Archive for 14 marzo 2018

La lotta furibonda tra Donald Trump, Vladimir Putin e i globalisti

14 marzo 2018

Ecco un video molto eloquente:

Spia russa avvelenata, Theresa May accusa Mosca. Putin respinge le accuse

Pubblicato su YouTube il 13 mar 2018

Si sta svolgendo sotto gli occhi di tutto il mondo la lotta furibonda tra Donald Trump, Vladimir Putin e i globalisti: l’ultimo atto è l’aggressione della globalista Theresa May a Putin (le elezioni presidenziali russe si terranno il 18 marzo!), con l’accusa ridicola di essere il mandante dell’avvelenamento mediante gas nervino russo (!) di un’ex-spia russa, a Salisbury, in Inghilterra, vedi quest’articolo della Repubblica (12 marzo 2018):

Spia russa, May accusa Mosca: “Chiarire entro 24 ore”
Il ministero degli Esteri russo: “Uno show da circo”. Ma il segretario di Stato Usa, Tillerson rincara la dose: “Ci saranno ritorsioni”

«LONDRA – “Altamente probabile [il neretto è mio] che sia stata la Russia”. Theresa May non fa giri di parole: la premier britannica accusa Mosca per l’avvelenamento con un gas nervino dell’ex-spia russa doppiogiochista Sergej Skripal e la figlia Yulia a Salisbury, la cittadina nel sud dell’Inghilterra dove altre decine di persone sono rimaste contagiate, a centinaia viene ora consigliato di lavare vestiti e cose, e tutti gli abitanti vivono nel panico.

Esaminata dai laboratori militari britannici, la sostanza usata per l’attacco risulta appartenere a un gruppo di gas nervini chiamati Novichok e prodotti in Russia…

…Se la Casa Bianca, pur dicendosi “al fianco” della Gran Bretagna, ha evitato di puntare l’indice contro la Russia nello vicenda dell’avvelenamento dell’ex spia del Kgb Sergei Skripal e della figlia Yulia, il segretario di Stato Usa Rex Tillerson sposa in pieno la tesi della premier britannica Theresa May e accusa apertamente Mosca. “Abbiamo piena fiducia nell’inchiesta britannica e nella sua valutazione secondo la quale la Russia è stata probabilmente [il neretto è mio] responsabile dell’attacco con agenti nervini della scorsa settimana a a Salisbury”, ha dichiarato Tillerson.»

http://www.repubblica.it/esteri/2018/03/12/news/spia_russa_may_accusa-191108218/

Perché posso tranquillamente affermare che l’accusa della May è ridicola? Perché chiunque è in grado di capire che se i servizi segreti russi volessero uccidere qualcuno, certamente non lo farebbero con un gas nervino russo, cioè certamente non lo farebbero con un’arma che li accusa.

Per giunta in perfetta concomitanza con le elezioni presidenziali russe!

E subito dopo l’intervento del globalista Rex Tillerson a supporto dell’accusa ridicola della globalista May, Donald Trump lo licenzia su due piedi, vedi quest’articolo del Corriere della Sera (13 marzo 2018):

Usa, Trump caccia Tillerson: al suo posto il «falco» Pompeo, ex capo Cia
L’attuale direttore della Cia assumerà l’incarico di segretario di Stato. «Importante garantire una transizione tranquilla», ha detto Tillerson Gina Haspel, prima donna prima donna ai vertici dei servizi segreti americani.

«Donald Trump ha licenziato il segretario di Stato Rex Tillerson, senza fargli neanche una telefonata [il neretto è mio].»

http://www.corriere.it/esteri/18_marzo_13/usa-trump-caccia-segretario-stato-tillerson-suo-posto-pompeo-d859be56-26bc-11e8-a3a0-e47b0114fbef.shtml

Sembra che Putin sia piuttosto adirato con gli inglesi:

Russia Threatens UK: “One Does Not Give 24Hrs Notice To A Nuclear Power”

«But then, Interfax reports Russian Foreign Ministry Spokeswoman Maria Zakharova turned up the heat dramatically, warning (or threatening):

One does not give 24 hours notice to a nuclear power” adding that the “Skripal poisoning was not an incident but a colossal international provocation.”

She also slammed the British for “not using a single international legal mechanism to probe the Skripal case.”»

https://www.zerohedge.com/news/2018-03-13/russia-threatens-uk-one-does-not-give-24hrs-notice-nuclear-power

Vorrei sottolineare una particolarità del comportamento dei globalisti che ho già notato in altre occasioni, come p.e. nella dichiarazione pubblica fatta da Eugenio Scalfari l’estate scorsa (pubblica perché scritta nel suo articolo C’è l’Africa nel nostro futuro pubblicato sull’Espresso) circa la volontà sua e dell’élite globalista di attuare il meticciato tra il popolo italiano e popolazioni africane, di cui ho già scritto in post precedenti:

essi (i globalisti) non prevedono, o comunque sottovalutano fortemente, le pur ovvie reazioni al loro operato aggressivo.

Nel caso di Theresa May e di Rex Tillerson, la reazione elettorale del popolo russo sarà infatti quella di votare ancora di più per Putin.

Il messianismo cristiano di tipo millenaristico * (che, secondo la mia teoria unificata delle ideologie antistato, sta all’origine del mondialismo) può, a mio parere, spiegare questa particolarità del comportamento dei globalisti, particolarità che può arrivare a simulare un disturbo neurocognitivo del DSM–5 (cognizione sociale).

—————

* esso prevede due parusìe intervallate dal Regno di Cristo sulla terra, che durerà mille anni, mentre il messianismo cristiano di tipo non millenaristico prevede un’unica parusìa e ad essa seguiranno immediatamente il giudizio universale e la fine dei tempi.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/12/19/lapocalisse-di-giovanni-il-millenarismo-e-il-mondialismo/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2018/02/10/luci-e-ombre-del-pensiero-di-renaud-camus-sul-mondialismo/

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci