Archive for novembre 2016

Per una visione storica del mondialismo

28 novembre 2016

In un vecchio post avevo scritto che molti non riescono ad accettare la verità e a questo proposito avevo citato Jack Nicholson, che in Codice d’onore (A Few Good Men) ruggisce: «Tu non puoi reggere la verità!» («You can’t handle the truth!»).

È dura accettare la verità quando l’accettazione di essa ci porterebbe a biasimare un’istituzione o un’idea a cui teniamo molto, che ci è indispensabile per vivere.

Così chi è di religione cristiana di regola vive acriticamente il Cristianesimo.

E non riesce ad accettare l’evidenza dei fatti, che è la seguente: da circa duemila anni assistiamo alle alterne vicende del conflitto tra Papato e Stato (il Medio Evo fu una di esse), conflitto che a volte si acquieta e a volte divampa, assumendo nel tempo nomi diversi, p.e. il conflitto tra Guelfi e Ghibellini, ben noto agli italiani, dato che a scuola essi studiano le opere di Dante Alighieri.

E con la Riforma protestante le cose non sono cambiate, anzi sono peggiorate: infatti il millenarismo, messo a tacere dalla Chiesa di Roma per parecchi secoli, fu poi ripreso con forza dai protestanti, i quali, com’è noto, si basano sulla lettura personale della Bibbia e non sull’interpretazione di essa da parte del clero come fanno i cattolici.

Perché il problema non è banalmente lo scontro tra due poteri, quello dello Stato e quello del Papato: si tratta invece della volontà cristiana di eliminare lo Stato, volontà che si trova chiaramente espressa nell’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento (il Regno di Cristo, nonostante il nome, non è uno Stato, ma una condizione di perfezione trascendente, dato che il Messia cristiano, a differenza di quello ebraico, ha sia natura umana, sia natura divina).

Peggio ancora, con John Locke, come ho mostrato più volte, la prescrizione millenaristica di eliminare lo Stato, che è contenuta nell’Apocalisse di Giovanni, assunse forma filosofica, mascherando così la sua vera natura, la sua vera origine, che è religiosa:

«È evidente, infatti, che se l’uomo fosse un essere naturalmente buono e mansueto, come lo descrive Locke, non avrebbe bisogno di alcuna istituzione politica che lo protegga, cioè non avrebbe bisogno dello Stato, le cui due funzioni essenziali sono appunto quelle di proteggere la comunità dagli aggressori esterni (mediante l’esercito) e dai torti reciproci (mediante la giustizia).

Anzi, lo Stato stravolgerebbe e incattivirebbe la natura buona e mansueta dell’uomo.»

https://luigicocola.wordpress.com/2012/10/23/il-mito-della-dannosita-dello-stato/

Il mondialismo non è niente altro che l’ultima versione della prescrizione millenaristica di eliminare lo Stato.

E Papa Bergoglio non è affatto un corpo estraneo alla Chiesa, è proprio la Chiesa, o meglio è la Chiesa delle origini:

«…It was closer to Joachim of Fiora than to Augustine of Hippo [Gioacchino da Fiore è il noto millenarista medievale]…

This end that Pope Francis seems to envision is nothing less than a world transformation of mankind to save itself, soon—indeed, now!

For many, it is the state itself that causes most of the dangerous problems that the Pope is worried about [il neretto è mio]…»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/06/07/svelare-la-verita/

Certo, in alcuni particolari Papa Bergoglio si differenzia dai mondialisti, ma lo scopo è sempre quello di eliminare lo Stato, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

Molti non riescono ad accettare l’evidenza dei fatti, come ho mostrato sopra, e quindi, a proposito del mondialismo, si mettono a farneticare di ebrei, di massoneria, di satanisti, di rettiliani, e così via, in un crescendo rossiniano di scemenze, delle quali purtroppo internet è piena.

N.B.: per quanto riguarda il Cristianesimo orientale, la storia, grazie a Costantino il Grande e al cesaropapismo, prese un’altra direzione, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/07/06/lorigine-del-mondialismo/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Sul mondialismo i fatti mi danno clamorosamente ragione

23 novembre 2016

Non si può essere contemporaneamente contro il mondialismo e contro il sionismo.

Infatti il sionismo è un nazionalismo (il nazionalismo dello Stato d’Israele) e in quanto tale è nemico naturale del mondialismo per definizione.

