Archive for aprile 2016

Vivere volontariamente in un mondo di menzogne

29 aprile 2016

Viviamo in un mondo di menzogne.

Ci sono scontri di manifestanti con la polizia?

Matteo Renzi dichiara alla stampa:

“Mi spiace per gli scontri registrati questa mattina, sono abbastanza incomprensibili”

Certo, in Italia va tutto bene e la gente dovrebbe essere felice (*), che diamine!

Non stiamo forse dal lato giusto della storia?

No!

Stiamo dal lato sbagliato!

Un lato pieno di menzogne, menzogne sostenute perfino da chi fa della Ragione il proprio credo, come il CICAP e l’UAAR, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/04/12/il-cicap-luaar-la-propaganda-mondialista-la-ragione-e-i-soldi/

E il PD è sempre, nei sondaggi, il primo partito d’Italia.

Capisco che chi visse nella Germania di Hitler non potesse avere altra fonte di informazione che quella della propaganda nazista.

Nell’Italia di oggi invece, mediante internet, possiamo avere accesso alla verità.

In casa nostra, facilmente, tranquillamente e senza rischio alcuno.

Ma niente, gli italiani preferiscono credere nel mondo di menzogne in cui vivono.

Una Matrix volontaria, deliberata.

——————–

(*) In realtà, l’Italia è al 50° posto nel World Happiness Report 2016 Update, preceduta da Slovakia [paese UE] (45°), El Salvador (46°), Malaysia (47°), Nicaragua (48°), Uzbekistan (49°).

Del resto, l’Italia è al 77° posto nel 2016 World Press Freedom Index, preceduta da Hungary [paese UE] (67°), Bosnia-Herzegovina (68°), Hong Kong (69°), South Korea (70°), Tanzania (71°), Japan (72°), Lesotho (73°), Armenia (74°), Nicaragua (75°), Moldova (76°).

Niente male per il paese del Rinascimento!

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Chi sostiene Hillary Clinton

24 aprile 2016

C’è una pagina di Wikipedia in inglese che si chiama così:

List of Hillary Clinton presidential campaign endorsements, 2016

https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Hillary_

Clinton_presidential_campaign_endorsements,_2016

È interessante darle un’occhiata.

Tra i nomi dei politici stranieri troviamo:

Silvio Berlusconi, 50th Prime Minister of Italy (1994–95; 2001–06; 2008–11) (Forza Italia)[453]

Matteo Renzi, 56th Prime Minister of Italy (Democratic Party)[458]

Il che conferma che Silvio Berlusconi è sempre stato un mondialista, come da tempo sostengo, vedi p.e. qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/20/essere-contro-lo-stato-non-e-monopolio-della-sinistra/

Ci sono anche, ovviamente:

Tony Blair, 51st Prime Minister of the United Kingdom (1997–2007) (Labour Party)[455]

Nicolas Sarkozy, 23rd President of France (2007–12) (The Republicans)[459]

Poi ho notato i seguenti (non in ordine alfabetico):

Lynn Forester de Rothschild, CEO: E.L. Rothschild and philanthropist[549]

George Soros,[a] Chairman: Soros Fund Management, the Open Society Foundations[530]

John J. Mack, former CEO: Morgan Stanley[707]

Robert Kagan, historian and foreign policy commentator[748]

Abigail Disney, documentary filmmaker and philanthropist[698]

Alan F. Horn, Chairman: Walt Disney Studios[685]

Bob Iger, CEO: The Walt Disney Company[672]

Gary Marsh, President: Disney Channels Worldwide[698]

Laurene Powell Jobs, philanthropist[529]

Chris Kelly, former CPO: Facebook; Sacramento Kings co-owner[695]

Sheryl Sandberg, COO: Facebook and activist[721]

Omid Kordestani, Executive Chairman: Twitter[697]

Susan Wojcicki, CEO: YouTube[733]

James Cameron,[c] director and producer[679]

John Grisham, writer[788]

George Lucas, director and producer[679]

Steven Spielberg,[c][b] director and producer[530]

Tra gli attori c’è praticamente tutta Hollywood, ma non mi aspettavo i seguenti, dato che entrambi hanno dichiarato di deplorare la guerra in Iraq:

Richard Gere, actor[913]

Sean Penn,[c] actor[983]

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Hillary_Clinton_official_Secretary_of_State_portrait_crop

By United States Department of State (Official Photo at Department of State page) [Public domain], via Wikimedia Commons

Ma ci fate o ci siete?

