La menzogna senza fine dell’Occidente

Leggiamo un passo di Ermanno Vitale:

«A questo punto – prima di passare all’analisi dell’altra grande lezione di Hobbes, l’individualismo – a chi ha intensamente frequentato per anni la letteratura hobbesiana non può non ritornare alla mente un saggio di Roland Pennock, provocatoriamente intitolato Hobbes’s confusing ‘clarity’. The case of ‘liberty’, che si conclude così: “sembrerebbe, comunque, che ci fosse o della follia nel suo metodo, o del metodo nella sua follia, o entrambe le cose” [J. R. Pennock, Hobbes’s confusing Clarity in K. C. Brown (ed.) Hobbes Studies, Blackwell Oxford 1965, p. 116]. Ciò che Pennock contesta con vigore è – in generale, non solo a proposito della nozione di libertà – proprio l’apparenza di chiarezza e di forza dimostrativa del pensiero hobbesiano, pensiero che appena si sappia andare sotto la superficie si rivela invece confuso, un insieme di definizioni e di dimostrazioni inconcludenti frutto appunto di un uso perverso della logica. Scrive ancora Pennock: “la filosofia politica di Hobbes contiene così numerose confusioni e inconsistenze che non possono essere coperte da una qualche singola spiegazione. Probabilmente ciò che più si avvicina a tale spiegazione va comunque colto nei termini della sua metodologia, della sua propensione agli argomenti ‘tutto o niente’, del suo rifiuto di definire e considerare le cose in una prospettiva gradualistica” [Ivi, pp. 115-16].»

(Ermanno Vitale, Forme e livelli della razionalità in Hobbes, disponibile su: http://www.sifp.it/i-classici-the-classics/hobbes-2008/forme-e-livelli-della-razionalita-in-hobbes, data di accesso odierna)

Non sono affatto d’accordo con Pennock.

Egli ha certamente ragione quando nota che la chiarezza di Hobbes è solo apparente.

Ma la causa di ciò non è quella indicata da lui.

È semplicemente che lo scopo di Hobbes non è quello di trovare la verità, ma quello di dimostrare una tesi, ossia che non si deve disubbidire al sovrano.

Così il saggio di Malmesbury ammucchia insieme diversi argomenti che possano avvalorare tale tesi, senza preoccuparsi troppo della loro compatibilità reciproca. Se invece ricercasse la verità, la sua esposizione avrebbe un carattere di ragionamento lineare e privo di confusione. Anzi, egli arriva addirittura a barare deliberatamente, come ho mostrato nei miei due saggi di scienza politica.

Ciononostante, Hobbes è l’unico, per quanto riguarda lo Stato e la teoria dello Stato, che si avvicina alla verità. Molto più di Max Weber, ad esempio. Per non parlare di Kelsen, che ragiona solo in insulsi termini giuridici.

Perché Hobbes è l’unico che si avvicina alla verità?

Perché egli ha il coraggio di giudicare senza alcuna illusione la natura umana.

Il termine “state of nature”, che egli prende (stravolgendolo) da Tommaso d’Aquino (si trova innumerevoli volte, come “status naturae”, nella Summa theologiae e nella De veritate), viene da lui usato come un irridente sberleffo alle illusioni cristiane sulla natura dell’uomo.

Tantoché, prudentemente, non lo usa nel Leviathan, destinato al grande pubblico, bensì soltanto negli Elements of Law Natural and Politic e nel De cive, che erano destinati a un pubblico estremamente ristretto. Questa prudenza non era eccessiva: nel 1666 Hobbes, proprio a causa del Leviathan, corse concretamente il rischio di essere processato per eresia.

Molto tempo dopo, un altro grande pensatore, anzi ancor più grande di Hobbes, Charles Darwin, userà hobbesianamente il termine “state of nature” nel suo capolavoro, On the Origin of Species.

Se ci si prende la briga di andare a contare quante volte Darwin usa tale termine nel suo capolavoro (http://www.gutenberg.org/cache/epub/2009/pg2009.txt, data di accesso odierna), si scopre che esso vi compare ben 45 volte.

E Darwin lo usa nel senso di Hobbes, non certo nel senso di San Tommaso.

Purtroppo occorre notare che nella traduzione italiana di Celso Balducci (Charles Darwin, L’origine della specie, Newton Compton, 2010) tale termine è quasi sempre censurato, comparendovi soltanto poche volte.

In effetti Darwin è proprio hobbesiano, cosa di cui si accorse perfettamente Marx, vedi la sua lettera a Engels del 18 giugno 1862, nella quale egli parla del capolavoro di Darwin:

«E’ il bellum omnium contra omnes di Hobbes…»

(http://www.pikaia.eu/EasyNe2/Download.aspx?code=Pikaia&filename=/EasyNe2/Archivi/Pikaia/ALL/0000/14A.pdf, data di accesso odierna)

Il fatto è che, nel campo della filosofia politica/scienza politica, da Locke in poi l’Occidente ha incominciato progressivamente a voltare le spalle alla Weltanschauung scientifica (della quale Darwin è un caposaldo irrinunciabile) e a rivolgersi sempre più alla Weltanschauung religiosa, fino ad esserne completamente posseduto. Ormai esso è del tutto in balia del millenarismo cristiano e vuole eliminare lo Stato dalla faccia della terra.

E neanche riconosce tutto ciò, anzi millanta di seguire la Weltanschauung scientifica, in una menzogna senza fine.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: