Posts Tagged ‘alexander dugin’

Sulla difficoltà di essere sani di mente in un mondo pieno di pazzi

17 luglio 2019

Questo è un mondo pieno di pazzi: non è forse pazzia stravolgere la verità e indefessamente continuare per anni e anni a diffondere attraverso tutti i media possibili, vecchi e nuovi, una narrazione completamente falsa della realtà?

E tutto ciò, si badi bene, non solo da parte di chi è logico che faccia propaganda mondialista, ma anche da parte degli antiglobalisti, come ho scritto l’anno scorso in questo blog.

La goccia che, per me almeno, ha fatto traboccare il vaso è stata la recente intervista del Financial Times a Vladimir Putin.

Debbo proprio dirlo: che l’ISPI REPORT 2019 straparli di “Liberal Order” lo posso sopportare, che Vladimir Putin straparli di “liberal idea”, no, non posso sopportarlo.

Soprattutto dopo che la Regina Elizabeth II ha “confessato” pubblicamente, l’anno scorso, di essere “internazionalista”, cioè proprio il termine usato a suo tempo da David Rockefeller nella sua autobiografia.

E con Donald Trump che parla da qualche anno della “false song of globalism”, l’ultima volta l’anno scorso all’ONU.

Anche perché è inevitabile che ci si chieda: ma i russi (e non parlo dello sconclusionato Alexander Dugin!) stanno attuando una qualche intelligentissima strategia, oppure, molto semplicemente, non hanno capito un piffero di niente?

Se malauguratamente fosse vera questa seconda ipotesi, saremmo tutti veramente nella merda.

L’Occidente è oggi nel pieno di un vero e proprio delirio culturale, come per esempio il genocidio cambogiano di Pol Pot e dei Khmer Rossi, oppure, molto più in piccolo, il suicidio di massa del Tempio del popolo di Jim Jones (per il quale, se vogliamo essere precisi, è più appropriato, proprio per le sue piccole dimensioni, il termine “delirio collettivo”, in inglese “collective delusion”).

La differenza è che l’attuale delirio culturale dell’Occidente è un genocidio lento e incruento. Infatti non c’è bisogno di uccidere perché si abbia il crimine di genocidio, è sufficiente che siano inflitte deliberatamente condizioni di vita calcolate per portare alla distruzione fisica, totale o parziale, di un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso.

A guidare questo delirio culturale, anzi ad averlo fatto nascere, è una vera e propria setta: la setta dell’élite globalista, che è poi l’élite dell’Occidente intero, setta nella quale stanno tutte le case regnanti d’Europa, con in testa la Casa di Windsor e la Casa d’Orange-Nassau, grandi capitalisti americani come per esempio David Rockefeller (1915-2017), politici come per esempio la famigerata coppia Clinton, la famiglia Bush e la famiglia Obama, alcuni ebrei come per esempio Edmond de Rothschild (1926-1997), George Soros e Barbara Lerner Spectre, e infine Papa Francesco e la maggioranza dei cardinali attuali della Chiesa Cattolica (quelli che lo hanno eletto, accettando così l’illegittima defenestrazione di Papa Benedetto XVI, che non appartiene alla setta, anzi vi si è opposto fermamente con il suo Catechismo della Chiesa Cattolica, approvato da Papa Giovanni Paolo II, che, quindi, anch’egli non apparteneva alla setta dell’élite globalista).

Questa setta ha un’ideologia che si basa sugli scritti del Conte Henri de Saint-Simon (1760-1825) e del Conte Richard Coudenhove-Kalergi (1894-1972), ideologia che si chiama correttamente: globalismo (dall’inglese globalism) o mondialismo (dal francese mondialisme) o internazionalismo liberale o internazionalismo di David Rockefeller.

Cosa vuole fare questa setta?

Vuole eliminare lo Stato dalla faccia della terra (sì, in questo i globalisti sono come gli anarchici) e per far questo (a differenza degli anarchici) vuole distruggere tutti i popoli della terra che hanno uno Stato (sì, anche lo Stato d’Israele) e per far questo usa i seguenti tre mezzi: 1) la povertà (l’euro serve proprio a questo), 2) l’immigrazione senza freni (da cui: a. l’islamizzazione dell’Europa prima e dell’Occidente intero poi, b. il meticciato, di cui recentemente ha parlato in termini favorevoli perfino Papa Francesco), 3) la distruzione della famiglia.

