Posts Tagged ‘berlusconi’

Mi sembra di vivere in un sogno, in un universo parallelo

1 giugno 2018

Oggi nascerà il governo di Giuseppe Conte, sostenuto da Matteo Salvini e da Luigi Di Maio.

Mi sembra di vivere in un sogno, cioè in un mondo in cui Salvini e il Movimento 5 Stelle hanno vinto le elezioni e governano insieme, mentre i malefici Renzi e Berlusconi assistono sconfitti e impotenti.

Ma questa è la realtà.

Chi avrebbe mai potuto immaginarlo prima delle elezioni del 4 marzo?

Come non ricordare che a luglio dell’anno scorso il Pd era, nei sondaggi politici, il primo partito italiano? Come non ricordare che nei sondaggi pre-elettorali Berlusconi era nettamente davanti a Salvini?

È successo un miracolo? Sono passato in un universo parallelo?

L’Italia, questa nostra povera Patria, che è stata devastata per anni e anni dai millenaristi secolarizzati (cioè i globalisti), come il leader del Pd e il leader di Forza Italia, e dai millenaristi religiosi, come Bergoglio, potrebbe finalmente risorgere.

I traditori della Patria e del popolo italiano sono stati sconfitti, ma solo momentaneamente.

Il cammino è ancora lungo.

Ho perfino paura ad avere speranze, come se averne potesse infrangere questo sogno e farmi risvegliare all’improvviso nel mondo in cui vivevo prima del 4 marzo.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Scalfari (l’élite globalista) licenzia Renzi e vuole assumere Di Maio

7 marzo 2018

Nel post precedente, quello del 5 marzo, ho scritto:

«Che dirà ora Eugenio Scalfari? La sinistra italiana che “entro due o tre generazioni” avrebbe dovuto attuare “il meticciato” non esiste quasi più…»

https://luigicocola.wordpress.com/2018/03/05/poscia-piu-che-leuro-pote-limmigrazione/

Mi riferivo al suo editoriale sull’Espresso del 6 agosto scorso intitolato C’è l’Africa nel nostro futuro:

«Ma se invece di ragionare su un processo millenario ragioniamo di un processo di pochi secoli, allora l’Africa diventa un elemento positivo, che va aiutato in tutti i suoi problemi. E non solo l’Africa, ma tutti i popoli migranti che hanno di mira Paesi di antica ricchezza, con i quali convivere nel tentativo di ridurre le disuguaglianze.
La vera politica dei Paesi europei è quindi d’essere capofila di questo movimento migratorio: ridurre le diseguaglianze, aumentare l’integrazione. Si profila come fenomeno positivo, il meticciato [il neretto è mio], la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato. Questo è un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa. E questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana [il neretto è mio].»

http://espresso.repubblica.it/opinioni/vetro-soffiato/2017/08/02/news/c-e-l-africa-nel-nostro-futuro-1.307312

Questo non è altro che il Piano Kalergi:

https://luigicocola.wordpress.com/2018/02/15/quello-che-ha-scritto-scalfari-e-il-piano-kalergi/

Che poi Viktor Orban ha ribattezzato Piano Soros:

«”Siamo noi il principale ostacolo per la realizzazione del piano Soros [il neretto è mio]”, ha dichiarato Orban, insistendo che il principale ostacolo sarà quello di affrontare i partiti dell’opposizione del suo paese. Noi dobbiamo in primo luogo misurarci con la “rete di Soros”, gli eurocrati di Bruxelles ed i loro media. Conosciamo le loro tattiche, basate sul ricatto, sulla diffamazione e sul giornalismo prostituito ai grandi interessi”.»

https://it.sputniknews.com/punti_di_vista/201707294824023-storico-discorso-di-Viktor-Orban-esiste-un-piano-contro-europa/

Ebbene, Eugenio Scalfari ha trovato subito un sostituto del PD, che non è più in grado di attuare alcunché, figurarsi “il meticciato”: il Movimento 5 Stelle.

Vedi questo video che si riferisce al 6 mar 2018, cioè a ieri:

Del resto, anche Silvio Berlusconi (che, come ho scritto molte volte, è un mondialista) è fuori gioco, perché è stato battuto da Matteo Salvini, quindi Scalfari non può più contare su di lui, come pensava di poter fare prima delle elezioni, vedi questo video pubblicato su YouTube il 25 nov 2017:

Leggiamo sul Fatto Quotidiano qualche frase che Scalfari ha detto ieri, dopo le elezioni:

«“Di Maio ha cambiato l’andamento del M5S, che adesso non è più movimento, ma un partito”. Inizia così a Dimartedì (La7) l’endorsement del fondatore di Repubblica, Eugenio Scalfari, nei confronti di Luigi Di Maio

…“Facendo un’alleanza con il Pd, alleanza il cui capo è Di Maio, non è che ci sono due partiti, ma diventa un unico partito. Di Maio è il grande partito della sinistra moderna. Allora la faccenda cambia: io ho sempre votato a sinistra e, se lui diventa la sinistra italiana, voterò per questo partito. E se questo partito diventa di maggioranza assoluta, Mattarella ha un governo”.»

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/07/elezioni-scalfari-di-maio-ha-dimostrato-notevole-intelligenza-politica-se-diventa-la-sinistra-italiana-lo-voto/4209131/

Insomma l’élite globalista licenzia Matteo Renzi e vuole assumere Luigi Di Maio.

L’élite globalista (rappresentata da Eugenio Scalfari) non si rende conto che non si tratta di incapacità personali, si tratta del fatto che il suo obiettivo, il meticciato dell’Europa prima e dell’intero mondo poi, è un obiettivo non solo moralmente riprovevole, non solo scientificamente sbagliato (come ho spiegato in dettaglio nel post del 15 febbraio in cui ho scritto del Piano Kalergi), ma anche e soprattutto irraggiungibile per chiunque.

L’élite globalista, essendo abituata a comandare, pensa di risolvere la situazione licenziando il personale e assumendone un altro.

Questo è un vero e proprio delirio di onnipotenza.

Infatti il mondialismo è un delirio culturale, come per esempio il genocidio cambogiano di Pol Pot.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Poscia, più che l’euro, poté l’immigrazione

5 marzo 2018

Finalmente si è votato e gli italiani, come avevo auspicato nei miei post del 30 e del 31 dicembre scorso, hanno asfaltato Matteo Renzi, il traditore del popolo italiano, e il PD, il partito dei traditori del popolo italiano.

Che dirà ora Eugenio Scalfari? La sinistra italiana che “entro due o tre generazioni” avrebbe dovuto attuare “il meticciato” non esiste quasi più…

Il Conte Richard Coudenhove-Kalergi si starà rivoltando nella tomba!

Il partito di Emma Bonino, +Europa, nonostante il denaro e le Ong di George Soros, il criminale internazionale che sta cercando di attuare concretamente il Piano Kalergi (da tempo ribattezzato Piano Soros), non ha neanche superato lo sbarramento del 3%, mentre Matteo Salvini, contrariamente a tutti i sondaggi pre-elettorali (ma come li fanno questi sondaggi?), ha battuto Silvio Berlusconi, la vecchia cariatide globalista, e dovrebbe fare il Presidente del Consiglio (si spera che il ministro dell’Economia sia Alberto Bagnai oppure Claudio Borghi, ma sarebbe veramente troppo bello).

Il Movimento 5 stelle è il primo partito italiano e ciò significa che gli italiani vogliono cambiare.

Gli italiani si sono comportati estremamente meglio dei francesi (vedi il mio post su Alain Parguez del 23 febbraio), che hanno eletto il globalista Emmanuel Macron.

Tutto sommato, data la tragica situazione dell’Italia, meglio di così non poteva andare.

