Posts Tagged ‘coronavirus’

Un’ulteriore prova che il globalismo è irrazionale e che quindi non può essere riconducibile all’imperialismo come erroneamente credono i russi

8 settembre 2020

Infatti l’imperialismo può essere condannabile dal punto di vista etico, ma certamente non è contro la Ragione, non è irrazionale: in altre parole gli imperialisti saranno pure cattivi, ma ragionano benissimo.

Leggo su ZeroHedge:

«The United Nations has provoked another backlash after posting a tweet bemoaning how COVID-19 has demonstrated how “millennia of patriarchy” and “male-dominated culture” is ‘damaging’ everyone.

“The #COVID19 pandemic is demonstrating what we all know: millennia of patriarchy have resulted in a male-dominated world with a male-dominated culture which damages everyone – women, men, girls & boys,” tweeted the organization.

The tweet links to remarks by the UN Secretary-General asserting how coronavirus has caused “deepening existing inequalities, including gender inequality.”…

…Back in May, the globalist institution put out a tweet asserting that people shouldn’t use politically incorrect terms like “boyfriend,” “girlfriend,” “husband” and “wife” in order to “help create a more equal world.”

Respondents decried the fact that a faceless international body was trying to control language, suggesting that the UN is now completely outside of its remit and is yet another vessel for Marxism and destroying the nuclear family.»

United Nations Complains About A “Male-Dominated World” Thanks To “Millennia Of Patriarchy”

Paul Joseph Watson

7 settembre 2020

www.zerohedge.com/political/united-nations-complains-about-male-dominated-world-thanks-millennia-patriarchy

7 settembre 2020

summit.news/2020/09/07/united-nations-complains-about-a-male-dominated-world-millennia-of-patriarchy/

Ebbene, come scrivo in questo blog da diversi anni, uno dei principali mezzi usati dai globalisti per distruggere gli Stati (che è il loro scopo supremo, essendo il globalismo un’ideologia antistato, vedi la mia Teoria unificata delle ideologie antistato) è l’islamizzazione dell’Europa, cui seguirà l’islamizzazione dell’Occidente intero.

Però, quando tale islamizzazione sarà completata, gli islamici ovviamente spazzeranno via tutte queste idiozie sul patriarcato di cui farnetica oggi l’ONU (idiozie che hanno lo scopo evidentissimo di distruggere la famiglia, un altro dei principali mezzi che i globalisti usano per distruggere gli Stati) e ovviamente, ma questo l’ho già scritto diverse volte, restaureranno gli Stati europei e occidentali, dato che l’Islam non concepisce l’assenza dello Stato, non concepisce quella separazione tra Cesare e Dio che è una caratteristica peculiare del Cristianesimo, come tutti sanno o dovrebbero sapere, essendo una nozione elementare di cultura generale (se poi si è ignoranti, è un altro discorso).

I globalisti sono forse ignoranti? No, essi sono in preda a un delirio culturale, il delirio culturale mondialista, che, essendo un delirio, è irrazionale per definizione: in altre parole i globalisti ragionano malissimo, anzi non ragionano affatto (contrariamente a quello che comunemente si crede).

La notizia riportata da ZeroHedge riguardante l’odierna condanna del patriarcato da parte dell’ONU globalista è un’ulteriore prova che il globalismo (dall’inglese globalism), detto anche mondialismo (dal francese mondialisme), è assolutamente e clamorosamente irrazionale e che quindi non può essere riconducibile all’imperialismo come erroneamente credono i russi.

Purtroppo è proprio da ciò che credono o non credono i russi che dipende l’avverarsi o meno di una guerra nucleare nel nostro futuro prossimo.

Tale è lo stato delle cose.

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

C’è chi ci arriva prima, chi ci arriva dopo e chi non ci arriverà mai

26 agosto 2020

Leggo sul sito comedonchisciotte.org la traduzione italiana di un articolo di Ellen Brown (1) del 22 agosto 2020, intitolato From Lockdown to Police State: The “Great Reset” Rolls Out.

Nell’originale in lingua inglese:

«Angelo Codevilla, professor emeritus at Boston University, concluded in an August 13th article, “We are living through a coup d’état based on the oldest of ploys: declaring emergencies, suspending law and rights, and issuing arbitrary rules of behavior to excuse taking ‘full powers’.”…

…Or was that the goal – to create the appearance of a pandemic, one so vast that the global economy had to be brought to a standstill until a vaccine could be found? Recall Prof. Codevilla’s conclusion: “We are living through a coup d’état based on the oldest of ploys: declaring emergencies, suspending law and rights, and issuing arbitrary rules of behavior to excuse taking ‘full powers’.”…

…All this, however, presupposes both an existing public health emergency and no effective treatment to defuse it. That helps explain the otherwise inexplicable war on hydroxychloroquine [il neretto è mio], a safe drug that has been in use and available over the counter for 65 years and has been shown to be effective in multiple studies when used early in combination with zinc and an antibiotic. A table prepared by the American Association of Physicians and Surgeons (below) found that the US has nearly 30 times as many deaths per capita as countries making early and prophylactic use of hydroxychloroquine.