Come si può facilmente capire, il liberalismo e anche il neoliberalismo non c’entrano assolutamente nulla, in quanto entrambi vogliono ridurre lo Stato, ma non eliminarlo: per essi “lo Stato è un male necessario”, come scrissero Norberto Bobbio e Karl Popper (il quale non fece parte della setta dell’élite globalista, contrariamente a ciò che comunemente si pensa a causa dell’appropriazione fraudolenta del termine “open society” da parte di George Soros).

N.B.: a differenza degli altri post, in cui in genere metto una bibliografia, in questo post non l’ho messa, al fine di rendere più scorrevole e gradevole la lettura; del resto basta dare uno sguardo ai post precedenti per trovare un’ampia e precisa bibliografia degli argomenti qui menzionati.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Svelare la verità sul mondialismo, oppure morire tutti di guerra nucleare?

20 ottobre 2018

Da tempo scrivo che il mondialismo (o globalismo) è un prodotto del Cristianesimo, cioè un prodotto di quella che fu, in un lontano passato, la rivoluzione sociale cristiana contro lo Stato schiavista romano (1, 2).

Ciò vale ovviamente anche per tutte le altre ideologie antistato (vedi la mia Teoria unificata delle ideologie antistato, 3).

Esistono fili invisibili, ma tenacissimi, che ci legano al passato, anche remoto.

Fili che ci fanno muovere come marionette inconsapevoli, perché questi fili sono relegati nell’inconscio collettivo.

Per diventare consapevoli, cioè per smettere di comportarci come marionette, bisogna far uscire questi fili dall’inconscio collettivo, bisogna renderli visibili.

Bisogna portare alla luce il rimosso.

Bisogna svelare la verità sul mondialismo e sulle ideologie antistato.

Altrimenti l’Occidente perirà.

E, addirittura, potrebbe perire l’umanità intera, dato che l’Occidente mondialista, cioè l’Occidente in preda al delirio culturale costituito dall’ideologia mondialista (4), è pronto a scatenare la guerra nucleare contro la Russia nazionalista, pur di attuare la prescrizione di eliminare lo Stato creata duemila anni fa mediante l’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento, allo scopo di far cadere lo Stato schiavista romano (1, 2).

Questa è la vera spiegazione dell’attuale isteria antirussa dell’Occidente mondialista, altro che le sciocchezze della geopolitica (5).

Perché i russi, pur essendo cristiani, non sono in preda al delirio culturale mondialista?

Perché sono gli eredi dell’Impero romano d’Oriente, che, a differenza di quello d’Occidente, resistette egregiamente alla rivoluzione sociale cristiana, grazie alla geniale invenzione di Costantino il Grande: il cesaropapismo.

Ovviamente questa operazione di svelare la verità sul mondialismo, pur essendo a mio giudizio assolutamente necessaria, pena la scomparsa dell’umanità intera, è osteggiata da molti, che cercano disperatamente capri espiatori per spiegare il mondialismo (ebrei, massoneria, capitalismo, imperialismo degli inglesi e/o degli americani, e così via, in una spirale di baggianate sempre più grandi e sempre più deliranti, fino ad arrivare ai satanisti e agli extraterrestri rettiliani).

Ma le false spiegazioni, i capri espiatori, non portano alla luce il rimosso e quindi non risolvono nulla.

Il problema è: moriremo tutti di guerra nucleare, oppure troveremo la forza e il coraggio di svelare la verità sul mondialismo?

———

1) L’Unione Europea e il Nuovo Ordine Mondiale sono tentativi di attuare il Regno di Cristo sulla terra

https://luigicocola.wordpress.com/2018/10/08/lunione-europea-e-il-nuovo-ordine-mondiale-sono-tentativi-di-attuare-il-regno-di-cristo-sulla-terra/

2) Le tappe principali della genesi storica del mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/07/28/le-tappe-principali-della-genesi-storica-del-mondialismo/

3) Luigi Cocola, La teoria unificata delle ideologie antistato e altri discorsi politici, 6° ed., lulu.com, 2018

4) Luigi Cocola, Il mondialismo è un delirio culturale, 2° ed., lulu.com, 2018

5) Alexander Dugin, China, the Great Game, and Globalism, 20 gennaio 2017

http://katehon.com/article/china-great-game-and-globalism

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La mia analisi del mondialismo e delle ideologie antistato

10 gennaio 2018

La mia analisi del mondialismo (o globalismo, in inglese globalism, in francese mondialisme) è molto diversa dalle analisi correnti.

Da puntualizzare che il termine corretto da adoperare è mondialismo (o globalismo), mentre mondializzazione (o globalizzazione) è un termine inesatto e improprio: come ho scritto molte volte, esso viene usato dagli adepti di questa ideologia come trucco semantico per propagandare, in modo subdolo e fraudolento, il concetto che trattasi di un processo storico ineluttabile e quindi indipendente dalla nostra volontà (il suffisso -zione è il suffisso dei nomi di azione, mentre il suffisso -ismo è il suffisso dei nomi astratti, come per esempio marxismo, comunismo, anarchismo, sansimonismo, ecc. ecc.).

Inoltre l’ineluttabilità (cioè l’inevitabilità) sottintesa subdolamente e fraudolentemente dai mondialisti quando parlano di globalizzazione corrisponde a una precisa interpretazione filosofica della storia: la storia come piano provvidenziale, che è l’interpretazione filosofica della storia propria del millenarismo e del Cristianesimo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/02/21/il-mondialismo-e-la-storia-come-piano-provvidenziale/

Ciò conferma la mia analisi: il mondialismo è un’ideologia antistato ed è, come tutte le ideologie antistato, un portato del millenarismo, la dottrina eversiva contenuta (solo e unicamente) nell’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento.

Teoria unificata delle ideologie antistato è il nome che ho dato alla mia analisi.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/05/il-millenarismo-e-un-meme-egoista/

Ho mostrato qui qual è l’origine del mondialismo:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/07/06/lorigine-del-mondialismo/

Ho mostrato qui la nemesi dell’Occidente, conseguente alla sua hybris di eliminare lo Stato schiavista romano per mezzo del Cristianesimo e del millenarismo:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/03/13/la-nemesi-delloccidente-possiamo-fermarla-con-la-ragione/

E infatti la bandiera dell’Unione Europea è costituita da dodici stelle disposte in cerchio su sfondo blu e ciò altro non è che la riproduzione visiva di un passo dell’Apocalisse di Giovanni (l’unico libro della Bibbia in cui si trova il termine “dodici stelle”), vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/08/lapocalisse-e-lunione-europea/

Le altre analisi del mondialismo (p.e. quelle di Alexander Dugin, Alain De Benoist, Diego Fusaro, Maurizio Blondet, The Saker, ecc. ecc.) NON indicano nel millenarismo e nel Cristianesimo l’origine del mondialismo, ma bensì ne indicano l’origine in capri espiatori, i capri espiatori del mondialismo:

gli ebrei (o l’Ebraismo, cioè la religione degli ebrei, o il sionismo, cioè il nazionalismo degli ebrei), la massoneria, l’Illuminismo, il capitalismo, l’imperialismo dei popoli di lingua inglese, ecc. ecc., in un impressionante crescendo di baggianate fino ad arrivare ai satanisti (è colpa del Diavolo!) e ai rettiliani (è colpa degli alieni!).

In particolare, coloro che credono dogmaticamente nel materialismo storico, il canone di interpretazione storica di Marx e di Engels secondo il quale gli eventi storici sono determinati da fattori economici, non possono comprendere quale sia l’origine del mondialismo, proprio perché tale origine non è determinata da fattori economici.

Ho adottato la teoria dei memi di Richard Dawkins per spiegare come si sia formata l’ideologia mondialista (e tutte le ideologie antistato) e tale teoria è in contrasto con il materialismo storico.

Le ideologie antistato sono contrarie alla Ragione, come ho scritto molte volte, e danneggiano gravissimamente coloro che credono in esse, in quanto sono potentissimi e letali memi egoisti.

Sinonimi di meme egoista sono: virus memetico, possessione memetica, ecc. ecc.

Ho anche usato per descrivere il mondialismo il termine “delirio culturale“, termine che pone l’accento sul carattere irrazionale e autolesionistico di tale ideologia e che è complementare al termine “meme egoista”.

In quest’ottica di complementarità il meme egoista costituisce l’eziologia del delirio culturale.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/02/15/il-mondialismo-e-un-virus-memetico/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/05/14/ce-delirio-e-delirio/

Per quanto riguarda Richard Dawkins, diversamente da lui io non sono affatto contrario alle religioni, perché le religioni non danneggiano coloro che credono in esse (se non quando si arrivi al fanatismo religioso, ma questo è un altro discorso), anzi hanno una funzione estremamente positiva, perché il genere umano non può vivere senza la religione.

Non userei mai i termini di “meme egoista” o di “virus memetico” o di “possessione memetica” per una religione, ma per le ideologie antistato sono perfetti, perché esse sono negative al 100%.

La verità è che Dawkins è un ateo militante, come lo fu a suo tempo Bertrand Russell, ma questo nulla toglie all’importanza e alla validità delle opere di Dawkins e di Russell.

Ritornando al mondialismo, esso ha prodotto nell’Occidente un esiziale movimento antistato che ha dimensioni colossali, tanto per fare due esempi:

1) i Reali d’Europa sono mondialisti, compresa la Regina Elizabeth II, che passerà alla storia come il sovrano d’Inghilterra che permise l’islamizzazione dell’Inghilterra, tanto che l’ex moglie del Principe ereditario Charles, e madre del Principe William e del Principe Henry, prima di morire in tragiche quanto oscure circostanze era sul punto di sposare un mussulmano, Dodi Al-Fayed.

Se non fosse morta, i Reali d’Inghilterra sarebbero diventati una famiglia sia cristiana che mussulmana.

E oggi Londra, per la prima volta nella storia, ha un sindaco mussulmano: Sadiq Khan.

Per un approfondimento sui Reali d’Europa, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/07/15/il-mondialismo-non-e-una-lotta-di-classe-e-un-delirio-culturale/

2) i mondialisti sono riusciti a far insediare un antipapa, Bergoglio, che è a tutti gli effetti un millenarista: egli rifiuta l’antimillenarismo che la Chiesa di Roma ha sempre adottato da Agostino d’Ippona in poi, cioè dal V secolo fino a Bergoglio.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/12/19/lapocalisse-di-giovanni-il-millenarismo-e-il-mondialismo/

Da tempo scrivo che Bergoglio è un millenarista, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/08/08/la-spiegazione-e-questa/

Perché adesso scrivo che Bergoglio è un antipapa?

Perché nella storia della Chiesa non sono mai esistiti due Papi contemporaneamente, se non in questa forma: che uno era il Papa (quindi legittimo) e l’altro un antipapa (quindi illegittimo).

Uno dei due, Bergoglio o Ratzinger, deve essere un antipapa.

E che lo sia Ratzinger è impossibile, per semplici ragioni cronologiche.

Che il movimento mondialista abbia potuto fare ciò e che l’abbia fatto accettare al mondo intero come un evento normale, come il pensionamento di Papa Ratzinger (!), è incredibile e ci fa capire quanto siano colossali le sue dimensioni.

A fronte di tale gigantesco scenario, cosa dicono quelli che io ho chiamato nazionalisti antisemiti?

Che è tutto un complotto ebraico!

Non so se ridere o piangere.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Intellettuali russi, svegliatevi!

4 gennaio 2016

Ho già scritto in post precedenti di Alexander Dugin, del quale approvo (ovviamente) la ferma opposizione al mondialismo, ma del quale disapprovo diverse altre idee, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/tag/alexander-dugin/

Leggo oggi su Sputnik di un altro intellettuale russo, Iskander Valitov.