È proprio il caso di dire: poscia, più che l’euro, poté l’immigrazione.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il partito che non esiste potrebbe vincere le elezioni

20 luglio 2017

Leggo sull’Occidentale quest’articolo di Marco De Palma (19 Lug 2017):

Centrodestra unito avanti in tutti i sondaggi, male Pd e 5 Stelle

«Otto diversi sondaggi confermano lo stesso dato: il centrodestra unito (Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia) raccoglie un numero di consensi maggiore di quello del Pd e del Movimento 5 stelle. A dirlo sono i numeri relativi alle intenzioni di voto elaborati nella settimana dall’11 al 17 luglio dalle più note case sondaggistiche italiane (Euromedia, Index,Emg, swg, Ixè, IPR, Piepoli, Demopolis)…»

https://www.loccidentale.it/articoli/145918/centrodestra-unito-avanti-in-tutti-i-sondaggi-male-pd-e-5-stelle

Peccato si tratti di un partito che non esiste e che neanche può esistere, dato che Silvio Berlusconi è, ed è sempre stato, mondialista (e ha anche sostenuto Hillary Clinton alle elezioni presidenziali USA vinte da Donald Trump, esattamente come ha fatto Matteo Renzi), mentre è ragionevole pensare che Matteo Salvini e Giorgia Meloni siano contro il mondialismo (altrimenti a che servono?), vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/04/24/chi-sostiene-hillary-clinton/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/20/essere-contro-lo-stato-non-e-monopolio-della-sinistra/

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Chi sostiene Hillary Clinton

24 aprile 2016

C’è una pagina di Wikipedia in inglese che si chiama così:

List of Hillary Clinton presidential campaign endorsements, 2016

https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Hillary_

Clinton_presidential_campaign_endorsements,_2016

È interessante darle un’occhiata.

Tra i nomi dei politici stranieri troviamo:

Silvio Berlusconi, 50th Prime Minister of Italy (1994–95; 2001–06; 2008–11) (Forza Italia)[453]

Matteo Renzi, 56th Prime Minister of Italy (Democratic Party)[458]

Il che conferma che Silvio Berlusconi è sempre stato un mondialista, come da tempo sostengo, vedi p.e. qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/20/essere-contro-lo-stato-non-e-monopolio-della-sinistra/

Ci sono anche, ovviamente:

Tony Blair, 51st Prime Minister of the United Kingdom (1997–2007) (Labour Party)[455]

Nicolas Sarkozy, 23rd President of France (2007–12) (The Republicans)[459]

Poi ho notato i seguenti (non in ordine alfabetico):

Lynn Forester de Rothschild, CEO: E.L. Rothschild and philanthropist[549]

George Soros,[a] Chairman: Soros Fund Management, the Open Society Foundations[530]

John J. Mack, former CEO: Morgan Stanley[707]

Robert Kagan, historian and foreign policy commentator[748]

Abigail Disney, documentary filmmaker and philanthropist[698]

Alan F. Horn, Chairman: Walt Disney Studios[685]

Bob Iger, CEO: The Walt Disney Company[672]

Gary Marsh, President: Disney Channels Worldwide[698]

Laurene Powell Jobs, philanthropist[529]

Chris Kelly, former CPO: Facebook; Sacramento Kings co-owner[695]

Sheryl Sandberg, COO: Facebook and activist[721]

Omid Kordestani, Executive Chairman: Twitter[697]

Susan Wojcicki, CEO: YouTube[733]

James Cameron,[c] director and producer[679]

John Grisham, writer[788]

George Lucas, director and producer[679]

Steven Spielberg,[c][b] director and producer[530]

Tra gli attori c’è praticamente tutta Hollywood, ma non mi aspettavo i seguenti, dato che entrambi hanno dichiarato di deplorare la guerra in Iraq:

Richard Gere, actor[913]

Sean Penn,[c] actor[983]

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Hillary_Clinton_official_Secretary_of_State_portrait_crop

By United States Department of State (Official Photo at Department of State page) [Public domain], via Wikimedia Commons

Illusione di alternative

4 gennaio 2015

I media italiani fanno molto chiasso sull’antitesi Renzi/Berlusconi.