The latest international testing of hydroxychloroquine treatment of coronavirus shows countries that had early use of the drug had a 79% lower mortality rate than countries that banned the use of the safe malaria drug. Lowering the US mortality rate by 79% could have saved over 100,000 lives. But an effective, inexpensive COVID-19 treatment would mean the end of the alleged pandemic and the vaccine bonanza it purports to justify.

The need to maintain the appearance of a pandemic also explains the inflated reports of cases and deaths [il neretto è mio]. Hospitals have been rewarded with increased fees for reclassifying cases as COVID-19. As deaths declined in the US, the numbers of cases reported by the Centers for Disease Control were also gamed to make it appear that America was in a “second wave” of a pandemic. The reporting criterion was changed on May 18 from people who tested positive for the virus only to people who tested positive for either the virus or its antibodies. The exploding numbers thus include people who have recovered from COVID-19 as well as false positives. The Loughborough and Sheffield researchers found that when controlling for other factors affecting mortality, actual deaths due to COVID-19 are 54% to 63% lower than implied by the standard excess deaths measure.

Ushering in “The Great Reset”

Forcing compliance with global vaccine mandates [il neretto è mio] is one obvious motive for maintaining the appearance of an ongoing pandemic, but what would be the motive for destroying the global economy with forced lockdowns? What is behind the “agenda to destroy Western society” [il neretto è mio] suspected by Australian commentator Alan Jones?

Evidently it is this: destroying the old is necessary to usher in the new. Global economic destruction paves the way for the “Great Reset” now being promoted by the World Economic Forum, the Bill and Melinda Gates Foundation, the International Monetary Fund and other big global players.»

(2, 3)

Nella traduzione in lingua italiana, intitolata Dal lockdown allo stato di polizia: il “Grande Reset” avanza:

«Angelo Codevilla, professore emerito alla Boston University, ha concluso in un articolo del 13 agosto: “Stiamo vivendo un colpo di stato basato sul più antico degli stratagemmi: dichiarare l’emergenza, sospendere leggi e diritti ed emanare regole di comportamento arbitrarie per giustificare la presa dei ‘pieni poteri’.”…

…O era quello l’obiettivo: creare l’apparenza di una pandemia, talmente vasta da dover fermare l’economia globale fino a quando non fosse stato trovato un vaccino? Ricordiamo la conclusione del Prof. Codevilla: “Stiamo vivendo un colpo di stato basato sul più antico degli stratagemmi: dichiarare l’emergenza, sospendere leggi e diritti ed emanare regole di comportamento arbitrarie per giustificare la presa dei ‘pieni poteri’.”…

…Tutto ciò, tuttavia, presuppone un’emergenza sanitaria pubblica in atto e nessun trattamento efficace per disinnescarla. Questo aiuta a spiegare la guerra, altrimenti incomprensibile, contro l’idrossiclorochina [il neretto è mio], un farmaco sicuro che è in uso e in libera vendita da 65 anni e che [contro il coronavirus] si è dimostrato efficace in più studi, quando usato precocemente in combinazione con zinco ed un antibiotico. Una tabella preparata dall’American Association of Physicians and Surgeons (sotto) fa vedere come gli Stati Uniti abbiano quasi 30 volte più morti pro capite rispetto ai paesi che fanno un uso precoce e profilattico dell’idrossiclorochina.

Gli ultimi test internazionali sul trattamento del coronavirus con idrossiclorochina mostrano che i paesi che avevano fatto un uso precoce del farmaco hanno avuto un tasso di mortalità inferiore del 79% rispetto ai paesi che avevano vietato l’utilizzo di questo collaudato trattamento antimalarico. Negli Stati Uniti, abbassare il tasso di mortalità del 79% avrebbe potuto salvare oltre 100.000 vite. Ma un trattamento efficace e poco costoso contro il COVID-19 significherebbe la fine della presunta pandemia e della cuccagna vaccinatoria che vorrebbe giustificare.

La necessità di tenere in piedi l’apparenza di una pandemia spiega anche i rapporti gonfiati dei casi e dei decessi [il neretto è mio]. Gli ospedali vengono rimborsati con tariffe maggiori per la riclassificazione dei casi come COVID-19. Visto il calo dei decessi negli Stati Uniti, i numeri di casi segnalati dai Centers for Disease Control sono stati anch’essi ‘aggiustati’ per far sembrare che l’America fosse in una “seconda ondata” di pandemia. Il criterio di segnalazione è stato modificato il 18 maggio: da chi era risultato positivo solo al virus a chi era positivo al virus o ai suoi anticorpi. L’esplosione dei casi è dovuta quindi alle persone guarite dal COVID-19 e ai falsi positivi. I ricercatori di Loughborough e Sheffield hanno scoperto che, quando si controllano gli altri fattori che influenzano la mortalità, le morti effettive dovute a COVID-19 sono inferiori dal 54% al 63% rispetto a quanto previsto dalla misurazione standard delle morti in eccesso.

