Archive for the ‘politica’ Category

Scenari mondiali di fine secolo

18 ottobre 2019

Dato che la Russia e la Cina, le uniche grandi potenze del pianeta che possono opporsi efficacemente al globalismo, con tutta evidenza non intendono contrastare e far interrompere l’esperimento globalista costituito dall’Unione Europea, anzi incredibilmente lo sostengono (perché si rifiutano di guardare in faccia la realtà!), come ho già scritto nel precedente post, quali scenari mondiali sono ipotizzabili alla fine del secolo?

È facile immaginarlo: alla fine del secolo sarà probabilmente portata a termine l’islamizzazione dell’Europa, uno dei mezzi principali che il globalismo sta adoperando per eliminare gli Stati, sostituendoli (o meglio cercando di sostituirli) con la tecnocrazia (il vecchio sogno del Conte Henri de Saint-Simon, attuato però contro il popolo).

Sia chiaro che il globalismo non è affatto una teoria della cospirazione, essendo stato nominato pubblicamente più volte da Donald Trump, cioè dal 45° Presidente degli Stati Uniti d’America, suscitando così un incontenibile odio da parte dei globalisti, basti pensare all’ira sul volto della sedicenne Greta Thunberg, quando si trovò al cospetto di Trump lo scorso settembre all’ONU.

Infatti la strategia dei globalisti è quella di non dichiararsi tali, come ho già scritto in un post precedente.

E finora, a quanto pare, questa strategia si è dimostrata vincente, dato che ha ingannato i russi e i cinesi.

Ritornando agli scenari mondiali di fine secolo, gli islamici d’Europa, una volta raggiunto il controllo dei paesi europei, sicuramente porranno fine all’ideologia mondialista, perché l’Islam non concepisce l’assenza dello Stato, non concepisce quella separazione tra Cesare e Dio che è una caratteristica peculiare del Cristianesimo, come tutti sanno o dovrebbero sapere, essendo una nozione elementare di cultura generale (se poi si è ignoranti, è un altro discorso).

Essi quindi restaureranno gli Stati europei e prenderanno il controllo delle rispettive forze armate, comprese ovviamente le armi nucleari.

Dopodiché lo Stato d’Israele cesserà di esistere, verrà nuclearizzato, alla faccia degli ebrei internazionalisti, come ho già scritto più volte.

Ma non solo: il proselitismo bellico, cioè il proselitismo attuato mediante la spada, che è una caratteristica peculiare dell’Islam, spingerà gli Stati europei islamici a confliggere con la Russia e la Cina.

Tale conflitto sarà molto più aspro del conflitto attuale tra l’Occidente mondialista da un lato e la Russia e la Cina dall’altro, data l’indole islamica.

Questo è lo scenario mondiale di fine secolo che i nostri discendenti dovranno affrontare.

Chi si rifiuta di guardare in faccia la realtà o è in preda al delirio culturale costituito dall’ideologia mondialista, o comunque non è in grado, per qualsiasi altro motivo, di fare previsioni basate sulla Ragione.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

I russi e i cinesi non capiscono affatto cos’è il mondialismo

15 ottobre 2019

Pensando e ripensando a tutta la faccenda, mi è ormai chiaro, dolorosamente chiaro, che i russi e i cinesi non capiscono affatto cos’è il mondialismo (dal francese mondialisme) o globalismo (dall’inglese globalism): essi lo interpretano erroneamente mediante i tradizionali concetti marxisti di lotta di classe, capitalismo, imperialismo, ecc. ecc.

Come del resto molti fanno anche in Italia, basti pensare a Diego Fusaro.

Le conseguenze di tale mancata comprensione sono gravissime.

Infatti i russi e i cinesi stanno cercando di dedollarizzare l’economia mondiale (e sono in particolar modo i russi a cercare di sostituire il dollaro con l’euro) (1, 2), proprio perché essi pensano al mondialismo in termini di capitalismo e imperialismo e quindi pensano che la testa del serpente mondialista sia gli Stati Uniti d’America, dato che sono gli Stati Uniti d’America ad avere il capitalismo e le forze armate più forti e potenti del mondo.

Invece la testa del serpente mondialista è l’Europa, dove praticamente tutti i Re e le Regine delle monarchie europee (a cominciare dalla Regina Elizabeth II, come ella stessa ha dichiarato pubblicamente nel 2018, 3) e tutti i capi religiosi europei (a cominciare da Papa Bergoglio, come è notorio) sono adepti del mondialismo, cioè sono adepti di una forma pervertita e malvagia, oggettivamente malvagia (essa vuole attuare la distruzione fisica di gruppi nazionali, cioè un “crime of genocide“, 4, 5), di quell’ideologia antistato che fu creata all’inizio dell’Ottocento dal Conte Henri de Saint-Simon, come ho scritto innumerevoli volte.

In altre parole, la strategia dei russi e dei cinesi per combattere il mondialismo è sbagliata ed è sbagliata perché è sbagliata la loro interpretazione del mondialismo.

