Archive for marzo 2015

La koinè antistato dell’Occidente

24 marzo 2015

Leggo i risultati delle elezioni amministrative francesi: il Front National di Marine Le Pen cresce, ma non sfonda.

Non mi stupisce.

Essere contro lo Stato è la koinè dell’Occidente.

È quindi difficile dare ascolto alla Ragione (la quale ci dice che lo Stato è una necessità), anche per quella che fu la patria dell’Illuminismo.

Forse il cambiamento avverrà solo a disastro economico/sociale avvenuto.

In Francia non ci sono ancora arrivati.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Ancora sul Rapporto ISPI 2015

21 marzo 2015

Ho già scritto circa il Rapporto ISPI 2015, intitolato In mezzo al guado – Scenari globali e l’Italia, a cura di Alessandro Colombo e Paolo Magri, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/18/il-rapporto-ispi-2015-riconosce-il-fallimento-del-mondialismo/

Voglio ribadire la grande importanza di quest’analisi dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI).

Da ciò che scrive Alessandro Colombo nel 1° capitolo del Rapporto, capitolo intitolato La crisi generale dell’ordine internazionale, si possono trarre le seguenti deduzioni:

1. Il mondialismo esiste, sebbene in nessuna parte del Rapporto ISPI 2015 venga usata questa parola o il suo sinonimo “globalismo”. Colombo parla invece di “un progetto esplicito d’ingegneria sociale – la transizione al mercato e alla democrazia ‒, ispirato a un universalismo politico e giuridico ereditato dal secolo precedente” (ISPI, In mezzo al guado – Scenari globali e l’Italia, pag. 21), ciò che è chiaramente un eufemismo per indicare il mondialismo. Inoltre egli parla di “Nuovo Ordine Internazionale” (Ibid., pag. 20), ossia di Nuovo Ordine Mondiale.

2. Il mondialismo è capeggiato dagli Stati Uniti d’America (Ibid., pag. 21).

3. Il mondialismo non è un processo storico ineluttabile, bensì è “un progetto esplicito d’ingegneria sociale”, vedi sopra.

Considerare il mondialismo un processo storico ineluttabile (che quindi è più appropriato chiamare “mondializzazione” o “globalizzazione”) non è affatto una prerogativa della sinistra come in genere si pensa, vedi p.e. cosa scrive Claudio Martini sul blog main-stream.it:

«Le segnalo, per inciso, che il termine “mondialismo” ha una genuina caratura neofascista. Non la sto accusando di nulla, è solo accuratezza etmilogica.
Negli ambienti di sinistra, si parla di “globalizzazione”. Alla fine si tratta di etichette per designare la medesima cosa: il processo di svuotamento della sovranità degli stati.»

http://il-main-stream.blogspot.it/2014/05/i-fascisti-stanno-con-mosca-non-con-kiev.html

Non è così, in realtà anche a destra si parla spesso di mondializzazione o di globalizzazione, vedi p.e. La mondializzazione di Alain de Benoist, il padre della Nouvelle Droite, che è reperibile qui:

http://www.alaindebenoist.com/pages/textes.php?lang=it

Ecco cosa scrive de Benoist:

“Lungi dal rappresentare un’aberrante deviazione dal sistema capitalista, o dal poter essere interpretata come una novità radicale o addirittura come il risultato di un complotto, la mondializzazione si situa infatti nel solco di una dinamica secolare caratteristica della natura medesima del capitalismo. «La tendenza a creare un mercato mondiale è inclusa nel concetto stesso di capitale», osservava Karl Max già nel secolo scorso. Da questo punto di vista, Philippe Engelhard non ha torto quando scrive che «la mondializzazione certamente non è che l’ultimo fuoco d’artificio dell’esplosione della modernità occidentale».”

Appare evidente che de Benoist, in linea con l’uso della parola “mondializzazione”, considera ciò un processo storico ineluttabile e non una dottrina, un’ideologia.

