La cultura dell’Occidente è una cultura apocalittica

La cultura dell’Occidente è una cultura apocalittica in quanto la religione propria dell’Occidente è il Cristianesimo occidentale, ossia quello della Chiesa di Roma e delle Chiese nate dalla Riforma Protestante, e tale religione è una religione dichiaratamente apocalittica: l’ultimo libro del Nuovo Testamento è l’Apocalisse di Giovanni.

È vero che dal Medio Evo fino ad oggi il millenarismo, la dottrina nata dall’Apocalisse di Giovanni, ossia la credenza dell’imminente instaurazione di un Regno di Cristo e dei giusti sulla terra della durata di mille anni prima del giudizio universale, è stato rifiutato dalla Chiesa di Roma, ma tale rifiuto non può essere completo e definitivo, in quanto non è possibile rifiutare completamente e definitivamente l’ultimo libro del Nuovo Testamento.

E infatti Papa Bergoglio, come ho mostrato in diversi post precedenti, è un papa apocalittico-millenarista perfino nel nome scelto: Francesco.

Il Cristianesimo orientale evita di essere una religione apocalittica grazie al cesaropapismo, ossia al geniale stratagemma inventato da Costantino il Grande di subordinare la Chiesa allo Stato, che di fatto neutralizza completamente il millenarismo insito nel Cristianesimo.

E non bisogna confondere, come taluni purtroppo fanno, il millenarismo, che è un fenomeno tipicamente cristiano, con la religione ebraica, con la religione islamica e perfino con il nazismo (!!!).

Solo il Cristianesimo, infatti, ha come scopo l’eliminazione dello Stato:

«Poi vidi il cielo aperto, ed ecco un cavallo bianco; colui che lo cavalcava si chiamava Fedele e Veritiero: egli giudica e combatte con giustizia.
I suoi occhi sono come una fiamma di fuoco, ha sul suo capo molti diademi; porta scritto un nome che nessuno conosce all’infuori di lui. È avvolto in un mantello intriso di sangue e il suo nome è: il Verbo di Dio. Gli eserciti del cielo lo seguono su cavalli bianchi, vestiti di lino bianco e puro. Dalla bocca gli esce una spada affilata, per colpire con essa le nazioni. Egli le governerà con scettro di ferro e pigerà nel tino il vino dell’ira furiosa di Dio, l’Onnipotente.»

Giovanni, Apocalisse, 19, 11-15, Bibbia CEI 2008

Quest’idea peregrina di trovare sempre le stesse strutture in qualunque campo, in qualunque aspetto delle culture umane, è uno strutturalismo esagerato, uno strutturalismo ad oltranza, o meglio ancora: un cretinismo strutturalista.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: