Posts Tagged ‘claudio martini’

Ancora sul Rapporto ISPI 2015

21 marzo 2015

Ho già scritto circa il Rapporto ISPI 2015, intitolato In mezzo al guado – Scenari globali e l’Italia, a cura di Alessandro Colombo e Paolo Magri, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/18/il-rapporto-ispi-2015-riconosce-il-fallimento-del-mondialismo/

Voglio ribadire la grande importanza di quest’analisi dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI).

Da ciò che scrive Alessandro Colombo nel 1° capitolo del Rapporto, capitolo intitolato La crisi generale dell’ordine internazionale, si possono trarre le seguenti deduzioni:

1. Il mondialismo esiste, sebbene in nessuna parte del Rapporto ISPI 2015 venga usata questa parola o il suo sinonimo “globalismo”. Colombo parla invece di “un progetto esplicito d’ingegneria sociale – la transizione al mercato e alla democrazia ‒, ispirato a un universalismo politico e giuridico ereditato dal secolo precedente” (ISPI, In mezzo al guado – Scenari globali e l’Italia, pag. 21), ciò che è chiaramente un eufemismo per indicare il mondialismo. Inoltre egli parla di “Nuovo Ordine Internazionale” (ibid., pag. 20), ossia di Nuovo Ordine Mondiale.

2. Il mondialismo è capeggiato dagli Stati Uniti d’America (ibid., pag. 21).

3. Il mondialismo non è un processo storico ineluttabile, bensì è “un progetto esplicito d’ingegneria sociale”, vedi sopra.

Considerare il mondialismo un processo storico ineluttabile (che quindi è più appropriato chiamare “mondializzazione” o “globalizzazione”) non è affatto una prerogativa della sinistra come in genere si pensa, vedi p.e. cosa scrive Claudio Martini sul blog main-stream.it:

«Le segnalo, per inciso, che il termine “mondialismo” ha una genuina caratura neofascista. Non la sto accusando di nulla, è solo accuratezza etmilogica.
Negli ambienti di sinistra, si parla di “globalizzazione”. Alla fine si tratta di etichette per designare la medesima cosa: il processo di svuotamento della sovranità degli stati.»

http://il-main-stream.blogspot.it/2014/05/i-fascisti-stanno-con-mosca-non-con-kiev.html

Non è così, in realtà anche a destra si parla spesso di mondializzazione o di globalizzazione, vedi p.e. La mondializzazione di Alain de Benoist, il padre della Nouvelle Droite, che è reperibile qui:

http://www.alaindebenoist.com/pages/textes.php?lang=it

Ecco cosa scrive de Benoist:

“Lungi dal rappresentare un’aberrante deviazione dal sistema capitalista, o dal poter essere interpretata come una novità radicale o addirittura come il risultato di un complotto, la mondializzazione si situa infatti nel solco di una dinamica secolare caratteristica della natura medesima del capitalismo. «La tendenza a creare un mercato mondiale è inclusa nel concetto stesso di capitale», osservava Karl Max già nel secolo scorso. Da questo punto di vista, Philippe Engelhard non ha torto quando scrive che «la mondializzazione certamente non è che l’ultimo fuoco d’artificio dell’esplosione della modernità occidentale».”

Appare evidente che de Benoist, in linea con l’uso della parola “mondializzazione”, considera ciò un processo storico ineluttabile e non una dottrina, un’ideologia.

Sul motivo per il quale si usa “mondializzazione” e non “mondialismo” ho scritto qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/11/loccidente-contro-il-resto-del-mondo/

4. Il mondialismo è fallito (ISPI, op. cit., pag. 20).

5. Il mondialismo è fallito perché ha una “natura eccezionalmente ambiziosa (e irrealistica)” (ibid., pagg. 20-21).

Sono perfettamente d’accordo con i suddetti cinque punti.

Mentre non mi trovo affatto d’accordo (non solo su questo specifico argomento, ma in generale) con Alain de Benoist, il cui primo referente culturale, del resto, è Rousseau, come egli stesso ha esplicitato:

“Ma filiation, s’il en fallait une, ce serait plutôt: Rousseau, la Commune, le socialisme français (surtout Sorel et Pierre Leroux), les non-conformistes des années 30, la Révolution conservatrice allemande, le syndicalisme révolutionnaire italien et le situationnisme. Tirez-en ce que vous voulez”

(Alain de Benoist, Réponses, La Revue du MAUSS, n°13, 1991, pag. 129)

http://www.archiveseroe.eu/benoist-a57664181

E con questo ho detto tutto.

Rousseau è un pessimo filosofo e chi si rifà al suo pensiero, anche solo parzialmente, è fortemente in errore.

Oltretutto l’opera filosofica di de Benoist ha ben poco a che fare con la destra e, dato che le sue prime manifestazioni risalgono al 1968 (ossia ad un tempo, ormai lontano, nel quale la destra era in fortissima crisi), è lecito ritenerla niente altro che un appeasement culturale alla sinistra, appeasement che al giorno d’oggi non ha più alcun senso.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci