Posts Tagged ‘brasile’

Aggiornamento dell’AAPS sull’uso in vari paesi dell’idrossiclorochina nella COVID-19

20 maggio 2020

L’Association of American Physicians and Surgeons (AAPS) ha pubblicato un aggiornamento (al 18 maggio 2020) sull’uso in vari paesi dell’idrossiclorochina (hydroxychloroquine, HCQ) nella COVID-19, dati che aveva già fornito in aprile, vedi questo mio precedente post:

L’Association of American Physicians and Surgeons (AAPS) si schiera a favore dell’uso di idrossiclorochina (Plaquenil) per la COVID-19

29 aprile 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/04/29/lassociation-of-american-physicians-and-surgeons-aaps-si-schiera-a-favore-delluso-di-idrossiclorochina-plaquenil-per-la-covid-19/

Dal nuovo articolo dell’AAPS:

«More studies have replicated these findings. HCQ given within the first week of symptoms, especially with zinc, can prevent the virus from entering your body’s cells and taking over, much like people use locks and alarms to stop burglaries. Waiting until you are in the ICU [Intensive Care Unit, nota mia] is like installing home locks and alarm system after burglars have invaded, vandalized your home, and stolen all your valuables. The drugs cannot reliably undo the damage from the exaggerated immune response, or cytokine storm, triggered by COVID-19.

Examples from the world data on May 18, 2020, which is updated daily [qui c’è il link al sito worldometer, nota mia], show how Third-World countries are faring far better than the U.S., where entrenched bureaucrats, governors, and medical and pharmacy boards are interfering with physicians’ medical decisions.

India – 2.0 Deaths/Million – Use of HCQ: Early and prophylactic

Costa Rica – 2.0 Deaths/Million – Use of HCQ: Early and prophylactic

Australia – 4.0 Deaths/Million – Use of HCQ: Early and prophylactic

South Korea – 5.0 Deaths/Million – Use of HCQ: Early and prophylactic

Argentina – 8.0 Deaths/Million – Use of HCQ: Early and prophylactic

Turkey – 50.0 Deaths/Million – Use of HCQ: Early and prophylactic

Israel – 32.0 Deaths/Million – Use of HCQ: Early and prophylactic

Brazil – 79.0 Deaths/Million – Use of HCQ: Early, some prophylactic

U.S. – 278.0 Deaths/Million – Use of HCQ: Late, in hospitalized patients»

FDA Bureaucrat Brags He Blocked Physician Prescribing of Hydroxychloroquine in Early COVID-19

By Elizabeth Lee Vliet, M.D.

May 19, 2020

aapsonline.org/fda-bureaucrat-brags-he-blocked-physician-prescribing-of-hydroxychloroquine-in-early-covid-19/

Da notare che la Corea del Sud viene spesso indicata come l’alfiere delle 3T (Testing, Tracing and Treating), 3T di cui ho scritto nel mio post precedente, vedi per esempio qui:

Why East Beat West on Covid-19 (Part II)

Andrew Salmon

19 maggio 2020

www.strategic-culture.org/news/2020/05/19/why-east-beat-west-on-covid-19-part-ii/

16 maggio 2020

asiatimes.com/2020/05/why-east-beat-west-on-covid-19-part-2/

In realtà la Corea del Sud usa l’idrossiclorochina.

C’è una campagna di disinformazione? Giudichi il lettore.

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

La mortale idiozia delle tre T: Testare, Tracciare, Trattare

19 maggio 2020

Premessa: questo post è stato scritto da me in uno stato di totale indignazione.

È un post fuori dai denti.

Ma la mia coscienza mi impone di scriverlo e di pubblicarlo.

——

Leggo sul Corriere della Sera:

«Li hanno chiamati casi Covid-like: si tratta di pazienti negativi al tampone e con sintomi sfumati, ma una Tac rivela polmoniti interstiziali del tutto analoghe a quelle dei pazienti Covid. «Questi pazienti sono del tutto simili a quelli di Covid, ma senza che il virus emerga dal tampone. Talvolta lo scoviamo solo nel liquido di lavaggio bronco-alveolare. Il virus è sceso, lo dobbiamo cercare più in profondità» segnala Mario Balzanelli, presidente nazionale della Sis 118 (Società italiana sistema 118) che opera su Taranto.

Lo studio che conferma
Le segnalazioni per la verità arrivano da qualche tempo da tutta Italia. Alcuni giorni fa è stato pubblicato su Radiology un articolo scritto dai radiologi di Codogno con i colleghi dell’Istituto Galeazzi di Milano che descrive la situazione anomala: persone sane, con tampone negativo ma con la polmonite interstiziale. Il coronavirus insomma sembra poter danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa in chi è asintomatico.»

I misteriosi casi di Covid-like con polmonite e tampone falso negativo
Pazienti senza sintomi o con poca febbre hanno in realtà la polmonite interstiziale come per covid: le segnalazioni di Taranto e le conferme con uno studio su Codogno

17 maggio 2020

https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_maggio_17/i-misteriosi-casi-covid-like-polmonite-tampone-negativo-e23795be-9826-11ea-ba09-20ae073bed63.shtml

Chiamare questi casi Covid-like è sbagliato: sono Covid e basta!

Questo è semplicemente il risultato di aver applicato concetti sbagliati alla COVID-19: e cioè che la diagnosi della COVID-19 deve essere fatta per mezzo dei tamponi o con altre indagini di laboratorio e/o strumentali.

Il concetto giusto invece è che la diagnosi della COVID-19 deve essere una diagnosi clinica.

Che i tamponi dessero falsi negativi e falsi positivi era già ampiamente noto, vedi per esempio qui:

“Il 30% dei tamponi mente”. Ecco tutti i limiti
Sebbene siano ancora l’unico strumento di diagnosi per i positivi (o negativi) al Covid-19, i tamponi hanno enormi limiti non superando il 70% di affidabilità. “Il problema dei falsi negativi esiste” spiega il Prof. Rossolini. Gli “errori” hanno almeno due spiegazioni

8 maggio 2020

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/30-dei-tamponi-mente-ecco-tutti-i-limiti-1861344.html

Ne deriva che affidarsi ai test per la diagnosi, e quindi per decidere se fare o no la terapia, è concettualmente sbagliato, anche per via dei tempi troppo lunghi: la COVID-19 deve essere trattata nella 1° fase, vale a dire “Stage I (mild)—early infection”.

Per la descrizione delle tre fasi della COVID-19 vedi qui:

Hasan K. Siddiqi MD, MSCR , Mandeep R. Mehra MD, MSc , COVID-19 Illness in Native and Immunosuppressed States: A Clinical-Therapeutic Staging Proposal, Journal of Heart and Lung Transplantation (2020).
https://doi.org/10.1016/j.healun.2020.03.012

Chi è che ha lanciato la mortale idiozia delle tre T (Testare, Tracciare, Trattare), che ha preso piede un po’ dovunque, anche negli USA e nella regione Toscana, tanto per fare qualche esempio?

Un epidemiologo italiano, Alessandro Vespignani, che in realtà è un fisico.

Infatti:

«Come è diventato epidemiologo?

Pensi: io di formazione primaria sono un fisico, che poi si è interessato all’informatica, che poi da questa base è passato a studiare le reti sociali.

Non sembra un percorso convenzionale, a dire il vero.

(Ride). Ah, certo, assolutamente no: il fatto è che alla fine degli anni Novanta ho iniziato ad occuparmi di virus informatici. E da lì sono passato ai virus biologici…

E qui arriviamo al suo cavallo di battaglia. Le famose “tre T di Vespignani”.

Non mi prenda in giro. Ne parlo da mesi perché è il mio chiodo: le tre T sono l’uovo di Colombo, “testing, tracing and treating”.

“Testare”, “tracciare” e “trattare”.

Esatto. Noi ormai siamo in una fase in cui non conta solo dove ti trovi – il livello dei contagi ad esempio – ma quello che fai.

Cominciamo con il testare.

Tamponi e test, purché omologati. Serve un esercito. Serve una determinazione ossessiva e spietata. Io in Italia oggi questo esercito non lo vedo…

Parliamo ancora della terza T.

Io vorrei che ci fossero ospedali Covid in tutte le regioni, soprattutto in Sardegna e Sicilia.»

Vespignani a TPI: “I virologi italiani non hanno capito nulla, per sconfiggere il virus servono le 3T”
Intervista all’epidemiologo italiano che opera negli Usa: “Per la Fase 2 bisogna ‘testare’, ‘tracciare’, e ‘trattare’. Da qui non si scappa. Noi epidemiologi siamo come quelli che fanno le previsioni del tempo, ma non abbiamo la foto di un un vortice da mostrare al mondo. Per fortuna, al contrario dei metereologi, dopo aver individuato l’uragano, possiamo attenuarne l’impatto”

di Luca Telese

3 maggio 2020

www.tpi.it/cronaca/vespignani-coronavirus-intervista-virologi-italiani-e-3t-20200503595940/

Come si può notare dal suddetto virgolettato, per Vespignani basta usare tamponi e test omologati e poi mandare tutti in ospedale, che è proprio ciò che non deve essere fatto! Quando il malato di COVID-19 viene ospedalizzato è già mezzo morto e anche se alla fine non muore, ha danni permanenti ai polmoni, in pratica è un invalido.