Ma trattasi di quella che in psicologia viene chiamata illusione di alternative.

Un po’ come dire: Testa vinco io, Croce perdi tu.

Infatti, mentre è piuttosto evidente che la sinistra italiana voglia eliminare lo Stato, anche Berlusconi e Forza Italia, in realtà, hanno sempre avuto questo medesimo scopo.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/20/essere-contro-lo-stato-non-e-monopolio-della-sinistra/

Per uscire da questa illusione di alternative un mezzo c’è e si chiama Matteo Salvini, come d’altronde ho già scritto un anno fa.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/01/lidea-di-un-referendum-sulleuro-e-unidea-sbagliata/

Se vogliamo veramente liberarci del disastro europeo e del fallimento dell’euro, sosteniamo Matteo Salvini.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Essere contro lo Stato non è monopolio della sinistra

20 maggio 2014

Da tempo sostengo che la sinistra europea attuale (compresa quella italiana) è contro lo Stato, vedi per esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/23/ecco-perche-le-sinistre-europee-vogliono-leuro/

Ma essere contro lo Stato non è monopolio della sinistra.

Leggiamo un articolo di Antonio Martino pubblicato il 16/10/2008 sul sito dell’Istituto Bruno Leoni (IBL) e intitolato La cintura di castità:

«Il più grande filosofo politico vivente, Anthony de Jasay, economista inglese nato in Ungheria e residente in Francia, nel suo capolavoro The State (1985), pietra miliare del pensiero politico moderno, mette in guardia nei confronti dell’illusione che sia sufficiente un vincolo costituzionale qualsiasi per impedire che lo Stato straripi dai suoi compiti istituzionali, invadendo la società e mettendo in pericolo le libertà personali. Una cintura di castità con la chiave a portata di mano, dice de Jasay, può al massimo ritardare il corso naturale degli eventi.»

http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=7166

Chi è Antonio Martino? Leggiamo da Wikipedia:

«A fine 1993 è stato tra i fondatori di Forza Italia (la sua tessera di partito porta il numero “2”, dopo quella di Silvio Berlusconi).»

In seguito ha ricoperto la carica di «Ministro degli esteri nel primo Governo Berlusconi» e quella di «Ministro della difesa (Governi Berlusconi II e III)»

http://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Martino

Questo significa solo una cosa: che Forza Italia e Silvio Berlusconi in realtà sono sempre stati per l’eliminazione dello Stato.

Ecco infatti un passo significativo di The State di Anthony de Jasay:

«Among men and groups of men, it is harder to judge the viability of the state of nature than among nations. Civilized men have long been the subjects of states, so we have no opportunity to observe how well they would cooperate in the state of nature. Hence we cannot even pretend empirically to assess the difference it makes to have a state. Would people honour contracts in the absence of an enforcing agent possessing the monopoly of last-resort force? It used to be held that since it is every man’s interest that all other men should keep their word and that he should be free to break his, social cooperation could not be maintained on a voluntary basis. In the technical language of decision theory, a properly constructed “prisoners’ dilemma” could not have a non-imposed cooperative solution. Recent contributions of mathematics and psychology to the social sciences teach us that if men confront such dilemmas repeatedly, this need not be so. Results teach them, and expected results induce them, to cooperate spontaneously [il corsivo è mio]. Any argument that, since the state must force them to cooperate, they would not have done so without being forced is, of course, a non sequitur

(Anthony de Jasay, The State, Liberty Fund, 1998, Introduction, http://oll.libertyfund.org/titles/jasay-the-state, data di accesso odierna)

In un post precedente avevo scritto:

«Leggiamo questo passo di un notissimo testo di scienza politica:

«CAN COOPERATION OCCUR WITHOUT THE STATE?