Entra in scena “Il Grande Reset”

Forzare l’adeguamento ai mandati vaccinali globali [il neretto è mio] è un motivo evidente per mantenere l’apparenza di una pandemia in corso, ma quale sarebbe il razionale per lo sconvolgimento dell’economia globale con blocchi forzati? Cosa c’è dietro il “programma per distruggere la società occidentale,” [il neretto è mio] come sospettato dal commentatore australiano Alan Jones?

Evidentemente, si tratta di questo: è necessario distruggere il vecchio per introdurre il nuovo. La distruzione economica globale apre la strada al “Grande Reset,” attualmente promosso dal Forum Economico Mondiale, dalla Fondazione Bill e Melinda Gates, dal Fondo Monetario Internazionale e da altri grandi attori globali.»

(4)

Ebbene, questi sono argomenti di cui ho scritto in un mio post del 24 maggio 2020:

«Perché la COVID-19 è molto più diffusa nei paesi globalisti?

Come ho già scritto:

«Perché nel primo mondo, vale a dire nei paesi più globalisti del mondo, la COVID-19 viene amplificata e sfruttata a fini politici, come ho già ampiamente spiegato nei post precedenti.

Uno dei modi utilizzati dai globalisti per amplificare la COVID-19 è quello di proibire l’uso dell’idrossiclorochina (Plaquenil), che è molto efficace in questa malattia.

I globalisti hanno le mani sporche di sangue, il sangue dei morti da COVID-19, morti che si potevano evitare usando l’idrossiclorochina, sia come terapia (precoce!), sia come profilassi.» (2)

Un altro modo è quello di gonfiare fraudolentemente il numero dei morti da COVID-19 (3, 4, 5).

Un terzo modo per amplificare la COVID-19 (ma che ovviamente non cambia i numeri dei morti, a differenza dei primi due) è quello di utilizzare i media globalisti, gli scienziati globalisti, ecc., ecc., per terrorizzare la gente, esagerando la portata di questa malattia.

Qual è lo scopo di tutto ciò?

Non è certamente il denaro come molti pensano, sbagliando: tanto per fare un esempio, a Bill Gates non serve altro denaro.

È il lockdown il vero obiettivo (o almeno uno degli obiettivi: un altro obiettivo è certamente quello di vaccinare tutto il genere umano con chissà che cosa, ma questo è un sentiero nel quale non voglio qui inoltrarmi, per l’orrore che esso mi suscita, vedi comunque 6, 7, 8).

Come ho già scritto a proposito dei lockdown:

«I lockdown invece sono fondamentali, ma solo per i globalisti, al fine di distruggere le economie degli Stati e diffondere ovunque la povertà, la quale, come scrivo da anni, viene utilizzata dal globalismo per eliminare gli Stati (l’ideologia globalista è l’esatto contrario della teoria marx-engelsiana, ma il fine, l’eliminazione dello Stato, è il medesimo)…» (9)»

(5)

Per quanto riguarda il Prof. Angelo Codevilla della Boston University, citato da Ellen Brown (vedi sopra), egli ha scritto che si tratta di un “colpo di Stato” anche prima del 13 agosto (6), cioè il 17 luglio, in un altro suo articolo intitolato The COVID Coup:

«In short, Coronavirus restrictions, like the rest of political correctness’s commandments, are pure political weaponry—nothing short of an inversion of the American people’s priorities, accomplished by nobody’s vote. Ruling class presumption. In short, we are living through a coup d’état [il neretto è mio]

(7)

Ebbene, in un mio post del 25 aprile 2020 (8) ho citato le parole del Dr. Riccardo Szumski, un medico che è anche sindaco di Santa Lucia di Piave, a cui va il merito di aver usato il termine “colpo di Stato” a proposito della COVID-19 prima di me e prima del Prof. Angelo Codevilla:

«Non le manda a dire il sindaco di Santa Lucia di Piave a proposito dell’emergenza Coronavirus. Da medico soprattutto Riccardo Szumski racconta la sua esperienza personale e analizza i fatti, facendosi non poche domande su quanto sta accadendo in Italia e nel mondo.