Ma che ne sa un fisico di diagnosi clinica?

Viviamo in tempi di follia, questa è la verità!

Voglio aggiungere che è anche sbagliato dare peso al numero dei casi totali e/o al numero dei morti totali: il numero veramente importante è quello dei morti per milione di abitanti.

Esso è riportato sul sito worldometer:

https://www.worldometers.info/coronavirus/

Cliccando (due volte) sulla casella Deaths/1M pop avremo la lista dei paesi per quanto riguarda il numero dei morti per milione di abitanti, in ordine decrescente.

Vedi qui:

Perché i paesi con più morti da COVID-19 per milione di abitanti sono tutti europei più gli USA?

15 maggio 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/05/15/perche-i-paesi-con-piu-morti-da-covid-19-per-milione-di-abitanti-sono-tutti-europei-piu-gli-usa/

Al momento in cui scrivo (10:00am CEST, 19 maggio 2020), il paese più colpito al mondo dalla COVID-19 per quanto riguarda il numero dei morti per milione di abitanti (tralasciando i paesi estremamente piccoli come San Marino, Andorra, ecc.) è il Belgio con 784 Deaths/1M pop.

Vediamo qualche altro paese:

Italia – 529 Deaths/1M pop

USA – 278 Deaths/1M pop

Brazil – 79 Deaths/1M pop

Russia – 19 Deaths/1M pop

India – 2 Deaths/1M pop

Come si può vedere dallo screenshot che riporto sotto, i primi 13 paesi sono tutti dell’Europa occidentale più gli USA (Sint Marteen è parte integrante del Regno dei Paesi Bassi e dovrebbe essere conteggiato insieme ai Paesi Bassi e non separatamente): essi sono in assoluto i paesi più globalisti del mondo, i paesi dove è più forte l’ideologia globalista rispetto al resto del mondo.

Questi paesi sono grosso modo ciò che si intendeva un tempo per “primo mondo”: è il primo mondo quello più colpito dalla COVID-19, mentre il secondo mondo e il terzo mondo se la cavano.

Perché?

Perché nel primo mondo, vale a dire nei paesi più globalisti del mondo, la COVID-19 viene amplificata e sfruttata a fini politici, come ho già ampiamente spiegato nei post precedenti.

Uno dei modi utilizzati dai globalisti per amplificare la COVID-19 è quello di proibire l’uso dell’idrossiclorochina (Plaquenil), che è molto efficace in questa malattia.

I globalisti hanno le mani sporche di sangue, il sangue dei morti da COVID-19, morti che si potevano evitare usando l’idrossiclorochina, sia come terapia (precoce!), sia come profilassi.

Vedi infatti qui:

L’Association of American Physicians and Surgeons (AAPS) si schiera a favore dell’uso di idrossiclorochina (Plaquenil) per la COVID-19

29 aprile 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/04/29/lassociation-of-american-physicians-and-surgeons-aaps-si-schiera-a-favore-delluso-di-idrossiclorochina-plaquenil-per-la-covid-19/

Donald Trump ha cercato di impedire questo bagno di sangue, ma negli USA egli è uno contro tutti.

Jair Bolsonaro in Brasile ha le mani più libere e sta ottenendo migliori risultati degli USA, ma anche lui ha contro l’élite del Brasile, che è un’élite globalista, e ha contro i media globalisti di tutto il mondo.

Perfino ZeroHedge, dimostando così di essere un media globalista, si schiera contro Bolsonaro e contro l’uso dell’idrossiclorochina:

«It’s become blindingly obvious that the coronavirus outbreak in Brazil has spiraled out of control, offering an example of the consequences of minimal containment efforts, and causing unease across Latin America, as Brazil’s neighbors move to close borders to ensure Brazilians don’t carry the virus across the border…

…Just hours after Brazil’s health minister resigned following less than a month on the job, the country’s public health officials reported a record 15,305 cases during the prior day. Before resigning, Health Minister Nelson Teich had criticized Bolsonaro’s presidential decree calling for beauty parlors and gyms to reopen. While Teich gave no reason for his resignation, his predecessor was sacked by Bolsonaro for disagreeing with the president’s opposition to lockdowns. Bolsonaro believes that the virus is nothing more than a “little flu” and that it will inevitably spread.

Brazil’s Globo newspaper reported that Teich disagreed with Bolsonaro’s insistence on using hydroxychloroquine and chloroquine to treat the virus, and sources said this disagreement was the last straw [il neretto è mio]

…While his supporters push a military takeover, Congressional opposition leader Alessandro Molon warned that Brazil was heading toward a public health catastrophe, and has started pushing for Bolsonaro to be impeached.

“Bolsonaro does not want a technical minister, he wants someone who agrees with his ideological insanity, like ending social distancing and using chloroquine,” [il neretto è mio] Molon, a lawmaker from the Brazilian Socialist Party, said in a statement…

…If there’s any major country that’s truly at risk for a complete unraveling of the social fabric, at this point, it’s probably Brazil.»

“Bolsonaro Is A Virus” – Opposition Leader Calls For President’s Impeachment As Brazil Reports Record 15k Cases In A Single Day

by Tyler Durden

15 maggio 2020

https://www.zerohedge.com/geopolitical/bolsonaro-virus-opposition-leader-calls-presidents-impeachment-brazil-reports-record

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

P.S.: apprendo dopo aver pubblicato il post che Donald Trump sta facendo la profilassi della COVID-19 con l’idrossiclorochina:

«WASHINGTON (Reuters) – U.S. President Donald Trump, in a surprise announcement, said on Monday he is taking hydroxychloroquine as a preventive medicine against the coronavirus despite medical warnings about the use of the malaria drug.

Trump volunteered the disclosure during a question-and-answer session with reporters at the White House as he met restaurant executives whose businesses are reeling from the impact of the virus.

“I’m taking hydroxychloroquine,” Trump said. “I’ve been taking it for the last week and a half. A pill every day.” [il neretto è mio]

Weeks ago, Trump had promoted the drug as a potential treatment based on a positive report about its use against the virus, but subsequent studies found that it was not helpful. The Food and Drug Administration has issued a warning about its use…

Trump said he also took a single dose of azithromycin, an antibiotic meant to prevent infection. In conjunction with hydroxychloroquine, Trump said he was taking zinc. [il neretto è mio]

“All I can tell you is so far I seem to be OK,” he said.»

Trump says he is taking hydroxychloroquine despite FDA warning

18 maggio 2020

https://www.reuters.com/article/us-health-coronavirus-trump-drug/trump-says-he-is-taking-hydroxychloroquine-despite-fda-warning-idUSKBN22U2Y5

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

La fake news dello studio brasiliano sull’idrossiclorochina

14 maggio 2020

Leggo un articolo intitolato Populismo scientifico: lo strano caso dell’idrossiclorochina di Francesco Suman, pubblicato l’8 maggio 2020 sul sito ilbolive.unipd.it, sito dell’Università di Padova:

https://ilbolive.unipd.it/it/news/populismo-scientifico-clorochina

Ebbene, nel suddetto articolo è scritto:

«L’idrossiclorochina è inserita tra i farmaci in via di sperimentazione del programma dell’Organizzazione mondiale della sanità Solidarity I, cui partecipa anche l’Italia.

La scheda dedicata all’Hcq dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) riporta che in letteratura non ci sono studi che stabiliscano in via definitiva l’efficacia o l’inefficacia del farmaco, che è “entrato nella pratica clinica sulla base di evidenze incomplete”. Sulla base di queste premesse l’Aifa riporta che “l’uso terapeutico dell’idrossiclorochina può essere considerato sia nei pazienti COVID-19 di minore gravità gestiti a domicilio sia nei pazienti ospedalizzati”. Uno studio cinese non ancora sottoposto a revisione scientifica e pubblicato a maggio in pre-print su MedRxiv riporta invece che l’Hcq smorzerebbe il decorso della malattia nei casi gravi di CoVid-19. Ma una rondine non fa primavera. Ad oggi non esistono solide evidenze per ritenere l’idrossiclorochina la cura definitiva. Non solo: alcuni studi ne hanno già registrato preoccupanti effetti collaterali.

A inizio aprile una sperimentazione del farmaco in Brasile, dove pure è previsto il trattamento di pazienti CoVid-19 con idrossiclorochina, è stata interrotta [*] proprio dopo aver scoperto che una dose eccessiva faceva sviluppare aritmie cardiache potenzialmente fatali [il neretto è mio].»

—–
[*] qui nell’articolo di Francesco Suman c’è questo link:
https://www.nytimes.com/2020/04/12/health/chloroquine-coronavirus-trump.html
—–

La frase in neretto del suddetto virgolettato è una fake news, una bufala.

Perché?

Perché nello studio in questione non fu affatto usata l’idrossiclorochina (hydroxychloroquine, HCQ), ma bensì la clorochina (chloroquine, CQ).

Lo studio (non definitivo) in questione è questo (pubblicato su medrxiv.org):

Chloroquine diphosphate in two different dosages as adjunctive therapy of hospitalized patients with severe respiratory syndrome in the context of coronavirus (SARS-CoV-2) infection: Preliminary safety results of a randomized, double-blinded, phase IIb clinical trial (CloroCovid-19 Study)

Mayla Gabriela Silva Borba, Fernando Fonseca Almeida Val, Vanderson Souza Sampaio, Marcia Almeida Araújo Alexandre, Gisely Cardoso Melo, Marcelo Brito, Maria Paula Gomes Mourão, José Diego Brito-Sousa, Djane Baía-da-Silva, Marcus Vinitius Farias Guerra, Ludhmila Abrahão Hajjar, Rosemary Costa Pinto, Antonio Alcirley Silva Balieiro, Felipe Gomes Naveca, Mariana Simão Xavier, Alexandre Salomão, André Machado Siqueira, Alexandre Schwarzbolt, Júlio Henrique Rosa Croda, Maurício Lacerda Nogueira, Gustavo Adolfo Sierra Romero, Quique Bassat, Cor Jesus Fontes, Bernardino Cláudio Albuquerque, Cláudio Tadeu Daniel-Ribeiro, Wuelton Marcelo Monteiro, Marcus Vinícius Guimarães Lacerda, CloroCovid-19 Team

doi: https://doi.org/10.1101/2020.04.07.20056424

Now published in JAMA Network Open

doi: http://dx.doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2020.8857

N.B.: il titolo dello studio definitivo è diverso:

Effect of High vs Low Doses of Chloroquine Diphosphate as Adjunctive Therapy for Patients Hospitalized With Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2 (SARS-CoV-2) Infection
A Randomized Clinical Trial

Mayla Gabriela Silva Borba, Fernando Fonseca Almeida Val, Vanderson Souza Sampaio, et al.

L’idrossiclorochina è molto meno tossica della clorochina (di circa il 40%), come si sa da molto tempo e come riportato da un altro studio:

«Hydroxychloroquine (HCQ) sulfate, a derivative of CQ, was first synthesized in 1946 by introducing a hydroxyl group into CQ and was demonstrated to be much less (~40%) toxic than CQ in animals4.»

Liu, J., Cao, R., Xu, M. et al. Hydroxychloroquine, a less toxic derivative of chloroquine, is effective in inhibiting SARS-CoV-2 infection in vitro. Cell Discov 6, 16 (2020). https://doi.org/10.1038/s41421-020-0156-0

E allora perché usare la clorochina e non l’idrossiclorochina?

In secondo luogo, la dose di uno dei due gruppi dello studio brasiliano, quello ad “high dose”, fu eccessivamente alta, al di sopra della dose massima raccomandata in letteratura per la clorochina (non per l’idrossiclorochina, che ha un dosaggio diverso, ma proprio per la clorochina): “600mg CQ twice daily”, come c’è scritto nell’Abstract:

«Eligible participants were allocated to receive orally or via nasogastric tube high dose CQ (600mg CQ twice daily for 10 days or total dose 12g); or low dose CQ (450mg for 5 days, twice daily only on the first day, or total dose 2.7g). In addition, all patients received ceftriaxone and azithromycin.»

E allora perché usare una “high dose” al di sopra della dose massima raccomandata in letteratura?

