Archive for febbraio 2018

Le conferme di un economista alla mia analisi del mondialismo

23 febbraio 2018

Nel 2012 l’economista francese Alain Parguez (Professore Emerito di Economia dell’Université de Franche-Comté at Besançon ed ex consigliere di Mitterrand, 1), di cui ho già scritto diverse volte in questo blog (2), pronunciò un intervento estremamente interessante, anzi direi esplosivo, al convegno sulla Modern Money Theory, MMT, organizzato da Paolo Barnard, il 24-25-26 febbraio di quell’anno, a Rimini, in Italia (gli altri relatori furono: Marshall Auerback, William K. Black, Michael Hudson, Stephanie Kelton e ci fu anche un intervento straordinario di Nino Galloni).

Ecco i due video dell’intervento di Alain Parguez:

Riporto qualche brano della trascrizione del primo video (3):

«Sono qui per parlarvi di una storia oscura e tragica.
Avrete già capito che l’Unione Europea è un mostro che va contro a tutte le regole della teoria monetaria moderna [la Modern Money Theory, MMT, nota mia] e dell’economia moderna. Il problema è: perché esiste un sistema così assurdo?…

…Comincerò la mia presentazione con una citazione del responsabile del Ministero delle Finanze francese [Postel-Vinay, N.d.R.], che fra l’altro appartiene all’ordine dei benedettini ed è il capo dell’Opus Dei francese: e la Commissione Europea è ampiamente controllata, come anche il governo francese, dall’Opus Dei. Ho parlato con lui di questa crisi, e mi ha detto: “Sì, l’economia francese è morta, ma non lo è abbastanza”. E ha aggiunto: “Professore, lei deve capire perché esiste il sistema europeo: che cosa vogliamo? Vogliamo distruggere per sempre la gente; vogliamo creare una nuova tipologia di europeo, una nuova popolazione europea disponibile ad accettare la sofferenza, la povertà; una popolazione disposta ad accettare salari inferiori a quelli cinesi”.
Questo rappresenterà il cuore del mio intervento.
Occorre anzitutto capire una cosa: che il sistema dell’euro non è mai stato pianificato per portare ad una unione monetaria; e non è stato neanche pianificato come agenda neoliberista…

…Che cos’è dunque l’euro? È un Nuovo Ordine sociale totalitaristico, programmato molto tempo fa, nel periodo tra le due guerre, e poi portato a compimento, per così dire, dal regime di François Mitterrand, come avrò modo di chiarirvi.
In questo nuovo ordine non ci saranno più Stati sovrani: lo Stato deve svanire, o per lo meno lo Stato che trova radici nella democrazia, nel parlamento, nella repubblica. Nel nuovo ordine il potere dev’essere interamente trasferito a “coloro che lo meritano”; e questo significa un’élite, una classe capitalista di tecnocrati ai quali piace il potere di controllo assoluto…

…nell’ultima parte della mia presentazione cercherò di dimostrare che non esiste modo di risolvere questo problema e “aggiustare” il sistema [il famoso progetto degli “Stati Uniti d’Europa”, N.d.R.], perché questo ordine sociale ha una sua logica e coloro che controllano il sistema non accetteranno mai alcun tipo di cambiamento, soprattutto nessun tipo di intervento della Banca Centrale Europea. Lo accetterebbero unicamente nel caso in cui tale intervento mirasse ad incrementare la ricchezza della banche. Quindi l’unica possibilità di salvare la società europea è di liberarsi di questo sistema…

…Ci sono due fasi nella pianificazione del sistema dell’euro; la prima è nel periodo fra le due guerre e nel periodo che va dal 1940 al ’43; la seconda fase riguarda la realizzazione del sistema, ed è, debbo riconoscerlo, opera in gran parte di François Mitterrand.
Cominciamo dalla metà degli anni ’30, con persone come Robert Schuman e Jean Monnet…

…Che cosa si doveva dunque fare per “costruire l’Europa”? In sintesi:
1. abolire gli Stati nazionali;
2. forzare uno stato di deflazione permanente, andando a ridurre sempre di più la spesa pubblica;
3. trasferire il potere a una classe, diciamo così, super partes di tecnocrati che operasse a livello sovranazionale.
Ma per questi europeisti della prima ora che cosa significava l’Europa? Significava creare un co-dominio di Francia e Germania e un impero coloniale che includesse anche il sud dell’Europa e l’Europa orientale; questo obiettivo era stato chiaramente esplicitato.
Come si poteva sopprimere lo Stato? Semplice: bisognava privarlo di qualunque potere di controllo sulla moneta.
Tutti questi europeisti erano fanatici seguaci di Friedrich von Hayek, l’economista austriaco più di destra di quel tempo: l’Europa avrebbe dovuto basarsi su una valuta sovranazionale interamente controllata da una Banca Centrale sovrana che godesse di poteri assoluti, appunto per poter sovrastare gli Stati.
In ultima analisi il loro obiettivo era di imporre la futura valuta europea come un super standard aureo.
Il primo abbozzo, per così dire, del trattato di Maastricht, venne scritto da un economista francese, François Perroux, nel 1943, con il pieno supporto di un trattato fatto dal regime tedesco e dal regime francese pro-nazista di Vichy; il nuovo trattato, che è stato formulato e deciso dal presidente Sarkozy e dalla signora Merkel, è basato esattamente su quello scritto da François Perroux nel ’43…

…Potrei parlare ampiamente di questa questione, perché io sono stato, fra l’altro, personalmente in contatto con il principale collaboratore di Mitterrand, un personaggio di estrema destra, un monarchico che odiava il mondo moderno e gli Stati Uniti, uno che diceva: “odio i poveri”. Si chiamava, anzi si chiama, Jacques Attali [attualmente consigliere del Presidente Hollande, N.d.R.].

De facto Jacques Attali era il primo ministro della Francia; era il responsabile di una serie di ex-marxisti convertiti in sostenitori del nuovo regime, ed era stato incaricato della creazione di una versione più sostenibile del sistema dell’euro. La visione generale era comunque la stessa, sintetizzabile così: “bisogna distruggere i centri commerciali e il consumismo”. I centri commerciali per loro erano espressione di pura infamia, le persone dovevano accettare di essere povere; mi ricordo di alcuni dibattiti su questo tema in seno alla commissione segreta che si occupava dell’entourage di Mitterrand: Mitterrand doveva riuscire a guadagnarsi per questo progetto il supporto dell’allora partito comunista (già, perché anche la Francia aveva un partito comunista, che adesso non esiste più).
Fui quindi incaricato di scrivere una serie di modeste considerazioni keynesiane di teoria economica moderna; la presenza di Attali venne richiesta dai finanziatori della campagna di Mitterrand: fra i massimi finanziatori c’erano anche la Chase Manhattan Bank e altre due banche americane. Mentre lavoravo Attali mi diceva: “Io ho preso un impegno con il nostro futuro Presidente: appena possibile distruggeremo lo Stato, creeremo una deflazione dell’economia, i salari reali crolleranno; quel che abbiamo in mente è il collasso totale del reddito dei lavoratori della società francese”.
Come riuscire a fare tutto questo? Con il trattato di Maastricht e con la creazione dell’euro.

Voglio concludere il mio primo intervento smascherando alcune menzogne:

mi è capitato di trovarmi piuttosto vicino a François Mitterrand; prima della guerra aveva avuto un legame particolare con mia madre, e ricordo che mia madre mi diceva: “François è così bravo a raccontare balle che può riuscire perfino a far credere che gli interessi far del bene alla gente”; ebbene, François Mitterrand, durante l’unico dibattito sul trattato di Maastricht, ebbe il coraggio di dire, in risposta ad una domanda da parte di uno studente: “Io posso giurare che non esiste alcuna menzione di una Banca Centrale Europea indipendente nel trattato” (sic!)…

…Quello che succederà ora, grazie al nuovo trattato, se effettivamente verrà poi approvato [Fiscal Compact, approvato dall’Italia nel dicembre 2012, N.d.R.], è che ci troveremo di fronte alla totale abdicazione degli Stati, delle politiche fiscali e di qualunque tipo di politica sociale: così sarà finalmente raggiunto il sogno di costituire un Nuovo Ordine.»