Ciò risulta incomprensibile per l’arcaica mentalità della destra italiana, la quale non riesce proprio a criticare gli errori del fascismo e di Benito Mussolini.

Come ho già scritto nel 2013:

«Non resta quindi che la destra. Ma la destra italiana è una destra antica, irrazionale e soprattutto incapace di criticarsi e di correggersi. È una destra, infatti, ancora prigioniera del mito di Mussolini.

Eppure trattasi di un leader politico che commise due enormi, immensi, imperdonabili errori:

1) allearsi con Hitler e il nazismo. Per esempio le leggi razziali fasciste, che furono emanate nel 1938, sono una delle nefaste conseguenze dell’alleanza con Hitler. Infatti l’Asse Roma Berlino risale al 1936. L’alleanza con Hitler non era inevitabile, come taluni pensano: altri, come Francisco Franco in Spagna, restarono neutrali.

2) vendere lo Stato italiano per un piatto di lenticchie, ossia vendere il Risorgimento. Di che cosa sto parlando? Dei Patti Lateranensi e della creazione dal nulla dello Stato della Città del Vaticano (1929).»

https://luigicocola.wordpress.com/2013/10/15/litalia-ha-bisogno-di-una-nuova-destra/

Vedi anche qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/04/13/la-nuova-destra-deve-liberarsi-di-quella-vecchia/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/07/05/il-tradizionalismo-non-si-addice-allitalia/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/09/22/scacco-matto-siriano/

Come ho scritto recentemente:

«Bisogna mettere da parte questa destra.

Bisogna crearne un’altra.»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/09/21/perche-la-destra-italiana-e-in-consonanza-con-lislam/

È ben noto che Vladimir Putin, Marine Le Pen (a differenza del padre) e Donald Trump non sono affatto antisemiti.

Addirittura Ivanka Trump, la figlia prediletta del 45° Presidente degli Stati Uniti d’America, si è convertita all’Ebraismo e ha sposato Jared Kushner, che è di religione ebraica.

Vediamo cosa dice Wikipedia in inglese su quest’ultimo:

«Kushner is the son of American real estate developer Charles Kushner and is married to Ivanka Trump, the daughter of President-elect of the United States Donald Trump. He was among the senior advisors of Trump’s presidential campaign, and described as the architect of Trump’s digital media campaign.[2][3]»

https://en.wikipedia.org/wiki/Jared_Kushner

Chi ancora farnetica sull’origine ebraica del mondialismo non ha capito nulla di quest’infame ideologia antistato.

Il mondialismo non vuole affatto creare uno Stato mondiale unico, vuole invece cancellare lo Stato dalla faccia della terra, e ciò fa capire chiaramente, a chi usa la Ragione, che tale ideologia non può assolutamente essere di origine ebraica, ossia veterotestamentaria, ma bensì di origine cristiana, ossia neotestamentaria.

Tutte le ideologie antistato sono esempi di millenarismo e il millenarismo, contrariamente all’opinione comune, è un fenomeno solo e unicamente cristiano, non è niente altro che la dottrina contenuta nell’Apocalisse di Giovanni (l’ultimo libro del Nuovo Testamento), non è niente altro che la prescrizione cristiana di eliminare lo Stato (romano).

Ho analizzato a fondo la questione qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/07/06/lorigine-del-mondialismo/

Certamente esistono ebrei che sono contrari allo Stato, ma ciò non c’entra nulla con l’Ebraismo, non c’entra nulla con la loro religione, solo e unicamente il Cristianesimo è contro lo Stato, l’Ebraismo e l’Islam sono assolutamente e incondizionatamente per lo Stato, come già scrissi nel mio primo saggio: Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo.

Quegli ebrei che sono contro lo Stato sono tali non a causa della loro religione, ma bensì a causa della Diaspora, come ho spiegato più e più volte, vedi p.e. qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/04/14/il-ruolo-degli-ebrei-nel-mondialismo/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/05/26/il-conflitto-interno-ebraico/

I fatti mi danno clamorosamente ragione, per esempio Netanyahu ha eccellenti rapporti con Putin:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/06/30/analisi-miserevoli-iv/

E Donald Trump, come è ben noto, ha promesso di far riconoscere agli Stati Uniti d’America che Gerusalemme è la capitale dello Stato d’Israele:

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Trump-pronto-a-riconoscere-Gerusalemme-capitale-Israele-presidenziali-usa-2016-Attesa-per-dibattito-con-Clinton-19f696d1-9f48-47be-a2e9-38dcf2346802.html

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il mondialismo è un delirio culturale

18 novembre 2016

L’Occidente soffre, ha sempre sofferto, di una malattia cronica con andamento a poussées, cioè un andamento in cui si alternano fasi di riacutizzazione e di remissione.