23 aprile 2016

Leggo un articolo di Maria Giovanna Maglie pubblicato su Dagospia il 22 aprile 2016:

«Come mai un recente sondaggio in Israele ha rivelato che il candidato preferito è Donald Trump? Che rappresenterebbe gli interessi di Israele in usa meglio di Hillary Clinton?…

…E com’è che Israel Ha Yom, il quotidiano più venduto nel Paese, di proprietà del magnate dei casinò Sheldon Adelson, uno che è potente di qua e di là, si è deciso ad appoggiare pubblicamente il miliardario newyorchese?»

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/primarie-fatte-maglie-asso-manica-trump-genero-jared-123314.htm

Come si fa a scrivere queste frasi? Come si fa a essere sorpresi dall’ovvio?

Hillary Clinton è uno dei vari puppet dell’internazionalismo di Rockefeller, vale a dire del mondialismo, vale a dire del globalismo.

Un puppet dei peggiori, basta vedere il video delle sue risate sul barbaro assassinio di Gheddafi:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/03/29/se-questa-donna-diventasse-presidente-rischieremmo-la-guerra-nucleare/

Sui particolari del barbaro assassinio di Gheddafi (censurati da Wikipedia in italiano! Bravi, continuate così! Prima o poi David Rockefeller in persona vi darà un premio!) ecco cosa dice Wikipedia in inglese:

«The video appears to picture Gaddafi being sodomized with a bayonet.[23][24][25]»

https://en.wikipedia.org/wiki/Death_of_Muammar_Gaddafi

Le fonti sono, rispettivamente:

[23] http://www.lrb.co.uk/v38/n01/seymour-m-hersh/military-to-military

[24] http://www.cbsnews.com/news/globalpost-qaddafi-apparently-sodomized-after-capture/

[25] http://www.irishtimes.com/news/gadafy-s-killers-will-be-tried-claims-ntc-1.632918

E fu proprio la ex Segretaria di Stato a convincere Obama a lanciare sulla Libia i suoi tomahawk, vedi qui:

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/guerra-hillary-fu-clinton-segretario-stato-convincere-119576.htm

Una criminale mondialista, che altro non è Hillary Clinton, potrebbe mai rappresentare gli interessi del sionismo, che è un nazionalismo (come ho scritto più volte)?

Ma ci fate o ci siete?

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Da cattocomunisti a cattomondialisti

21 aprile 2016

C’è chi scrive della mutazione del Partito Comunista Italiano, PCI, a partito mondialista italiano (mutazione che iniziò nel maggio del 1989, quando Achille Occhetto, segretario del PCI, e Giorgio Napolitano incontrarono negli USA David Rockefeller), scambiandola moralisticamente per un “salto sul carro del vincitore”:

http://www.maurizioblondet.it/confessione-un-intellettuale-del-inutile/

Ma non fu, come lo dipinge Maurizio Blondet, un salto della quaglia dettato dalle umane miserie.

Un salto opportunistico, nel quale le idee non contavano nulla.

Esattamente il contrario: fu il logico passaggio da un’ideologia antistato bocciata dalla storia, il comunismo, a un’altra ideologia antistato, il mondialismo, il tutto per sostenere sempre e soltanto un’unica idea (purtroppo esiziale), quella di eliminare lo Stato.

L’internazionalismo marxista e l’internazionalismo di Rockefeller sono infatti due versioni differenti di una stessa idea.

Così gli italiani mutarono da cattocomunisti a cattomondialisti.

Del resto la penisola italica è da quasi due millenni nell’occhio del ciclone delle ideologie antistato (la prima persecuzione cristiana, quella sotto Nerone, è del 64 e l’Apocalisse di Giovanni, secondo l’opinione più comune, fu scritta alla fine del I secolo), vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/05/il-millenarismo-e-un-meme-egoista/

Si vede che è destino.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il mondialismo mostra apertamente il suo delirio

16 aprile 2016

Ormai il mondialismo ha gettato la maschera e sta mostrando apertamente ed esplicitamente il suo delirio, la sua vera natura di idea delirante.

E lo fa con il mantra “no ai muri, no al controllo dei confini degli Stati”.

È evidente che così si elimina lo Stato, perché, come è ben noto, lo Stato si fonda sulla triade: sovranità, popolo, territorio (il quale ha necessariamente dei confini e questi devono essere necessariamente controllati, altrimenti perdono la loro funzione).

È come se volessimo eliminare la porta d’ingresso della nostra casa.

Il risultato sarebbe che ne saremmo espropriati da chiunque abbia la voglia di farlo.

Sarebbe l’eliminazione perfetta della proprietà privata.

Così ciò che non è riuscito al comunismo, riuscirebbe al mondialismo.

