Archive for 16 maggio 2020

L’irrefrenabile trend del Premio Nobel per l’Economia che dice fesserie (per fare propaganda globalista)

16 maggio 2020

Siamo ormai abituati ai Premi Nobel per l’Economia che dicono fesserie (per fare propaganda globalista): basti pensare a Joseph Stiglitz e Paul Krugman, come ho scritto più volte:

«Altro esempio: l’idiozia conclamata di due premi Nobel per l’Economia, Joseph Stiglitz e Paul Krugman, che continuano indefessi a scrivere cose contrarie alla Ragione, la quale, come notarono gli antichi greci (per esempio Eraclito) e gli antichi romani (per esempio Cicerone), “è comune a tutti” (2) (e quindi tutti possono autonomamente capire che i due suddetti scrivono idiozie).

Non dovrebbe essere assegnato, il premio Nobel per l’Economia, a individui di somma intelligenza, a individui, cioè, che sono assai lontani dalle idiozie?

Per quanto riguarda Joseph Stiglitz, basti ricordare la sua ridicola pretesa di propugnare lo stato sociale in assenza di Stato (perché egli contemporaneamente propugna l’eliminazione dei confini, senza i quali, come è ben noto, lo Stato scompare), come ho mostrato in miei post precedenti (3, 4).»

I tempi che stiamo vivendo sono o non sono tempi eccezionali?

24 aprile 2019

https://luigicocola.wordpress.com/2019/04/24/i-tempi-che-stiamo-vivendo-sono-o-non-sono-tempi-eccezionali/

Propongo oggi un altro esempio di ciò che sta diventando ormai una figura archetipica:

Esther Duflo e Abhijit Banerjee, vincitori nel 2019 del Premio Nobel per l’Economia.

Ecco cosa essi hanno scritto il 6 maggio 2020 sul Guardian:

«While countries in east Asia and Europe are gradually taking steps towards reopening their economies, many in the global south are wondering whether the worst of the pandemic is yet to come. As economists who work on poverty alleviation in developing countries, we are often asked what the effects of coronavirus will be in south Asia and Africa. The truth is, we don’t know. Without extensive testing to map the number of cases, it’s impossible to tell how far the virus has already spread. We don’t yet have enough information about how Covid-19 behaves under different conditions such as sunlight, heat and humidity. Developing countries’ more youthful populations may spare them the worst of the pandemic, but health systems in the global south are poorly equipped to deal with an outbreak, and poverty is linked to co-morbidities that put people at a higher risk of serious illness

What can poor countries do in the face of this pandemic – and how can rich countries help them? First, the systematic testing strategies that have been crucial to containing the epidemic and easing lockdown measures in Europe are equally critical in poor countries. In places where public health authorities don’t have information about the spread of the virus and resources are limited, the response to coronavirus needs to be targeted at active hotspots. In this way, rather than imposing a universal lockdown, health authorities can identify the clusters where quarantine measures are required.

Second, developing countries must be able to improve the ability of their health systems to cope with a potential sudden influx of sick people.

And third, it’s crucial that poor countries are able to guarantee people a secure livelihood in the months to come. In the absence of such a guarantee, people will grow tired of quarantine measures and lockdowns will be increasingly difficult to enforce. To protect their economies from a collapse in demand, governments must reassure people that financial support will be available for as long as it’s needed [il neretto è mio]

Esther Duflo and Abhijit Banerjee

Coronavirus is a crisis for the developing world, but here’s why it needn’t be a catastrophe
A radical new form of universal basic income could revitalise damaged economies

6 maggio 2020

https://www.theguardian.com/commentisfree/2020/may/06/vulnerable-countries-poverty-deadly-coronavirus-crisis

Esaminiamo punto per punto quanto ho riportato sopra:

Punto I) «While countries in east Asia and Europe are gradually taking steps towards reopening their economies, many in the global south are wondering whether the worst of the pandemic is yet to come. As economists who work on poverty alleviation in developing countries, we are often asked what the effects of coronavirus will be in south Asia and Africa. The truth is, we don’t know. Without extensive testing to map the number of cases, it’s impossible to tell how far the virus has already spread.»

Forse loro due non lo sanno, ma l’informazione per quanto riguarda l’India, che sta proprio in south Asia, è disponibile a tutti in tutto il mondo (e non c’è nessun bisogno di extensive testing!), eccola:

«Apr 27 data show that U.S. COVID-19 death rates are at least eight times higher than in countries with early and prophylactic use of HCQ.

Opinion leaders should be demanding to know why this treatment option is not widely discussed or might even be forbidden.»

Association of American Physicians and Surgeons (AAPS)

Where’s the Evidence on COVID-19 Treatment?