Il modo corretto, efficace e rapido per sconfiggere il mondialismo è quello di far crollare l’Unione Europea, che è la punta di diamante del mondialismo, il work in progress più avanzato del mondialismo.

È proprio partendo dall’Europa che i deliranti mondialisti vogliono iniziare a realizzare il loro irrealizzabile progetto di instaurare in tutto il mondo un Nuovo Ordine Mondiale nel quale la tecnocrazia (che è un concetto inventato da Saint-Simon) dovrebbe, secondo il loro delirio culturale (6), sostituire lo Stato.

In sintesi: crollata l’Unione Europea, crollato il mondialismo (quel mondialismo che ha creato la crisi dell’Ucraina e la crisi di Hong Kong).

Invece i russi e i cinesi cosa fanno? Utilizzano l’euro per la dedollarizzazione e quindi rafforzano l’Unione Europea!

Che disastro!

————–

1) Da Russia e Cina un addio al dollaro

https://it.insideover.com/economia/da-russia-e-cina-un-addio-al-dollaro.html

2) Putin’s Big Dollar Dump Cost Russia $8 Billion in One Year

https://www.bloomberg.com/news/articles/2019-10-15/putin-s-big-dollar-dump-cost-russia-8-billion-in-one-year

3) Non capire nulla di quello che sta succedendo tra Inghilterra e Russia

https://luigicocola.wordpress.com/2018/11/28/non-capire-nulla-di-quello-che-sta-succedendo-tra-inghilterra-e-russia/

4) Convention on the Prevention and Punishment of the Crime of Genocide

treaties.un.org/pages/ViewDetails.aspx?src=TREATY&mtdsg_no=IV-1&chapter=4&lang=en

5) Convention on the Prevention and Punishment of the Crime of Genocide

«Article I

The Contracting Parties confirm that genocide, whether committed in time of peace or in time of war, is a crime under international law which they undertake to prevent and to punish.

Article II

In the present Convention, genocide means any of the following acts committed with intent to destroy, in whole or in part, a national, ethnical, racial or religious group, as such [il neretto è mio]:
(a) Killing members of the group;
(b) Causing serious bodily or mental harm to members of the group;
(c) Deliberately inflicting on the group conditions of life calculated to bring about its physical destruction in whole or in part [il neretto è mio];
(d) Imposing measures intended to prevent births within the group;
(e) Forcibly transferring children of the group to another group.

Article III

The following acts shall be punishable:
(a) Genocide;
(b) Conspiracy to commit genocide;
(c) Direct and public incitement to commit genocide;
(d) Attempt to commit genocide;
(e) Complicity in genocide.»

United Nations, Treaty Series, vol. 78, p. 280

treaties.un.org/doc/Publication/UNTS/Volume%2078/v78.pdf

6) Luigi Cocola, Il mondialismo è un delirio culturale, 2° ed., lulu.com, 2018

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

I cinesi finalmente dichiarano le loro intenzioni

14 ottobre 2019

Leggo sul Corriere della Sera:

Xi Jinping: «Romperemo le ossa ai separatisti e li ridurremo in polvere»
Duro avvertimento del presidente cinese durante la sua visita in Nepal. Circa 20mila tibetani vivono nel Paese. I fronti aperti: Tibet e Hong Kong, ma anche Taiwan e le minoranze musulmane

“«Faremo a pezzi» i sostenitori del separatismo in Cina. Durissimo l’avvertimento del presidente cinese, Xi Jinping, che durante una visita nel vicino Nepal ha criticato quanti militano per l’indipendenza a Hong Kong e in Tibet. Dopo mesi di proteste e spinte indipendentiste nei due territori, il capo di Stato, parlando durante un incontro con il primo ministro nepalese K.P. Sharma Oli ha affermato: «Chiunque sia impegnato nel separatismo in qualsiasi parte della Cina sarà ridotto in polvere e fatto a pezzi. Ogni forza esterna che supporta la divisione della Cina (…) si illude». Le frasi sono riportatein una nota del ministero degli Esteri cinese.”

14 ottobre 2019

https://www.corriere.it/esteri/19_ottobre_14/xi-jinping-romperemo-ossa-separatisti-li-ridurremo-polvere-a97dc5a6-ee56-11e9-9f60-b6a35d70d218.shtml

In inglese:

China’s Xi warns attempts to divide China will end in ‘shattered bones’

“Chinese President Xi Jinping warned on Sunday that any attempt to divide China will be crushed, as Beijing faces political challenges in months-long protests in Hong Kong and U.S. criticism over its treatment of Muslim minority groups.

“Anyone attempting to split China in any part of the country will end in crushed bodies and shattered bones,” he told Nepal’s Prime Minister KP Sharma Oli in a meeting on Sunday, according to China’s state broadcaster CCTV.

“And any external forces backing such attempts dividing China will be deemed by the Chinese people as pipe-dreaming!” he was quoted as saying.”

14 ottobre 2019

https://www.cnbc.com/2019/10/14/chinas-xi-warns-attempts-to-divide-china-will-end-in-shattered-bones.html

Hong Kong protests: President Xi warns of ‘bodies smashed’
China’s president has issued a warning against dissent, saying any attempt to divide China will end in “bodies smashed and bones ground to powder”.