E infatti sono entrambi ideologie antistato, vedi la mia teoria unificata delle ideologie antistato:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

Ma ci sono popoli che non ci stanno, che si stanno ribellando al delirio mondialista, come per esempio il popolo austriaco:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/04/14/migranti-austria-se-litalia-continua-a-far-passare-profughi-chiudiamo-il-brennero-tirolo-non-sara-sala-di-attesa/2635306/

http://it.sputniknews.com/mondo/20160415/2486694/austria-chiusura-frontiere-brennero-italia-immigrazione-crisi-migranti.html

E mi fa ribrezzo l’atteggiamento del popolo italiano, che non si ribella affatto ai deliri antistato dell’establishment politico (in data odierna il PD, il partito mondialista italiano per antonomasia, nei sondaggi è sempre il primo partito!) e dell’establishment religioso.

È la dimostrazione che il mondialismo non è affatto un complotto, in quanto élite e popolo hanno un idem sentire, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/06/29/il-mondialismo-non-e-un-complotto/

Sono proprio gli italiani a essere mondialisti, altro che complotto!

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il ruolo degli ebrei nel mondialismo

14 aprile 2016

È piuttosto diffusa l’idea che gli ebrei abbiano un ruolo centrale e fondamentale nel mondialismo.

Ebbene, si tratta di un’idea sbagliata.

La teoria unificata delle ideologie antistato mostra che queste ultime sono il portato inequivocabile del millenarismo.

E il millenarismo è un fenomeno esclusivamente cristiano, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/09/26/la-cultura-delloccidente-e-una-cultura-apocalittica/

In particolare, è un grave errore pensare che il Cristianesimo sia simile all’Ebraismo.

Si tratta di due religioni profondamente diverse e se ne accorse perfino Nietzsche (filosofo assolutamente deprecabile, in quanto assolutamente contrario alla Ragione).

Se gli ebrei non hanno un ruolo centrale e fondamentale nel mondialismo, comunque hanno in esso un ruolo secondario (mentre i musulmani, per esempio, non hanno alcun ruolo nel mondialismo).

Bisogna capire che gli ebrei, dalla Diaspora provocata dall’Impero romano con le Guerre giudaiche, sono stati molto a lungo, fino alla recente creazione dello Stato d’Israele, un popolo senza Stato e quindi naturaliter contro lo Stato.

È da puntualizzare che non si tratta affatto di un’ideologia antistato (l’Ebraismo non è di per sé contrario allo Stato), ma bensì di una tradizione contraria allo Stato, la cui funzione è stata per molti secoli quella di mantenere in vita il popolo ebraico, vale a dire la religione ebraica (l’Ebraismo non è una religione universale come il Cristianesimo), altrimenti ambedue, popolo e religione, sarebbero scomparsi.

Oggi l’esistenza dello Stato d’Israele (che si chiama ufficialmente così e non Israele) ha fortunatamente cambiato le cose: il sionismo è un nazionalismo e in quanto tale è per definizione nemico del mondialismo.

Tanto per fare un esempio, lo Stato d’Israele non ha mai adottato le sanzioni imposte da Obama e dall’Unione Europea (compresa l’Italia) alla Russia di Putin, anzi commercia con essa più di prima.

Ciò sarebbe del tutto impossibile se lo Stato d’Israele fosse dalla parte dei mondialisti.

Ho notato per la prima volta questa semplice verità (l’opposizione tra Stato d’Israele e mondialismo) in un mio post del 25 agosto 2013:

La partita è fra chi vuole distruggere lo Stato (per esempio Brzezinski e Rockefeller), e quindi anche lo Stato d’Israele, e chi vuole difenderlo.

https://luigicocola.wordpress.com/2013/08/25/il-sogno-irrealizzabile-di-un-uomo-molto-ricco-un-mondo-senza-stato/

Rimane però una certa percentuale di ebrei che restano a tutt’oggi ancorati all’antica tradizione ebraica di essere contro lo Stato: per esempio i Rothschild (che erano i precedenti proprietari dell’Economist, passato recentemente agli Agnelli), George Soros, Mark Zuckerberg, ecc. ecc.

Così stanno le cose.

