Posts Tagged ‘delusione obama’

Il problema dell’Occidente

18 gennaio 2014

Leggo sul Sole24ore del 7 gennaio 2014 l’articolo Medio Oriente, quindici anni di vuoto di potere Usa di Alberto Negri:

Vuoto di potere in Medio Oriente, così titola il New York Times prendendo atto del clamoroso fallimento della politica estera americana negli ultimi 15 anni. Iraq disintegrato, Siria nel caos, Libano sull’orlo della guerra civile. L’Egitto, dove dopo avere appoggiato i Fratelli Musulmani sostenuti dai turchi e dal Qatar, al potere sono tornati i generali; la Libia, fuori controllo, che ha inghiottito la vita dell’ambasciatore Chris Stevens; per non parlare dell’Afghanistan e dei timori che solleva un ritiro americano visto che non è ancora stato firmato l’accordo di sicurezza con l’ostinato Hamid Karzai...

http://www.ilsole24ore.com/art//2014-01-07/medio-oriente-quindici-anni-vuoto-potere-usa-064441.shtml?uuid=ABVhW3n

Ma è estremamente semplice capire qual è la vera causa del fallimento dell’attuale politica degli Stati Uniti d’America verso i paesi islamici, cioè quella degli ultimi due Presidenti, George W. Bush e Obama.

È l’idea che la Weltanschauung cristiana sia una Weltanschauung naturale e universale, che essa appartenga a tutti i popoli della Terra.

E quindi essere cristiani o musulmani è quasi lo stessa cosa, si tratta solo di differenze formali.

Se le religioni sono sostanzialmente uguali, ne discende che tutto il problema sta nella forma di governo: eliminata l’esecrabile autocrazia (quindi Saddam, Gheddafi, Mubarak, Assad, ecc. ecc.), causa di tutti i mali del mondo, il popolo musulmano automaticamente instaurerà la democrazia.

E vissero tutti felici e contenti.

Questo non è soltanto l’errore di George W. Bush e di Obama, è l’errore dell’Occidente intero.

Infatti è stato Bernard Lewis, un insigne storico inglese, a propugnare l’eliminazione del regime autocratico di Saddam (vedi il suddetto articolo del Sole24ore).

Infatti è stato Bernard-Henri Lévy, il tristemente noto filosofo francese, a spingere Sarkozy ad attaccare Gheddafi.

Vedi qui:

http://www.ilfoglio.it/soloqui/17451

e qui:

http://mondo.panorama.it/Intervista-Bernard-HenrI-Levy

Il problema dell’Occidente non è costituito dai suoi politici, ma dai suoi intellettuali.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Un’analisi sbagliata

23 agosto 2013

Leggo sul Corriere della Sera un editoriale di Angelo Panebianco del 20 agosto, intitolato Un’assenza ingombrante, sul fallimento della politica estera di Obama:

Panebianco scrive di Obama:

“Ha eliminato Bin Laden? Ha fatto un uso massiccio dei droni per colpire terroristi islamici? Sì, ma senza la guida di una visione politica, quale che essa sia, l’uso degli strumenti militari non porta lontano. La guerra, diceva Clausewitz, ha una grammatica ma non una logica. La logica della guerra è politica. Ed è la politica che è mancata nell’azione militare e in quella diplomatica dell’Amministrazione.”

“Il tanto lodato discorso del Cairo (2009), quello con cui il neopresidente definiva, in chiave anti-Bush, i futuri rapporti con il mondo islamico, è stato il vero manifesto politico della sua Amministrazione. In quel discorso si trovano non solo le radici dei recenti errori americani in Medio Oriente, ma anche le ragioni di un più generale fallimento. Se ci si dichiara pronti a cooperare con chiunque quale che siano le sue scelte e ideologie, fatto salvo un generico appello al rispetto dei diritti umani, ci si trova poi disarmati quando quelle scelte e ideologie producono esiti sgraditi o nefasti.”

“E ha infine cavalcato, senza uno straccio di disegno politico, ma ponendosi al rimorchio dell’opinione pubblica, le cosiddette rivoluzioni arabe.”

“Un’assenza di visione politico-strategica…”

“Un’efficace politica estera è una equilibrata miscela di principi e convenienze. Obama ha snobbato i principi e ha perso anche sul piano delle convenienze.”

http://www.corriere.it/editoriali/13_agosto_20/un-assenza-ingombrante-angelo-panebianco_2d218ce6-0955-11e3-90e1-47a539d609c3.shtml

Non sono affatto d’accordo, non è così che è andata.

Non è vero che Obama non abbia una politica estera, non abbia “una visione politica”, non abbia neanche “uno straccio di disegno politico”, non abbia una “visione politico-strategica”, non abbia “principi”: ne ha, eccome!

Solo che sono completamente errati.

E l’errore è uno solo: quello di voler dialogare, come ho scritto nel post precedente, …con un immaginario Islam moderato, laico, democratico e pacifista.

Obama è stato eletto proprio a questo scopo, scopo che è completamente errato.

E, in ultimo, trovo oltraggioso che Panebianco metta Ronald Reagan, l’uomo che distrusse il comunismo, uno dei più grandi presidenti degli Stati Uniti d’America, nello stesso gruppo di Woodrow Wilson, che è stato, senza alcun dubbio, il peggior presidente che questo grande paese abbia mai avuto.

Ho scritto di Woodrow Wilson qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/20/la-ragione-e-la-paura/

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il terrorismo è l’inevitabile conseguenza della delegittimazione dello Stato

7 agosto 2013

Leggo sul Corriere della sera un articolo intitolato:

Obama attacca la Russia tra le battute di Leno: «Ricade nella mentalità da guerra fredda»

Il presidente Usa intervistato dal popolare showman: «L’allarme antiterrorismo non è esagerato»

http://www.corriere.it/esteri/13_agosto_07/obama-va-al-g20-in-russia_0b7b4700-ff03-11e2-9e44-1a79176af940.shtml

L’articolo del Corriere della sera contiene due argomenti rilevanti: i rapporti con la Russia e il terrorismo.

Tralascerò il primo, perché riguardo ad esso è palese che Obama non può che incolpare se stesso, dato che è stato proprio lui ad aver offerto a Putin una palla alta: cosa pretendeva, che Putin non schiacciasse? Che Putin si facesse mettere one-down?

Mi interessa di più il secondo argomento:

LA MINACCIA DI AL QAEDA – Durante l’intervista, Obama ha anche parlato della recente minaccia terroristica che ha costretto gli Stati Uniti a chiudere le ambasciate in tutto il Medio Oriente. Si tratta di una minaccia da prendere sul serio. «L’estremismo radicale e violento è ancora di fronte a noi» ha dichiarato. «Gli Stati Uniti non hanno reagito in modo esagerato con la chiusura delle ambasciate e dei consolati in seguito alla minaccia di attacchi terroristici».”

In un post del 22 giugno, intitolato La vera causa dell’11 settembre, avevo scritto:

In quest’ottica, insistere sull’europeismo e sul multiculturalismo, vale a dire continuare a esibire la volontà di eliminare lo Stato, potrebbe portare a nuovi attacchi all’Occidente.

Più l’Occidente delegittima lo Stato, più si espone ad attacchi.

È una constatazione elementare, che però sembra sfuggire a molti.

Ed è inutile, o scarsamente utile, affidarsi poi a misure repressive, le quali seguono inevitabilmente una logica reattiva invece che proattiva.

Esse, lungi dal costituire un’esibizione di forza, costituiscono una plateale manifestazione di impotenza.

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/22/la-vera-causa-dell11-settembre/

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La legittimità e Obama

5 luglio 2013

La legittimità è un concetto fondamentale della scienza politica.