Questa malattia cronica, di cui solo l’Occidente soffre, consiste nell’odio verso lo Stato, odio che è un portato del Cristianesimo, come ho più e più volte spiegato.

È una malattia perché lo Stato è una necessità razionale, è un universale culturale (esattamente come il tabù dell’incesto e i riti funebri).

Come scrive Norberto Bobbio: “la società senza Stato” è un “salto fuori della storia” (Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pag. 124).

Queste parole di Bobbio sono un modo elegante per dire che lo Stato è indispensabile e che è sempre esistito.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/08/10/ma-lo-stato-e-sempre-esistito-oppure-e-uninvenzione-recente/

Purtroppo nella cultura occidentale si è creato il mito dell’inutilità, anzi della dannosità dello Stato.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/10/23/il-mito-della-dannosita-dello-stato/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/05/16/ce-voluto-un-po/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/01/25/smentite-le-idiozie-di-locke-e-di-rousseau-sullo-stato-di-natura/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/07/06/lorigine-del-mondialismo/

Generazioni e generazioni e generazioni di filosofi, di politologi, di sociologi, di antropologi culturali, di accademici e di intellettuali hanno ripetuto questo colossale errore.

Essi sono vissuti dentro questo colossale errore.

È tempo che questo colossale errore, che è un vero e proprio delirio culturale, venga compreso ed eliminato.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Vorrei ricordare che…

16 novembre 2016

Vorrei ricordare che il 23 febbraio 2015 avevo scritto:

«Questi sono i risultati del sogno mondialista: povertà e guerra.

Il mondialismo è un crimine contro l’umanità.»

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/23/il-mondialismo-e-un-crimine-contro-lumanita/

È del 31 ottobre 2016 il famoso discorso di Peter Thiel in favore di Donald Trump:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/11/10/le-contraddizioni-della-silicon-valley/

In tale discorso Peter Thiel parla proprio della povertà e della guerra come ragioni per votare Donald Trump.

È vero che egli non nomina i termini “globalism” (mondialismo in inglese), “New World Order” e neanche “globalization”, ma Trump stesso ha detto:

«We will no longer surrender this country, or its people, to the false song of globalism.

The nation-state remains the true foundation for happiness and harmony. I am skeptical of international unions that tie us up and bring America down, and will never enter America into any agreement that reduces our ability to control our own affairs.»

https://www.donaldjtrump.com/press-releases/donald-j.-trump-foreign-policy-speech

E infine vorrei ricordare che il 7 marzo 2016 avevo scritto:

«Il mondialismo durerà meno del comunismo, una delle altre ideologie antistato, il quale è durato settantaquattro anni: dalla rivoluzione russa del 1917 al dissolvimento dell’Unione Sovietica nel 1991.

Il motivo è semplice da capire: il comunismo, ossia la teoria marx-engelsiana, non solo rimanda l’eliminazione dello Stato a un indeterminato futuro (a differenza del mondialismo), e quindi rimanda sine die i tremendi danni correlati a quest’eliminazione (p.e. l’immigrazione islamica incontrollata), ma oltre a ciò utilizza la via dell’anticapitalismo, invece di quella dell’ultracapitalismo utilizzata dal mondialismo.

Così, nell’ambito dell’economia, se da un lato il comunismo vieta l’arricchimento privato (il che è un elemento negativo), dall’altro sconfigge la povertà (il che è un elemento fortemente positivo), povertà che invece viene inevitabilmente prodotta dall’ultracapitalismo, il quale non è il normale capitalismo, quello a cui siamo stati abituati per molto, moltissimo tempo, ma è un capitalismo ingiusto e distruttivo, cioè un capitalismo privo del contrappeso dello Stato…

In altre parole il mondialismo, come ideologia antistato, è molto più virulento e devastante del comunismo e provoca quindi reazioni contrarie molto più rapide e intense.

Non solo da parte dei popoli nei quali il mondialismo non ha attecchito (praticamente tutti tranne quelli occidentali), ma anche da parte di coloro che Arnold J. Toynbee chiamerebbe “proletariato interno”.

Al momento presente, infatti, i proletariati interni dei popoli storicamente più volitivi e determinati dell’Occidente si stanno vistosamente ribellando al mondialismo che li affligge (vedi Marine Le Pen, Donald Trump, ecc. ecc.) e lo possono facilmente fare perché nella cultura occidentale vige la democrazia: al popolo viene data periodicamente la possibilità di scegliere chi lo governerà per un determinato lasso di tempo. E questa possibilità di scelta non può essere tolta impunemente, perché ciò legittimerebbe una rivoluzione violenta.»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/03/07/perche-il-mondialismo-durera-meno-del-comunismo/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Troppa scienza economica rende ciechi

14 novembre 2016

Rimango stupefatto alle seguenti parole dell’economista Alberto Bagnai, pronunciate dopo la vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali americane 2016 (al minuto 3.19):

«Il mondo della finanza ha bisogno di una moneta forte, questo succedeva al tempo di Churchill in Inghilterra e succede al tempo di Obama negli Stati Uniti, il mondo dell’industria ha bisogno di una moneta un po’ più debole. La vittoria di Trump viene vista come la vittoria dei diseredati, dell’antiglobalizzazione, o dei razzisti, o della Russia: queste sono tutte scemenze. Trump è un pezzo di establishment, è il pezzo di establishment al quale fa più comodo un dollaro un po’ più debole. Punto.»

Quindi, secondo Bagnai, non c’entra nulla l’argomento “Nationalism vs. Globalism” di cui ha scritto Robert W. Merry nel suo articolo intitolato appunto Trump vs. Hillary Is Nationalism vs. Globalism, 2016 e pubblicato da The National Interest (4 maggio 2016):

https://luigicocola.wordpress.com/2016/06/02/donald-trump-grida-il-re-e-nudo/

E, sempre secondo Bagnai, non c’entrano nulla la povertà e la guerra, come ha detto invece Peter Thiel nel suo famoso discorso in favore di Donald Trump al National Press Club (31 ottobre 2016):

https://luigicocola.wordpress.com/2016/11/10/le-contraddizioni-della-silicon-valley/

No, si tratta solo e semplicemente di un bisticcio tra capitalisti: tra i capitalisti del mondo della finanza e i capitalisti del mondo dell’industria.

Certo, come no.

Troppa scienza economica rende ciechi.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La storia giudicherà duramente quest’élite globalista

11 novembre 2016

«”L’impensabile è accaduto, e occorre ora farsene una ragione…”
Lo scrive il presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un intervento pubblicato sulla Stampa in cui descrive la vittoria di Donald Trump come reazione di chi si sente escluso.»

http://www.huffingtonpost.it/2016/11/10/donald-trump-presidente-napolitano-prodi-letta_n_12892380.html

L’élite globalista afferma dunque che la ribellione del popolo alla povertà e alla guerra (povertà e guerra evidenziate anche da Peter Thiel, vedi post precedente) fosse impensabile.

Insomma, è praticamente un oltraggio.

Come si permette il popolo di ribellarsi?

Viva in povertà e crepi in guerra come gli è stato ordinato.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Le contraddizioni della Silicon Valley

10 novembre 2016

La Silicon Valley si è totalmente schierata dalla parte di Hillary Clinton e del globalismo, tranne pochissime eccezioni, p.e. Peter Thiel, il cofondatore di PayPal.

Ecco cosa dice Peter Thiel:

«IT IS NOT A LACK OF JUDGMENT THAT LEADS AMERICANS TO VOTE FOR TRUMP, WE ARE VOTING FOR TRUMP BECAUSE WE JUDGE THE LEADERSHIP OF OUR COUNTRY TO HAVE FAILED.»

http://www.zerohedge.com/news/2016-10-31/what-trump-represents-not-crazy-and-not-going-away-peter-thiel-full-transcript

Eppure è stata proprio la Silicon Valley a creare internet e a cambiare di conseguenza il mondo, rendendolo molto più democratico.

