Posts Tagged ‘discorso di gettysburg’

Col globalismo i Parlamenti non esprimono più la volontà popolare

11 settembre 2019

L’élite globalista ha prodotto questo bel risultato: quasi in contemporanea il Parlamento inglese e il Parlamento italiano non esprimono più la volontà popolare.

Infatti Boris Johnson, che intende attuare la Brexit a tutti i costi, è stato sconfitto nel Parlamento di Londra, mentre i sondaggi lo premiano (i Tory sono al 35%, con 14 punti sul Labour di Corbyn al 21%, 1) e lo premiano perché il popolo inglese vuole la Brexit.

Da puntualizzare che l’Unione Europea è la punta di diamante del globalismo.

Allo stesso modo, Matteo Salvini, che vuole fermare l’immigrazione di massa voluta dai globalisti e dai vertici attuali della Chiesa Cattolica, è premiato dai sondaggi (la Lega è al 33, 4%, mentre il PD è al 22,1% e il M5S è al 21%, 2), ma è sconfitto nel Parlamento di Roma mediante la fiducia al governo M5S-PD (governo che non piace al 52% degli italiani, 3).

Intendiamoci: la lettera della legge è stata rispettata sia a Londra che a Roma, ma questo non significa nulla, perché nelle democrazie i Parlamenti esprimono, devono esprimere, la volontà popolare.

Basti ricordare le famose parole di Abraham Lincoln: «…government of the people, by the people, for the people…» (4).

Cosa è successo quindi? È successo che l’élite globalista ha utilizzato con malizia la legge inglese e la legge italiana per rendere i rispettivi Parlamenti contrari alla volontà popolare.

Infatti il globalismo vuole eliminare lo Stato sostituendolo con la tecnocrazia, idea sciocca e deleteria partorita agli inizi dell’Ottocento dal Conte Henri de Saint-Simon (5, 6, 7), e i tecnocrati non vengono scelti dal popolo, ma bensì dall’élite globalista.

Questa è la morte della democrazia, è la morte della libertà.

E oggi tutto il mondo, vedendo il triste spettacolo offerto dal Parlamento inglese e dal Parlamento italiano, è consapevole di ciò.

P.S.: a questo punto l’élite globalista non ha più alcun diritto di rinfacciare alla Russia, alla Cina, alla Siria, all’Iran, alla Corea del Nord, al Venezuela e a chicchessia la carenza o l’assenza di democrazia, perché proprio essa l’ha uccisa e l’ha uccisa proprio in Europa.

———-

1) Boris Johnson è pronto alla resa dei conti (e vola nei sondaggi)

9 settembre 2019

https://www.agi.it/estero/brexit_boris_johnson-6150112/news/2019-09-09/

2) Ultimi sondaggi – Lega al 33,4 (-0,2), il PD secondo partito con 22,1 (+1)

9 settembre 2019

https://www.la7.it/speciali-mentana/video/ultimi-sondaggi-lega-al-334-02-il-pd-secondo-partito-con-221-1-09-09-2019-281276

3) Sondaggio | Il governo Conte II non piace al 52% degli italiani
Il 45% prevede un esecutivo di pochi mesi. Il provvedimento più atteso (71%) è una manovra in favore dei ceti deboli. Solo l’11% chiede un cambio sui migranti

7 settembre 2019

https://www.corriere.it/politica/19_settembre_07/sondaggio-governo-conte-ii-non-piace-52percento-italiani-e5c067d8-d0e4-11e9-8131-97070fbdc37a.shtml

4) «It is rather for us to be here dedicated to the great task remaining before us—that from these honored dead we take increased devotion to that cause for which they gave the last full measure of devotion—that we here highly resolve that these dead shall not have died in vain—that this nation, under God, shall have a new birth of freedom—and that government of the people, by the people, for the people, shall not perish from the earth.»

Gettysburg Address

https://www.britannica.com/event/Gettysburg-Address

5) «Henri de Saint-Simon, in full Claude-Henri de Rouvroy, Comte (count) de Saint-Simon, (born Oct. 17, 1760, Paris, Fr.—died May 19, 1825, Paris), French social theorist and one of the chief founders of Christian socialism. In his major work, Nouveau Christianisme (1825), he proclaimed a brotherhood of man that must accompany the scientific organization of industry and society.»

Henri de Saint-Simon

https://www.britannica.com/biography/Henri-de-Saint-Simon

6) «All’estremo opposto l’ideale della fine della società politica e della classe politica che ne trae un abusivo vantaggio è stato predicato da una concezione che oggi si direbbe tecnocratica dello Stato, come quella esposta da Saint-Simon secondo cui nella società industriale ove protagonisti non sono più i guerrieri e i legisti ma diventano gli scienziati e i produttori, non ci sarà più bisogno della «spada di Cesare». Questo ideale tecnocratico peraltro si accompagna in Saint-Simon con una forte ispirazione religiosa (il nouveau christianisme), quasi a suggerire l’idea che questo salto fuori della storia che è la società senza Stato non sia pensabile prescindendo da un’idea messianica.»

Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pag. 124

7) Sull’idea errata che l’uguaglianza totale conduca alla pace nel mondo

https://luigicocola.wordpress.com/2019/02/12/sullidea-errata-che-luguaglianza-totale-conduca-alla-pace-nel-mondo/

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Annunci

Le ridicole illusioni del discorso di Giuseppe Conte a Davos

25 gennaio 2019

Leggo sul Fatto Quotidiano l’articolo intitolato Giuseppe Conte, il discorso integrale a Davos: “L’Euro doveva risolvere tutti i problemi. La realtà è molto diversa” (23 gennaio 2019):

«Hanno creduto che l’euro sarebbe stato in grado di risolvere tutti i loro problemi cronici: l’alta inflazione, una moneta debole, il debito pubblico. Così, hanno adottato in maniera entusiasta la nuova moneta. Ma la realtà si è rivelata molto diversa

…e noi, come europei, fossimo più uniti in questi sforzi, saremmo molto più forti nel sostenere la visione originale che ha ispirato il sogno di un’Europa che protegge i suoi cittadini e i valori a noi cari: la libertà, la giustizia sociale, un trattamento equo per ciascuno, la solidarietà fra popoli e nazioni, lo Stato di diritto. Questa è l’Europa che noi italiani sogniamo. Un’Europa del popolo, dal popolo, per il popolo [il neretto è mio]

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/23/giuseppe-conte-il-discorso-integrale-a-davos-leuro-doveva-risolvere-tutti-i-problemi-la-realta-e-molto-diversa/4919486/

Il nodo della questione è invece ciò che ho scritto in un precedente post:

«L’euro è esattamente questo: il mezzo perfetto per ridurre in miseria i popoli dell’Unione Europea, piuttosto che “un progetto fallimentare” come afferma ingenuamente l’economista Ilaria Bifarini (2). Se fosse un “progetto fallimentare”, sarebbe stato già abbandonato da tempo: invece non lo si vuole affatto abbandonare, proprio perché sta funzionando benissimo.» (1)

Vedi anche qui:

«Il che vuol dire non capire nulla dell’Unione Europea.

L’Unione Europea non è mai stata progettata e attuata per il bene dei popoli europei, ma per distruggerli, in modo da distruggere gli Stati europei.

Infatti lo Stato si basa sulla triade: popolo, territorio, sovranità; se si elimina anche uno solo di questi tre fattori, lo Stato scompare.

Lo scopo del mondialismo, di cui l’Unione Europea è il work in progress più avanzato, è proprio quello di eliminare lo Stato dalla faccia della terra.

Il mezzo specifico usato dal mondialismo per raggiungere tale scopo è la povertà, ridurre cioè in miseria il popolo (working class + middle class), vale a dire tutti tranne una ristrettissima élite (che intende assumere il ruolo assegnato da Platone ai filosofi nella Repubblica).

Ridurre in miseria un popolo significa diminuirne in modo drastico le nascite: ciò, unitamente agli altri mezzi usati dall’élite globalista (islamizzazione, meticciato, distruzione della famiglia, 1), porterà nel tempo alla scomparsa di quel popolo e dello Stato che esso contribuisce a costituire insieme al territorio e alla sovranità.» (2)

Infine, citare la famosissima frase pronunciata da Abraham Lincoln nel Discorso di Gettysburg («…government of the people, by the people, for the people…») a proposito dell’Unione Europea e dell’Euro vuol dire non capire nulla dell’Unione Europea e non capire nulla dell’Euro.

Ecco in questo video la reazione di un miserabile mondialista, il sociologo Domenico De Masi, quando viene pronunciata la suddetta frase di Abraham Lincoln:

«E’ un pazzo, praticamente! Sono le parole di un pazzo!» strilla Domenico De Masi.

Ho già scritto di questa molto illuminante vicenda, avvenuta nel 2017, in un mio precedente post (3).