E il resto sono favolette.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il CICAP, l’UAAR, la propaganda mondialista, la Ragione e i soldi

12 aprile 2016

Compulsando Google sono capitato su una pagina del sito del Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze (CICAP), quella che riporta la recensione di Paolo Cortesi del libro Il governo mondiale e la controchiesa di Pierre Virion:

«L’idea stessa che è alla base del libro, cioè il complotto universale giudeo-massonico, è un’idea vecchia, decrepita, ormai esausta. Nessuno potrebbe negare che la globalizzazione abbia, effettivamente, caratteristiche assai vicine alla congiura planetaria: basti pensare alla struttura verticistica e all’altissimo livello di segretezza di cui si circondano le multinazionali per le loro decisioni fondamentali. Ma attualmente non ha senso interpretare tale fenomeno, assai articolato e complesso, con le categorie assolutamente semplicistiche, riduttive e faziose di Virion.»

https://www.cicap.org/n/articolo.php?id=102061

Sono d’accordissimo con il giudizio negativo sul libro recensito (vedi il mio post precedente).

Purtroppo però, come risulta evidente dal brano che ho citato, anche il CICAP lancia il messaggio (tristemente noto) che non esiste il globalismo, ossia un’ideologia, ma che esiste invece la globalizzazione, ossia un processo storico ineluttabile.

E contro un processo storico ineluttabile non puoi farci proprio niente!

È come se il CICAP affermasse, parafrasando l’Humphrey Bogart del film L’ultima minaccia (Deadline) di Richard Brooks:

«È la storia, bellezza! La storia! E tu non ci puoi far niente. Niente.»

Per capire il piccolo sporco trucco semantico dell’uso del termine “globalizzazione” (o del suo sinonimo “mondializzazione”) al posto del termine “globalismo” (o del suo sinonimo “mondialismo”) vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/11/loccidente-contro-il-resto-del-mondo/

Insomma quella del CICAP è pura propaganda mondialista!

N.B.: uno dei motti del CICAP è: “Aiutaci a tenere acceso il lume della ragione”.

E il CICAP usa questo motto per chiedere soldi agli italiani:

http://www.cicap.org/n/articolo.php?id=278044

Del resto anche l’UAAR – Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti chiede soldi agli italiani in nome della Ragione:

http://www.uaar.it/uaar/5×1000/

Dell’UAAR ho scritto qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/01/21/la-propaganda-mondialista-italiana-nega-levidenza/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il mondialismo e la massoneria

9 aprile 2016

Purtroppo sul mondialismo si scrivono molte sciocchezze, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/12/19/le-sciocchezze-che-si-scrivono-sul-mondialismo/

Una delle più comuni sciocchezze sul mondialismo è quella della sua pretesa origine massonica.

Come ho più volte mostrato, l’origine del mondialismo è il Cristianesimo (o meglio il millenarismo cristiano) e si vorrà convenire, almeno lo spero, che il Cristianesimo e la massoneria non sono esattamente la stessa cosa.

Che poi la massoneria attuale sia piena di gente che crede nell’ideologia mondialista non significa proprio nulla: potremmo dire lo stesso dei condomìni italiani, dato che il PD è in data odierna il primo partito d’Italia in tutti i sondaggi politici (con una percentuale di poco superiore al 30%) e che il PD è il partito mondialista italiano per antonomasia.

Una delle varie farneticazioni internettiane sull’origine massonica del mondialismo riguarda il conte Richard Nikolaus Coudenhove-Kalergi, un filosofo austriaco (ottenne un dottorato in filosofia all’Università di Vienna nel 1917) che pubblicò nel 1923 un libro intitolato Pan-Europa, in cui egli propone l’istituzione degli “Stati federati d’Europa”, cosa in realtà del tutto impossibile da attuare per via del grande numero delle lingue europee, come personalmente ho scritto più e più volte sia nei miei saggi che in questo blog (a partire dal 19 aprile 2012) e come è stato scritto successivamente anche da altri, p.e. da Giovanni Sartori e da Alberto Bagnai, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/06/21/le-idee-confuse-di-jacques-sapir/

E dato che il conte filosofo era fra l’altro massone, ecco che molti minus habentes ritengono che il mondialismo abbia origini massoniche.

Ma basta dare un’occhiata a Wikipedia in inglese per apprendere che il Cristianesimo è uno dei punti fondamentali dell’ingenua, infantile e irrealizzabile utopia del conte filosofo (infatti egli era di religione cristiana) e che la bandiera della International Paneuropean Union riporta una croce rossa inscritta in un cerchio giallo (si trova anche sulla copertina del libro Pan-Europa):

https://en.wikipedia.org/wiki/Paneuropean_Union

Di cosa è simbolo la croce?

P.S.: anche la bandiera dell’Unione Europea ha un’innegabile simbologia cristiana (sebbene meno palese), cioè la “corona di dodici stelle” descritta nell’Apocalisse di Giovanni, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/08/lapocalisse-e-lunione-europea/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.