Senza internet, Donald Trump molto probabilmente avrebbe perso le elezioni.

In un precedente post ho scritto:

«Internet, per la sua intrinseca natura, impone la democrazia ed è inutile opporsi.

Internet è più forte di tutto e di tutti.»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/09/14/i-globalisti-non-possono-farcela-contro-internet/

Come è possibile che i geni della Silicon Valley non abbiano capito una verità lapalissiana, cioè che il globalismo non è affatto democratico, anzi è l’antitesi della democrazia?

Come è possibile che essi non abbiano visto la colossale contraddizione tra ciò che essi stessi hanno creato, ossia internet, che è il non plus ultra della democrazia, e il globalismo, che è la tirannia dell’élite sul popolo, che vuole impoverire e uccidere il popolo (giustamente Peter Thiel parla di povertà e di guerra)?

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/08/17/tre-caratteristiche-necessarie-del-mondialismo/

C’è anche un’ulteriore contraddizione, meno evidente della prima: il globalismo è contro la Ragione e la Weltanschauung scientifica.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/01/25/smentite-le-idiozie-di-locke-e-di-rousseau-sullo-stato-di-natura/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

P.S: ecco il testo integrale del famoso discorso di Peter Thiel in favore di Donald Trump (dal sito zerohedge.com).
«Thank you very much for having me here.
Everyone knows we have been living through a crazy election year. Real events seem like the rehearsals for Saturday Night Live.
Only an outbreak of insanity would seem to account for the unprecedented fact that this year, a political outsider managed to win a major party nomination.
To the people who are used to influencing our choices, the wealthy people who give money and the commentators who give reasons why, it all seems like a bad dream.
Donors don’t want to find out why we got here, they just want to move on. Come November 9, they hope everyone else will go back to business as usual. But it is this heedlessness: the temptation to ignore in difficult realities indulged in by our citizens that got us where we are today.
A lot of successful people are too proud to admit it since it seems to put their success in question. But the truth is, no matter how crazy this election seems, it is less crazy than the condition of our country. Just look at the generation that supplies most of our leaders. The baby boomers. They are entering retirement in a state of actuarial bankruptcy. 54% of those over the age of 55 have less than one years worth of savings to their name.
That is a problem, especially when this is the only country where you have to pay up to 10 times as much for simple medicines as you would pay anywhere else. America’s overpriced health care system might help subsidize the rest of the world, but that does not help americans who cannot afford it and they have started to notice.
Our youngest citizens may not have medical bills, but their college tuition keeps on increasing faster than the rate of inflation, adding more every year to our $1.3 trillion mountain of student debt. America has become the only country where students take on loans they can never escape, not even by declaring bankruptcy.
Stuck in this broken system, millennials are the first generation that expect their own lives to be worse than the lives of their parents. While american family expenses have been increasing relentlessly, their incomes have been stagnant. In real dollars, immediate household makes less money today that made 17 years ago. Nearly half of americans would not be able to come up with $400 if they needed it for an emergency.
Yet, while households struggled to keep up with the challenges of everyday life, the government is wasting trillions of dollars on taxpayer money on faraway wars. Right now, we’re fighting five of them. In Iraq, Syria, Libya, and Somalia.
In the wealthy suburbs of Washington DC, people are doing just fine. Where I work in Silicon Valley, people are doing just great. But most americans don’t live by the Beltway or the San Francisco Bay. Most americans have not been part of that perspective. It shouldn’t be surprising to see people voting for Bernie Sanders or Donald Trump, who is the only outsider (very few people who vote for president have ever thought of doing something so extreme as running for president. The people who run are often polarizing).
This election year, both major candidates are imperfect people to say the least. I don’t agree with everything Donald Trump has said and done, and I don’t think the millions of other people voting for him do either. Nobody thinks his comments about women were acceptable. I agree, they were clearly offensive and inappropriate. But I don’t think the voters pull the lever to endorse a candidate’s flaws.
It is not a lack of judgment that leads americans to vote for Trump, we are voting for Trump because we judge the leadership of our country to have failed.
This judgment has been hard to accept for some of the countries most fortunate, socially prominent people. It certainly has been hard to accept for Silicon Valley, where many people have learned to keep quiet if they dissent from the coastal bubble. Louder voices have sent a message that they do not intend to tolerate the views of one half of the country.
This intolerance has taken on some bizarre forms. The Advocate, a magazine which once praised me as a gay innovator, even published an article saying that as of now I am, and I quote “not a gay man” because I don’t agree with their politics. The lie in the buzzword of diversity could not be made more clear. If you don’t conform, then you don’t count as diverse, no matter what your personal background.