April 28, 2020

aapsonline.org/evidence-hydroxychloroquine/

Ed ecco un passo del mio post di ieri:

«Eliminando dalla lista così ottenuta i piccoli paesi (San Marino, Andorra, ecc.), ecco quali sono, in ordine decrescente, i paesi più colpiti:

1. Belgio – 769 Deaths/1M pop

2. Spagna – 584 Deaths/1M pop

3. Italia – 519 Deaths/1M pop

4. Regno Unito – 495 Deaths/1M pop

5. Francia – 420 Deaths/1M pop

6. Svezia – 350 Deaths/1M pop

7. Paesi Bassi – 326 Deaths/1M pop

8. Irlanda – 305 Deaths/1M pop

9. Stati Uniti d’America – 263 Deaths/1M pop

10. Svizzera – 217 Deaths/1M pop

Mi viene spontanea la domanda: perché sono tutti paesi europei più gli Stati Uniti d’America?

Sarebbe importante rispondere a questa domanda.

È comunque da notare un fatto curioso, che mi pare non sia stato notato da altri: i suddetti sono in assoluto i paesi più globalisti del mondo, quelli dove è più forte l’ideologia globalista (certo, manca, inspiegabilmente, la Germania).»

Perché i paesi con più morti da COVID-19 per milione di abitanti sono tutti europei più gli USA?

15 maggio 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/05/15/perche-i-paesi-con-piu-morti-da-covid-19-per-milione-di-abitanti-sono-tutti-europei-piu-gli-usa/

Vogliamo vedere quanti morti per milione per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America e l’India sono riportati sul sito worldometer mentre sto scrivendo (11:20am CEST, 16 maggio 2020)?

USA – 268 Deaths/1M pop (ieri erano 263!)

India – 2 Deaths/1M pop

https://www.worldometers.info/coronavirus/

Ecco infatti due screenshot relativi a USA e India, rispettivamente (vedi l’ultima colonna a destra):

Nel secondo screenshot è anche possibile leggere i Deaths/1M pop per quanto riguarda i seguenti paesi dell’Africa e dell’Asia meridionale:

Sierra Leone – 3 Deaths/1M pop

Chad – 3 Deaths/1M pop

Congo – 3 Deaths/1M pop

Bangladesh – 2 Deaths/1M pop

Sudan – 2 Deaths/1M pop

Punto II) «Developing countries’ more youthful populations may spare them the worst of the pandemic, but health systems in the global south are poorly equipped to deal with an outbreak, and poverty is linked to co-morbidities that put people at a higher risk of serious illness.»

Gli health systems in the global south sono perfettamente in grado di eliminare l’infezione da SARS-CoV-2, che causa la COVID-19, perché usano l’idrossiclorochina (hydroxychloroquine, HCQ).

Al contrario, sono gli health systems dei paesi globalisti (paesi europei e USA) a non essere in grado di eliminare tale infezione, proprio perché i globalisti impediscono con le unghie e con i denti l’uso dell’idrossiclorochina, vedi a questo proposito qui:

Perché mai i globalisti vogliono impedire a tutti i costi l’uso dell’idrossiclorochina?

6 maggio 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/05/06/perche-mai-i-globalisti-vogliono-impedire-a-tutti-i-costi-luso-dellidrossiclorochina/

Punto III) «What can poor countries do in the face of this pandemic – and how can rich countries help them? First, the systematic testing strategies that have been crucial to containing the epidemic and easing lockdown measures in Europe are equally critical in poor countries.», ecc. ecc.

I paesi ricchi devono piantarla di molestare e stuprare i paesi poveri (penso per esempio ai devastanti vaccini di Bill Gates, l’Anticristo).

Le systematic testing strategies that have been crucial to containing the epidemic non sono in realtà cruciali, è sufficiente somministrare subito, solo in base alla diagnosi clinica, una manciata di compresse di idrossiclorochina, di pochissimo costo, ai pazienti a casa loro, per un periodo di tempo che va dai cinque ai dieci giorni e la cosa finisce lì. Ottima anche la profilassi con l’idrossiclorochina.

Se le systematic testing strategies, che sono molto costose, fossero davvero cruciali, come è possibile che paesi poverissimi hanno pochissimi morti per milione di abitanti, mentre i paesi dell’Europa occidentale e gli Stati Uniti d’America sono i paesi più colpiti al mondo, come ho mostrato sopra?

I lockdown invece sono fondamentali, ma solo per i globalisti, al fine di distruggere le economie degli Stati e diffondere ovunque la povertà, la quale, come scrivo da anni, viene utilizzata dal globalismo per eliminare gli Stati (l’ideologia globalista è l’esatto contrario della teoria marx-engelsiana, ma il fine, l’eliminazione dello Stato, è il medesimo), vedi per esempio qui:

«Per non parlare della povertà che il mondialismo impone a chiunque non faccia parte dell’élite, dato che questa ideologia antistato utilizza l’ultracapitalismo come mezzo specifico per eliminare lo Stato.»

Il mondialismo è un virus memetico

15 febbraio 2017

https://luigicocola.wordpress.com/2017/02/15/il-mondialismo-e-un-virus-memetico/

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com