“Xi Jinping’s comments came during a state visit to Nepal on Sunday, Chinese state broadcaster CCTV said.

He didn’t mention any particular region but it was seen as a warning to Hong Kong, where anti-Beijing protests have been ongoing for months…

…What did Xi Jinping say?

“Anyone who attempts to split any region from China will perish, with their bodies smashed and bones ground to powder,” Mr Xi said, according to a foreign ministry statement issued on Sunday

“Any external forces that support the splitting of China can only be regarded as delusional by the Chinese people,” he said.

Since the start of the Hong Kong protest movement four months ago, China has blamed “external forces” for fuelling the unrest, and accused the US and UK of interfering in Chinese domestic affairs.

Why are his comments notable?

Xi Jinping has yet to make any direct comment on the ongoing protests in Hong Kong, so this will be seen as a rare and strong warning [il neretto è mio].”

14 ottobre 2019

https://www.bbc.com/news/world-asia-china-50035229

Proprio qualche giorno fa, l’11 ottobre, ho scritto in questo blog:

Questo è il mondialismo, questo è il nemico che i popoli di tutto il mondo devono combattere se vogliono sopravvivere.

P.S.: ciò riguarda anche i cinesi, chissà se l’hanno capito dopo la rivoluzione colorata (globalista) di Hong Kong (che è ancora in corso).

Cinesi, svegliatevi!

https://luigicocola.wordpress.com/2019/10/11/come-la-setta-dellelite-globalista-vuole-distruggere-i-popoli-aggiornamenti-sulla-svezia/

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Come la setta dell’élite globalista vuole distruggere i popoli: aggiornamenti sulla Svezia

11 ottobre 2019

Ecco una notizia che dimostra chiaramente la volontà della setta dell’élite globalista di distruggere i popoli, come da tempo scrivo in questo blog: in Svezia la setta dell’élite globalista ha tentato di eliminare l’insegnamento scolastico della storia anteriore al Settecento.

Quindi niente Impero Svedese del Seicento, niente Medio Evo e perfino niente antichi romani e antichi greci!

Ma questa follia è fallita, almeno per il momento.

«The Swedish Board of Education has backed down from a plan to erase teaching of the country’s ancient history and replace it with “postmodernism” classes after a huge backlash.

Skolverket initially announced a plan to abolish teaching of history prior to 1700, including ancient Greece, the Swedish Great Power era in the 17th century, Rome, and the dark ages.

The classes were set to be replaced by a greater focus on “postmodernism” and the post war 20th century era.

However, the board was forced to back down after acknowledging there was “a lack of support for our suggestion.”

The original proposal was widely denounced, including by Professor of History Dick Harrison, who labeled the idea “intellectual suicide and f**king sick.”

One wonders what kind of state a country is in that it would try to abolish teaching of its own history.»

Sweden Backs Down From Abolishing Ancient History Classes After Huge Backlash

di Paul Joseph Watson

(9 ottobre 2019)

summit.news/2019/10/09/sweden-backs-down-from-abolishing-ancient-history-classes-after-huge-backlash/

(11 ottobre 2019)

www.zerohedge.com/political/sweden-backs-down-abolishing-ancient-history-classes-after-huge-backlash

«No more Plato or Aristotle. No Rome, no more teaching of Swedish Great Power era in Swedish upper grade history classes. This is the new move from the Swedish Board of Education, which wants Swedish pupils to focus on Hitler, World War 2 and the following postmodern era in the late 20th century instead.

Recent days, the Swedish debate has focused on the social democratic next move to make the Swedish people less historically aware. Due to lack of lesson time, the Board of Education now suggests that the History subject must be radically changed.
Gender issues, climate and migration are of course included elements in the new suggested revised course plans of social sciences, which includes history.

At the upper grades 7-9, where pupils are 13-15 years old, there will no longer be any history taught dated older than the year 1700. All studying of the democratic cradle in ancient Greece, Rome, or The Swedish Great Power era (1611-1718) when Sweden ruled the countries surrounding the Baltic Sea, will be erased from history class.

“Sweden will be embarrassed”
”It’s horrible, bizarre and absurd, Dick Harrison professor of History and author outbursted when the suggestion was presented to the public previously this week.

“As a historian, who knows some about this, I am forced to react. Only the idea that the Ancients are unimportant to understand the present is bizarre and absurd.
Everything that surrounds us is a legacy from the ancient Greeks, he claimed and said that if the suggestion becomes reality, ”Swedes will be embarrassed worldwide”.

“Excuse me, but it’s so f*** sick, I find it hard to believe it. Naturally, I expect the suggestion to be withdrawn, the upset professor said.»

Swedish schools to erase ancient history from history class

(29 Settembre 2019)

voiceofeurope.com/2019/09/swedish-schools-to-erase-ancient-history-from-history-class/

«Last week, Voice of Europe could report that The Swedish Board of Education, Skolverket, planned to erase history elements older than the year 1700 from Swedish history classes. Now, after intense criticism, the Board withdrawals its plans.

“The Board of Education can observe that there is a lack of support for our suggestion and therefore, we can already now before the inquiry time has expired, establish that the Antiques will remain in the elementary school’s course plan for history, the authority states in a press release.»

After intense protests: Ancient history not removed from Swedish history classes

(9 ottobre 2019)

voiceofeurope.com/2019/10/after-intense-protests-ancient-history-not-removed-from-swedish-history-classes/

Questo è il mondialismo, questo è il nemico che i popoli di tutto il mondo devono combattere se vogliono sopravvivere.

P.S.: ciò riguarda anche i cinesi, chissà se l’hanno capito dopo la rivoluzione colorata (globalista) di Hong Kong (che è ancora in corso).

Cinesi, svegliatevi!

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Uno sguardo ad alcune analisi del mondialismo pubblicate da “Strategic Culture”

7 ottobre 2019

Mentre “ZeroHedge” è certamente il mio sito di informazione preferito tra quelli in lingua inglese, spesso ne leggo anche altri, fra i quali uno dei più rimarchevoli è “Strategic Culture“.

Ecco cosa “Strategic Culture” dice di se stesso:

“Strategic Culture Foundation provides a platform for exclusive analysis, research and policy comment on Eurasian and global affairs.”

www.strategic-culture.org/about/

Ebbene, vorrei menzionare due articoli presenti sulla home page di questo sito il 5 ottobre 2019:

Western Zero-Sum Geopolitics is a Dead-End

editoriale anonimo (4 ottobre 2019)

www.strategic-culture.org/news/2019/10/04/western-zero-sum-geopolitics-is-a-dead-end/

Culture Wars, Foreign Policy Wars – When They Meet, They Clash

di Alastair Crooke (30 settembre 2019)

www.strategic-culture.org/news/2019/09/30/culture-wars-foreign-policy-wars-when-they-meet-they-clash/

e anche un terzo articolo visibile alla stessa data nelle pagine interne:

The War Against Globalism

di Philip Giraldi (13 dicembre 2018)

www.strategic-culture.org/news/2018/12/13/war-against-globalism/

In tutti e tre questi articoli viene esposta la causa, secondo i rispettivi autori, di ciò che nel 2018 Donald Trump giustamente chiamò “the ideology of globalism” (ma che in questi articoli viene chiamato in vario modo, cosa che qui non mi interessa):

nel primo articolo la causa sarebbe il capitalismo e l’imperialismo (“US corporate capitalism and its militarist machine”),

nel secondo articolo la causa sarebbe l’Illuminismo e la Ragione (“the Enlightenment ideal of ‘incontrovertible’ reason”),

nel terzo articolo la causa sarebbe la lotta di classe (“There have been windows in history when the people have had enough abuse and so rise up in revolt. The American and French revolutions come to mind as does 1848. Perhaps we are experiencing something like that at the present time, a revolt against the pressure to conform to globalist values that have been embraced to their benefit by the elites and the establishment in much of the world. It could well become a hard fought and sometimes bloody conflict but its outcome will shape the next century. Will the people really have power in the increasingly globalized world or will it be the 1% with its government and media backing that emerges triumphant?”).

Ebbene, queste tre spiegazioni del globalismo (dall’inglese “globalism”), detto anche mondialismo (dal francese “mondialisme”), sono clamorosamente sbagliate ed è facilissimo dimostrarlo.

Tutte e tre infatti presuppongono la razionalità del globalismo, mentre è evidente che il mondialismo è contro la Ragione, perché uno dei mezzi principali che questa ideologia usa per conseguire il suo scopo supremo, cioè eliminare lo Stato, sostituendolo con la tecnocrazia (che era l’utopia ottocentesca di Henri de Saint-Simon), consiste nell’islamizzazione dell’Europa prima e dell’intero Occidente poi.

L’Islam però non concepisce minimamente l’assenza dello Stato: il risultato di questa islamizzazione sarà inevitabilmente la restaurazione dello Stato in Europa e nell’Occidente per opera degli immigrati islamici e dei loro discendenti, quando essi diventeranno maggioranza (e ciò non accadrà in un futuro remoto, a causa del loro notevolissimo tasso di natalità).

Tale inevitabile risultato non è stato previsto solo da me, ma anche da Renaud Camus, il quale purtroppo, a differenza di me, si ferma qui nella sua analisi, mentre la mia analisi del mondialismo spiega esaurientemente e razionalmente perché il mondialismo vuole eliminare lo Stato e perché esso è contro la Ragione: perché è un delirio culturale causato da un potentissimo e letale meme egoista (cfr. la teoria dei memi di Richard Dawkins), che fu creato dai primi cristiani durante la persecuzione di Domiziano e inserito nell’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento, e che consiste nella prescrizione di eliminare lo Stato. Lo Stato infatti, nella narrazione di tale libro, verrà sostituito dal Regno di Cristo, che, nonostante si chiami “Regno”, non è uno Stato, ma bensì è una condizione di perfezione trascendente, avendo il Messia cristiano, a differenza di quello ebraico, sia natura umana che natura divina. È proprio questa condizione di perfezione trascendente ciò a cui anelano Greta Thunberg, il Primate della Chiesa di Svezia, l’Arcivescovo Antje Jackelén, il Primate of All England, l’Arcivescovo Justin Welby, il capo della Chiesa Cattolica, Papa Bergoglio, e tutti gli altri globalisti.

Il suddetto meme, che ovviamente all’inizio non era egoista (era al contrario perfettamente rispondente alla necessità dei primi cristiani di far crollare lo Stato romano che li voleva eliminare), ebbe un enorme successo e distrusse l’Impero romano d’Occidente (i barbari, come è ben noto agli storici, erano numericamente troppo pochi per essere la vera causa di ciò). Dopodiché esso divenne un meme egoista, cioè non scomparve dopo aver assolto la sua funzione, ma rimase nell’inconscio collettivo dei popoli occidentali, scorrendo sotterraneamente come un fiume carsico e riaffiorando ogni tanto, come per esempio nel delirio culturale dei Taboriti boemi del 1420, per poi riemergere impetuosamente nell’Ottocento, in forma secolarizzata, con Henri de Saint-Simon (sansimonismo), con Pierre-Joseph Proudhon (anarchismo) e con la coppia costituita da Karl Marx e Friedrich Engels (comunismo), i creatori delle ideologie antistato di tipo filosofico (cfr. la mia Teoria unificata delle ideologie antistato).

Il mondialismo, nato nel Novecento, altro non è che un pervertimento del sansimonismo, perché Saint-Simon era a favore del popolo, mentre i mondialisti sono contro il popolo: in effetti essi vogliono distruggerlo, eliminarlo dalla faccia della terra, perché questa è la via che hanno scelto per far scomparire lo Stato e per instaurare così il Nuovo Ordine Mondiale, la versione secolarizzata del Regno di Cristo sulla terra.

È clamoroso che le spiegazioni oggi in voga del mondialismo siano palesemente errate, mentre la mia spiegazione del mondialismo, che è esauriente e che non ha falle logiche, sia misconosciuta e ignorata.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

È sempre più evidente che il mondialismo è una degenerazione del Cristianesimo

4 ottobre 2019

Come ho già scritto, Justin Welby, l’attuale Arcivescovo di Canterbury, Primate of All England (cioè capo religioso della Church of England), è notoriamente europeista e contrario alla Brexit, in altre parole egli è un globalista (1).

Anche l’attuale Primate della Chiesa di Svezia, l’Arcivescovo Antje Jackelén (la Chiesa di Svezia era fino al 2000 religione di Stato), mostra palesemente di essere globalista.

Ecco infatti cosa scrive Sputnik in lingua italiana (1 ottobre 2019):

Santa Greta! L’arcivescovo di Svezia equipara l’attivista a un profeta biblico
La Chiesa di Svezia ha chiesto al governo di adottare una politica climatica più vigorosa. Allo stesso tempo, l’arcivescovo Antje Jackelén ha paragonato la sua connazionale e attivista adolescente Greta Thunberg ai profeti dell’Antico Testamento.

https://it.sputniknews.com/mondo/201910018143351-santa-greta-larcivescovo-di-svezia-equipara-lattivista-a-un-profeta-biblico/

E Sputnik in lingua inglese (1 ottobre 2019):

Holy Greta! Archbishop of Sweden Compares 16-Year-Old Climate Alarmist to Biblical Prophets
The Church of Sweden has demanded that the government adopt a more strenuous climate policy. At the same time, Archbishop Antje Jackelén compared her compatriot and teenage activist Greta Thunberg, the figurehead of the international climate strike movement, to Old Testament prophets.

https://sputniknews.com/environment/201910011076931161-holy-greta-archbishop-of-sweden-compares-16-year-old-climate-alarmist-to-biblical-prophets/

Del capo della Chiesa Cattolica, Papa Bergoglio, è superfluo parlare: tutti sanno che egli è furiosamente a favore del globalismo (o mondialismo). E Bergoglio non è di certo venuto da Marte: è stato eletto dalla maggioranza dei cardinali della Chiesa cattolica, maggioranza che è quindi costituita da globalisti (2).

Così il quadro generale si va sempre più chiarendo ed è sempre più evidente ciò che io sostengo nei miei scritti dal 2014 (a quanto pare in perfetta solitudine) (3) e che può essere sintetizzato così:

il mondialismo è una degenerazione del Cristianesimo (4).

Per quanto riguarda la Russia, come ho scritto molte volte, il Cristianesimo ortodosso del popolo russo non soffre affatto di questa malattia degenerativa, per via del cesaropapismo ereditato da Costantinopoli (Mosca è la terza Roma) (cfr. per esempio 5).

Purtroppo però sono estremamente diffuse interpretazioni del mondialismo che non esito a definire ignoranti e stupide, e che in alcuni casi lo sono così tanto, da indurmi addirittura a ipotizzare che esse possano essere forme sofisticate di gatekeeping.

——

1) Le parole dell’Arcivescovo di Canterbury Justin Welby confermano la mia analisi del mondialismo

«Ecco infatti cosa dice Justin Welby (notoriamente contrario alla Brexit) dell’Unione Europea, che è la punta di diamante del mondialismo:

«The EU has been the greatest dream realised for human beings since the fall of the Western Roman Empire [il neretto è mio]. It has brought peace, prosperity, compassion for the poor and weak, purpose for the aspirational and hope for all its people.» (8, 9)»

https://luigicocola.wordpress.com/2019/08/31/le-parole-dellarcivescovo-di-canterbury-justin-welby-confermano-la-mia-analisi-del-mondialismo/

2) Ma Papa Francesco viene forse da Marte???

https://luigicocola.wordpress.com/2019/04/20/ma-papa-francesco-viene-forse-da-marte/

3) La teoria unificata delle ideologie antistato

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/20/la-teoria-unificata-delle-ideologie-antistato/

4) Il mondialismo è una degenerazione del Cristianesimo

https://luigicocola.wordpress.com/2019/01/28/il-mondialismo-e-una-degenerazione-del-cristianesimo/

5) Non capire nulla di quello che sta succedendo tra Inghilterra e Russia

«Per ritornare al cesaropapismo, occorre chiarire che si tratta della ben nota antitesi storica tra il Cristianesimo occidentale (sia cattolico che protestante) e il Cristianesimo ortodosso.

Il Cristianesimo occidentale è nato per buttar giù lo Stato schiavista romano, quello ortodosso è una creazione (davvero geniale!) di Costantino il Grande per conservarlo (5).

Per i russi eliminare lo Stato, che è lo scopo del mondialismo, è né più né meno che un sacrilegio, perché per loro lo Stato (Cesare) sta sopra il Cristianesimo (cesaropapismo), è sacro quanto il Cristianesimo, fa parte del “sacro”»

https://luigicocola.wordpress.com/2018/11/28/non-capire-nulla-di-quello-che-sta-succedendo-tra-inghilterra-e-russia/

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Due Premi Nobel a confronto: Al Gore e Carlo Rubbia

1 ottobre 2019

Ecco due video: il primo video riguarda un volgare truffatore, Al Gore, Premio Nobel per la pace 2007, il quale, nel 2009, afferma, senza ridere, che l’intera calotta glaciale del Polo Nord, durante l’estate, sarà completamente ice-free entro 5-7 anni (quindi nel 2014-2016), mentre il secondo video riguarda un vero scienziato, Carlo Rubbia, Premio Nobel per la fisica 1984 (e anche: membro della Royal Society dal 1984, Higgins Professor of Physics alla Harvard University dal 1970 al 1988, Direttore Generale del CERN dal 1989 al 1994, ecc. ecc.), il quale, nel 2014, afferma che dal 2000 al 2014 la temperatura della terra non è aumentata, è diminuita di -02 gradi.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Greta Thunberg, Al Gore e la truffa molto remunerativa del global warming

28 settembre 2019

Ecco due screenshot, scattati da me ieri, 27 settembre 2019, dell’account Twitter di Greta Thunberg, in cui c’è una foto di lei ed Al Gore (l’indirizzo è visibile in alto nella barra degli indirizzi):

In uno dei due screenshot è visibile la data in cui la foto è stata postata (30 dicembre 2018), nell’altro è visibile cosa ha scritto Greta in quell’occasione:

Thank you @algore for being a true pioneer. Very few people have done more. It was an honour to meet you. #climatecrisis #climatebreakdown

Ebbene, chi è Al Gore?

Al Gore fu il Vicepresidente degli Stati Uniti d’America dal 1993 al 2001, quando il Presidente era Bill Clinton. Fu anche candidato alla presidenza nelle elezioni del 2000, ma fu battuto da George W. Bush. Dopo questa sconfitta egli si dedicò all’ecologismo (è laureato in giurisprudenza) e nel 2006 fu protagonista (e autore del soggetto e della sceneggiatura) del film-documentario Una scomoda verità (An Inconvenient Truth) sul riscaldamento globale (global warming), che vinse il premio Oscar 2007 come miglior documentario e per la migliore canzone originale.

Vediamo cosa riporta Wikipedia in lingua italiana (che certamente non può essere accusata di antiglobalismo, anzi, tutt’altro!), in data 28 settembre 2019:

«Nel 2007 vince insieme all’Intergovernmental Panel on Climate Change il Premio Nobel per la pace «…per i loro sforzi per costruire e diffondere una conoscenza maggiore sui cambiamenti climatici provocati dall’uomo e per porre le basi per le misure necessarie a contrastare tali cambiamenti».[7] Particolare scalpore fa il suo discorso tenuto ad Oslo in occasione del conferimento del premio Nobel, quando afferma:

(EN)

«Last September 21, as the Northern Hemisphere tilted away from the sun, scientists reported with unprecedented distress that the North Polar ice cap is “falling off a cliff.” One study estimated that it could be completely gone during summer in less than 22 years. Another new study, to be presented by U.S. Navy researchers later this week, warns it could happen in as little as 7 years.