I miei malati? Pochi e guariti con Plaquenil e cortisone

«Sono medico con 2mila assistiti: ho avuto un solo ricoverato, non intubato per altro, che è tornato a casa. Secondo me è importante curare a casa, non aspettare di andare in rianimazione. Sono giorni che lo dico. Le difficoltà respiratorie hanno messo in secondo piano la realtà della cosa: il virus non è che sia cattivissimo ma innesca una risposta infiammatoria che porta sì alla polmonite ma soprattutto alle tromboembolie. Io ho usato Plaquenil, Azitromicina e cortisone che in caso di infiammazione funziona benissimo…

…Il primo cittadino ha una sua teoria: «Probabilmente hanno cavalcato questo virus per fare un colpo di Stato con motivazione sanitaria. Il peggio sarà il dopo: un disastro economico che si farà via via sempre più evidente [il neretto è mio].»

Coronavirus, Szumzki: «Ho curato i miei pazienti con Plaquenil e ha funzionato. Sembra un colpo di Stato»
Il primo cittadino di Santa Lucia di Piave, medico, parla della sua esperienza personale nella cura dei pazienti, una decina in tutto su 2mila, e della “strana” gestione del virus

19 aprile 2020

https://www.trevisotoday.it/attualita/coronavirus-cura-plaquenil-medico-santa-lucia-piave.html

———-

1) Ellen Brown, author, attorney, speaker, activist

ellenbrown.com/author/

2) From Lockdown to Police State: The “Great Reset” Rolls Out

22 agosto 2020

ellenbrown.com/2020/08/22/from-lockdown-to-police-state-the-great-reset-rolls-out/

3) From Lockdown to Police State: the “Great Reset” Rolls Out

22 agosto 2020

www.unz.com/article/from-lockdown-to-police-state-the-great-reset-rolls-out/

4) Dal lockdown allo stato di polizia: il “Grande Reset” avanza

25 agosto 2020

comedonchisciotte.org/dal-lockdown-allo-stato-di-polizia-il-grande-reset-avanza/

5) COVID-19: facciamo il punto della situazione

24 maggio 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/05/24/covid-19-facciamo-il-punto-della-situazione/

6) The Attempted COVID Coup of 2020

13 agosto 2020

https://www.realclearpolitics.com/articles/2020/08

/13/the_attempted_covid_coup_of_2020_143952.html

7) The COVID Coup

17 luglio 2020

americanmind.org/essays/the-covid-coup/

8) COVID-19, Dr. Vladimir Zelenko: “It’s so dishonest, criminal and nefarious, it’s disgusting, these are garbage studies designed to fail, to make these drugs less appealing for nefarious reasons”

25 aprile 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/04/25/covid-19-dr-vladimir-zelenko-its-so-dishonest-criminal-and-nefarious-its-disgusting-these-are-garbage-studies-designed-to-fail-to-make-these-drugs-less-appealing-for-nefarious-reasons/

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Comunicato mistificatorio del Direttore Generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, che non distingue tra i paesi che hanno avuto successo e i paesi che hanno fallito nella lotta contro la COVID-19

12 agosto 2020

Una premessa: si evince da un pdf del Ministero della Salute (1) che il cognome del Direttore Generale dell’OMS è Tedros, perché in questo documento ci si ostina a chiamarlo ripetutamente “Dr. Tedros”. Ma in realtà Tedros è il suo nome, mentre il suo cognome è Adhanom Ghebreyesus (2): evidentemente al Ministero della Salute della Repubblica italiana non riescono neanche a capire quale sia il nome e il cognome del Direttore Generale dell’OMS.

Occorre inoltre puntualizzare che Adhanom Ghebreyesus è sì un dottore, ma non in medicina. Il documento del Ministero della Salute della Repubblica italiana afferma che egli ha “un Dottorato di Ricerca in Filosofia (Ph.D.), sul tema Community Health, presso l’Università di Nottingham”, il che è una bella perla di ignoranza: in lingua italiana si dice Dottorato di Ricerca e non Dottorato di Ricerca in Filosofia.

Ecco cosa ha detto il Direttore Generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, il 10 agosto 2020:

«This week we’ll reach 20 million registered cases of COVID-19 and 750,000 deaths.

Behind these statistics is a great deal of pain and suffering…

…Leaders must step up to take action and citizens need to embrace new measures.

Some countries in the Mekong Region, New Zealand, Rwanda [il neretto è mio], and many island states across the Caribbean and the Pacific were able to suppress the virus early…

…Other countries like France, Germany, the Republic of Korea, Spain, Italy, and the UK [il neretto è mio] had major outbreaks of the virus but when they took action, they were able to suppress it.»

WHO Director-General’s opening remarks at the media briefing on COVID-19 – 10 August 2020

https://www.who.int/dg/speeches/detail/who-director-general-s-opening-remarks-at-the-media-briefing-on-covid-19—10-august-2020

Andiamo al sito Our World in Data e costruiamo un grafico sulle morti per milione da COVID-19 dei paesi citati da Adhanom Ghebreyesus, nel modo da me descritto in altri post (3, 4).

Ecco l’immagine risultante:

Chiunque non sia un idiota capirebbe, guardando questo grafico, che ci sono due gruppi di paesi: un gruppo di paesi che ha avuto successo nella lotta contro la COVID-19 (Germania, Corea del Sud, Nuova Zelanda e Rwanda) e un gruppo di paesi che ha fallito in tale lotta (Regno Unito, Spagna, Italia e Francia).

Siccome si presume che il Direttore Generale dell’OMS non sia un idiota, egli sta confondendo le acque ad arte, il suo comunicato è una mistificazione, il suo comunicato fa parte della propaganda mondialista.

———

1) Curriculum vitae del Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus
Direttore Generale dell’OMS

www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_1784_listaFile_itemName_0_file.pdf

2) CURRICULUM VITAE: Dr Tedros Adhanom Ghebreyesus
Candidate for Director-General of the World Health Organization
Endorsed by the African Union

www.who.int/dg/election/cv-tedros-en.pdf

3) COVID-19: confronto tra gli Stati dell’ex Patto di Varsavia da un lato e l’Italia e gli USA dall’altro

7 agosto 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/08/07/covid-19-confronto-tra-gli-stati-dellex-patto-di-varsavia-da-un-lato-e-litalia-e-gli-usa-dallaltro/

4) Per chi non vuole credere che l’idrossiclorochina funziona benissimo contro il SARS-CoV-2

3 agosto 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/08/03/per-chi-non-vuole-credere-che-lidrossiclorochina-funziona-benissimo-contro-il-sars-cov-2/

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

COVID-19: confronto tra gli Stati dell’ex Patto di Varsavia da un lato e l’Italia e gli USA dall’altro

7 agosto 2020

Come ho scritto nel post precedente (1), è possibile ottenere grafici sulle morti per milione da COVID-19 di tutti gli Stati del mondo (scegliendoli come ci pare) sul sito Our World in Data (https://ourworldindata.org).

Ecco come fare:

1. vai a questo indirizzo:

https://ourworldindata.org/grapher/total-covid-deaths-per-million?tab=chart

2. clicca su “add country”

3. scegli gli Stati da mostrare

4. regola come vuoi la barra del tempo

5. clicca su download

Il Patto di Varsavia fu fondato nel 1955 e fu sciolto nel 1991.

I membri erano: Unione Sovietica, Polonia, Germania Est, Ungheria, Cecoslovacchia, Romania, Bulgaria e Albania.

N.B.: per l’Unione Sovietica (che non c’è più) ho selezionato la Russia e per la Germania Est (che non c’è più) ho selezionato la Germania.

Ecco l’immagine che ho ottenuto dal sito Our World in Data:

Chissà cosa ne pensa il Pentagono.

Per non parlare della CIA, dell’NSA e dell’FBI (che sono le tre Agenzie che si occupano della sicurezza nazionale).

E certamente non è colpa di Donald Trump, a cui hanno legato mani e piedi (2).

——

1) Per chi non vuole credere che l’idrossiclorochina funziona benissimo contro il SARS-CoV-2

3 agosto 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/08/03/per-chi-non-vuole-credere-che-lidrossiclorochina-funziona-benissimo-contro-il-sars-cov-2/

2) Coronavirus: alla faccia dei globalisti (p.e. Bill Gates, Anthony Fauci, ecc. ecc.), sull’idrossiclorochina-azitromicina Donald Trump ha assolutamente ragione

21 aprile 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/04/21/coronavirus-alla-faccia-dei-globalisti-p-e-bill-gates-anthony-fauci-ecc-ecc-sullidrossiclorochina-azitromicina-donald-trump-ha-assolutamente-ragione/

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Per chi non vuole credere che l’idrossiclorochina funziona benissimo contro il SARS-CoV-2

3 agosto 2020

Oggi ho letto sull’account Twitter di Vladimir (Zev) Zelenko, M.D., (twitter.com/zev_dr) un tweet molto interessante di Robert Gergely, M.D., (twitter.com/rgergelymd) che riporta questo grafico (aggiungendo «“Evidence based Medicine” Just died!»):

Poi, leggendo le risposte di altri a questo tweet, mi sono reso conto che alcuni non capivano la fonte del grafico.

La fonte è questa:

Our World in Data

https://ourworldindata.org

Il Dr. Robert Gergely ha soltanto aggiunto le due scritte in rosso: “Countries that ban or limit HCQ” e “Countries that use HCQ”.

Ma come ottenere il grafico surriportato?

È molto semplice, perché gli Stati da mostrare possono essere scelti da chiunque:

1. vai a questo indirizzo:

https://ourworldindata.org/grapher/total-covid-deaths-per-million?tab=chart

2. clicca su “add country”

3. scegli gli Stati da mostrare: per esempio Belgium, Italy, France, USA, Russia, India

4. regola come vuoi la barra del tempo (io l’ho regolata dal 31 dicembre 2019 al 2 agosto 2020)

5. clicca su download

Ecco l’immagine che ho ottenuto:

Come è noto, l’uso dell’idrossiclorochina per la COVID-19 (la malattia causata dal virus SARS-CoV-2) è attualmente proibito in Belgio, Italia e Francia, mentre in Russia e in India non è mai stato proibito, vedi qui:

«Russia’s Health Ministry announced it will not ban hydroxychloroquine, seen by some as potentially dangerous. The drug, touted by US President Trump, has been suspended for use in treating Covid-19 in France, Italy, and Belgium.