Sul motivo per il quale si usa “mondializzazione” e non “mondialismo” ho scritto qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/11/loccidente-contro-il-resto-del-mondo/

4. Il mondialismo è fallito (ISPI, In mezzo al guado – Scenari globali e l’Italia, pag. 20).

5. Il mondialismo è fallito perché ha una “natura eccezionalmente ambiziosa (e irrealistica)” (Ibid., pagg. 20-21).

Sono perfettamente d’accordo con i suddetti cinque punti.

Mentre non mi trovo affatto d’accordo (non solo su questo specifico argomento, ma in generale) con Alain de Benoist, il cui primo referente culturale, del resto, è Rousseau, come egli stesso ha esplicitato:

“Ma filiation, s’il en fallait une, ce serait plutôt: Rousseau, la Commune, le socialisme français (surtout Sorel et Pierre Leroux), les non-conformistes des années 30, la Révolution conservatrice allemande, le syndicalisme révolutionnaire italien et le situationnisme. Tirez-en ce que vous voulez”

(Alain de Benoist, Réponses, La Revue du MAUSS, n°13, 1991, pag. 129)

http://www.archiveseroe.eu/benoist-a57664181

E con questo ho detto tutto.

Rousseau è un pessimo filosofo e chi si rifà al suo pensiero, anche solo parzialmente, è fortemente in errore.

Oltretutto l’opera filosofica di de Benoist ha ben poco a che fare con la destra e, dato che le sue prime manifestazioni risalgono al 1968 (ossia ad un tempo, ormai lontano, nel quale la destra era in fortissima crisi), è lecito ritenerla niente altro che un appeasement culturale alla sinistra, appeasement che al giorno d’oggi non ha più alcun senso.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Obama: nuovi livelli di fallimento

19 marzo 2015

L’amministrazione Obama sembra avere come scopo quello di illustrare al mondo nuovi livelli di fallimento.

L’ultimo è questo: Regno Unito, Francia, Germania e Italia hanno deciso di entrare come membri fondatori nella Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB), la banca d’investimento guidata dalla Cina.

Un vero e proprio “diplomatic disaster” per Obama, come scrive The Washington Times:

http://www.washingtontimes.com/news/2015/mar/18/obama-humiliated-as-allies-join-chinas-asian-infra/

Vedi anche qui:

http://www.formiche.net/2015/03/19/banca-sviluppo-cinese-usa-europa-italia/

e qui:

http://www.panorama.it/economia/cina-contro-usa-guerra-banca/

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il Rapporto ISPI 2015 riconosce il fallimento del mondialismo

18 marzo 2015

È uscito da poco il Rapporto ISPI 2015, intitolato In mezzo al guado – Scenari globali e l’Italia, a cura di Alessandro Colombo e Paolo Magri.

È disponibile qui:

http://www.ispionline.it/it/EBook/RapportoISPI2015.pdf

Nell’Introduzione (pag. 10) possiamo leggere il seguente passo:

«Ma dietro le difficoltà e, secondo molti osservatori, il fallimento della politica estera di Obama, quella che si profila è una decomposizione più generale del modello di Nuovo Ordine Internazionale varato agli inizi degli anni Novanta del secolo scorso e rilanciato, militarizzato, all’inizio del decennio successivo. La portata eccezionalmente ampia dell’attuale crisi è interpretata, nel primo capitolo del nostro volume, quale immagine riflessa della natura eccezionalmente ambiziosa (e irrealistica) di quel modello: un modello gerarchico, fondato sullo strapotere del paese-leader, sulla collaborazione di una cerchia sempre più ampia di alleati e sull’acquiescenza di tutti i potenziali antagonisti; orientato a un progetto esplicito d’ingegneria sociale, riassunto nella “religione civile” della transizione al mercato e alla democrazia…»

E Alessandro Colombo intitola il paragrafo 1.1 così (pag. 20):

«Il tramonto del dopoguerra fredda e il fallimento del Nuovo Ordine Internazionale».