Seven years from now.»

(IT)

«Lo scorso 21 settembre, quando l’emisfero settentrionale s’inclinò dalla parte opposta al sole, gli scienziati riferirono del guaio senza precedenti che la calotta polare artica “sta cadendo a strapiombo”. Uno studio prevede che essa sarà completamente andata durante l’estate in meno di 22 anni. Un altro studio, che sarà presentato dai ricercatori della Marina americana al più tardi questa settimana, avverte che ciò potrebbe succedere fra soli 7 anni.

Sette anni a partire da oggi.»

(Al Gore, dal discorso tenuto in occasione del conferimento del Premio Nobel per la Pace a Oslo il 10 dicembre 2007[8])»

https://it.wikipedia.org/wiki/Al_Gore

E ancora su Wikipedia in lingua italiana, sempre in data 28 settembre 2019:

«Tuttavia, nell’editoriale del 26 giugno 2006 del Wall Street Journal, il prof. Richard S. Lindzen del Massachusetts Institute of Technology critica il film di Gore e mette in dubbio quanto da lui affermato.[3] Lo stesso Lindzen è a sua volta stato criticato per i finanziamenti di aziende petrolifere ricevuti da vari istituti di cui è partecipe.[3][4]

Un giudice dell’Alta Corte inglese ha stabilito che il film An Inconvenient Truth è «largamente accurato», ma «in un contesto di allarmismo ed esagerazione»; inoltre, per la presenza di accuse di immobilismo all’amministrazione Bush «non è solo un documento scientifico, è un film politico». In sede processuale vengono anche evidenziate delle incongruenze scientifiche e rilevati 9 principali errori commessi nel giungere ad alcune conclusioni.[5][6][7]

Ad esempio, Gore discute la possibilità di un innalzamento dei mari di circa “6 metri” causato sia dallo scioglimento dei ghiacciai dell’Antartide Occidentale o della Groenlandia. Anche se Gore non fa esplicitamente riferimento a un prossimo futuro, tuttavia dal contesto il giudice ne ha evinto un riferimento implicito che contrasta con quanto riportato da un rapporto dell’IPCC [Intergovernmental Panel on Climate Change, nota mia] del 2007: secondo questo studio, nei prossimi 100 anni i due ghiacciai citati potranno apportare solamente un innalzamento di 6 cm del livello dei mari, per raggiungere la quota di innalzamento citata da Gore sarebbero necessari diversi millenni.[8]

In totale sono stati rilevati 35 errori nel film di Gore.[8]»

https://it.wikipedia.org/wiki/Una_scomoda_verità

Lasciamo Wikipedia in lingua italiana e diamo uno sguardo a un articolo del Times del 14 dicembre 2009:

Arctic summer ice may be gone in five years, Al Gore warns

«The Arctic polar ice cap could disappear entirely in the summer months in as little as five years, Al Gore, the former American Vice-President, said today.

Mr Gore was the star draw at a Copenhagen summit side event during which Scandinavian scientists delivered a grim update on the state of the Greenland ice sheet and its potential to contribute to rising sea levels over the coming century.

Mr Gore won both the Nobel Peace Prize and an Oscar for his 2006 documentary An Inconvenient Truth, the extended film version of a climate change slideshow that he had been delivering for years and which helped to galvanise a worldwide campaign to tackle global warming.»

https://www.thetimes.co.uk/article/arctic-summer-ice-may-be-gone-in-five-years-al-gore-warns-tqxrj9chvfn

Allego uno screenshot scattato da me in data 28 settembre 2019 di questo articolo del Times:

Vediamo cosa riporta il Corriere della Sera in un articolo del 14 dicembre 2009:

Al Gore: «L’intera calotta polare artica potrebbe sparire in 5-7 anni»
In un’intervista su Current Tv: «Sull’ambiente Italia e Usa imparino dai Paesi scandinavi»

«MILANO – È stato accolto come una rock star dal pubblico di Copenaghen dove è arrivato lunedì per convincere i leader a trovare un accordo sul clima e lanciare l’ennesimo allarme sul riscaldamento globale. Al Gore, paladino degli ecologisti americani, ha messo in guardia i delegati alla conferenza organizzata dalle Nazioni Unite che il cambiamento è già in atto e che la calotta polare artica potrebbe scomparire, nel periodo estivo, già tra 5 o 7 anni. Il premio Nobel ha mostrato i dati di due nuove ricerche alla presenza dei ministri degli Esteri di Norvegia e Danimarca.
Il «profondo nord» è secondo Gore una delle aree più a rischio del pianeta, dove le temperature sono salite al doppio della velocità rispetto alla media. «C’è il 75% di possibilità che entro 5 o 7 anni l’intera calotta polare artica scompaia durante l’estate», ha detto l’ex vicepresidente americano, che nei giorni scorsi è stato in contatto diretto con le basi scientifiche del Polo Nord per ricevere gli ultimi dati aggiornati.»

https://www.corriere.it/scienze/speciali/2009/summit-copenaghen

/notizie/al_gore_intervista_current_ambiente_copenaghen_

fbd84e06-e89a-11de-b930-00144f02aabc.shtml

Allego uno screenshot scattato da me in data 28 settembre 2019 di questo articolo del Corriere della Sera:

Ebbene, dal 2009 a oggi sono passati non cinque anni, ma bensì dieci e la calotta polare artica è ancora al suo posto, viva e vegeta!