A questo proposito vedi:

COVID-19, Dr. Vladimir Zelenko: “It’s so dishonest, criminal and nefarious, it’s disgusting, these are garbage studies designed to fail, to make these drugs less appealing for nefarious reasons”

https://luigicocola.wordpress.com/2020/04/25/covid-19-dr-vladimir-zelenko-its-so-dishonest-criminal-and-nefarious-its-disgusting-these-are-garbage-studies-designed-to-fail-to-make-these-drugs-less-appealing-for-nefarious-reasons/

In terzo luogo, lo studio brasiliano non fu affatto interrotto: fu interrotto soltanto per ciò che riguardava il gruppo ad “high dose”, ma proseguì per quanto riguardava il gruppo a “low dose”, come c’è scritto nell’Abstract:

«The high dose CQ arm presented more QTc>500ms (25%), and a trend toward higher lethality (17%) than the lower dosage. Fatality rate was 13.5% (95%CI=6.9-23.0%), overlapping with the CI of historical data from similar patients not using CQ (95%CI=14.5-19.2%). In 14 patients with paired samples, respiratory secretion at day 4 was negative in only one patient. Interpretation Preliminary findings suggest that the higher CQ dosage (10-day regimen) should not be recommended for COVID-19 treatment because of its potential safety hazards. Such results forced us to prematurely halt patient recruitment to this arm.»

In quarto luogo, lo studio brasiliano fu effettuato, come dice il suo stesso titolo, su “hospitalized patients with severe respiratory syndrome in the context of coronavirus (SARS-CoV-2) infection”, laddove è noto ormai anche ai sassi che questa classe di farmaci (clorochina e idrossiclorochina) per avere effetto deve essere somministrata nella 1° fase della COVID-19, vale a dire “Stage I (mild)—early infection”.

Per la descrizione delle tre fasi della COVID-19 vedi qui:

Hasan K. Siddiqi MD, MSCR , Mandeep R. Mehra MD, MSc , COVID-19 Illness in Native and Immunosuppressed States: A Clinical-Therapeutic Staging Proposal, Journal of Heart and Lung Transplantation (2020).
https://doi.org/10.1016/j.healun.2020.03.012

In quinto luogo, se si legge con la dovuta attenzione il pdf scaricabile dello studio brasiliano, a pag. 17 si trova questa frase:

«Major limitations however included: (1) one single center; (2) not using a placebo control group as the use of placebo in Brazil in severe cases of COVID-19 infections is not considered ethically acceptable by national regulatory health agencies, especially due to the compassionate use of CQ – and because early reports seem to indicate its effectiveness in vitro and in vivo.»

https://doi.org/10.1101/2020.04.07.20056424

In altre parole, anche questo studio brasiliano non ha usato il “placebo control group” per ragioni etiche, esattamente come ha fatto il Prof. Didier Raoult in Francia.

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Il mondialismo è un delirio culturale II

6 novembre 2018

Come scrivo da tempo (1), l’Occidente (2) soffre di una malattia cronica: l’odio verso lo Stato.

L’ultima e più letale incarnazione di questa malattia cronica è il mondialismo (o globalismo, in inglese globalism, in francese mondialisme).

L’ideologia mondialista vuole imporre a tutto il genere umano un Nuovo Ordine Mondiale (in inglese New World Order, in francese Nouvel Ordre Mondial) nel quale lo Stato non esiste più (3) e per raggiungere tale scopo è disposta a tutto, perfino a scatenare una guerra nucleare.

Perché l’ideologia mondialista è la più letale delle ideologie antistato (vedi la mia Teoria unificata delle ideologie antistato, 4)?

Per diversi motivi (5), ma soprattutto perché chi vuole imporre il Nuovo Ordine Mondiale è l’élite dell’Occidente, la sua classe dirigente, i suoi Re (p.e. il Re dei Paesi Bassi Willem-Alexander, il cui nonno creò nel 1954 i Bilderberg Meetings insieme a David Rockefeller), le sue Regine (p.e. la Regina del Regno Unito Elizabeth II, il sovrano inglese che passerà alla storia per aver permesso che avvenisse durante il suo regno l’islamizzazione dell’Inghilterra), i suoi capitalisti più ricchi (p.e. il già citato David Rockefeller, appartenente a una famiglia in cui molto probabilmente ci fu il vero mandante dell’assassinio del 35° Presidente degli Stati Uniti d’America, John Fitzgerald Kennedy, e dell’assassinio di suo fratello, il 64° Ministro della Giustizia degli Stati Uniti d’America, Robert Kennedy, 6), e infine, in cauda venenum, Papa Francesco I della Chiesa di Roma (cioè Jorge Mario Bergoglio) (7).

È assolutamente ovvio che l’élite dell’Occidente, se vuole eliminare lo Stato, può fare molto, molto di più dei proletari di cui scrissero Karl Marx e Friedrich Engels (anche il comunismo è un’ideologia antistato).

Immaginate se Bakunin, invece di essere messo in galera dall’Imperatore Nicola I, lo avesse convinto che lo Stato è inutile, anzi dannoso, e che va quindi eliminato senza indugi.