Esiste in rete la traduzione in lingua inglese di questo intervento (4), eccone qualche brano:

«Well, I am here to speak of a very dark and tragic story. You already understood that the euro is a monster, contradicting all the rules of both modern money [theory, Modern Money Theory, MMT, nota mia], [and, nota mia] modern economy. So, the problem is why is such an absurd system exists at all…

…So, I shall start my true speech by a quotation from the Chief Executive of the French Ministry of Finance [Postel-Vinay, nota mia]—by the way, is a monk of the Order of Santo Benedict [Order of Saint Benedict, nota mia] and the Chief of the French Opus Dei; and by the way the European Commission is entirely controlled, like the French government, by the Opus Dei. So, I try to discuss with him. He told me, ‘Yes! The French economy is dead, but not enough.’ He told me, ‘Professor, you should understand why the European system exists. What we want is to destroy, forever, the people. We want, forever, to create a new kind of European people, accepting sufferance, poverty, which could accept wages lower than in China’.
And it will be the core of my intervention.
The Eurosystem was never planned to be a monetary union. It was not even planned as a neoliberal agenda…

…So, what is the euro? A new totalitarian social order, which was planned a long time ago in the interwar period and completed by the regime of François Mitterrand. In the new order, there will be no more sovereign state. The state has to vanish, at least the state rooted into democracy, parliament, republic. In the new order, power should be entirely transferred to those who deserve it, which means some elite capitalist class technocrats enjoying absolute power of control…

…In [the] last part, I shall try to prove that there is not the least way of amending the system because as a social order it has its logic. And those who control the system will never accept any kind of change, especially, any kind of intervention of the European Central Bank. Only, indeed, if those interventions aim at increasing the banks’ wealth. So, the sole possibility of saving the European society is to get rid of that system…

…There are two stages into the planning of the Eurosystem. The first in the interwar period and during 1940-1943. And the second stage, the achievement of the system was, I must say, the masterwork of the regime of François Mitterrand. So, we start in the mid-‘30s with people like Robert Schuman, Jean Monnet…

…So, what was required to build Europe: 1. to abolish the state, 2. to force a permanent deflation by squeezing and squeezing public expenditures. 3. to transfer the power to a super-class of technocrats on a supranational scale. But for those early Europeans, what meaned Europe? It mean a condominium between France/Germany and a colonial empire, including Southern Europe and Eastern Europe. They were absolutely explicit on this problem.

But how could we suppress the state? By depriving the State of any power on money. All of them were fanatical followers of Friedrich Hayek, the most right-wing Austrian economist of that time. So, Europe should rely on a supranational currency, entirely controlled by a sovereign central bank enjoying absolute power to ration the state. Indeed, there, finally, what they wished was to impose a future European currency, as a super-gold standard.

[The first outline, nota mia] of the Treaty of Maastricht, was written by a French economist François Perroux in 1943 with the full support of a treaty passed between the [German nazi, nota mia] government and the French [Vichy, nota mia] regime of that time. And the new treaty, which has been decided by President Sarkozy and Madame Merkel, is exactly the blueprint of François Perroux 1943…

…The regime of Francois Mitterrand, I could speak on this question because I had been conscripted by the Chief Advisor of Francois Mitterrand [Jacques Attali, nota mia], who by the way was a fanatical right-winger hating the modern world, hating the United States, a monarchist, who said, ‘I hate the poor.’ So, Jacques Attali was, de facto, the Prime Minister of France. And Attali was in charge with a lot of former Marxists, turned to supporters of the new regime, of drafting a more sustainable version of the Eurosystem. But they had in mind the same vision: We must destroy shopping malls, consumption. Shopping malls were, for them, a pure infamy. People should accept to be poor.

I remember debates at the secret commission who was in charge of the campaign of Mitterrand. Mitterrand had to win the support of the then-Parti Communiste. France had a communist party; now, no more. So, I was charged to write some modest [Keynesian considerations, nota mia]; I would say modern money programme. But Attali was asked by those who funded [the] Mitterrand campaign. And who [were] the major funders? The Chase Manhattan Bank and two other American banks. But we never gave you money to get a programme of full employment. Attali said, I have the commitment of our dear future president, as soon as we could, we will destroy [the State, nota mia], we will cut, we will deflate the economy. Real wages will collapse. And what we have in mind is a total collapse of the share of labour income in the French society. And how to get that? By the Treaty of Maastricht and the creation of the Eurosystem.

I shall end this intervention by emphasising, first, the lies. It happened that I was quiet close to Francois Mitterrand. He was some long time ago, some boyfriend of my mother before the war. My mother told me, Francois lies so well that he could believe that he is for the people. So, Francois Mitterrand during the sole debate on the Treaty of Maastricht dared to say, answering a question from a student, I can swear there is not the least independent [European, nota mia] central bank in the Treaty of Maastricht…

…And, by the way, what is happening now sought to the new treaty is—if it is, indeed, finally endorsed [Fiscal Compact, agreed in December 2012, nota mia]—a total abdication of states, of fiscal policy, and any kind of social policy. And, indeed, the dream of the new order will be achieved.»

È davvero notevole la conferma da parte di Alain Parguez di diversi punti fondamentali della mia analisi del mondialismo, di cui scrivo ormai da vari anni:

I) non si tratta di un processo storico ineluttabile (5), ma bensì di un’ideologia che conduce al progetto di un’élite per la realizzazione concreta di essa, così come la teoria marx-engelsiana, l’ideologia comunista, condusse nel 1917 Lenin e i bolscevichi alla rivoluzione di ottobre e successivamente alla creazione dell’Unione Sovietica.

Come non notare la somiglianza tra il termine “Unione Sovietica” e il termine “Unione Europea”?

Si tratta infatti di due ideologie antistato, il comunismo e il mondialismo, e quindi si parla di “Unione” e non di “Stati Uniti“.

La favoletta del mondialismo (o meglio della mondializzazione) come processo storico ineluttabile non è sostenuta soltanto dai mondialisti, per ovvie ragioni di propaganda, è anche sostenuta da altri, per esempio da Alain de Benoist, che in un’intervista del 2012 affermò:

«Credere anche che il sistema capitalista obbedisca a strategie escogitate in seno al Club Bilderberg e alla Commissione Trilaterale mi sembra molto ingenuo, e anche un pò puerile. Questa inclinazione rappresenta un tratto classico delle “teorie della cospirazione” di destra. Le persone di destra tendono sempre a ridurre il tutto all’azione nociva di un piccolo numero di persone. È per questo che non hanno mai compreso gli effetti sistemici che derivano dalla progettazione di strutture. Organizzazioni come il Club Bilderberg e la Commissione Trilaterale sono al massimo i luoghi della concertazione, insieme con gli strumenti della forma-capitale. Ma non sono luoghi dove si decide. Nessuno sceglie di indirizzare la forma-capitale in una particolare direzione. E’ essa stessa che si sviluppa secondo la sua logica propria, che è la logica dell’illimitato.» (6)

Il mio commento a queste parole fu, in un vecchio post, il seguente:

«Il mondialismo, lungi dall’essere una fase ulteriore del capitalismo, è un’ideologia in piena regola, al pari, per esempio, del comunismo. Lenin e i suoi compagni di partito non decisero nulla nel 1917? O questo è un modo “molto ingenuo, e anche un pò puerile” di concepire la storia?» (7)

II) si tratta di un’ideologia antistato, cioè di un’ideologia perversa che ha lo scopo di eliminare lo Stato dalla faccia della terra, che ha lo scopo di instaurare un Nuovo Ordine Mondiale in cui non c’è lo Stato (5, 8, 9), mentre essa non ha affatto lo scopo di creare uno Stato unico mondiale (del resto il termine “Nuovo Ordine” non è adatto a indicare l’unificazione di tutti gli Stati, ciò che non sarebbe affatto un nuovo ordine), come viene spesso affermato, per esempio da Paolo Becchi in una recente intervista:

«Qual era lo scopo della globalizzazione? Creare un impero globale, centralizzato attorno agli Stati Uniti d’America e organizzato a sua immagine. Un processo che doveva portare ad una totale omogeneizzazione dei popoli attraverso la creazione di una entità astratta, cosmopolita, come lo Stato Mondiale.» (10)

III) gli ebrei non sono la causa, l’origine, di quest’ideologia (il concetto fasullo del complotto ebraico mondialista, adoperato in varie forme da quasi tutti quelli che scrivono di mondialismo, è assente nell’intervento di Parguez), mentre invece egli indica l’Opus Dei, i benedettini, ecc. ecc., il che è perfettamente in linea con la mia teoria unificata delle ideologie antistato (5, 8, 11):

«…il mondialismo è un’ideologia antistato ed è, come tutte le ideologie antistato, un portato del millenarismo, la dottrina eversiva contenuta (solo e unicamente) nell’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento.» (5)

IV) Parguez parla ripetutamente di “tecnocrati“, tuttavia egli non ricollega ciò a Henri de Saint-Simon (8, 12, 13), il socialista utopista, e alla sua opera Nouveau Christianisme (il che spiegherebbe l’Opus Dei, ecc. ecc.). Del resto egli non sembra neanche afferrare il carattere irrazionale del mondialismo, come risulta evidente dal suo intervento, mentre invece tale carattere irrazionale a Renaud Camus non sfugge (8).

V) Parguez identifica molto chiaramente ciò che ho definito come il “mezzo specifico” del mondialismo e cioè l’ultracapitalismo, ossia un capitalismo ingiusto e distruttivo in quanto privo del contrappeso dello Stato, il che comporta la riduzione in miseria del popolo, sia la working class che la middle class (13).

VI) Parguez afferma che tra i massimi finanziatori della campagna di Mitterrand c’erano anche “la Chase Manhattan Bank e altre due banche americane”.

Dire Chase Manhattan Bank significa dire David Rockefeller, che ho sempre indicato (ma non sono certo l’unico!) come il principale realizzatore, il principale attuatore, del mondialismo (8, 14).

Però, pur con tanta intelligenza e con tanta dottrina e, soprattutto, pur essendo stato testimone, in prima persona, degli eventi che ci ha descritto nel suo intervento, cosa ha fatto Alain Parguez alle ultime elezioni presidenziali francesi, quelle che hanno visto il trionfo del globalista Emmanuel Macron?

Non è andato a votare, perché votare per Marine Le Pen gli era proprio insopportabile (!):

«L’esito del ballottaggio è scontato. Malgrado larga parte dei poveri voteranno la Le Pen, Macron vincerà perché avrà l’appoggio sia della destra ufficiale sia dei socialisti, mentre le persone di Sinistra come me semplicemente non andranno a votare.» (15)

Del resto, non avrebbe votato neanche per Donald Trump, perché è «…una persona così demagogica, completamente ignorante del mondo esterno, di una tale volgarità [sic] e sostenuto dal Ku Klux Klan.» (16)

Insomma, è un po’ come essere aggrediti per strada da criminali che ci vogliono uccidere e non reagire, perché reagire sarebbe «una tale volgarità»…

È molto facile fare del sarcasmo sull’atteggiamento di Alain Parguez, ma purtroppo si tratta di un atteggiamento diffusissimo sia in Francia che in Italia.

Ed è per questo che i globalisti vincono, perché noi non abbiamo il coraggio di rivolgerci a chi veramente, senza tanti complimenti, sarebbe in grado di dargli un bel calcio nel culo!

Non di analisi economiche abbiamo bisogno, ma di ben altro!

Del resto, si tratta di legittima difesa.

Il piano di realtà è inesorabilmente questo: è inutile fare come lo struzzo e nascondere la testa nella sabbia per non vedere.

O troveremo questo coraggio o scompariremo (17).

—————————————–

1.http://www.neties.com/parguez.htm

2.vedi per esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/07/22/i-due-corni-del-problema/

3.http://www.galluranews.org/tempio-pausania-leuroil-nuovo-ordine-totalitaristico-alain-parguez-rivela-1-parte-rubrica-economica-a-cura-di-antonello-loriga/

4.http://mediaroots.org/alain-parquez-at-mmt-summit-2012/

5.https://luigicocola.wordpress.com/2018/01/10/la-mia-analisi-del-mondialismo-e-delle-ideologie-antistato/

6.https://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=41771

7.https://luigicocola.wordpress.com/2015/04/21/tre-pezzi-facili-da-confutare/

8.https://luigicocola.wordpress.com/2018/02/10/luci-e-ombre-del-pensiero-di-renaud-camus-sul-mondialismo/

9.https://luigicocola.wordpress.com/2017/01/23/ulteriori-considerazioni-su-george-soros-e-sulloccidente/

10.http://sakeritalia.it/interviste/paolo-becchi-a-saker-italia-e-il-federalismo-lantidoto-alla-globalizzazione/

11.https://luigicocola.wordpress.com/2017/12/19/lapocalisse-di-giovanni-il-millenarismo-e-il-mondialismo/

12.https://luigicocola.wordpress.com/2017/07/23/conseguenze-di-due-interpretazioni-del-mondialismo/

13.https://luigicocola.wordpress.com/2018/01/21/ulteriori-precisazioni-sul-mondialismo/

14.https://luigicocola.wordpress.com/2017/06/15/le-teste-coronate-doccidente-sono-mondialiste/

15.http://www.retemmt.it/alain-parguez-macron-attali-le-pen-gli-attentati-al-momento-giusto/

16.http://www.retemmt.it/parguez-trump-le-pen/

17.https://luigicocola.wordpress.com/2018/02/15/quello-che-ha-scritto-scalfari-e-il-piano-kalergi/

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Quello che ha scritto Scalfari è il piano Kalergi

15 febbraio 2018

La scorsa estate, il 6 agosto 2017, Eugenio Scalfari ha scritto sull’Espresso un editoriale intitolato C’è l’Africa nel nostro futuro, eccone un brano:

«Ma se invece di ragionare su un processo millenario ragioniamo di un processo di pochi secoli, allora l’Africa diventa un elemento positivo, che va aiutato in tutti i suoi problemi. E non solo l’Africa, ma tutti i popoli migranti che hanno di mira Paesi di antica ricchezza, con i quali convivere nel tentativo di ridurre le disuguaglianze.
La vera politica dei Paesi europei è quindi d’essere capofila di questo movimento migratorio: ridurre le diseguaglianze, aumentare l’integrazione. Si profila come fenomeno positivo, il meticciato [il neretto è mio], la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato. Questo è un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa. E questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana [il neretto è mio].»

http://espresso.repubblica.it/opinioni/vetro-soffiato/2017/08/02/news/c-e-l-africa-nel-nostro-futuro-1.307312

Tutti possono leggere l’editoriale in questione, non si tratta quindi di una fake news, in italiano bufala.

Questo non è altro che il cosiddetto Piano Kalergi, il piano cioè del Conte Richard Coudenhove-Kalergi (1894-1972).

E neanche questa è una fake news, come mostrerò nel seguito.

Coudenhove-Kalergi scrisse (in tedesco) i libri Pan-Europa (1923) e Praktischer Idealismus (1925).

Il Piano Kalergi, che egli ovviamente non chiamò così, è descritto in quest’ultimo libro, di cui non esiste traduzione in italiano, ma di cui esiste in rete sia il pdf dell’originale tedesco, sia il pdf di una sua traduzione in francese.

Sul sito archive.org è possibile scaricare diverse copie dell’originale tedesco e anche in formati diversi dal pdf, per esempio qui:

https://archive.org/details/PraktischerIdealismus1925

e qui:

https://archive.org/details/Coudenhove-Kalergi-Praktischer_Idealismus-1925

Ma stranamente, dal suddetto sito, in data 14 febbraio 2018, non è più possibile scaricare la versione in lingua francese (io l’avevo scaricata qualche giorno fa). Comunque tale versione è ancora scaricabile qui (in data 14 febbraio 2018):

http://www.mediafire.com/file/bee3abzbheyb0ki/Coudenhove-Kalergi-Idealisme-Pratique-1925.pdf

Leggiamo due frasi di Praktischer Idealismus, in tedesco, in francese e in italiano.

1) «Die Folge ist, daß Mischlinge [il neretto è mio] vielfach Charakterlosigkeit, Hemmungslosigkeit, Willensschwäche, Unbeständigkeit, Pietätlosigkeit und Treulosigkeit mit Objektivität, Vielseitigkeit, geistiger Regsamkeit, Freiheit von Vorurteilen und Weite des Horizontes verbinden.»