On Thursday, the Russian Health Ministry stated on its website that hydroxychloroquine’s effectiveness and safety in the treatment of coronavirus is continually being monitored, but the ministry is not taking any steps towards outlawing it. This decision is in sharp contrast to moves made by some European countries which, due to safety concerns, have completely stopped the prescription of the drug to fight the coronavirus.

“Several drugs are used to treat patients with Covid-19,” a ministry statement said. “Among these drugs is hydroxychloroquine, which, due to its anti-inflammatory effect and effect on the immune system, has been used for decades to treat malaria, rheumatoid arthritis, and systemic lupus erythematosus.”»

Russia WILL NOT ban hydroxychloroquine, drug taken by US President Trump, for use in treating Covid-19

28 maggio 2020

https://www.rt.com/russia/490018-russia-not-ban-drug-covid19/

e qui:

India Expands Use Of HCQ To Prevent Coronavirus Based On Three Studies

26 maggio 2020

https://www.zerohedge.com/health/india-expands-use-hcq-prevent-coronavirus-based-three-studies

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

The Zelenko Protocol: zinco, idrossiclorochina a basso dosaggio e azitromicina

16 luglio 2020

«New York , NY, 2 luglio 2020 – Il Dr. Vladimir Zelenko, un medico di base di New York, ha annunciato oggi che uno studio retrospettivo che analizza i dati dei suoi pazienti è disponibile per la lettura online su http://www.TheZelenkoProtocol.com. Lo studio, che è stato presentato per la revisione tra pari, ha scoperto che l’intervento precoce e il trattamento dei pazienti con COVID-19 stratificati a rischio in ambito ambulatoriale hanno portato a cinque volte meno ricoveri e decessi. Il trattamento consisteva in zinco, idrossiclorochina a basso dosaggio e azitromicina.

Precedenti studi sui trattamenti COVID-19 sono stati in gran parte basati su pazienti gravemente malati in ambito ospedaliero, compresi quelli in terapia intensiva con ventilazione meccanica. Al contrario, questo studio esamina gli esiti risultanti dal trattamento precoce dei pazienti dopo la loro prima visita all’ambulatorio. Utilizzando semplici criteri di stratificazione del rischio, Zelenko ha identificato quali pazienti richiedevano prescrizioni per la tripla terapia farmacologica e ha prescritto questi farmaci per cinque giorni.

I risultati principali mostrano che su 141 pazienti trattati con la tripla terapia, solo il 2,8% (4/141) è stato ricoverato in ospedale rispetto al 15,4% di un gruppo di controllo non trattato (58/377) (odds ratio 0,16, IC al 95% 0,06- 0,5; p <0,001). Solo il 0,71% (1/141) dei pazienti è deceduto nel gruppo di trattamento, contro il 3,5% (13/377) nel gruppo non trattato (odds ratio 0,2, IC 95% 0,03-1,5; p = 0,16).

Per produrre questa analisi e studio retrospettivi, Zelenko ha collaborato con il dott. Roland Derwand, un medico tedesco ed esperto del settore delle scienze della vita e il Professore Martin Scholz, consulente indipendente e professore aggiunto di medicina sperimentale all’università Heinrich Heine di Düsseldorf, Germania. Derwand e Scholz sono stati i primi a menzionare il protocollo Zelenko in un articolo scientifico, con il loro articolo di ipotesi recentemente pubblicato sulla possibile importanza di combinare zinco con idrossiclorochina a basso dosaggio come metodo di trattamento di COVID-19. Anche Derwand e Scholz hanno eseguito l’analisi dei dati e guidato la stesura di questo studio mentre Zelenko ha gestito tutti i trattamenti di persona.

“Ciò che differenzia questo studio è che i pazienti sono stati diagnosticati molto presto con COVID-19 in un ambiente ambulatoriale e trattati all’inizio”, ha detto Derwand. “Sfortunatamente, sembra che abbiamo dimenticato le conoscenze mediche comuni – che vogliamo trattare qualsiasi paziente con una malattia infettiva il prima possibile. Zelenko ha trattato immediatamente i suoi pazienti a rischio stratificato con i tre farmaci per garantire un’efficacia sufficiente e non ha aspettato che la malattia si sviluppasse ulteriormente.” [il neretto è mio]

“È un peccato che gran parte della copertura mediatica sull’idrossiclorochina sia stata negativa”, ha continuato Zelenko. “Questi tre farmaci sono convenienti, disponibili in forma di pillola e lavorano in sinergia con COVID-19. Questo regime funziona e sembra essere l’unico trattamento preospedaliero disponibile a mostrare risultati promettenti.”»