According to Hobbes (1651/1994), life in the state of nature is “solitary, poor, nasty, brutish, and short.” This seemed to be confirmed when we found that both players in our State of Nature Game had a dominant strategy to steal rather than refrain—both players were better off stealing no matter what the other player was doing. Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them. As we saw in our Civil Society Game, the threat of a large enough punishment by the state was sufficient to get the players to refrain. In fact, both players now had a dominant strategy to cooperate and refrain. In effect, this is Hobbes’s justification for the existence of the state. Some scholars, however, have challenged this justification by arguing that cooperation can emerge through a decentralized process in the state of nature; you do not always need to create a sovereign or a state (Axelrod 1981, 1984; Taylor 1976). These scholars claim that cooperation can occur without a sovereign as long as the individuals in the state of nature repeatedly interact with each other and care sufficiently about the future benefits of cooperation. Earlier in the chapter, we saw that cooperation or refraining was not possible when the State of Nature Game was played once. But let’s now examine what happens if the individuals in the state of nature play the game over and over again…

…The important point here is that cooperation can occur in the state of nature without needing to create a state. In effect, cooperation can evolve in the state of nature as long as the players are sufficiently concerned about the potential benefits of future cooperation. This conclusion runs directly counter to the claims of social contract theorists like Hobbes and provides support for groups like anarchists who believe that society can survive, and thrive, without a state.
That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not necessarily mean that we should all become anarchists, though. It turns out that cooperation is only one of a whole host of possible equilibria in the infinitely repeated State of Nature Game. For example, it is also a Nash equilibrium for both players to steal. This is relatively easy to see. If your opponent is always going to steal, then you never have an incentive to unilaterally deviate—you will always steal as well. Thus, (Steal; Steal) is another Nash equilibrium. Game theory cannot tell us which equilibrium is most likely to occur in these circumstances. As a result, there is no reason to believe that the cooperative outcome will be any more likely to occur than any of the other equilibrium outcomes. That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not guarantee that cooperation will, in fact, occur. Moreover, it actually takes a lot of effort for the players to sustain cooperation in the state of nature because everyone has to monitor everyone else to see who is stealing and who is not. It is also requires that the individuals get together to punish those people who have been caught stealing. In sum, although it is possible for cooperation to occur in the state of nature without a state, relying on it to emerge through some decentralized process may not be the best thing to do—the creation of a state may be a more preferable and reliable route to cooperative outcomes.»

(William Roberts Clark, Matt Golder, Sona Nadenichek Golder, Principles of Comparative Politics, CQ Press, 2013, second edition, pagg. 138-142)»

Insomma, il concetto surriportato in corsivo di Anthony de Jasay («Il più grande filosofo politico vivente» secondo Antonio Martino, uno dei fondatori di Forza Italia), ossia che la teoria dei giochi dimostra che lo Stato è inutile, è erroneo.

E tale concetto è basilare nell’opera di Anthony de Jasay di cui stiamo parlando, ossia The State.

Inoltre, come avevo scritto nello stesso post:

«Oltre a ciò, è mia opinione che l’argomento di Thomas Hobbes a cui viene applicata da tutti la teoria dei giochi, ossia, come scrivono William Roberts Clark et al., «Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them.» (vedi a questo proposito: Thomas Hobbes, Leviatano, Laterza, 2009, pag. 143), non è affatto l’argomento migliore fornito dal saggio di Malmesbury per dimostrare la necessità dello Stato.

La grandezza di Thomas Hobbes sta nell’aver fornito un altro argomento per dimostrare incontrovertibilmente la necessità dello Stato (ibid., pag. 140 e pag. 142)…»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/05/la-teoria-dei-giochi-dimostra-che-lo-stato-e-inutile-e-falso/

Qual è l’argomento incontrovertibile fornito da Hobbes per dimostrare la necessità dello Stato?