Faced with such contempt, why do voters still support Donald Trump? Even if they think the american situation is serious, why do they think Trump of all people can make it better?
I think it is because of the big things that Trump gets right. For example, free trade has not worked out well for all of America. It helps Trump that the other side just does not get it. All of our elites treat free trade and explain that cheap imports make everyone a winner according to economic theory. But in actual practice, we’ve lost tens of thousands of factories and millions of dollars to foreign trade. Heartland has been devastated. Maybe elites really believe no one loses or maybe they don’t worry about it too much because they think they are among the winners.
The sheer size of the U.S. trade deficit shows something has gone badly wrong. The most developed country in the world should be exporting capital to less developed countries. Instead, the United States is importing more than $500 billion every year. That money flows into financial assets, distorts our economy in favor of more banking and more financial’s asian and gives well-connected people who benefit a reason to defend the status quo. But not everyone benefits, and the Trump voters know it.
Trump voters are also tired of war. We have been at war for 15 years and we have spent more than $4.6 trillion. More than 2 million people have lost their lives and more than 5000 american soldiers have been killed. But we have not one. The Bush administration promised $50 billion could bring democracy to Iraq. Instead, we squandered 40 times as much to bring about chaos. Even after these bipartisan failures, the democratic party is more hawkish today than at any time since it began the war in Vietnam. Harking back to the no-fly zone Bill Clinton enforced over Iraq before Bush costs failed war, now Hillary Clinton has called for a no-fly zone over Syria. Incredibly, that would be a mistake even more reckless than invading Iraq. Since most of the planes flying over Syria are russian planes, Clinton’s proposed course of action would involve us in a messy civil war — it would risk a direct nuclear conflict.
What explains this eagerness to escalate a dangerous situation? How could Hillary Clinton be so wildly overoptimistic about the outcome of work?
I would suggest it comes from a lot of practice. For a long time, our elites have been in the power a long time, our elites have been in the habit of denying difficult realities. That is how bubbles form. Wherever there’s a hard problem but people want to believe in an easy solution, they will be tempted to deny reality and inflated bubble. Something about the experience of the baby boomers, whose lives have been so much easier than their parents or their children has led them to buy into bubbles again and again. The trade bubble says everyone is a winner. The war bubble says victory is just around the corner, but these overoptimistic stories simply have not been true and voters are tired of being lied to.
It was both insane and somehow inevitable that D.C. insiders expected this election to be a rerun between the two political dynasties who let us through the two most gigantic financial bubbles of our time. President George W. Bush presided over the inflation of the housing bubble so big that it’s collapse is still causing economic stagnation today. But what is strangely forgotten is that the last decade housing bubble was just an attempt to make up for the gains that have been lost the decade before that. In the 1990’s, President Bill Clinton presided over an enormous stock market bubble and devastating crash in 2000 just as his second term was coming to an end. That is how long the same people have been pursuing the same disastrous policies.
Now that someone different is in the running, someone who rejects the stories that tell us everything is fine, his larger-than-life persona attracts a lot of attention. Nobody would suggest Donald Trump is a humble man. But the big things, he is right about an amount to a much-needed dose of humility. he has questioned the poor — the core concept of american exceptionalism.
He doesn’t think the force of optimism alone can change reality without hard work. Just as much as is is about making America great, Trump’s agenda is about making America a normal country, a normal country does not have a half trillion dollar trade deficit. A normal country does not fight five simultaneous undeclared wars.
In a normal country, the government actually does its job. Today, it is important to recognize the government has a job to do. Voters are tired of hearing conservative politicians saying government never works. They know government was not always this broken. The Manhattan Project, the Interstate Highway System, the Apollo Program, whatever you think of these ventures, you cannot doubt the competence of the government that got them done, but we have fallen very far from that standard. We cannot let free-market ideology serve as an excuse for decline.
No matter what happens in this election, what Trump represents is not crazy and it’s not going away. He points toward a new republican party be on the dogmas of reaganism. He points beyond the remaking of one party to a new american politics that overcomes nile, rejects bubble thinking and reckons with reality. When the distracting spectacles of this election season are over and the history of our time is written, the only important question will be whether or not that new politics came too late. Thank you.»
http://www.zerohedge.com/news/2016-10-31/what-trump-represents-not-crazy-and-not-going-away-peter-thiel-full-transcript