Uno Studio Ambulatoriale DI Recente Pubblicazione Rileva Che La Combinazione DI Zinco, Idrossiclorochina E Azitromicina è Associata a Meno Ricoveri E Decessi Nei Pazienti Con COVID-19

14 luglio 2020

https://internetprotocol.co/hype-news/2020/07/14/dr-zelenko-newly-published-outpatient-study-italian/

In inglese:

«New York, NY July 2, 2020 – Dr. Vladimir Zelenko, a New York based primary care physician, announced today that a retrospective study analyzing his patient data is available to read online at http://www.TheZelenkoProtocol.com. The study, which has been submitted for peer review, found that early intervention and treatment of risk stratified COVID-19 patients in an outpatient setting resulted in five times less hospitalizations and deaths. The treatment consisted of zinc, low dose hydroxychloroquine, and azithromycin.

Prior studies of COVID-19 treatments have largely been based on severely ill patients in a hospital setting, including those in intensive care with mechanical ventilation. Conversely, this study examines outcomes resulting from the early treatment of patients after their first visit to the doctor’s office. Using simple risk stratification criteria, Zelenko identified which patients required prescriptions for the triple drug therapy, and prescribed these medications for five days.

The main results show that of 141 patients who were treated with the triple therapy, only 2.8% (4/141) were hospitalized compared to 15.4% of an untreated control group (58/377) (odds ratio 0.16, 95% CI 0.06-0.5; p<0.001). Only 0.71% (1/141) patients died in the treatment group, versus 3.5% (13/377) in the untreated group (odds ratio 0.2, 95% CI 0.03-1.5; p=0.16).

To produce this retrospective analysis and study, Zelenko collaborated with Dr. Roland Derwand, a German medical doctor and life science industry expert, and Professor Martin Scholz, an independent consultant and adjunct professor for experimental medicine at Heinrich Heine University, Düsseldorf, Germany. Derwand and Scholz were the first to mention the Zelenko Protocol in a scientific paper, with their recently published hypothesis paper about the possible importance of combining zinc with low dose hydroxychloroquine as a method of treating COVID-19. Derwand and Scholz also performed the data analysis and led the writing of this study while Zelenko handled all in-person treatments.

“What differentiates this study is that patients were diagnosed very early with COVID-19 in an outpatient setting and treated early on,” said Derwand. “Unfortunately, we seem to have forgotten common medical knowledge – that we want to treat any patient with an infectious disease as soon as possible. Zelenko treated his risk stratified patients immediately with the three drugs to ensure sufficient efficacy and didn’t wait for the disease to further develop.” [il neretto è mio]

“It’s unfortunate that much of the media coverage surrounding hydroxychloroquine has been negative,” Zelenko continued. “These three medications are affordable, available in pill form, and work in synergy against COVID-19. This regimen works, and it happens to be the only available pre-hospital treatment to show promise.”»

A Study Finds that Combination of Zinc, Hydroxychloroquine, and Azithromycin Is Associated with Less Hospitalizations and Death in COVID-19 Patients

July 14, 2020

https://internetprotocol.co/hype-news/2020/07/14/dr-zelenko-newly-published-outpatient-study-english/

The Zelenko Protocol è questo (va somministrato “within 5 days of first symptoms”):

«1. Hydroxychloroquine 200mg twice a day for 5 days

2. Azithromycin 500mg once a day for 5 days

3. Zinc sulfate 220mg once a day for 5 days [220 mg di solfato di zinco corrispondono a 50 mg di zinco elementare, nota mia]»

A Report on Successful Treatment of Coronavirus

By Dr. Vladimir Zelenko

March 30, 2020

www.globalresearch.ca/report-successful-treatment-coronavirus/5708056

Vedi anche l’account Twitter del Dr. Vladimir (Zev) Zelenko:

twitter.com/zev_dr

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

 


 

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

COVID-19: se abiti in Occidente muori, se non abiti in Occidente vivi

11 giugno 2020

Dopo lo smascheramento della frode sulla pericolosità dell’idrossiclorochina perpetrata da The Lancet, che in campo medico era un tempo la voce della verità, coloro che si sono venduti al globalismo tacciono oppure balbettano ridicole argomentazioni.

In ogni caso, essi, i venduti al globalismo, non possono spiegare i dati di fatto che tutti possono vedere: i paesi non occidentali (p.e. la Russia, l’India, ecc. ecc.), che hanno sempre usato l’idrossiclorochina contro la COVID-19 (1, 2), hanno un numero di morti per milione di abitanti incredibilmente basso, mentre i paesi dell’Occidente (i paesi più ricchi della terra), che hanno vietato con le unghie e con i denti l’uso dell’idrossiclorochina (cfr. 3), hanno i numeri di morti per milione di abitanti più elevati di tutti.