Come avevo scritto in un altro post:

«Il nodo della questione è espresso da Hobbes con queste parole:

“Divergendo, infatti, nelle opinioni concernenti il miglior uso e la migliore applicazione della loro forza, non si aiutano, ma si ostacolano a vicenda e, con la reciproca opposizione, riducono la loro forza a nulla…”

(Thomas Hobbes, op. cit., pag. 140)

Nell’originale inglese:

“For being distracted in opinions concerning the best use and application of their strength, they do not help, but hinder one another, and reduce their strength by mutual opposition to nothing…”

(Thomas Hobbes, Leviathan, prepared for the McMaster University Archive of the History of Economic Thought by Rod Hay, pag. 104, XVII: Of the Causes, Generation, and Definition of a Commonwealth, disponibile su: http://ebookbrowsee.net/gdoc.php?id=52021357&url=9d32467d4831e17f19d83845ff1deac8&c=146451481, data di accesso odierna)

Ho denominato la spiegazione di Hobbes (depurandola dalla sua faziosità politica) Principio di Hobbes in entrambi i miei saggi di scienza politica (Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, pagg. 40-43; Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, pagg. 19-23).

Lo Stato consiste in questo: nel porre sotto un solo centro di comando (che può essere costituito da un uomo o da più uomini) il potere della forza fisica di tutti i membri di una comunità, perché solo così si può assicurare, per quanto riguarda l’esercito, la coordinazione e la strategia e, per quanto riguarda la legge, la terzietà e l’imparzialità.

Si tratta dunque del modo di gestire efficacemente il potere della forza fisica in tutti i gruppi umani che gestiscono tale potere (anche nei piccoli gruppi e perfino quando non c’è il fattore territorio di cui scrisse Max Weber, per esempio nelle popolazioni nomadi).

Ciò non va confuso con la forma di governo, che è tutt’altra cosa.»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/03/siamo-in-mezzo-a-un-conflitto-mondiale-ma-nessuno-ne-parla/

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Rifiutare la realtà

21 gennaio 2014

La notizia del giorno è che Renzi si è accordato con Berlusconi per una nuova legge elettorale.

Ecco cosa scrive il Corriere della Sera il 21 gennaio:

“Da ieri si chiama ufficialmente «Italicum», così come lo avevamo ribattezzato subito dopo l’incontro tra il segretario del Pd Matteo Renzi e il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, sabato scorso. In una politica che di neologismi vive da molti anni, Italicum vuol dire – ha spiegato ieri Renzi in direzione Pd – «una nuova legge elettorale che farà nascere una Nuova Repubblica».”

http://www.corriere.it/politica/speciali/2014/legge-elettorale/notizie/dallo-sbarramento-doppio-turno-cosi-l-italicum-spinge-coalizzarsi-038ddf5c-827b-11e3-9102-882f8e7f5a8c.shtml

Ecco cosa scrive il Messaggero il 20 gennaio:

Lo ha dichiarato Silvio Berlusconi, dopo l’illustrazione del progetto di riforma elettorale e costituzionale avvenuto oggi nella direzione del Pd. «Vogliamo realizzare, in un clima di chiarezza e di rispetto reciproco, un limpido sistema bipolare – ha aggiunto il cavaliere del Lavoro – che garantisca una maggioranza solida [il corsivo è mio] ai vincitori delle elezioni, che riduca impropri poteri di veto e di interdizione, e che favorisca un sistema politico di chiara alternanza, sul modello di quanto accade nelle maggiori democrazie dell’Occidente avanzato. Siamo convinti che ciò corrisponda alle attese della vastissima maggioranza degli italiani», ha concluso il leader di Forza Italia.”

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/

berlusconi_bravo_matteo_corretto_sull39intesa/

notizie/462847.shtml

Ebbene, l’idea che si possa eliminare la proverbiale ingovernabilità italiana con una nuova legge elettorale è un’idea delirante, non significa niente altro che rifiutare la realtà.