Donald Trump ha schiacciato la testa del serpente mondialista

9 novembre 2016

È un giorno importante della storia: il grande Donald Trump, l’uomo che ha dichiarato di essere contro la “false song of globalism”, ha vinto le elezioni, è il 45° Presidente degli Stati Uniti d’America.

Egli ha schiacciato la testa del serpente mondialista, testa che si trova appunto negli U.S.A.

Tutto adesso cambierà.

Anche in Italia.

Dobbiamo uscire dall’euro, dobbiamo ripudiare l’ultracapitalismo, dobbiamo uscire dall’ideologia mondialista.

Renzi deve essere mandato a casa, dato che egli è l’uomo del mondialismo per l’Italia, come ho già scritto in passato:

«Così Matteo Renzi, si parva licet componere magnis, non è affatto il leader della sinistra italiana, è invece l’agente del mondialismo per l’Italia, l’uomo dell’ultracapitalismo in Italia.»

https://luigicocola.wordpress.com/2015/06/11/la-sinistra-e-stata-rimpiazzata-dallultracapitalismo/

Quindi bisogna votare NO al referendum costituzionale del 4 dicembre.

Si deve creare un partito nazionalista serio, attendibile e affidabile che gestisca l’uscita dell’Italia dal mondialismo, oggi come oggi non c’è in Italia nessuna formazione politica all’altezza di questo compito, come ho scritto in un post precedente:

«È mai possibile che nell’élite italiana nessuno si sia reso conto che il mondialismo sta repentinamente per tramontare e che quindi c’è il problema di dare una guida attendibile e affidabile al paese per traghettarlo fuori dell’ideologia mondialista e normalizzarlo?

Capisco bene che si voglia prudentemente aspettare l’esito delle imminenti elezioni presidenziali americane, ma dopo si farà anche in Italia qualcosa di concreto?»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/07/30/dopo-le-elezioni-usa-si-fara-anche-in-italia-qualcosa-di-concreto/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Per avverare la parusia intermedia e il Regno di Cristo

5 novembre 2016

Hillary Clinton, una volta eletta, dopo aver assunto i pieni poteri di Presidente degli Stati Uniti d’America, scatenerà la forza militare e nucleare a sua disposizione per annientare gli Stati nazionalisti, cioè quegli Stati che non vogliono essere eliminati dal mondialismo.

In primis lo Stato russo, il campione di tali Stati.

Per chi sa leggere tra le righe, l’ha già annunciato al mondo:

“The bottom line on nuclear weapons is that when the president gives the order, it must be followed [il neretto è mio]. There’s about four minutes between the order being given and the people responsible for launching nuclear weapons to do so.”

http://www.nytimes.com/2016/10/20/us/politics/third-debate-transcript.html

Hillary Clinton ha già eliminato lo Stato nazionalista libico:

Assange: Clinton è stata una figura chiave nella disintegrazione della Libia

https://it.sputniknews.com/mondo/201611053588180-assange-clinton-presidenza-libia/

Naturalmente Assange non ne ha capito il motivo (o almeno mostra di non averlo capito), infatti:

“Secondo Assange, la Clinton voleva usare la fine del leader libico Muammar Gheddafi e il colpo di stato nel Paese come qualcosa da usare per i suoi discorsi elettorali e per la sua corsa presidenziale.”

Non che Obama non volesse eliminare lo Stato nazionalista libico, sia chiaro, è che da solo non ne aveva il coraggio.

Adesso questa psicosi religiosa collettiva che porta il nome di mondialismo sta per armare (con armi nucleari) Hillary Clinton, la donna che scatenerà l’Apocalisse.

Per avverare la parusia intermedia e il Regno di Cristo:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/06/07/svelare-la-verita/

https://luigicocola.wordpress.com/2016/05/11/discolparsi-incolpando-altri/

https://luigicocola.wordpress.com/2016/07/06/lorigine-del-mondialismo/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.