Leggiamo un passo di eccezionale importanza scritto dal grande, anzi grandissimo, politologo americano Robert A. Dahl, professore emerito di scienza politica all’università di Yale:

“I leaders di un sistema politico cercano di ottenere che – quali che siano i mezzi usati dal governo per risolvere i conflitti – le decisioni prese non vengano generalmente accettate solo per timore di violenza, punizioni, o coercizione, ma che tale accettazione derivi anche dalla convinzione che la decisione è giusta e opportuna sotto il profilo morale. La convinzione che la struttura, le procedure, gli atti, le decisioni, i provvedimenti politici, così come i funzionari o i leaders del governo, siano «giusti», e che per questo loro carattere debbano essere accettati quale che sia il contenuto specifico dei loro atti, è ciò che intendiamo per «legittimità»…

…È piuttosto facile capire perché i leaders si preoccupano di ottenere la legittimità…

…Sarebbe impossibile, per esempio, contare esclusivamente sulla paura e sul terrore per assicurare lo svolgimento dei complessi compiti di una vasta organizzazione burocratica moderna. Con ogni probabilità sarebbe ugualmente impossibile, o quantomeno più costoso, avvalersi di un sistema di ricompense dirette, perché ciò richiederebbe un oneroso sistema di «tanto al pezzo». Ma quando un subordinato considera moralmente vincolanti gli ordini e gli incarichi che riceve [il corsivo è mio], un consumo relativamente piccolo di risorse basta ad assicurare un adempimento soddisfacente. Sebbene molti tipi diversi di sistemi politici possano conseguire la legittimità, le democrazie ne hanno più bisogno degli altri sistemi. [il corsivo è mio]”.

(Robert A. Dahl, Introduzione alla scienza politica, Il Mulino, 1970, pagg. 77-78).

Norberto Bobbio in Stato, governo, società fornisce un elenco di tutte le più importanti opere dell’Evo Moderno sullo Stato, le forme di governo e argomenti attinenti, cioè da Machiavelli ai nostri giorni. Ebbene, in tale elenco c’è anche la suddetta opera di Robert A. Dahl (Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pag. 162).

Quando Obama calpesta il diritto internazionale (vedi la vicenda del presidente della Bolivia; vedi la pretesa che sia un obbligo per la Russia consegnare agli USA Edward Snowden, quando invece non esistono trattati di estradizione tra Russia e USA; vedi le cimici nelle ambasciate in USA dei paesi europei, compresa l’Italia, senza che neanche ci sia la ragion di Stato della guerra fredda; ecc. ecc.), egli non fa che distruggere la legittimità della sua politica, vale a dire della politica degli Stati Uniti d’America.

Egli non fa che distruggere la democrazia americana, in quanto, come scrive Dahl, le democrazie hanno più bisogno della legittimità rispetto ad altri sistemi politici.

Del resto, perché Edward Snowden si è ribellato? Perché non considerava più “moralmente vincolanti gli ordini e gli incarichi” ricevuti.

E né la paura, né il denaro sono riusciti a fermarlo.

Il fatto è che a Obama, poiché si tratta del primo presidente afroamericano degli USA, è stato concesso tutto, ogni cosa, perfino il premio Nobel per la pace in via anticipata. Si è arrivati al grottesco.

Vedi a questo proposito l’interessante articolo sul Giornale di ieri, scritto da Livio Caputo e intitolato La parabola di Obama Dal nobel sulla fiducia alla sfiducia mondiale:

http://www.ilgiornale.it/news/esteri/parabola-obama-nobel-sulla-fiducia-sfiducia-mondialeil-932848.html

In questo clima di esaltazione estrema, è naturale che Obama abbia perso la testa.

Come scrisse Lord Acton:

“Il potere tende a corrompere, il potere assoluto corrompe in modo assoluto”.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Obama è riuscito in una difficile impresa

2 luglio 2013

Obama è riuscito in una difficile impresa, quella di far diventare gli USA l’impero del male, espressione coniata a suo tempo per l’URSS dal grande Ronald Reagan (grande non per la sua politica economica, bensì perché egli fu l’uomo che distrusse il comunismo).

Obama, cioè, ha delegittimato gli USA nella comunità internazionale.

Cosa vuol dire “comunità internazionale”?

“La comunità internazionale è l’insieme degli stati e delle altre organizzazioni o istituzioni le cui relazioni reciproche si basano sul diritto internazionale.”

http://it.wikipedia.org/wiki/Comunit%C3%A0_internazionale

Come si può più parlare di diritto internazionale quando si spinge così decisamente sul pedale dello spionaggio, piazzando cimici perfino nelle ambasciate in USA di paesi amici, come per esempio l’ambasciata italiana?

Vedi l’articolo del Corriere della Sera del 30 giugno, intitolato Datagate, il Guardian: «Cimici americane nelle ambasciate Ue, Italia inclusa»:

“Lo scandalo Datagate, ora estesosi dalle iniziali rivelazioni di Snowden, sullo spionaggio interno agli Stati Uniti a quello degli Usa nei confronti anche degli alleati europei, diventa sempre più intricato. Tanto da scatenare anche l’ira della Commissione Ue, che minaccia di non sedersi neanche al tavolo dei negoziati commerciali con gli Stati Uniti se c’è il sospetto che i propri rappresentanti possono essere spiati…

… Intanto dal Guardian arrivano nuove rivelazioni sulla vicenda di spionaggio internazionale basate questa volta su documenti fatti filtrare da Edward Snwoden, la talpa del Datagate. Cimici nelle ambasciate di Paesi europei e alleati, compresa l’Italia, sia a Washington che a New York, sarebbero state piazzate dagli Stati Uniti nell’ambito della gigantesca operazione di spionaggio.”

http://www.corriere.it/esteri/13_giugno_30/guardian-datagate-pagina-rimossa_569d17ee-e163-11e2-a879-533dfc673450.shtml

Vedi anche l’articolo Datagate in Europa, il Guardian: “Cimici Usa anche all’ambasciata italiana del Fatto Quotidiano, sempre del 30 giugno:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/30/datagate-in-europa-guardian-cimici-usa-anche-allambasciata-italiana/641861/

Ma naturalmente il Datagate non si limita all’Europa, vedi questo mio recente post:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/26/ma-perche-jinping-e-putin-sono-cosi-cattivi/

E in un post del 16 febbraio 2013, intitolato Obama, che delusione, l’avevo definito “un presidente mediocre”:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/16/obama-che-delusione/

Sono stato troppo buono.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

I’m not the only one…

21 giugno 2013

Il 15 giugno ho scritto un post piuttosto critico su Obama e internet (e, si badi bene, sono sempre stato filoamericano).

In esso, fra l’altro, ho affermato:

“Ma il punto nodale della situazione non è la legittimità della ragion di Stato, bensì il fatto, evidentissimo, che ormai la posizione di Obama è difensiva. Egli si è chiuso in un fortino. Altro che visione! Altro che sogno!”

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/15/loccidente-sta-cercando-di-suicidarsi-e-obama-si-e-chiuso-in-un-fortino/

Ebbene, non sono il solo ad affermare che Obama manca di visione.

Ecco cosa scrive Vittorio Emanuele Parsi nel suo articolo sul Sole24ore, intitolato Dalla Cina alla Siria Obama vacilla:

“Tornano così ad accendersi le critiche nei confronti del carattere autoritario del presidente e ci si interroga nuovamente sulla qualità della sua leadership, o perlomeno sui suoi risultati, soprattutto in campo internazionale…

…Il quadro che ne esce è quello di un leader debole, confuso, a corto di vision: l’esatto opposto di quanto aveva promesso nel 2008.”

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-06-15/dalla-cina-siria-obama-081329.shtml?uuid=AbDCiC5H

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’ambasciatore Gardner cerca di metterci una pezza

16 febbraio 2013

Il Fatto Quotidiano scrive:

«L’ambasciatore Usa Richard Gardner in un’intervista al Messaggero entra nel dibattito sul possibile sostegno del presidente degli Stati Uniti a Monti e spiega: “Obama è troppo intelligente e rispetta troppo il vostro Paese per avere la presunzione di intervenire in modo così rozzo nelle elezioni [il corsivo è mio]”. Tuttavia, afferma, “è vero che crede nelle riforme che il governo Monti è riuscito a realizzare, e spera che vengano continuate”.»