La realtà è la seguente: non considerando il ventennio della dittatura di Mussolini (che era, occorre ribadirlo, una dittatura), dal 1861 (anno di nascita dello Stato italiano) a oggi, la durata media dei governi italiani è di un anno circa e mai nessun governo italiano è arrivato a durare cinque anni (che è la durata fisiologica di una legislatura sia nello Statuto Albertino che nella Costituzione della Repubblica Italiana).

Avere “una maggioranza solida” secondo Berlusconi è la chiave di tutto, invece non significa assolutamente nulla, infatti sia il secondo governo Berlusconi che il quarto governo Berlusconi avevano un’enorme maggioranza, però non sono riusciti a governare, non sono riusciti a cambiare l’Italia e non sono durati cinque anni. In definitiva non sono serviti a niente, se non ad arricchire la casistica della ingovernabilità italiana.

La verità è che lo Stato italiano è uno Stato cronicamente collassato.

In termini più crudi: lo Stato italiano è uno Stato fallito.

E la causa di ciò è che lo Stato italiano non è in realtà uno Stato, bensì un sistema associato Stato-Chiesa.

Lo Stato italiano è solo formalmente uno Stato, sostanzialmente non lo è affatto.

Così è appropriato parlare dell’Italia come un’anomalia, l’anomalia italiana, anzi come un disastro, il disastro italiano.

Come ho scritto nel mio saggio Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo (pag. 56):

“In ultima analisi, non ha senso affermare che lo Stato italiano non funzioni bene, perché non è in realtà uno Stato e di conseguenza non può funzionare come tale.

Ciò che ci sembra una patologia dello Stato, in realtà non è altro che la fisiologia di un sistema associato Stato-Chiesa.”

In altre parole, in Italia non è mai stato usato realmente e compiutamente nessuno dei due artifici mediante i quali l’Occidente è riuscito a realizzare un compromesso funzionale tra la forza dello Stato e la caritas del Cristianesimo, ossia tra le istanze dello Stato (che sono insopprimibili dato che sono indispensabili per gestire il potere della forza fisica, che Norberto Bobbio chiama “il sommo potere”, vale a dire la giustizia e l’esercito) e le istanze del Cristianesimo (che sono istanze contrarie allo Stato, dato che il Cristianesimo nacque proprio in antitesi allo Stato romano).

Questi due artifici (alternativi fra loro) sono: la separazione tra Stato e Chiesa e la subordinazione della Chiesa allo Stato.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Finalmente un leader italiano che condanna energicamente e senza ambiguità l’euro

16 dicembre 2013

Matteo Salvini è stato eletto segretario della Lega Nord.

Come riporta il Corriere della Sera:

Salvini, primo discorso da leader della Lega

«L’euro è un crimine contro l’umanità»

“Matteo Salvini è il nuovo segretario della Lega Nord. Lo ha eletto, dopo le primarie della scorsa settimana, il congresso federale del Carroccio riunito a Torino per alzata di mano.

NUOVO LEADER – Nel suo primo discorso da leader Matteo Salvini ha detto ai militanti leghisti che «l’euro è un crimine contro la nostra umanitá e prima salta l’euro prima posso riprendere la battaglia per l’indipendenza, quindi prima vivere, prima ammazzare il mostro».”

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_dicembre_15/salvini-primo-discorso-leader-lega-l-euro-crimine-contro-l-umanita-73aa2104-658b-11e3-95f1-73e6b5fcc151.shtml

Dopo i tentennamenti di Berlusconi (peraltro tipici del personaggio) e l’assurda timidezza di Grillo su tale argomento, finalmente un leader italiano che condanna l’euro senza se e senza ma.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Quello che Paul Krugman non capisce

26 febbraio 2013

Ho letto Austerity, Italian Style, l’ultimo articolo di Paul Krugman, Nobel per l’economia 2008, sul New York Times.