Potrei dire che l’analisi dell’ISPI è superficiale e incompleta, che non menziona il vero nome di questo «progetto esplicito d’ingegneria sociale», che è “globalism” in lingua inglese, “mondialisme” in lingua francese, “globalismo” o “mondialismo” in lingua italiana; che non menziona il suo vero scopo, che è quello di eliminare lo Stato dalla faccia della terra; e così via.

Nondimeno è assolutamente rimarchevole che l’establishment abbia riconosciuto il fallimento del mondialismo, questo «progetto esplicito d’ingegneria sociale», questo «Nuovo Ordine Internazionale».

E che non neghi più la sua esistenza, come si ostina invece a fare Wikipedia in lingua italiana, la quale lo spaccia per teoria del complotto, vedi qui:

«La teoria del complotto del Nuovo ordine mondiale (spesso comunemente identificata con la locuzione Nuovo ordine mondiale, in lingua latina Novus Ordo Mundi, in lingua inglese anche con la sigla NWO corrispondente a New World Order), è una teoria del complotto, mai dimostrata, secondo la quale un presunto gruppo di potere oligarchico e segreto si adopererebbe per prendere il controllo di ogni paese del mondo, al fine di ottenere il dominio della Terra.»

http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_del_complotto_del_Nuovo_ordine_mondiale

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Siamo sull’orlo dell’Apocalisse II

16 marzo 2015

CNN Is Beating the Drums of War — Paul Craig Roberts

http://www.paulcraigroberts.org/2015/03/14/cnn-beating-drums-war-paul-craig-roberts/

Una traduzione italiana, a cura di Luciano Lago, è riportata qui:

http://www.controinformazione.info/la-cnn-sta-battendo-i-tamburi-di-guerra/

Paul Craig Roberts è un economista americano ed è stato Assistant Secretary of the Treasury for Economic Policy nel primo mandato di Ronald Reagan.

Nel 1987 ha ricevuto la Legion d’Onore.

L’Occidente contro il resto del mondo

11 marzo 2015

L’Occidente è animato attualmente da una pretesa ridicola: quella di voler imporre a tutti gli altri popoli del mondo la sua ideologia antistato, vale a dire il mondialismo.

E si crede molto furbo perché spaccia tale pretesa come processo ineluttabile della storia.

Eccone un esempio:

«In conclusione, se il fenomeno della globalizzazione appare come un fenomeno economico-sociale inevitabile e inarrestabile in quanto legato all’evoluzione della stessa società moderna…»

http://it.wikipedia.org/wiki/Globalizzazione

Notare che non vengono qui usati i termini “mondialismo” o “globalismo”, ma “globalizzazione”, che, avendo il suffisso -zione e non il suffisso -ismo, non è una dottrina, ma bensì un atto, un’azione.

Ho indicato i sinonimi di mondialismo qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

Usare i termini “mondializzazione” o “globalizzazione” è un trucchetto per sottolineare che si tratterebbe di un processo storico ineluttabile e non di una dottrina, di un’ideologia.

La verità invece è che il mondialismo è un’ideologia in piena regola.

Si tratta dello scenario tipico dell’ideologia: che è quello di essere negata da chi vive all’interno di essa.

E questa ideologia, il mondialismo, è un sottoprodotto del Cristianesimo.

Anzi no: ancora peggio, è un sottoprodotto del ramo occidentale del Cristianesimo.

Quello orientale non ha niente a che fare con le ideologie antistato e il perché l’ho spiegato qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/06/il-problema-del-millenarismo/

Lasciamo andare che il mondialismo sia un’ideologia suicida, dato che ha lo scopo di eliminare quella necessità razionale che è lo Stato: ma anche se non fosse un’ideologia suicida, non è possibile pretendere che tutto il mondo debba accettare la volontà di noi occidentali.

È un vero e proprio delirio di onnipotenza: i non occidentali devono diventare come noi, con le buone o con le cattive.

Anche a costo di ammazzarli tutti.

È la guerra santa dell’Occidente.

L’Occidente contro il resto del mondo.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’Apocalisse e l’Unione Europea

8 marzo 2015

La bandiera dell’Unione Europea ha dodici stelle.