Ambasciatore, è inutile che lei cerchi di metterci una pezza (si faccia tradurre quest’espressione idiomatica italiana), è troppo tardi. La frittata l’avete fatta e bella grossa (ma chi è il consigliere diplomatico di Obama: Marchionne?).

Ed è divertente constatare che il Fatto Quotidiano remi contro gli strenui sforzi diplomatici dell’ambasciatore (poverino, sembra quasi di ascoltare C-3PO), scrivendo così:

«Grazie a Gardner, primo ambasciatore negli anni Settanta ad aprire ai comunisti, Napolitano fu il primo comunista ad ottenere un visto per gli Stati Uniti perché ne intuì “l’anelito democratico”.»

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/16/usa-lambasciatore-gardner-obama-crede-nelle-riforme-del-governo-monti/502057/

Certo che Ronald Reagan, uno dei più grandi presidenti degli Stati Uniti d’America, si starà rivoltando nella tomba.

Vedi qui, sorvolando su alcune idiozie scritte nell’articolo (ah, ma è dell’Economist del 2004!):

Ronald Reagan

The man who beat communism

http://www.economist.com/node/2747709

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Obama, che delusione

16 febbraio 2013

Con questo post voglio esprimere la mia delusione per Obama.

Con il suo endorsement rozzo e grossolano per Monti ha dimostrato sia di non avere alcuna considerazione per gli italiani, neanche fossero dei servi a cui dare ordini, sia di non capire assolutamente nulla dell’europeismo, il che, trattandosi del presidente degli Stati Uniti d’America, è piuttosto grave.

Non sono soltanto io ad indicare, dal punto di vista della scienza politica, che l’europeismo non è altro che un’ideologia suicida, come ho spiegato in vari post e nel mio saggio di scienza politica: “Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi” (il secondo dei due con la copertina verde sotto il titolo del mio blog, se si vuole leggerne l’anteprima basta cliccare sulla sua icona).

Certo, se ci fossi solo io contro l’europeismo, Obama avrebbe ragione a fare ciò che sta facendo.

C’è però anche Hans Magnus Enzensberger, “il maggior poeta e saggista tedesco contemporaneo”, che ha scritto un saggio proprio per evidenziare che la democrazia nell’Unione Europea è del tutto assente, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/07/ma-il-mostro-di-bruxelles-e-buono-o-cattivo/

Ecco come Enzensberger conclude il suo saggio:

“L’Europa ha già superato ben altri tentativi di uniformare il continente. Tutti avevano in comune la hybris e nessuno di loro era destinato a un successo duraturo. Neppure la versione non violenta di un progetto simile può avere una prognosi favorevole.”

(Hans Magnus Enzensberger, “Il mostro buono di Bruxelles – ovvero L’Europa sotto tutela”, Einaudi, 2013, pag. 84)

E ci sono moltissimi economisti di grande valore, i quali, dal punto di vista della scienza economica, spiegano che l’euro non può durare: tra di essi ci sono anche premi Nobel per l’economia!

Ecco cosa ha dichiarato recentemente Joseph Stiglitz (Nobel per l’economia 2001): “Uscire dall’euro è meglio che seguire politiche suicide”.

http://www.huffingtonpost.it/2012/09/19/stiglitz-euro-crisi-premio-nobel_n_1896622.html

Come è possibile, dunque, che Obama abbia legato indissolubilmente il suo nome all’europeismo? È un po’ come legarsi una pietra al collo e buttarsi a mare.

In questo modo Obama ha distrutto la sua credibilità politica: sarà ricordato come un presidente mediocre, il cui unico merito è quello del colore della propria pelle, ossia di essere stato il primo presidente nero degli Stati Uniti d’America.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.