Archive for 27 febbraio 2015

Cosa dice Luttwak

27 febbraio 2015

Edward Luttwak è ai miei occhi un intellettuale molto interessante, sebbene abbia in passato sostenuto tesi che personalmente trovo assurde, come per esempio che l’Impero romano d’Oriente non crollò come quello d’Occidente perché aveva strategie più efficaci, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/27/quale-sara-il-futuro-delloccidente/

Con tutta evidenza non ha ben compreso il Cristianesimo.

Capire il Cristianesimo è come capire Freud: di fondamentale importanza.

Senza, non è possibile spiegare alcuni aspetti fondamentali della realtà.

Leggiamo tre passi notevoli dell’intervista rilasciata da Luttwak a Claudio Barchesi, vedi qui:

http://www.nannimagazine.it/notizie/economia-e-lavoro/economia/cronaca-economica/25/02/2015/intervista-edward-luttwak-cosi-vi-spiego-il-dominio-dello-spazio-economico/9646

«La sponda meridionale del Mediterraneo è però ormai rovente. È stato un errore rovesciare Gheddafi, in particolare?

“L’intervento umanitario per salvare la Cirenaica vedeva contrari sia gli Stati Uniti sia l’Italia, i soli Paesi a conoscere bene la situazione della Libia. L’idea che togliendo Gheddafi sarebbe arrivata la democrazia era completamente sbagliata: infatti è arrivata l’anarchia”.»

Non mi pare proprio che gli Stati Uniti fossero contrari all’«intervento umanitario» [sic], dato che il primo giorno di guerra, il 19 marzo 2011, poche ore dopo l’attacco francese, furono lanciati ben 112 tomahawk da unità navali statunitensi e britanniche.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/16/i-tomahawk-di-obama/

È strano come sia diffusa questa rimozione delle responsabilità di Obama nel disastro attuale della Libia.

Ma lo sanno di vivere nell’era di internet?

Veniamo al secondo passo notevole dell’intervista.

«Non meno complessa appare la crisi dell’Ucraina: come uscirne?

“In questo pianeta se l’altro è armato e se non sei pronto a combattere non puoi ottenere granché. Si credeva che le sanzioni avrebbero convinto Putin, ma tutta la politica del leader russo consiste nel sacrificare il benessere economico alla gloria del Paese. I russi sono nazionalisti e il popolo è dalla sua parte. Quindi le soluzioni sono due: o ci si decide al conflitto o si lascia Putin libero di disegnare la carta dell’Ucraina che ha in mente e si trova un modo di uscirne con eleganza”.»

La conclusione (giustissima!) di Luttwak è questa: o si accetta di imbarcarsi in una guerra che, nel cuore dell’Europa, può arrivare al livello nucleare, o l’Occidente deve abbozzare.

Ma questo gli Stati Uniti non lo sapevano?

Oppure hanno analisti dediti all’alcool o ad altre droghe (tipo quella ideologica)?

Il terzo passo notevole dell’intervista è questa frase di Luttwak:

«Una delle caratteristiche centrali del progresso, soprattutto nell’attuale fase storica, è che spesso i grandi innovatori sono del tutto estranei al sistema accademico.»

È assolutamente vero, del resto ciò non è altro che la notissima tesi di Thomas Kuhn.

Infatti io sono del tutto estraneo al sistema accademico.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.