Le dodici stelle non rappresentano, né mai hanno rappresentato, il numero dei paesi membri, come talvolta erroneamente si crede.

Il sito ufficiale dell’Unione Europea recita:

«La bandiera europea è costituita da 12 stelle dorate disposte in cerchio su uno sfondo blu. Le stelle rappresentano gli ideali di unità, solidarietà e armonia tra i popoli d’Europa.

Anche il cerchio è simbolo di unità, ma il numero delle stelle non dipende dal numero dei paesi membri.»

http://europa.eu/about-eu/basic-information/symbols/flag/index_it.htm

A me francamente sembra una spiegazione che non vuole dir nulla, un vero e proprio depistaggio: gli ideali di unità, solidarietà, ecc. ecc., dovrebbero essere dodici?

O dovrebbero comunque essere rappresentati da dodici stelle?

Perché non dieci o tredici? O qualsiasi altro numero?

Leggiamo cosa scrive a questo proposito l’Economist:

«The European flag of 12 yellow stars on a blue background also owes something to Catholicism. Arsene Heitz, who designed it in 1955, recently told Lourdes magazine that his inspiration had been the reference in the Book of Revelation, the New Testament’s final section, to “a woman clothed with the sun…and a crown of twelve stars on her head.”»

http://www.economist.com/node/3332056/print?Story_ID=3332056

Leggiamo questo passo dell’Apocalisse di Giovanni:

«Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e, sul capo, una corona di dodici stelle. Era incinta, e gridava per le doglie e il travaglio del parto.»

(Apocalisse di Giovanni, 12, 1-2, Bibbia CEI 2008)

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il millenarismo è un meme egoista

5 marzo 2015

Le ideologie antistato (le quali, come ho scritto più volte, sono tutte esempi di millenarismo cristiano) hanno due importanti caratteristiche.

1. Ignorano sempre, e ostentatamente, i due micidiali pericoli a cui sono sottoposte le comunità umane: l’aggressione di stranieri e i torti reciproci, per usare le parole di Hobbes.

Ignorano, cioè, la necessità dell’esercito e della legge, che sono, come scrive Bobbio, le due funzioni essenziali dello Stato.

L’esempio più semplice e chiaro (o meglio più rozzo) è la narrazione dell’anarchismo: l’umanità, dopo essersi liberata dello Stato, diventa repentinamente solidale e cooperativa, viene a trovarsi all’improvviso in un nuovo paradiso terrestre, dove il male non è nemmeno immaginabile.

2. Nella loro teoria c’è sempre un salto logico, un venir meno della Ragione.

Già l’anarchismo è un esempio di ciò, ma farò a questo proposito altri due esempi:

a) nell’ideologia comunista il passaggio dalla società socialista (la dittatura del proletariato) a quella comunista (lo stadio finale), passaggio che la teoria marx-engelsiana spiega in un modo assolutamente artificioso e puerile (vedi l’analisi di Bobbio che ho riportato in post precedenti).

Infatti tale passaggio non è mai avvenuto in nessuna delle società socialiste esistenti ed esistite.

b) nell’ideologia europeista il buon funzionamento dell’euro, buon funzionamento che, come è noto, prima della sua stessa introduzione, diversi eminenti economisti avevano giudicato essere tecnicamente impossibile. Non solo, ma oggi a questo coraggioso drappello di economisti si è aggiunto un intero esercito (nel quale è possibile notare, nelle retrovie, Stefano Fassina, vedi un mio post precedente).

In altre parole, il buon funzionamento dell’euro è in contraddizione con i principi e le regole della scienza economica.

Nell’ottica del millenarismo, la genesi delle suddette due caratteristiche delle ideologie antistato è facilmente spiegabile.

L’eliminazione dello Stato che le ideologie antistato propugnano altro non è che l’eliminazione dello Stato romano, lo Stato della “grande prostituta” (Apocalisse di Giovanni, 17, 1, Bibbia CEI 2008), cioè di Roma, la Roma delle persecuzioni cristiane.