Praktischer Idealismus, pag. 21 dell’edizione originale del 1925

traduzione francese:

«Par conséquent, les métis [il neretto è mio] allient souvent l’absence de caractère, l’absence d’inhibitions, la faiblesse de la volonté, l’inconstance, l’impiété et l’infidélité avec l’objectivité, la polyvalence, la vivacité spirituelle, l’absence [Freiheit : la liberté] de préjugés et l’ouverture d’horizon.»

alle pagg. 16-17 della traduzione francese

traduzione italiana:

«Pertanto, i meticci [il neretto è mio] combinano spesso la mancanza di carattere, la mancanza di inibizioni, la debolezza di volontà, l’incostanza, l’empietà e l’infedeltà con l’obiettività, la versatilità, la vivacità spirituale, l’assenza di pregiudizi e l’apertura di nuovi orizzonti.»

2) «Der Mensch der fernen Zukunft wird Mischling [il neretto è mio] sein. Die heutigen Rassenund Kasten werden der zunehmenden Überwindung von Raum, Zeit und Vorurteil zum Opfer fallen. Die eurasisch-negroide Zukunftsrasse [il neretto è mio], äußerlich der altägyptischen ähnlich, wird die Vielfalt der Völker durch eine Vielfalt der Persönlichkeiten ersetzen.»

Praktischer Idealismus, pagg. 22-23 dell’edizione originale del 1925

traduzione francese:

«L’humain du lointain futur sera un métis [il neretto è mio]. Les races et les castes d’aujourd’hui seront victimes [22] du dépassement toujours plus grand de l’espace, du temps et des préjugés. La race du futur, négroïdo-eurasienne [il neretto è mio], d’apparence semblable à celle de l’Égypte ancienne, remplacera la multiplicité des peuples par une multiplicité des personnalités.»

a pag. 18 della traduzione francese

traduzione italiana:

«L’umano del lontano futuro sarà un meticcio [il neretto è mio]. Le razze e le caste di oggi saranno vittime del superamento sempre più grande dello spazio, del tempo e dei pregiudizi. La razza del futuro, negroide-eurasiatica [il neretto è mio], simile nell’aspetto a quella dell’antico Egitto, sostituirà la molteplicità dei popoli con una molteplicità di personalità.»

Questa non è una mera e distaccata e passiva previsione del futuro, ma bensì, come si evince chiaramente dal contesto, è un futuro che Coudenhove-Kalergi ritiene fortemente desiderabile, anzi alla cui attiva realizzazione egli vuole esortare tutti (nel senso di tutta l’élite), per il bene dell’umanità.

Infatti perché egli ha intitolato il suo libro Idealismo pratico? Ecco la risposta:

«Praktischer Idealismus ist Heroismus…

…Denn beide, Aristokratie und Sozialismus, sind: praktischer Idealismus…

…Statt in den Fesseln der unzeitgemäßen Gegenwart zu verharren und tatenlos von besseren Möglichkeiten zu träumen, wollen wir also tätigen Anteil nehmen [il neretto è mio] an der Entwicklung der Welt durch praktischen Idealismus.»

Praktischer Idealismus, pagg. III-VI dell’edizione originale del 1925

traduzione francese:

«L’idéalisme pratique est un héroïsme…

…Car en effet ces deux-là, aristocratie et socialisme, sont : un idéalisme pratique…

…Au lieu de demeurer dans les chaînes inactuelles du présent, et de rêver sans rien faire à de meilleures possibilités, nous voulons prendre ainsi une part active [il neretto è mio] au développement du monde, à travers un idéalisme pratique.»

alle pagg. 1-4 della traduzione francese

traduzione italiana:

«L’idealismo pratico è un eroismo…

…Perché questi due, aristocrazia e socialismo, sono: un idealismo pratico…

…Invece di rimanere nelle catene anacronistiche del presente e di sognare migliori possibilità senza fare nulla, noi vogliamo prendere così parte attiva [il neretto è mio] allo sviluppo del mondo, mediante un idealismo pratico.»

In altre parole egli è un filantropo fanatico, esaltato e megalomane, che pensa di essere un eroe, un benefattore dell’umanità e che non si rende conto che il proprio filantropismo produce effetti peggiori di quelli prodotti dalla più sfrenata malvagità.

Infatti, dal punto di vista scientifico, cioè dal punto di vista della biologia, far scomparire le razze umane con il meticciato forzato, cioè con l’ibridazione forzata (che è lo scopo di Coudenhove-Kalergi e dei mondialisti, vedi il chiarissimo e inequivocabile editoriale di Eugenio Scalfari), vuol dire, né più né meno, impoverire criminalmente il patrimonio genetico, cioè il pool genico (in inglese gene pool), cioè la diversità genetica (in inglese genetic diversity), della specie umana, criminalmente perché ciò mette a rischio la sua sopravvivenza.

C’è scritto perfino su Wikipedia in lingua italiana (!):

«Un pool genico di grandi dimensioni è indice di una estesa diversità genetica, che è associata a popolazioni forti che possono sopravvivere a prove di selezione intensa. Al contrario, una bassa diversità genetica (si veda Riproduzione endogama e Effetto collo di bottiglia) può causare ridotta fitness e una maggiore probabilità di estinzione [il neretto è mio].»

https://it.wikipedia.org/wiki/Pool_genico

«La diversità genetica (o variabilità genetica) è una caratteristica degli ecosistemi o di un pool di geni comunemente ritenuta vantaggiosa per la sopravvivenza: essa descrive l’esistenza di molte versioni diverse di uno stesso organismo.»

https://it.wikipedia.org/wiki/Diversit%C3%A0_genetica

E lo scrive anche l’Enciclopedia Britannica:

«The ability of a population to adapt and evolve is thought to be influenced in part by the size of its gene pool. A large and diverse gene pool, for example, may improve a population’s chances for future adaptation to changing environmental conditions. Populations with smaller, narrower gene pools, on the other hand, may be less successful when confronted with swift environmental change.»

https://www.britannica.com/science/gene-pool

I mondialisti vogliono quindi eliminare la biodiversità (in inglese biodiversity) della specie umana!

La razza caucasica, la razza africana e la razza mongolica (le razze descritte dallo statement dell’UNESCO del 1950 per chi avesse la mente obnubilata dalla propaganda mondialista *) non esistono per caso, o per creare l’odio razziale, esistono perché nel clima temperato la razza caucasica ha maggior fitness delle altre due, nel clima caldo la razza africana ha maggior fitness delle altre due e infine nel clima freddo la razza mongolica ha maggior fitness delle altre due, come ho già spiegato qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2018/01/24/per-lunesco-le-razze-umane-esistono-per-lagi-no/

Uso i termini suddetti (razza africana, ecc.) a ragion veduta:

«In secondo luogo, usare i termini “Mongoloid” e “Negroid” [quelli dello statement dell’UNESCO del 1950] è assolutamente sconsigliabile, perché tali termini hanno assunto nel corso del tempo connotazioni fortemente negative. Molto meglio usare i termini “caucasici”, “africani” e “mongolici”.»

https://luigicocola.wordpress.com/2013/07/09/sartori-ha-ragione-ma-usa-anche-un-argomento-fallace/

L’idea di meticciare forzatamente la specie umana, eliminando le tre suddette razze, è un errore antiscientifico, un crimine contro l’umanità, una follia.

E non solo i membri della razza caucasica, ma anche i membri della razza africana e della razza mongolica dovrebbero insorgere contro questo progetto del globalismo.

————-

* «Human races can be and have been differently classified by different anthropologists, but at the present time most anthropologists agree on classifying the greater part of present-day mankind into three major divisions, as follows :

The Mongoloid Division

The Negroid Division

The Caucasoid Division»

unesdoc.unesco.org/images/0012/001282/128291eo.pdf

P.S. 8 marzo 2018: è possibile (in tale data) scaricare la traduzione francese di Praktischer Idealismus qui

https://archive.org/details/R.N.CoudenhoveKalergiIdealismePratique1925FR

e anche dal sito della traduttrice, Adeline Gasnier

http://www.profusif.eu/author/gyuio678jhdipom56/

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Luci e ombre del pensiero di Renaud Camus sul mondialismo

10 febbraio 2018

Ho letto in internet diverse interviste a Renaud Camus, lo scrittore francese che ha coniato il felicissimo termine “Le Grand Remplacement”, in italiano “La Grande Sostituzione”, in inglese “The Great Replacement”, per indicare la sostituzione dei popoli occidentali con popoli africani e mediorientali che sta avvenendo sotto i nostri occhi.

