi scopo. Si aspettano soltanto di ricevere qualcosa dallo stato.».

Mi fermo, volutamente, qui.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La teoria dei giochi dimostra che lo Stato è inutile? È falso

5 maggio 2014

Nel post precedente ho scritto:

«Però a partire dalla filosofia politica di John Locke (1690) è nato un tipo nuovo di ideologia antistato: sostanzialmente cristiana, ma formalmente filosofica, e verso la quale l’Occidente è indifeso, perché non ne riconosce la natura religiosa e irrazionale.

Nella cultura occidentale si è creata così, nel corso degli ultimi tre secoli, una capziosa e fallace Weltanschauung, la quale tenta di rendere razionale ciò che è invece assolutamente irrazionale: il mito dell’inutilità e della dannosità dello Stato.»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/03/siamo-in-mezzo-a-un-conflitto-mondiale-ma-nessuno-ne-parla/

Ebbene, uno degli argomenti ingannevoli più recenti di questa capziosa e fallace Weltanschauung riguarda la teoria dei giochi, una teoria matematica che viene spesso utilizzata allo scopo di dimostrare che lo Stato è inutile.

Ma se la teoria dei giochi è correttamente applicata, essa non dimostra affatto che lo Stato è inutile.

Leggiamo questo passo di un notissimo testo di scienza politica:

«CAN COOPERATION OCCUR WITHOUT THE STATE?

According to Hobbes (1651/1994), life in the state of nature is “solitary, poor, nasty, brutish, and short.” This seemed to be confirmed when we found that both players in our State of Nature Game had a dominant strategy to steal rather than refrain—both players were better off stealing no matter what the other player was doing. Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them. As we saw in our Civil Society Game, the threat of a large enough punishment by the state was sufficient to get the players to refrain. In fact, both players now had a dominant strategy to cooperate and refrain. In effect, this is Hobbes’s justification for the existence of the state. Some scholars, however, have challenged this justification by arguing that cooperation can emerge through a decentralized process in the state of nature; you do not always need to create a sovereign or a state (Axelrod 1981, 1984; Taylor 1976). These scholars claim that cooperation can occur without a sovereign as long as the individuals in the state of nature repeatedly interact with each other and care sufficiently about the future benefits of cooperation. Earlier in the chapter, we saw that cooperation or refraining was not possible when the State of Nature Game was played once. But let’s now examine what happens if the individuals in the state of nature play the game over and over again…

…The important point here is that cooperation can occur in the state of nature without needing to create a state. In effect, cooperation can evolve in the state of nature as long as the players are sufficiently concerned about the potential benefits of future cooperation. This conclusion runs directly counter to the claims of social contract theorists like Hobbes and provides support for groups like anarchists who believe that society can survive, and thrive, without a state.
That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not necessarily mean that we should all become anarchists, though. It turns out that cooperation is only one of a whole host of possible equilibria in the infinitely repeated State of Nature Game. For example, it is also a Nash equilibrium for both players to steal. This is relatively easy to see. If your opponent is always going to steal, then you never have an incentive to unilaterally deviate—you will always steal as well. Thus, (Steal; Steal) is another Nash equilibrium. Game theory cannot tell us which equilibrium is most likely to occur in these circumstances. As a result, there is no reason to believe that the cooperative outcome will be any more likely to occur than any of the other equilibrium outcomes. That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not guarantee that cooperation will, in fact, occur. Moreover, it actually takes a lot of effort for the players to sustain cooperation in the state of nature because everyone has to monitor everyone else to see who is stealing and who is not. It is also requires that the individuals get together to punish those people who have been caught stealing. In sum, although it is possible for cooperation to occur in the state of nature without a state, relying on it to emerge through some decentralized process may not be the best thing to do—the creation of a state may be a more preferable and reliable route to cooperative outcomes.»

(William Roberts Clark, Matt Golder, Sona Nadenichek Golder, Principles of Comparative Politics, CQ Press, 2013, second edition, pagg. 138-142)

Quindi la proposizione «la teoria dei giochi dimostra che lo Stato è inutile» è falsa.

Oltre a ciò, è mia opinione che l’argomento di Thomas Hobbes a cui viene applicata da tutti la teoria dei giochi, ossia, come scrivono William Roberts Clark et al., «Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them.» (vedi a questo proposito: Thomas Hobbes, Leviatano, Laterza, 2009, pag. 143), non è affatto l’argomento migliore fornito dal saggio di Malmesbury per dimostrare la necessità dello Stato.

La grandezza di Thomas Hobbes sta nell’aver fornito un altro argomento per dimostrare incontrovertibilmente la necessità dello Stato (ibid., pag. 140 e pag. 142), cioè quello di cui ho scritto nel post precedente, argomento che ho denominato (depurandolo dalla sua faziosità politica) Principio di Hobbes in entrambi i miei saggi di scienza politica (Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, pagg. 40-43; Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, pagg. 19-23).

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Siamo in mezzo a un conflitto mondiale ma nessuno ne parla

3 maggio 2014

C’è attualmente nel mondo un aspro e sempre più crescente conflitto, ma è un conflitto nascosto, un conflitto del quale non si parla: se voi guardate la televisione e/o leggete i giornali (anche digitali), non ne troverete traccia, o quasi.

In cosa consiste questo conflitto?

Una parte del genere umano, l’Occidente, che si considera il sale della terra e la luce del mondo (e che oggettivamente lo è stato nei secoli passati, a partire dal Rinascimento, il quale fu, occorre dirlo, un fenomeno della cultura italiana), l’Occidente, dicevo, ha perso la Ragione e vuole eliminare lo Stato.

Il resto del genere umano, cioè la Russia (che è l’erede di Costantinopoli, ossia è la terza Roma), la Cina, i paesi dell’Islam (tra i quali spicca l’Iran), l’India, ecc. ecc., si sta giustamente opponendo a quest’idea folle.

Anche il Giappone e lo Stato di Israele (si chiama ufficialmente così e non Israele) si opporrebbero, se non fosse che dipendono militarmente e/o economicamente dagli Stati Uniti d’America, il paese leader della fazione che vuole eliminare lo Stato.

L’ultima manifestazione di questo conflitto è la crisi dell’Ucraina, crisi nella quale l’Occidente ha aggredito in modo plateale la Russia, mentre invece la sua propaganda accusa quest’ultima di essere l’aggressore, secondo uno schema già visto nella storia, per esempio con Hitler, vedi l’incidente di Gleiwitz, http://it.wikipedia.org/wiki/Incidente_di_Gleiwitz, vicenda storica che sicuramente Frau Merkel conosce. La storia si ripete.

Del resto l’Occidente spinge sul pedale della propaganda in modo forsennato: per esempio grida che vuole portare in tutto il mondo la democrazia, mentre invece la verità è che vuole eliminare lo Stato.

Oggi però tutto questo non può passare sotto silenzio, non può essere nascosto. Nell’era di internet, nell’era dell’informazione totale, la verità non può essere negata. Internet, è ovvio, si può prestare alla propaganda e alla manipolazione, ma permette comunque alla verità di manifestarsi, permette a ciascuno di decidere quale sia la verità e quale sia la menzogna.

Internet ha trasformato il mondo ed è una benedizione per l’umanità intera.

Perché dunque l’Occidente vuole eliminare lo Stato? Questa è la domanda che ci dobbiamo porre.

La mia tesi, di cui sto scrivendo da tempo, sia nei miei due saggi che nei post di questo blog, è che l’origine di questa volontà di eliminare lo Stato è il Cristianesimo. Questa tesi può anche essere denominata teoria unificata delle ideologie antistato.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/20/la-teoria-unificata-delle-ideologie-antistato/

Deve essere chiaro che il Cristianesimo è irrinunciabile, perché, come ho mostrato in dettaglio nei miei due saggi, ci ha dato storicamente due incommensurabili benefici: l’eliminazione dello schiavismo e la nascita della scienza.