Qui c’è l’articolo originale (uscito il 24 febbraio 2013):

http://www.nytimes.com/2013/02/25/opinion/krugman-austerity-italian-style.html

e qui c’è la traduzione italiana pubblicata su Keynes blog, che ringrazio:

http://keynesblog.com/2013/02/25/krugman-monti-proconsole-della-germania-per-imporre-lausterita-allitalia/

Leggiamo un brano della traduzione italiana:

“E’ probabile che il partito di Mr. Monti arrivi quarto. Non solo ben dietro l’essenzialmente comico Silvio Berlusconi; Monti è dietro a un comico vero, Beppe Grillo, che, pur senza una piattaforma coerente, è diventato una forza politica importante.

E’ una prospettiva straordinaria, e tale da aver scatenato una forte discussione sulla cultura politica italiana. Ma senza cercare di difendere la politica del bunga bunga, vorrei fare l’ovvia domanda: ciò che passa attualmente per maturo realismo che benefici ha portato, esattamente, all’Italia, o alla vicenda europea nel suo insieme?

Poiché Monti era, in effetti, il proconsole messo dalla Germania per imporre l’austerità fiscale su un’economia già in difficoltà, la volontà di perseguire l’austerità senza limiti è ciò che definisce la rispettabilità nei circoli politici europei. Questo andrebbe bene se le politiche di austerità effettivamente funzionassero – ma non è così. E lungi dal sembrare maturi o realistici, i sostenitori dell’austerità suonano sempre più come petulanti e deliranti [il corsivo è mio].

Considerate come si pensava che le cose dovessero funzionare a questo punto. Quando l’Europa ha iniziato la sua infatuazione per austerità, i suoi alti funzionari hanno respinto le preoccupazioni che il taglio della la spesa e l’aumento delle tasse nelle economie depresse fossero in grado di approfondirne la depressione. Al contrario, hanno insistito sul fatto che tali politiche avrebbero effettivamente dato impulso all’economia inspirando fiducia.

Ma la fata fiducia non è comparsa. Le nazioni che hanno imposto una dura austerità hanno subito profonde crisi economiche, e più dura è stata l’austerità, più profonda è stata la crisi. In effetti, questa relazione è stata così forte che il Fondo Monetario Internazionale, con un sorprendente mea culpa, ha ammesso di aver sottovalutato il danno che l’austerità avrebbe inflitto.”

Paul Krugman capisce lucidamente (e ci mancherebbe altro) l’aspetto economico della situazione italiana ed europea: l’austerity non funziona e non può funzionare.

Per inciso, questo Obama non lo capisce: se l’avesse capito, non si sarebbe esposto a brutte figure, come il suo tragico endorsement per Monti, di cui ho scritto in vari post precedenti, ad esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/15/noi-italiani-non-accettiamo-che-gli-usa-ci-dicano-chi-votare/

Ritornando a Krugman, ciò che egli non capisce è l’aspetto politico (intendo quello relativo alla scienza politica) della situazione italiana ed europea.

Il punto è che egli non capisce cos’è in realtà l’europeismo, la sua vera natura.

Esso non è altro che l’ennesimo tentativo dell’Occidente (dopo l’anarchismo e il comunismo) di eliminare lo Stato.

Questa è la tesi da me sostenuta nei post di questo blog e nei miei due saggi di scienza politica (quelli con la copertina verde sotto il titolo del blog), vedi ad esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/07/18/perche-loccidente-cerca-ripetutamente-di-suicidarsi/

Così, quando Krugman predica il verbo di Keynes, giustissimo in sé, non comprende affatto che non è possibile applicarlo all’Unione Europea, a uno scenario, cioè, nel quale non c’è (né ci può essere) lo Stato, come ho spiegato in molti post, vedi ad esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/08/05/domanda-cose-la-democrazia/

https://luigicocola.wordpress.com/2012/09/06/la-realta-delle-cose-e-tragica/

https://luigicocola.wordpress.com/2012/11/17/sartori-ed-io-sugli-stati-uniti-deuropa-scriviamo-le-stesse-cose/

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/27/gli-usa-non-capiscono-che-cosa-stia-succedendo-in-europa/

Insomma: No Stato, No Keynes.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.