Questo termine è il titolo di un suo libro del 2011, che stranamente (o anche no) non è stato ancora tradotto né in italiano, né in inglese, né, a quanto pare, in nessuna altra lingua.

Nelle interviste che ho letto c’è un concetto per me assai interessante.

Ecco come Camus l’ha espresso nell’intervista pubblicata da Libero il 5 ottobre 2015:

“Che responsabilità ha l’ élite intellettuale di sinistra?

«Oh, non tanto più grandi degli intellettuali di destra, i quali sono ugualmente favorevoli alla Grande Sostituzione (Camus li definisce remplacistes, ndr). La sola linea di separazione che conta veramente oggi, intellettualmente, moralmente, politicamente e quasi militarmente, è quella tra i remplacistes e gli antiremplacistes. Questi ultimi sono i sostituibili che non vogliono farsi sostituire, E naturalmente ci sono anche i remplaçants [rimpiazzi, sostituti, nota mia], sempre più numerosi e potenti. Sono come gli uccelli nel film di Hitchcock: attendono il loro turno. I remplacistes sono pazzi: sostituiscono un popolo rincretinito dall’ insegnamento dell’ oblio e dall’ industria dell’ ebetudine, frustrato, rabbioso, lobotomizzato, senza identità, con un popolo ultraidentitario. Scavano la loro tomba. Il problema è che nello stesso tempo stanno scavando anche la nostra [il neretto è mio]».”

http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11834887/Renaud-Camus—Gli-immigrati.html

Ecco come lo scrittore francese l’ha espresso nell’intervista pubblicata dal Primato Nazionale il 6 febbraio 2016:

“La Grande Sostituzione deve essere concepita come la sostituzione di una civiltà per mano di un’altra (per esempio la civiltà europea rimpiazzata dalla civiltà arabo-islamica) o – come personalmente credo – come la creazione di una non-civiltà in cui tutti gli uomini e tutti i popoli siano sostituibili, come la vittoria della sostituibilità universale?

Ah, lei punta subito il dito sulla grande contraddizione del sostituzionismo (*), l’ideologia globale e, a mio avviso, totalitaria, che promette e instaura la Grande Sostituzione. Dal punto di vista di tale ideologia, è la seconda parte dell’alternativa che lei ha posto che è all’opera: solo che, nella sua ottica, quella che si tratta di creare non è una non-civilità, ma, al contrario, la civiltà stessa: liberale, intelligente, umana, egualitaria, fraterna, armoniosa e civilizzata, perché non ci saranno più differenze o discriminazioni tra i suoi membri, tutti fratelli, nel villaggio universale senza frontiere. Questa è la sovrastruttura, per così dire, l’ideale reclamizzato e condiviso in buona fede da una larga parte delle masse sostituzioniste. Beninteso, sappiamo bene, noi, e lo constatiamo ogni giorno, che questo ideale è falso e che ciò che prepara l’enorme macchina sostituzionista è, in effetti, come dice lei, una non-civiltà, una barbarie post-industriale e iper-economista in cui sarebbe compiuta la fabbricazione, da parte di quella che chiamo “l’industria dell’ebetudine”, dell’uomo sostituibile: de-originato, de-nazionalizzato, de-culturato, de-sessuato, cosificato, intercambiabile e delocalizzabile a piacimento. Ma c’è una contraddizione nella contraddizione. Il sostituzionismo, che è una nemesi, ha la sua propria nemesi. In effetti, esso sostituisce un popolo che ha perfettamente preparato alla Grande Sostituzione, il popolo degli uomini sostituibili, con un popolo ferocemente identitario, arabo-musulmano, islamico quando non islamista. Per dirla in un altro modo, esso sostituisce un popolo di bovini (industriali) con un popolo di iene. E così facendo scava la propria fossa. Ma è una magra consolazione [il neretto è mio]…

…Credo che le origini della Grande Sostituzione siano liberali e marxiste allo stesso tempo. Lei è d’accordo ? O, in alternativa, quale ritiene che siano le radici ideologiche di tale dinamica?

La Grande Sostituzione è il figlio mostruoso della Rivoluzione industriale al suo stadio ultimo, post-fordiano, post-industriale, e dell’antirazzismo nella sua fase senile.

Quando la Grande Sostituzione sarà compiuta, il risultato sarà un mondo infernale, persino per le élite immigrazioniste che l’hanno favorita. Perché allora queste perseguono perseguono tale obbiettivo?

Non sono sicuro che ci sia da qualche parte una volontà espressa in azione, anche se alcuni documenti dell’Onu raccomandano papale papale una sostituzione degli europei. Credo piuttosto ad enormi meccanismi incontrollabili: egualitarismo, dogma dell’inesistenza delle razze, economicismo, dittatura della piccola borghesia: “Ciò significa – dice Agamben – che la piccola borghesia planetaria è verosimilmente la forma nella quale l’umanità sta andando incontro alla sua propria distruzione”.

—–

(*) Camus utilizza le espressioni “remplacisme” e “remplacistes” per indicare rispettivamente l’ideologia e i partigiani del Grand Remplacement, ovvero della Grande Sostituzione. Per renderli in italiano abbiamo scelto i neologismi, benché cacofonici, “sostituzionismo” e “sostituzionisti”, al fine di conservare il legame linguistico con il concetto di “sostituzione” che è l’idea madre di tutto il pensiero di Camus. [NdT].”

http://www.ilprimatonazionale.it/cultura/renaud-camus-39456/

Ed ecco infine come Camus l’ha espresso nell’intervista pubblicata dal Tempo il 21 aprile 2016:

“Che cos’è «la Grande Sostituzione»?

«Niente di più semplice: è la sostituzione di uno o più popoli con un altro. Comincia dai palazzi, dalle strade, poi è la volta di quartieri interi, città, grandi metropoli, province e infine le nazioni. Questo crimine fa comodo ad alcune persone, ma è soprattutto il risultato di enormi meccanismi che agiscono nella società da decenni e che nessuno ha veramente voluto, a parte il conte Coudenove-Kalergi, uno dei fondatori dell’Ue, teorico del meticciato per le classi sociali meno abbienti».

Qual è il suo obiettivo?

«Il “sostituzionismo” è il figlio mostruoso della Rivoluzione industriale, nella sua fase tardiva, fordista, taylorista, e dell’antirazzismo anche lui al suo stadio senile. Le due tradizioni convergono per promuovere l’uomo sostituibile, de-originato, de-etnicizzato, de-storicizzato, de-culturalizzato, de-civilizzato, ebete. Intercambiabile, appunto. Questa “industria dell’ebetizzazione”, attraverso l’insegnamento della dimenticanza nelle scuole e l’imbecillimento delle masse attraverso la televisione, produce una materia umana indifferenziata che si vende in vasi di conserva, su cui è scritto a grosse lettere il nome della marca: “Diversità”».

Il risultato della «sostituzione» è l’islamizzazione?

«È stata ingaggiata una gara mortale fra i due totalitarismi che si dividono la zona occidentale, il “sostituzionismo” e l’Islam. Malgrado qualche scaramuccia, non sono in lotta aperta. Fra loro c’è un patto tedesco-sovietico permanente, o piuttosto tedesco-turco. Ma la guerra è inevitabile. La Nemesi dei sostituzionisti è che sostituiscono un popolo ben preparato alla sostituzione etnica dalle loro menzogne, abbruttito dall’industria dell'”ebetizzazione”, con un popolo di iene, o se vogliamo dirlo in modo più accettabile, di lupi affamati. I rimpiazzanti non sono per nulla sostituzionisti, loro. Al contrario, sono feroci identitari, fieri della loro appartenenza, dei loro codici di comportamento diversi, del loro spirito di conquista e, soprattutto, della loro religione [il neretto è mio]».”

http://www.iltempo.it/politica/2016/04/21/gallery/uno-spettro-si-aggira-in-europa-il-suo-nome-e-sostituzionismo-1007848/

Premetto di non concordare affatto con Camus quando egli indica la causa della Grande Sostituzione in “enormi meccanismi che agiscono nella società da decenni e che nessuno ha veramente voluto, a parte il conte Coudenove-Kalergi, uno dei fondatori dell’Ue, teorico del meticciato per le classi sociali meno abbienti” e quando egli afferma che “Il “sostituzionismo” è il figlio mostruoso della Rivoluzione industriale, nella sua fase tardiva, fordista, taylorista, e dell’antirazzismo anche lui al suo stadio senile”.