Se noi fossimo vissuti prima del Cristianesimo, la nostra vita sarebbe stata priva dei benefici apportati dalla scienza (per esempio l’efficace cura delle malattie da parte della medicina moderna) e saremmo stati esposti al rischio ben concreto di vivere in schiavitù.

Inoltre il genere umano nel suo complesso non può vivere senza religione: pensarla diversamente è solo un atto di arroganza intellettuale ed elitaria, che è possibile riscontrare purtroppo anche in pensatori sommi (per esempio Bertrand Russell).

Del resto il Cristianesimo può convivere benissimo con lo Stato, mediante due artifici alternativi tra loro, uno molto antico e l’altro più recente: la separazione tra Stato e Chiesa e la subordinazione della Chiesa allo Stato (quest’ultimo fu inventato da Costantino il Grande).

Questi due artifici sono usati efficacemente da tutti i popoli dell’Occidente, tranne quello italiano, il che costituisce l’anomalia italiana, come ho scritto più volte.

Però a partire dalla filosofia politica di John Locke (1690) è nato un tipo nuovo di ideologia antistato: sostanzialmente cristiana, ma formalmente filosofica, e verso la quale l’Occidente è indifeso, perché non ne riconosce la natura religiosa e irrazionale.

Nella cultura occidentale si è creata così, nel corso degli ultimi tre secoli, una capziosa e fallace Weltanschauung, la quale tenta di rendere razionale ciò che è invece assolutamente irrazionale: il mito dell’inutilità e della dannosità dello Stato.

Infatti eliminare i conflitti attuati con il potere della forza fisica è impossibile e da questa impossibilità nasce la necessità dello Stato, che è il mezzo naturale per gestire tali conflitti, sia che si tratti di aggressione di stranieri, sia che si tratti di torti reciproci all’interno di una comunità, come ci spiegò per la prima volta in modo approfondito Hobbes (Thomas Hobbes, Leviatano, Laterza, 2009, pag. 140 e pag. 142), ampliando e migliorando un concetto originale di Machiavelli (Niccolò Machiavelli, Il Principe, Rizzoli, 1991, pag. 128).

Il nodo della questione è espresso da Hobbes con queste parole:

“Divergendo, infatti, nelle opinioni concernenti il miglior uso e la migliore applicazione della loro forza, non si aiutano, ma si ostacolano a vicenda e, con la reciproca opposizione, riducono la loro forza a nulla…”

(Thomas Hobbes, ibid., pag. 140)

Nell’originale inglese:

“For being distracted in opinions concerning the best use and application of their strength, they do not help, but hinder one another, and reduce their strength by mutual opposition to nothing…”

(Thomas Hobbes, Leviathan, prepared for the McMaster University Archive of the History of Economic Thought by Rod Hay, pag. 104, XVII: Of the Causes, Generation, and Definition of a Commonwealth, disponibile su: http://ebookbrowsee.net/gdoc.php?id=52021357&url=9d32467d4831e17f19d83845ff1deac8&c=146451481, data di accesso odierna)

Ho denominato la spiegazione di Hobbes (depurandola dalla sua faziosità politica) Principio di Hobbes in entrambi i miei saggi di scienza politica (Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, pagg. 40-43; Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, pagg. 19-23).

Lo Stato consiste in questo: nel porre sotto un solo centro di comando (che può essere costituito da un uomo o da più uomini) il potere della forza fisica di tutti i membri di una comunità, perché solo così si può assicurare, per quanto riguarda l’esercito, la coordinazione e la strategia e, per quanto riguarda la legge, la terzietà e l’imparzialità.

Si tratta dunque del modo di gestire efficacemente il potere della forza fisica in tutti i gruppi umani che gestiscono tale potere (anche nei piccoli gruppi e perfino quando non c’è il fattore territorio di cui scrisse Max Weber, per esempio nelle popolazioni nomadi).

Ciò non va confuso con la forma di governo, che è tutt’altra cosa.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.