Il campione del mondo è il Belgio (la sua capitale Bruxelles è “la capitale de facto dell’Unione europea” come scrive Wikipedia in italiano), che, al momento in cui scrivo (01:30am CEST, 11 giugno 2020), ha ben 831 morti per milione di abitanti, mentre la Russia ne ha 44 e l’India ne ha 6 (dati forniti dal sito worldometer):

https://www.worldometers.info/coronavirus/

Ecco la lista, aggiornata al momento in cui scrivo, dei primi dieci paesi più colpiti (ho omesso i paesi estremamente piccoli, p.e. San Marino, Andorra, ecc. ecc.):

1. Belgium – 831 Deaths/1M pop

2. UK – 606 Deaths/1M pop

3. Spain – 580 Deaths/1M pop

4. Italy – 564 Deaths/1M pop

5. Sweden – 475 Deaths/1M pop

6. France – 449 Deaths/1M pop

7. Netherlands – 353 Deaths/1M pop

8. USA – 348 Deaths/1M pop

9. Ireland – 344 Deaths/1M pop

10. Switzerland – 224 Deaths/1M pop

Insomma, la COVID-19 ci ha insegnato questo:

se abiti in Occidente muori, se non abiti in Occidente vivi.

Ciò che veramente sconcerta è che i popoli occidentali preferiscono essere ammazzati dalle loro élites globaliste, piuttosto che ribellarsi a esse.

Un bel gregge di pecore, non c’è che dire.

———–

1) Russia WILL NOT ban hydroxychloroquine, drug taken by US President Trump, for use in treating Covid-19

28 maggio 2020

https://www.rt.com/russia/490018-russia-not-ban-drug-covid19/

2) India Expands Use Of HCQ To Prevent Coronavirus Based On Three Studies

26 maggio 2020

https://www.zerohedge.com/health/india-expands-use-hcq-prevent-coronavirus-based-three-studies

3) Sorprendenti analogie tra l’influenza spagnola di un secolo fa e la COVID-19

9 giugno 2020

https://luigicocola.wordpress.com/2020/06/09/sorprendenti-analogie-tra-linfluenza-spagnola-di-un-secolo-fa-e-la-covid-19/

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

P.S.:

a) cfr. articolo molto interessante sull’idrossiclorochina di Meryl Nass, M.D., che parla apertamente di “conspiracy”:

«Were these acts carefully orchestrated? You decide.

Might these events have been planned to keep the pandemic going? To sell expensive drugs and vaccines to a captive population? Could these acts result in prolonged economic and social hardship, eventually transferring wealth from the middle class to the very rich? Are these events evidence of a conspiracy?»

How a false hydroxychloroquine narrative was created, and more

27 giugno 2020

https://anthraxvaccine.blogspot.com/2020/06/how-false-hydroxychloroquine-narrative.html

How a False Hydroxychloroquine Narrative Was Created. “Dangerous” When Used for Covid-19

29 giugno 2020

www.globalresearch.ca/how-false-hydroxychloroquine-narrative-created/5717275

b) Vladimir (Zev) Zelenko, M.D., più volte ha parlato apertamente di “mass murder” e di “crimes against humanity”:

The HIGHWIRE: ZELENKO -HCQ DENIERS ARE “GUILTY OF MASS MURDER”

July 3, 2020

www.palmerfoundation.com.au/the-highwire-zelenko-hcq-deniers-are-guilty-of-mass-murder/

Attenzione: ci sono il tasto dei sottotitoli e il tasto della loro traduzione in tutte le lingue.

Nel video suddetto il Dr. Vladimir Zelenko, intervistato da Del Bigtree, pronuncia i suddetti virgolettati (“mass murder” e “crimes against humanity”) al minuto 1:22:09.

Vedi anche:

Dr. Zelenko Says Blocking the life-saving medication, Hydroxychloroquine was mass murder and crimes against humanity

https://beforeitsnews.com/alternative/2020/07/covid-19-crimes-against-humanity-del-bigtree-highwire-7-2-20-3726637.html

e anche:

Dr Zelenko Interview – Part 1

July 8, 2020

http://covexit.com/dr-zelenko-interview-part-1/

Attenzione: ci sono il tasto dei sottotitoli e il tasto della loro traduzione in tutte le lingue.

e anche:

Dr Zelenko Interview – Part 2

July 8, 2020

http://covexit.com/dr-zelenko-interview-part-2/

Attenzione: ci sono il tasto dei sottotitoli e il tasto della loro traduzione in tutte le lingue.

In questa Part 2 il Dr. Vladimir Zelenko, intervistato da Jean-Pierre Kiekens, pronuncia di nuovo i virgolettati “mass murder” e “crimes against humanity” al minuto 5:19.

Copyright © 2020 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com