Anzi penso che questi sono concetti errati (criterio di verità) e dannosi (criterio di utilità) e che inoltre portano chiaramente all’assoluzione di chi ha ideato, voluto e attuato il mondialismo: il Conte Henri de Saint-Simon (1760-1825), il Conte Richard Coudenhove-Kalergi (1894-1972), il marito della Regina Juliana dei Paesi Bassi, cioè il Principe Bernhard dei Paesi Bassi (1911-2004), il capitalista David Rockefeller (1915-2017) (1).

Il mondialismo (in inglese globalism, in francese mondialisme) è un’ideologia perversa che ha lo scopo di eliminare lo Stato dalla faccia della terra, cioè ha lo scopo di instaurare un Nuovo Ordine Mondiale in cui non c’è lo Stato, ed è perversa in quanto lo Stato è una necessità della Ragione, anzi è un universale culturale, come i riti funebri e il tabù dell’incesto, e infatti lo Stato è sempre esistito, contrariamente a quanto affermato con straordinaria impudenza dalla propaganda mondialista.

Ho mostrato in questo blog che cos’è il mondialismo e qual è la sua causa, vedi per esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/20/la-teoria-unificata-delle-ideologie-antistato/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2018/01/10/la-mia-analisi-del-mondialismo-e-delle-ideologie-antistato/

Il mondialismo, come ho scritto più volte, è la nemesi dell’Occidente, nemesi conseguente alla sua hybris di eliminare lo Stato schiavista romano per mezzo del Cristianesimo, operazione certamente giusta e sacrosanta (non si poteva permettere ai romani di vivere usando tutti gli altri esseri umani, quelli che non erano romani, come oggetti o come animali!), la quale, però, per essere vincente, richiese la creazione e l’uso di un’arma estremamente pericolosa (perché porta all’autodistruzione): quest’arma è l’idea che possa esistere sulla terra una comunità che non ha bisogno di un’istituzione deputata a gestire il potere della forza fisica, vale a dire lo Stato (che ha due funzioni essenziali, l’esercito e la legge), una comunità in cui non esistono aggressioni esterne (quindi l’esercito non serve più) e non esistono torti reciproci interni (quindi la legge non serve più), in definitiva una comunità in cui il Male è bandito.

Questa comunità è il Regno di Cristo sulla terra di cui parla (unicamente e solo) l’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento, che non è uno Stato monarchico, ma bensì una condizione di perfezione trascendente, in quanto Cristo, il Messia cristiano, a differenza del Messia ebraico, ha sia natura umana, sia natura divina.

In conseguenza di tale natura divina, il Male è bandito dalla terra e quindi non c’è più bisogno dello Stato.

Il Regno di Cristo sulla terra avrà una durata di mille anni, da cui il nome “millenarismo” per indicare la credenza nel suo avveramento. Il millenarismo può anche essere definito come la prescrizione di eliminare lo Stato dalla faccia della terra.

Vedi a questo proposito qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/05/il-millenarismo-e-un-meme-egoista/

In altre parole, per far crollare lo Stato schiavista romano, fu inculcata nel popolo, mediante il potere della propaganda, l’idea che si dovesse eliminare non lo Stato schiavista romano, ma bensì lo Stato tout court.

Fu quest’idea a produrre le invasioni barbariche, che culminarono poi nel sacco di Roma da parte dei Visigoti (410) e in quello da parte dei Vandali (455), perché i romani avevano rifiutato psicologicamente lo Stato, e quindi l’esercito, che è una delle sue due funzioni essenziali.

“L’impero romano in Occidente cadde soltanto perché i suoi sudditi non vollero combattere per difenderlo.” (2). Come hanno affermato gli storici della Columbia University negli anni Settanta del secolo scorso, se i romani avessero combattuto, i barbari sarebbero stati respinti facilmente: “…le tribù barbariche, che di norma erano formate da circa 20 000 combattenti, non sarebbero riuscite a invadere l’Italia, la Francia, la Spagna e a dominare una popolazione di circa 10 milioni di individui.” (3).

I dati numerici sono fatti oggettivi, incontrovertibili e non possono essere ignorati.

Così cadde la grande Roma, sconfitta in realtà dai cristiani, cioè da quello che Arnold J. Toynbee chiamò “proletariato interno” (4), in inglese “internal proletariat” (5), e non da pochi barbari.

Dopo il primo sacco di Roma, avendo capito la situazione, Agostino d’Ippona ideò e scrisse la sua interpretazione allegorica dell’Apocalisse di Giovanni, interpretazione che altro non è che uno stratagemma per annullare la dottrina del millenarismo, per annullare l’arma estremamente pericolosa (perché porta all’autodistruzione) usata dal Cristianesimo per far cadere Roma, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/12/19/lapocalisse-di-giovanni-il-millenarismo-e-il-mondialismo/

Da Agostino d’Ippona in poi, la posizione ufficiale della Chiesa di Roma è quella agostiniana: il millenarismo è una falsa credenza dovuta a un errore d’interpretazione.

Anche recentemente, nel 1995, la Chiesa di Roma, nella persona del Cardinale Ratzinger, ha ribadito la condanna del “…millenarianism, especially the “intrinsically perverse” political form of a secular messianism.” (6), in italiano: “…millenarismo, soprattutto sotto la forma politica di un messianismo secolarizzato « intrinsecamente perverso ».” (7).

Ma tutto questo purtroppo non è bastato, anche perché i protestanti, disgustati dalla corruzione della Chiesa di Roma all’epoca del Rinascimento, si misero in testa di leggere la Bibbia senza l’intermediazione del clero: cadde così il filtro interpretativo agostiniano.

Comunque anche nel cattolicesimo il millenarismo non è mai stato soffocato del tutto, basti pensare a Gioacchino da Fiore, il millenarista medievale.

Oppure a Bergoglio, il millenarista di oggi.

Per inciso, nel Cristianesimo orientale, cioè ortodosso, il millenarismo fu sempre completamente neutralizzato dal cesaropapismo introdotto da Costantino il Grande, infatti Costantinopoli non cadde per mano di pochi barbari, ma bensì, mille anni dopo la caduta di Roma, per mano dell’Islam.

In Occidente ci si poteva magari aspettare che il millenarismo col passare dei secoli scomparisse, invece non è affatto scomparso, anzi è diventato, caricandosi come una molla per quasi due millenni, un potentissimo e letale meme egoista (vedi la teoria dei memi di Richard Dawkins), che ha prodotto il mondialismo e tutte le altre ideologie antistato (teoria unificata delle ideologie antistato), ideologie antistato che non sono niente altro che deliri culturali.

Altri esempi di deliri culturali: la caccia alle streghe (1450 circa – 1750 circa), il genocidio cambogiano di Pol Pot (1975-1979), ecc. ecc.

Ritornando al concetto assai interessante espresso da Renaud Camus nelle interviste da me citate: tale concetto mostra e sottolinea la pazzia dei mondialisti (“I remplacistes sono pazzi”), i quali non si rendono minimamente conto che la loro rivoluzione, la rivoluzione mondialista, non raggiungerà affatto lo scopo che essi si prefiggono.

Questo è un concetto assente nelle altre interpretazioni del mondialismo, per le quali esso è perfettamente razionale, anzi è addirittura il frutto dell’Illuminismo e della Ragione: è facile quindi capire perché la critica del mondialismo è attualmente il paradiso degli oscurantisti, mentre invece è proprio la Ragione a svelarci la fallacia e la follia del mondialismo.

Indipendentemente da Camus, ho scritto molte volte un concetto simile, come per esempio qui:

3. In terzo luogo, a Diego Fusaro sfugge l’irrazionalità del mondialismo, che è invece palese e che è la diretta conseguenza della natura delirante di tale ideologia

Non si tratta dunque di lotta di classe, che non ha nulla di irrazionale, ma bensì di delirio culturale, che è irrazionale per definizione.

Gli islamici, non appena comanderanno in Europa (e ciò, anche per il loro notevolissimo tasso di natalità, non accadrà in un remoto futuro), restaureranno gli Stati, cioè annulleranno la volontà dei signori del globalismo, che è quella di eliminarli.