Ecco, il mondialismo può essere definito come l’anarchismo dell’élite.

L’odio verso lo Stato ha una precisa origine storica di cui scrivo da tempo: essa si trova nel Cristianesimo occidentale (non in quello orientale, per via del cesaropapismo inventato da Costantino il Grande), o più precisamente nel millenarismo (in inglese millenarianism, in francese millénarisme), la dottrina eversiva contenuta nell’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento (8, 9, 10), dottrina eversiva che è perfettamente annullata dal cesaropapismo.

L’odio verso lo Stato è contro la Ragione (11, 12), intendo dire la Ragione di Voltaire (13), non quella falsa di Locke (ciò che ho chiamato “la mistificazione di origine lockiana”, 8, 14), anzi è possibile concludere che:

il mondialismo è un delirio culturale.

In inglese:

globalism is a cultural delusion.

In francese:

le mondialisme est un délire culturel.

——

1) Il mondialismo è un delirio culturale

«L’Occidente soffre, ha sempre sofferto, di una malattia cronica con andamento a poussées, cioè un andamento in cui si alternano fasi di riacutizzazione e di remissione.

Questa malattia cronica, di cui solo l’Occidente soffre, consiste nell’odio verso lo Stato, odio che è un portato del Cristianesimo, come ho più e più volte spiegato.

È una malattia perché lo Stato è una necessità razionale, è un universale culturale (esattamente come il tabù dell’incesto e i riti funebri).

Come scrive Norberto Bobbio: “la società senza Stato” è un “salto fuori della storia” (Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pag. 124).

Queste parole di Bobbio sono un modo elegante per dire che lo Stato è indispensabile e che è sempre esistito.»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/11/18/il-mondialismo-e-un-delirio-culturale/

2) Cos’è l’Occidente?

«L’Occidente è il luogo ideale delle culture nate dal crollo dell’Impero romano d’Occidente, crollo provocato dal Cristianesimo (da cui il Medio Evo). Così, ad esempio, il Brasile fa parte dell’Occidente tanto quanto il Portogallo, perché è la lingua l’elemento fondante di una cultura

https://luigicocola.wordpress.com/2012/07/28/cose-loccidente-2/

3) Perfino per Lucio Caracciolo il Nuovo Ordine Mondiale è una cagata pazzesca

https://luigicocola.wordpress.com/2018/10/22/perfino-per-lucio-caracciolo-il-nuovo-ordine-mondiale-e-una-cagata-pazzesca/

4) Luigi Cocola, La teoria unificata delle ideologie antistato e altri discorsi politici, 6° ed., lulu.com, 2018

5) Perché il mondialismo durerà meno del comunismo

https://luigicocola.wordpress.com/2016/03/07/perche-il-mondialismo-durera-meno-del-comunismo/

6) Richard James DeSocio, Clash of Dynasties: Why Gov. Nelson Rockefeller Killed JFK, RFK, and Ordered the Watergate Break-In to End the Presidential Hopes of Ted Kennedy, AuthorHouse, 2017

7) Questa è la terribile verità, che vi piaccia o meno

https://luigicocola.wordpress.com/2018/08/23/questa-e-la-terribile-verita-che-vi-piaccia-o-meno/

8) Le tappe principali della genesi storica del mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/07/28/le-tappe-principali-della-genesi-storica-del-mondialismo/

9) L’Unione Europea e il Nuovo Ordine Mondiale sono tentativi di attuare il Regno di Cristo sulla terra

https://luigicocola.wordpress.com/2018/10/08/lunione-europea-e-il-nuovo-ordine-mondiale-sono-tentativi-di-attuare-il-regno-di-cristo-sulla-terra/

10) Svelare la verità sul mondialismo, oppure morire tutti di guerra nucleare?

https://luigicocola.wordpress.com/2018/10/20/svelare-la-verita-sul-mondialismo-oppure-morire-tutti-di-guerra-nucleare/

11) L’illusione dei potenti di poter imporre al mondo una falsa verità

https://luigicocola.wordpress.com/2018/10/15/lillusione-dei-potenti-di-poter-imporre-al-mondo-una-falsa-verita/

12) La tracotanza dell’élite globalista deve essere stroncata dal popolo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/09/01/la-tracotanza-dellelite-globalista-deve-essere-stroncata-dal-popolo/

13) “Écrasez l’infâme!” (“l’infâme” oggi è il mondialismo)

https://luigicocola.wordpress.com/2018/10/17/ecrasez-linfame-linfame-oggi-e-il-mondialismo/

14) Joseph Stiglitz racconta menzogne e fa propaganda mondialista

https://luigicocola.wordpress.com/2017/05/11/joseph-stiglitz-racconta-menzogne-e-fa-propaganda-mondialista/

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Cos’è l’Occidente?