Qual è l’ovvia conclusione di tutto ciò che ho riportato qui? L’ovvia conclusione è che Al Gore è un volgare truffatore (infatti egli si è enormemente arricchito grazie alle sue profezie apocalittiche*) e che Greta Thunberg lo vuole imitare, basta leggere il suo tweet del 30 dicembre 2018, visibile a tutti in internet (almeno fino al 27 settembre 2019).

Che poi l’élite globalista utilizzi per i propri scopi sia Al Gore che Greta Thunberg è verissimo, ma è un altro discorso: il punto è che entrambi, Al Gore e Greta Thunberg, sono volgari truffatori e chi li propaganda è loro complice.

—–

* Come Al Gore ha costruito la frode del riscaldamento globale

«Al Gore è stato anche in grado di sfruttare la sua alta visibilità, i suoi premi cinematografici, il suo premio Nobel e il suo coinvolgimento in vari scambi di carbonio e altri schemi di una fortuna personale. Quando finì il suo mandato come vicepresidente nel 2001, il suo patrimonio netto era di $ 2 milioni. Entro il 2013, ha superato i $ 300 milioni [il neretto è mio]

www.attivitasolare.com/come-al-gore-ha-costruito-la-frode-del-riscaldamento-globale/

Il suddetto articolo è la traduzione italiana di:

How Al Gore built the global warming fraud

by Paul Driessen

«Al Gore was also able to leverage his high visibility, his movie awards, his Nobel Prize, and his involvement in various carbon trading and other schemes into a personal fortune. When he ended his tenure as Vice President in 2001, his net worth was $2 million. By 2013, it exceeded $300 million [il neretto è mio]

www.cfact.org/2018/10/20/how-al-gore-built-the-global-warming-fraud/

—–

N.B. tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Greta Thunberg all’ONU ha esagerato, la sua recitazione è stata troppo sopra le righe

26 settembre 2019

Greta Thunberg (che a me, a differenza di altri, non fa affatto pena, è solo una truffatrice in erba) l’altro giorno all’ONU ha esagerato nella sua esibizione davanti ai rappresentanti di tutti i paesi del mondo, la sua recitazione è stata troppo sopra le righe, e quindi la sua narrazione truffaldina è andata in pezzi.

Come disse Joe Mantegna in House of Games (1987): “You see? You crumbed the play”.

Così la piccola truffatrice è stata sconfessata nientepopodimeno che da Emmanuel Macron (che non è certamente un antiglobalista!):

Macron e il fastidio verso Greta: «Manifestare? Meglio pulire le spiagge in Corsica»
Il governo francese ha cambiato atteggiamento nei confronti dell’attivista svedese. Dopo averla ricevuta con tutti gli onori a febbraio, ora la critica come oltranzista e irresponsabile

«Il personaggio Greta sembra essere sfuggito di mano, le sue denunce e il discorso pronunciato all’Onu non sono piaciuti né a Macron né al suo entourage.»

https://www.corriere.it/esteri/19_settembre_25/macron-fastidio-greta-manifestare-meglio-pulire-spiagge-corsica-c5a4f0d0-df7c-11e9-aa5f-fbca0c81b7c9.shtml

La prossima volta i globalisti dovrebbero incaricare, invece di una truffatrice in erba, un truffatore esperto, o anche un bravo attore di Hollywood, per esempio Robert De Niro (che a mio parere non è semplicemente bravo: è il più bravo attore vivente, cfr. Awakenings, 1990).

Certo, De Niro costa molto. Ma cosa non si farebbe per spianare la via a Cristo e agevolare così la Sua seconda venuta?

Infatti il globalismo questo è: l’aspettativa delirante della parusìa intermedia in forma secolarizzata.

Suvvia, non è il momento di essere taccagni!

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Donald Trump parla all’ONU contro il globalismo e i globalisti

25 settembre 2019

Ieri, 24 settembre 2019, Donald Trump ha pronunciato un discorso all’ONU, nel quale ha detto:

The future does not belong to globalists. The future belongs to patriots [il neretto è mio]. The future belongs to sovereign and independent nations who protect their citizens, respect their neighbors, and honor the differences that make each country special and unique…

Globalism exerted a religious pull over past leaders causing them to ignore their own national interest [il neretto è mio]. But as far as America is concerned–those days are over.”

Qui c’è il discorso integrale di Trump:

Full Replay: President Trump Rails Against Globalists, China, Iran In Speech To UN General Assembly

https://www.realclearpolitics.com/video/2019/09/24/

full_replay_president_trump_rails_against_globalists_

china_iran_in_speech_to_un_general_assembly.html

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com