Solo chi condivide il delirio culturale dell’Occidente cristiano costituito dalle ideologie antistato può pensare che l’Islam sia, o possa essere, contro lo Stato.”

https://luigicocola.wordpress.com/2017/07/15/il-mondialismo-non-e-una-lotta-di-classe-e-un-delirio-culturale/

Appare però evidente, almeno da queste interviste, che a Renaud Camus sfugge il motivo a causa del quale i mondialisti, cioè i remplacistes, sono pazzi, mentre la mia spiegazione è che si tratta di un delirio culturale causato da un potentissimo e letale meme egoista (il millenarismo), che ovviamente opera contro l’interesse del suo portatore (altrimenti non sarebbe egoista), sovvertendo la sua capacità di ragionare e spingendolo ad azioni per lui deleterie.

Ecco perché i mondialisti sono pazzi: perché eseguono gli ordini del meme egoista costituito dalla prescrizione di eliminare lo Stato dalla faccia della terra (il millenarismo), meme egoista di cui essi sono i portatori, gli ospiti.

Possiamo anche usare sinonimi più incisivi di “meme egoista”: “virus memetico” e “possessione memetica”.

Sono arrivato perfino a usare il termine “psicosi religiosa collettiva”, in quanto la prescrizione di eliminare lo Stato dalla faccia della terra è una prescrizione originale dell’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento.

Un altro notevole concetto espresso dallo scrittore francese in un’intervista è questo:

Grand Remplacement, appunto: non una teoria, ma un nome per un fenomeno. Può spiegare brevemente ai nostri lettori di che tipo di fenomeno storico si tratta? E in che senso esso ha come condizione necessaria ma non sufficiente l’Anti-razzismo?

Faccio riferimento al semplice fatto che per quasi quindici secoli l’Europa è stata abitata da popoli quasi perfettamente stabili, e che nel giro di due o tre generazioni essi sono stati sostituiti da altri popoli e da altre civilizzazioni. L’antirazzismo della prima ora apriva alla giustizia fra le razze. Quello attuale erige a dogma il fatto che esse non esistano. Bisognava, infatti, che non esistessero perché la sostituzione potesse avere luogo, e soprattutto perché fosse impossibile opporvisi (opporsi, appunto, in nome di che cosa?).”

http://www.iassp.org/2017/07/06/renaud-camus-quando-la-penna-diventa-unarma-di-spietata-denuncia/

È proprio quello che ho scritto pochi giorni fa:

Ma perché mai il mondialismo vuole negare l’esistenza delle razze umane?

Per rendere più facile e indolore la Grande Sostituzione (“Grand Remplacement“, termine coniato da Renaud Camus) che questa perversa ideologia sta già attuando in Europa e che successivamente attuerà anche negli Stati Uniti d’America, cioè nell’Occidente intero, proprio quella Grande Sostituzione invocata esplicitamente, anzi ostentatamente, da Eugenio Scalfari nel suo editoriale C’è l’Africa nel nostro futuro (6 agosto 2017)”

https://luigicocola.wordpress.com/2018/02/03/perche-i-mondialisti-affermano-che-le-razze-umane-non-esistono/

Non si tratta dunque di complottismo.

I mondialisti (Eugenio Scalfari è uno di loro) ce lo dicono in faccia.

————————–

1. Essi sono tutti e quattro di religione cristiana, quindi il cosiddetto complotto ebraico è soltanto un mito, o meglio un capro espiatorio, come ho scritto più volte.

Inoltre, il loro status sociale mostra la caratteristica saliente del mondialismo, in contrapposizione alle altre ideologie antistato (per esempio il comunismo): che è un’ideologia dell’élite.

In altre parole: il mondialismo sta al comunismo, come la serrata sta allo sciopero.

Comunque, sia il mondialismo che il comunismo vogliono eliminare lo Stato (teoria unificata delle ideologie antistato), vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

Occorre anche ricordare che Henri de Saint-Simon, pur avendo ideato lui il principio fondamentale del mondialismo, cioè la sostituzione dello Stato con i tecnocrati, era a favore del popolo, come ho scritto in un post precedente. Nondimeno egli, di fronte alla storia, è responsabile quanto gli altri che ho citato, se non di più: senza il suo modello tecnocratico della società, il mondialismo non sarebbe mai nato.

2. John A. Garraty, Peter Gay, Storia del mondo (a cura della Columbia University), Mondadori, 1973, pag. 239.

3. ibid.

4. Arnold J. Toynbee, Storia comparata delle civiltà, Compendio di D.C. Somervell, Newton Compton, 1974, Vol. 1, pag. 26.

5. Arnold J. Toynbee, A Study of History, Abridgement of Volumes I – VI by D. C. Somervell, Oxford University Press, 1956, p. 11.

Disponibile su:

https://archive.org/details/ArnoldToynbeeAStudy

OfHistoryAbridgementOfVol.IVID.C.Somervell

Data di accesso: 9 febbraio 2018

6. Dalla voce Millennialism di Wikipedia in lingua inglese:

“The Antichrist’s deception already begins to take shape in the world every time the claim is made to realize within history that messianic hope which can only be realized beyond history through the eschatological judgment. The Church has rejected even modified forms of this falsification of the kingdom to come under the name of millenarianism, especially the “intrinsically perverse” political form of a secular messianism.

— Joseph Cardinal Ratzinger, Catechism of the Catholic Church, 1995[21]”

https://en.wikipedia.org/wiki/Millennialism

Data di accesso: 9 febbraio 2018

7. In italiano:

676 Questa impostura anti-cristica si delinea già nel mondo ogniqualvolta si pretende di realizzare nella storia la speranza messianica che non può essere portata a compimento se non al di là di essa, attraverso il giudizio escatologico; anche sotto la sua forma mitigata, la Chiesa ha rigettato questa falsificazione del regno futuro sotto il nome di millenarismo, 640 soprattutto sotto la forma politica di un messianismo secolarizzato « intrinsecamente perverso ». 641

——————

(640) Cf Sant’Offizio, Decretum de millenarismo (19 luglio 1944): DS 3839.

(641) Cf Pio XI, Lett. enc. Divini Redemptoris (19 marzo 1937): AAS 29 (1937) 65-106, che condanna « il falso misticismo » di questa « contraffazione della redenzione degli umili » (p. 69); Concilio Vaticano II, Cost. past. Gaudium et spes, 20-21: AAS 58 (1966) 1040-1042.”

http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p1s2c2a7_it.htm

Data di accesso: 9 febbraio 2018

Tutto ciò implica logicamente che Papa Ratzinger sa benissimo che il mondialismo e le altre ideologie antistato (comunismo, ecc. ecc.) originano dal millenarismo.

È evidente che non l’ho creato io il concetto che il millenarismo è la causa delle ideologie antistato: lo sanno in molti, ma nessuno vuole dirlo (almeno non ad alta voce).

E, da tutto ciò che ho scritto qui, se ne capisce facilmente il perché.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

                                                                                                     

Conte Henri de Saint-Simon (1760-1825)

Charles Baugniet [Public domain], via Wikimedia Commons

 

 

Conte Richard Coudenhove-Kalergi (1894-1972)

See page for author [Public domain], via Wikimedia Commons

 

 

Principe Bernhard dei Paesi Bassi (1911-2004)

Yousuf Karsh [Public domain or Public domain], via Wikimedia Commons

 

 

David Rockefeller (1915-2017)

By Unknown or not provided (U.S. National Archives and Records Administration) [Public domain], via Wikimedia Commons

Perché i mondialisti affermano che le razze umane non esistono

3 febbraio 2018

Come ho scritto nei post precedenti, il mondialismo (o globalismo) vuole negare l’esistenza delle razze umane, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2018/01/24/per-lunesco-le-razze-umane-esistono-per-lagi-no/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2018/01/28/litalia-e-il-paese-della-politica/

Ecco infatti un brano di Wikipedia (in data odierna), la quale, come ho scritto molte volte, approfittando fraudolentemente delle opportunità fornite dal copyleft, fa spesso propaganda mondialista, anche ricorrendo a falsi grossolani:

«La suddivisione della specie umana in razze diverse è a-scientifica e arbitraria, come ricorda, tra i tanti, il documento della Dichiarazione sulla razza (UNESCO 1950), scritto appositamente dopo la seconda guerra mondiale, che riconosce soltanto il concetto di etnia come unico segmento possibile della specie umana in cui sia riscontrabile una vera omogeneità tra gli individui[4]. Il concetto stesso di razza come suddivisione rigida dei popoli umani è quindi completamente decaduto.»

https://it.wikipedia.org/wiki/Razza_ariana

Cosa c’è scritto alla nota [4]?