28 luglio 2012

Il termine “Occidente” è assai spesso frainteso, mentre è essenziale comprenderne esattamente il significato.

L’Occidente è il luogo ideale delle culture nate dal crollo dell’Impero romano d’Occidente, crollo provocato dal Cristianesimo (da cui il Medio Evo). Così, ad esempio, il Brasile fa parte dell’Occidente tanto quanto il Portogallo, perché è la lingua l’elemento fondante di una cultura.

Occorre puntualizzare che il Cristianesimo presenta sia lati negativi, che possono essere altamente distruttivi (ad esempio il Medio Evo), sia lati positivi, che hanno trasformato il mondo, costituendo la via del cambiamento, ossia la via di ciò che Jacques Monod indica come “una seconda evoluzione, quella culturale” (Jacques Monod, Il caso e la necessità, 1974, Mondadori, pag. 133).

Infatti è nell’ambiente cristiano che nacque e si sviluppò la scienza, laddove perfino il cosiddetto miracolo greco non era riuscito a darle i natali.

Ovviamente occorre comprendere un dato, estremamente semplice e del tutto assodato, che alcune menti molto raffinate non vogliono, per motivi loro, accettare: che la matematica non è scienza, che per “scienza” si intende universalmente la “scienza sperimentale”.

Leggiamo cosa scrive a questo proposito Alan Cromer, un fisico nostro contemporaneo:

“So what is physics? It is a motivation and a method. The motivation is the same as that of the Greeks: to find the fundamental nature of things. But the method is that of Galileo: to investigate simple systems by means of experimentation and mathematical analysis.” (Alan Cromer, Physics for the Life Sciences, 1977, McGraw-Hill, pag. 3).

In realtà la primissima formulazione del metodo scientifico, che consiste nell’associazione di sperimentazione e matematica, come scritto giustamente da Cromer, si ha prima di Galileo, ossia nel Rinascimento.

Leggiamo infatti questo passo di Leonardo:

“Nessuna umana investigazione si può dimandare vera scienza, se essa non passa per le matematiche dimostrazioni; e se tu dirai che le scienze, che principiano e finiscono nella mente, abbiano verità, questo non si concede, ma si nega per molte ragioni; e prima, che in tali discorsi mentali non accade esperienza, senza la quale nulla dà di sè certezza.” (Leonardo da Vinci, Trattato della pittura, 1996, Newton Compton, pag. 4).

Del resto il ruolo di Leonardo nella genesi del metodo scientifico è ampiamente riconosciuto.

Ludovico Geymonat, un filosofo della scienza, scrive a questo proposito:

“Dal punto di vista metodologico, egli può venir considerato un precursore di Galileo, per l’importanza essenziale attribuita sia all’esperienza che alla matematica…” (Ludovico Geymonat, Storia del pensiero filosofico e scientifico, 1977, Garzanti, vol. 2, pag. 56).

Quando Galileo fu messo agli arresti domiciliari a vita dalla Chiesa di Roma, la scienza in Italia ne fu annientata, ma essa trovò la sua sede in Inghilterra, grazie allo scisma di Enrico VIII e al genio di Newton.

Leonardo, Galileo e Newton erano di religione cristiana e vivevano in culture cristiane.

Ho approfondito l’argomento del rapporto fra Cristianesimo e scienza nel mio saggio: Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo (19 aprile 2012, terza edizione), vedi:

http://www.lulu.com/shop/luigi-cocola/il-leviatano-senza-spada/paperback/product-20071149.html

La scienza non è niente altro che un prodotto, anche se indiretto, del Cristianesimo e quindi l’Occidente non può rinunciare a questa religione, in quanto tagliare le radici da cui è nato l’albero della scienza sarebbe un’assoluta follia.

Quando noi osserviamo un qualsiasi oggetto fabbricato per mezzo della scienza, ad esempio un treno, un’automobile, un aereo, un computer, ecc. ecc., noi vediamo l’Occidente, o meglio, la potenza del potere creativo dell’Occidente.

Come ho spiegato in dettaglio nel suddetto saggio, questo potere creativo è un effetto, anche se indiretto, dei valori del Cristianesimo.

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.