Anch’egli è contro il mondialismo:

«È il momento di agire e di scoprire le carte. Noi non siamo d’accordo con la loro versione dell’ordine mondiale. Siamo disposti a sostenere chiunque, non importa dove, sia pronto a contrapporsi al loro progetto di assetto mondiale. Noi proteggeremo gli Stati, non importa quali, non importa che ordinamento abbiano, non importa quale sia la loro confessione religiosa. Costringeremo alla pace chiunque attenterà alla sovranità dei nostri vicini, anche se è qualcuno nutrito dalla potenza egemone. E questa nostra posizione ha il suo fondamento finale di forza in questo: abbiamo la parità missilistico-nucleare con la potenza egemone.»

http://it.sputniknews.com/zinoviev_club/20160103/1829496/operazione-russia-sirria.html

Il problema è che, allo scopo di legittimare intellettualmente la lotta al mondialismo, egli elabora tesi tanto ridicole quanto inutili, vedi qui:

http://it.sputniknews.com/zinoviev_club/20150524/433112.html

e qui:

http://it.sputniknews.com/opinioni/20150527/448577.html

C’è bisogno di rinnegare nientepopodimeno che Darwin per sostenere la necessità dello Stato?

C’è bisogno di rinnegare la Weltanschauung scientifica (perché Darwin è un caposaldo irrinunciabile di essa) per sostenere che l’ideologia mondialista è un’aberrazione?

Intellettuali russi, svegliatevi!

Vladimir Putin si sta efficacemente opponendo al mondialismo proprio grazie alle armi che gli fornisce la scienza!

Cosa volete fare, lo volete disarmare?

Volete disarmare la Russia?

E ricordatevi del vostro Pietro il Grande, veramente uno degli uomini più grandi di tutti i tempi: senza di lui non sapreste oggi costruire navi da guerra o sottomarini nucleari.

Sarebbe inimmaginabile qualsiasi vostra opposizione al mondialismo.

Personalmente ho formulato quattro teorie interdipendenti (una teoria dello Stato, la teoria unificata delle ideologie antistato, una teoria del Cristianesimo e una teoria dell’anomalia italiana) che, fra le altre cose, spiegano anche il motivo per cui il mondialismo è un’aberrazione.

Non c’è bisogno di niente altro, né tantomeno di rinnegare la Weltanschauung scientifica.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Cos’è che ci ha salvato dal trionfo del mondialismo?

31 luglio 2015

Il mondialismo è attualmente fallito perché è stato bloccato dalla Russia, dalla Cina e dagli altri paesi non occidentali.

Questo è stato riconosciuto perfino dal Rapporto ISPI 2015, In mezzo al guado – Scenari globali e l’Italia, come ho scritto qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/18/il-rapporto-ispi-2015-riconosce-il-fallimento-del-mondialismo/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/21/ancora-sul-rapporto-ispi-2015/

Certo, l’Europa è a tutt’oggi nel disastro europeo causato dal mondialismo, si trova in una tragica condizione, nel pieno di quest’ideologia antistato che la sta distruggendo.

Ma intanto il mondialismo è stato bloccato.

E da che cosa è stato bloccato?

È stato forse bloccato da quel tradizionalismo tanto caro a Dugin e alla destra italiana?

Ma neanche per sogno!

È stato bloccato dalle atomiche di Putin.

Dalla spada di Putin.

Non è con le prediche oscurantiste che si vince nel mondo reale, nella storia.

L’Occidente ha costruito nei secoli il suo eccezionale successo sulla punta della spada, ovvero sulle armi sempre più potenti che gli ha fornito la Ragione.

E la destra italiana vorrebbe rimpiazzare quest’ultima con il tradizionalismo?

Questo è il frutto avvelenato dell’incapacità totale di capire la storia, dell’incapacità totale di interpretare il mondo.

P.S.: Dugin dovrebbe ringraziare il cielo di vivere nell’epoca del benevolo Putin. Se egli fosse vissuto in quella di Pietro il Grande, avrebbe certamente avuto, come dire, seri problemi di sopravvivenza. Com’è noto, Pietro il Grande combatté con mezzi estremi il tradizionalismo e portò di forza la Russia nella modernità.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

DN-SC-96-00521

Il sommergibile nucleare d’attacco Akula in superficie
Licensed under Public Domain via Wikimedia Commons

Il tradizionalismo non si addice all’Italia

5 luglio 2015

Sempre mi sorprende la stupidità di talune idee politiche, per esempio il tradizionalismo quale fondamento basilare di una certa destra.

Com’è noto l’alfiere di quest’idea esiziale è Julius Evola, ripescato recentemente da Alexander Dugin, il filosofo politico russo.

In Italia quest’ultimo è stato presentato addirittura come “l’«ideologo di Putin»”, il che è una balla colossale, vedi qui:

http://www.nuovarivistastorica.it/?p=6028

Bisogna dare però atto a Dugin di non essere stupido come quella destra nostrana che vede nel tradizionalismo di Evola il suo fondamento basilare.

Per un russo, infatti, fare ricorso al tradizionalismo vuol dire evocare la forza e la sovranità dello Stato russo: Ivan il Terribile e Pietro il Grande, la vittoria su Napoleone e la vittoria su Hitler, e così via.

Cosa potrebbe evocare, invece, il tradizionalismo per un italiano?

Come gli italiani del Rinascimento permisero il sacco dell’Italia da parte di tutti gli eserciti d’Europa, a cominciare dall’esercito di Carlo VIII?

Come gli italiani dei secoli seguenti non riuscirono a unificare con la spada l’Italia se non molto tardivamente e in un modo assolutamente ridicolo?

Come l’esercito fascista di Mussolini (forse questo Dugin non se lo ricorda) dovette ignominiosamente farsi salvare in Grecia dall’esercito tedesco?

Come l’illegittimo potere temporale della Chiesa di Roma, per mezzo del tabù cristiano della forza, ha letteralmente castrato, per secoli e secoli, il popolo italiano e continua tuttora a farlo?

È questa la tradizione dell’Italia!

Ed è veramente ridicolo pensare in questo contesto agli antichi romani: non erano italiani, erano un altro popolo, con un’altra lingua e un’altra religione.

Ma per salvare l’Italia non c’è affatto bisogno di ripudiare il Cristianesimo: è sufficiente eliminare l’illegittimo potere temporale della Chiesa di Roma.

In parole povere: eliminare totalmente i Patti Lateranensi del 1929.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Capire qual è il vero problema

2 Mag 2015

Attualmente il genere umano è di fronte a uno scenario mondiale che non è di chiara e immediata comprensione (se non molto superficialmente).

È ovvio che noi possiamo risolvere un problema soltanto se comprendiamo quale esso veramente sia.

Nei miei due saggi e nei post di questo blog ho elaborato un complesso di teorie (una teoria dello Stato, la teoria unificata delle ideologie antistato, una teoria del Cristianesimo e una teoria dell’anomalia italiana) proprio allo scopo di capire esattamente qual è il problema.

Altri hanno fatto più o meno la stessa operazione, ma a mio giudizio i risultati da essi ottenuti lasciano a desiderare.

Per esempio quelli ottenuti da Alexander Dugin, l’autore di The Fourth Political Theory.

Una sua intervista del 2012 (rilasciata in occasione della pubblicazione del suddetto libro) chiarisce i principali aspetti del suo pensiero:

http://openrevolt.info/2012/08/18/alexander-dugin-on-global-revolution/

Una traduzione italiana è disponibile qui:

http://serotoninablog.altervista.org/blog/alexander-dugin-tra-eurasia-ed-occidente/?doing_wp_cron=1430565808.7797009944915771484375

Dugin è contro il globalismo e ciò è molto apprezzabile:

“We should likewise ally ourselves with all identitarian forces in any culture that refuse globalism for cultural reasons.”

Egli però non comprende che il globalismo, al pari di tutte le altre ideologie antistato, è un portato del Cristianesimo, o meglio del millenarismo cristiano (che il Cristianesimo ortodosso riesce a evitare per via del cesaropapismo, come ho scritto più volte).

Dugin ritiene invece che il nemico sia ciò che egli definisce “liberal postmodernity”:

“We are against liberal postmodernity.”

Confonde cioè il mezzo con il fine.

Il fine è quello di attuare la prescrizione dell’Apocalisse di Giovanni: eliminare lo Stato (romano), vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/05/il-millenarismo-e-un-meme-egoista/

Il mezzo è attualmente l’ultracapitalismo (la terza via delle ideologie antistato), vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.