«^ The Race Question (pag. 6) – 1950 – UNESCO (PDF), su unesdoc.unesco.org. URL consultato il 5 novembre 2010.. Cfr. Guido Barbujani, L’invenzione delle razze, pagg. 7-13 et passim

Ebbene, ecco cosa c’è scritto alla pagina 6 di The Race Question – UNESCO 1950:

«Human races can be and have been differently classified by different anthropologists, but at the present time most anthropologists agree on classifying the greater part of present-day mankind into three major divisions, as follows :

The Mongoloid Division

The Negroid Division

The Caucasoid Division»

unesdoc.unesco.org/images/0012/001282/128291eo.pdf

Se quello di Wikipedia in lingua italiana alla voce Razza ariana non è un falso grossolano, cos’altro è mai?

E sia ben chiaro, la razza ariana non esiste, come non esiste la razza ebraica, né la razza germanica, né la razza slava, né la razza italiana, sono tutte follie criminali del nazismo e di Adolf Hitler, follie criminali a cui purtroppo aderì Benito Mussolini, commettendo uno dei sue due storici, enormi e imperdonabili errori, cioè l’alleanza con Hitler (che non era affatto inevitabile, come dimostrò Francisco Franco), essendo l’altro diventare filoclericale e inventare i Patti Lateranensi e lo Stato della Città del Vaticano, regalando così al Papa un potere sovrano che mai avrebbe dovuto avere dopo il Risorgimento e l’Unità d’Italia (cosa direbbe Mussolini di Bergoglio, se egli fosse ancora vivo?).

Per capire la “race question”, come dice l’UNESCO, è fondamentale questa pubblicazione (2010) di Neven Sesardić, un filosofo della scienza, membro della American Philosophical Association (APA) e della Philosophy of Science Association (PSA):

Race: a social destruction of a biological concept

È scaricabile da Google Scholar:

https://scholar.google.com/

Leggiamone qualche frase:

«Worse still, forensic anthropologists are quite successful in correctly inferring a person’s race from the skeletal characteristics of human remains, which would of course be impossible if the statements in the above quotations were true [il neretto è mio]. This prompted one bewildered and exasperated scientist to write an article with a provocative title: ‘‘If Races Do Not Exist, Why Are Forensic Anthropologists So Good at Identifying Them?’’ (Sauer 1992) [ho già scritto di questo articolo nel post precedente]…

…Indeed, a quick look into the literature confirms this. For instance, a study that covered 17 populations over the world and that relied on 34 different measurements managed to assign 98% of the specimens to their correct major racial group (Brues 1990, 6). Another more recent study had a success rate of 80% in distinguishing between American Whites and Blacks, although it used just two variables. With seven variables, however, it reached the reliability of 95%, and with 19 variables the probability of correct classification rose to 97% (Ousley et al. 2009). Also, estimating generally the reliability of attributing a given data point to one of the five racial categories, another team of experts calculated that under some realistic conditions it is sufficient to use as few as 13 characteristics to have the posterior probability of the correct classification attain the value of 99% (Konigsberg et al. 2009)…

…One of the leading physical anthropologists warned about the tendency of some scientists to misrepresent the true view of their scientific community. He said that the idea widely propagated by many scientists that race is only skin deep ‘‘is simply not true, as any experienced forensic anthropologist will affirm’’ (Gill 2000) [il neretto è mio]. He went further and stated that the bias of the race-denial faction ‘‘seems to stem largely from socio-political motivation and not science at all’’ (ibid.) [il neretto è mio]. And finally: ‘‘At the beginning of the twenty-first century, even as a majority of biological anthropologists favor the reality of the race perspective, not one introductory textbook of physical anthropology even presents that perspective as a possibility. In a case as flagrant as this, we are not dealing with science but rather with blatant, politically motivated censorship’’ (ibid.) [il neretto è mio]…

…Some other scientists agree with Gill that race denial is not based merely on scientific considerations: ‘‘The proposal to scrap the concept of race altogether is currently only one extreme in a range of views. It is certainly not shared by all anthropologists and is by no means the majority opinion of the public at large. It appears to be a conclusion reached more on the basis of political and philosophical creeds than on scientific arguments’’ (Klein and Takahata 2002, 384) [il neretto è mio].»

È disponibile in internet il testo integrale della fonte bibliografica (Gill 2000), cioè Does Race Exist? A proponent’s perspective (15 febbraio 2000) di George W. Gill, Professor Emeritus of Anthropology at the University of Wyoming:

http://www.pbs.org/wgbh/nova/evolution/does-race-exist.html

Ma perché mai il mondialismo vuole negare l’esistenza delle razze umane?

Per rendere più facile e indolore la Grande Sostituzione (“Grand Remplacement“, termine coniato da Renaud Camus) che questa perversa ideologia sta già attuando in Europa e che successivamente attuerà anche negli Stati Uniti d’America, cioè nell’Occidente intero, proprio quella Grande Sostituzione invocata esplicitamente, anzi ostentatamente, da Eugenio Scalfari nel suo editoriale C’è l’Africa nel nostro futuro (6 agosto 2017):

«Ma se invece di ragionare su un processo millenario ragioniamo di un processo di pochi secoli, allora l’Africa diventa un elemento positivo, che va aiutato in tutti i suoi problemi. E non solo l’Africa, ma tutti i popoli migranti che hanno di mira Paesi di antica ricchezza, con i quali convivere nel tentativo di ridurre le disuguaglianze.
La vera politica dei Paesi europei è quindi d’essere capofila di questo movimento migratorio: ridurre le diseguaglianze, aumentare l’integrazione. Si profila come fenomeno positivo, il meticciato, la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato. Questo è un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa [il neretto è mio]. E questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana.»

http://espresso.repubblica.it/opinioni/vetro-soffiato/2017/08/02/news/c-e-l-africa-nel-nostro-futuro-1.307312

Ne ho già scritto qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/08/15/eugenio-scalfari-e-lislamizzazione-delleuropa/

Bisogna infatti distinguere nella Grande Sostituzione l’aspetto religioso, cioè l’invasione islamica che l’Europa sta subendo, e ad esso i mondialisti rimediano con l’essere filoislamici e con l’affermare che tutte le religioni sono uguali (il che è una menzogna, allora il Cristianesimo sarebbe uguale alla religione greco-romana?), e l’aspetto razziale, che Scalfari esprime esplicitamente nominando “il meticciato” (pur non essendo tutti gli immigrati di razza africana), e ad esso i mondialisti rimediano affermando appunto che le razze umane non esistono (il che è una menzogna, vedi la suddetta pubblicazione di Neven Sesardić).

Come ho sempre scritto, il mondialismo va avanti a forza di menzogne.

Sul Primato Nazionale, nell’articolo intitolato Delirio Scalfari: “La sinistra crei un popolo mondiale unico grazie al meticciato” (8 agosto 2017), Adriano Scianca molto giustamente scrive:

«Rileggiamo. Quello che Scalfari auspica è “il meticciato, la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato”. La creazione di un popolo unico a livello mondiale è uno degli obbiettivi ultimi dell’ideologia globalista e mondialista, anche se spesso spiegato con parole decisamente più prudenti. Qui, invece, Scalfari ha espresso il suo progetto etnocida senza infingimenti. “Progetto” è del resto la parola giusta. Il fondatore di Repubblica, infatti, non dice che tale risultato sarà raggiunto grazie a meccanismi impersonali già in moto e ormai irreversibili. Al contrario, ne fa il centro di una precisa volontà politica, che deve perseguire tale obbiettivo e realizzarlo fattivamente. L’Europa, e in particolare le sinistre europee, devono attivamente intervenire sulla realtà per creare un popolo unico (in questo modo, peraltro, eliminando anche il concetto stesso di Europa: in una terra abitata da un unico tipo umano, a che pro distinguere i continenti con nomi altisonanti venuti da altre ere?). Con che coraggio, ora, diranno che la Grande Sostituzione è una fantasia complottista? [il neretto è mio]»

http://www.ilprimatonazionale.it/politica/delirio-scalfari-la-sinistra-crei-un-popolo-mondiale-unico-grazie-al-meticciato-70788/

Purtroppo però, i mondialisti hanno il coraggio di dire e di fare qualsiasi cosa.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.