L’eliminazione dello Stato romano coincide con l’eliminazione (provvisoria, cioè per mille anni) di “Satana”, ossia del Male (ibid., 20, 1-3).

Per un approfondimento, vedi qui, dove il millenarismo viene descritto dal punto di vista teologico:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/06/il-problema-del-millenarismo/

e qui, dove viene descritto dal punto di vista filosofico:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/02/14/linternazionalismo-di-rockefeller-e-un-millenarismo/

È sufficiente leggere i capitoli 17, 18, 19 e 20 dell’Apocalisse per comprendere ciò di cui sto parlando.

Contrariamente alla sua fama, l’Apocalisse non è difficile da capire, l’unico problema interpretativo che ho personalmente trovato nei suddetti capitoli è quello della “grande prostituta”, chiamata anche “Babilonia”, termini che notoriamente Giovanni usa per indicare Roma (che egli non nomina esplicitamente), come del resto è scritto anche qui:

http://www.bibbiaedu.it/testi/Bibbia_CEI_2008.Ricerca?Libro=Apocalisse&capitolo=17

Il punto nodale è questo: avendo Dio (l’angelo di cui scrive Giovanni) incatenato Satana (ossia il Male) per mille anni, non ci potranno ovviamente essere né aggressione di stranieri né torti reciproci, da cui la suddetta prima caratteristica delle ideologie antistato.

Eliminato il Male, si vivrà in una condizione di perfezione trascendente, in un mondo trasfigurato, che non possiamo neanche descrivere, perché è al di là della nostra immaginazione terrena.

Ne discende la suddetta seconda caratteristica delle ideologie antistato: in esse c’è sempre un salto logico, che corrisponde al salto nel mondo trasfigurato dei millenaristi. Questi ultimi non possono spiegare alcunché, semplicemente perché le parole di questo mondo terreno non sono in grado di descrivere il mondo di perfezione trascendente che essi aspettano.

Del resto, ciò che alla Ragione sembra impossibile, viene reso possibile dall’intervento di Dio.

Ed ecco perché, infine, i seguaci dell’euro insistono parossisticamente sull’austerità, sulle riforme e sulla corruzione: perché dobbiamo essere moralmente pronti alla seconda venuta di Cristo, altrimenti non potremo regnare con lui per mille anni sulla terra, come è scritto nell’Apocalisse. Regneranno con lui, infatti, soltanto coloro che hanno seguito il volere di Dio.

Tanto grande è la potenza di questo meme cristiano: il millenarismo.

Esso si è propagato superando le barriere del tempo (agisce da circa duemila anni) e dello spazio (si è diffuso, sotto forma di mondialismo, negli Stati Uniti, in Canada e in Australia, oltreché ovviamente in tutta Europa, sotto forma di europeismo), sovvertendo la Ragione degli ospiti e spingendoli ad azioni per loro deleterie.

È, senza alcun dubbio, un meme egoista.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Cosa siamo? Siamo nazionalisti

1 marzo 2015

Chiunque sia contrario al mondialismo è un nazionalista.

Non si deve aver paura delle parole.

“Nazionalista” non è un insulto.

Noi vogliamo conservare lo Stato, che è indispensabile, che è una necessità della Ragione.

Lo Stato è ciò che difende il popolo: un popolo senza Stato può essere aggredito da chiunque.

Può essere aggredito dai mondialisti, può essere aggredito dall’Islam in guerra.

Uscire dall’euro non ci basta.

Uscire dall’euro e mantenere immutate le attuali politiche di immigrazione è un’idiozia, perché lo Stato verrebbe spazzato via comunque.

Noi vogliamo conservare la nostra identità, la nostra cultura, i nostri valori, i nostri costumi, la nostra religione, la nostra lingua.

Noi non vogliamo morire per far piacere all’Unione Europea, alla Germania, alle banche, alla finanza internazionale, ai criminali mondialisti che stanno pugnalando alla schiena i popoli del mondo, agli islamici che ci vogliono invadere.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.