————

1) I mezzi adoperati dai globalisti per distruggere gli Stati

https://luigicocola.wordpress.com/2018/09/12/i-mezzi-adoperati-dai-globalisti-per-distruggere-gli-stati/

2) Non capire nulla dell’Unione Europea

https://luigicocola.wordpress.com/2018/12/21/non-capire-nulla-dellunione-europea/

3) Abraham Lincoln? È un pazzo, praticamente!

https://luigicocola.wordpress.com/2017/01/24/abraham-lincoln-e-un-pazzo-praticamente/

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Ulteriori precisazioni sul mondialismo

21 gennaio 2018

Il sansimonismo, l’ideologia antistato creata nell’Ottocento dal conte Henri de Saint-Simon (1760-1825), ha due caratteristiche salienti:

1. la concezione tecnocratica della società, come scrisse Norberto Bobbio, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/07/23/conseguenze-di-due-interpretazioni-del-mondialismo/

2. esso è a favore del popolo e infatti fa parte del socialismo utopistico, come lo chiamò Karl Marx.

Dal punto di vista della mia teoria unificata delle ideologie antistato, il sansimonismo appartiene alla via anticapitalista delle ideologie antistato, mentre il mondialismo appartiene alla via ultracapitalista, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

Anche il mondialismo ha due caratteristiche salienti:

1. la concezione tecnocratica della società, esattamente come il sansimonismo.

In questo senso, Henri de Saint-Simon è certamente il precursore del mondialismo.

Anzi si può dire che il mondialismo è un pervertimento del sansimonismo, come risulterà chiaro dalla caratteristica seguente.

2. esso è contro il popolo (*), anzi, al fine di eliminare lo Stato, vuole annientare il popolo, sia con il suo mezzo specifico, l’ultracapitalismo, che comporta la riduzione in miseria del popolo stesso (non solo la working class, ma anche la middle class), sia con altri mezzi, il più rilevante dei quali è costituito dall’invasione islamica e dal conseguente terrorismo islamico.

Ho scritto infatti in un post precedente:

«Il terrorismo islamico che sta insanguinando l’Europa è un effetto indiretto del mondialismo, che fornisce un ambiente permissivo per l’invasione islamica, in quanto è una caratteristica storica e culturale della cultura islamica imporre con il potere della forza fisica la propria religione e i propri usi e costumi (è il ben noto proselitismo bellico dell’Islam).»

https://luigicocola.wordpress.com/2017/08/20/perche-il-terrorismo-islamico-sta-insanguinando-il-suolo-europeo/

Da evidenziare anche, tra i mezzi usati dal mondialismo per annientare il popolo, la distruzione della famiglia, perseguita adottando ogni misura possibile e immaginabile: l’ossessiva promozione del femminismo (**), l’ossessiva promozione dell’aborto e dei metodi contraccettivi, l’ossessiva promozione dell’omosessualità, ecc. ecc., il tutto finalizzato alla diminuzione delle nascite, onde ridurre drasticamente il numero degli abitanti degli Stati dell’Occidente e incrementare in questi ultimi l’immigrazione islamica (***).

È un vero e proprio genocidio, il genocidio dell’Occidente, come già scrissi nel 2015:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/04/18/perche-il-mondialismo-promuove-lomosessualita/

La distruzione della famiglia è arrivata a tal punto nel Regno Unito che Theresa May adesso ha creato il Ministro per la Solitudine, vedi qui:

https://www.loccidentale.it/articoli/146434/un-ministro-per-la-solitudine-a-raccogliere-cocci-di-una-societa-in-frantumi

In inglese:

May appoints minister to tackle loneliness issues raised by Jo Cox

«Citing research saying that 9 million people often or always feel lonely, the prime minister said: “For far too many people, loneliness is the sad reality of modern life [il neretto è mio].»

https://www.theguardian.com/society/2018/jan/16/may-appoints-minister-tackle-loneliness-issues-raised-jo-cox

No, non è come dice Theresa May, non è “the sad reality of modern life”.

È la triste realtà del mondialismo.

——————————-

* vedi per esempio come il sociologo Domenico De Masi reagisce alla famosa frase di Abraham Lincoln “…governo del popolo, fatto dal popolo, per il popolo…” (in inglese “…government of the people, by the people, for the people…”), qui c’è il video:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/01/24/abraham-lincoln-e-un-pazzo-praticamente/

** vedi per esempio qui:

Matria e il “Femminismo fanatico e ottuso”: cronache di una sollevazione

http://espresso.repubblica.it/visioni/2017/11/29/news/matria-e-il-femminismo-fanatico-e-ottuso-cronache-di-una-sollevazione-1.315071

e qui:

Sposarsi con se stessa, la cosa più stupida del mondo

https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/22/sposarsi-con-se-stessa-la-cosa-piu-stupida-del-mondo/3871099/

Vedi anche la voce Sologamy di Wikipedia in lingua inglese:

«Sologamy is marriage by a person to oneself.[1]…

…Ceremonies may take almost exactly the same form as that of a regular marriage, including guests, cake, and a reception.[8]…

…Self-marriage has become increasingly popular in the 21st century, especially among affluent women [il neretto è mio].[8][10]…

…British photographer Grace Gelder’s self-marriage in 2014[12] and Italian fitness trainer Laura Mesi’s self-marriage in 2017[8][13] have been widely reported.»

https://en.wikipedia.org/wiki/Sologamy

*** Voglio chiarire il mio pensiero su tale argomento (anche se esso dovrebbe già essere chiaro per via di quello che ho scritto sopra): il femminismo, l’aborto e i metodi contraccettivi e l’omosessualità di per sé non hanno nulla di negativo.

È l’uso strumentale che di essi fa il mondialismo, al fine (non dichiarato) di annientare i popoli occidentali, a essere negativo, estremamente negativo, anzi criminale.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Abraham Lincoln? È un pazzo, praticamente!

24 gennaio 2017

Leggo sul Fatto Quotidiano quest’articolo intitolato Usa, gaffe del sociologo De Masi: scambia parole di Lincoln con discorso di Trump. Poi si corregge (23 gennaio 2017):

«Gaffe del sociologo Domenico De Masi, durante la trasmissione Omnibus (La7), dedicata alla figura del neo-presidente degli Usa, Donald Trump. Il piccolo impasse avviene quando l’esperto di public speaching, Alberto Castelvecchi, osserva: “Trump è la quintessenza di un modo di essere americani. Non possiamo capire Trump se prima non comprendiamo l’America. Vi leggo questa cosa: ‘Noi abbiamo un compito davanti. Che questa nazione guidata da Dio abbia una rinascita di libertà, e che l’idea di un governo del popolo, fatto dal popolo, per il popolo non scompaia dalla terra’”. De Masi, autore del rapporto “Lavoro 2015” a lui commissionato dal M5S, insorge: “E’ un pazzo, praticamente! Sono le parole di un pazzo! Rileggile di nuovo”. “Ti dico chi è”, replica Castelvecchi. De Masi, capendo di essere caduto in errore, corregge il tiro: “Detto oggi, è un pazzo”. Il brano letto da Castelvecchi, infatti, è un estratto del discorso pronunciato da Abramo Lincoln a Gettysburg nel 1863. “Questa è la definizione di democrazia” – precisa il linguista – “che da 152 anni si continua a studiare ed è stata anche riaffermata da Barack Obama nei suoi discorsi”. “Certo, certo, sì. Lo sappiamo” – ribadisce De Masi – “Oggi quella definizione è di un pazzo”…»

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/01/23/usa-gaffe-del-sociologo-de-masi-scambia-parole-di-lincoln-con-discorso-di-trump-poi-si-corregge/3335042/

Ecco il video, esilarante, ma anche tragico:

Giustamente sul Primato Nazionale, nell’articolo intitolato Gaffe del sociologo anti-Trump: “Parole di un pazzo”. Ma la cit. era di Lincoln (Video), scrivono:

«Ma il punto è che per l’intellighenzia schierata a sinistra chiunque pronunci le parole “popolo”, “sovranità” e “Nazione” è da additarsi come un populista, come un pazzo per l’appunto. Poco conta il fatto che non sia necessario possedere una laurea in scienze politiche per comprendere che qualsivoglia riferimento alla sovranità popolare e alla libertà siano parte integrante di tutti i sistemi democratici (almeno dal punto di vista teoretico). D’altronde l’etimo della parola democrazia non vuol dire proprio “governo del popolo”? Domanda retorica, ovviamente. Ma non per i professoroni che vanno in tv a lanciare invettive contro il “pericolo populista”…»

http://www.ilprimatonazionale.it/politica/gaffe-del-sociologo-anti-trump-parole-di-un-pazzo-ma-la-cit-era-di-lincoln-video-56298/

Questa è la tragica situazione dell’Italia.

E di tutto l’Occidente.

Come ho scritto in un precedente post:

«Purtroppo nella cultura occidentale si è creato il mito dell’inutilità, anzi della dannosità dello Stato

…Generazioni e generazioni e generazioni di filosofi, di politologi, di sociologi, di antropologi culturali, di accademici e di intellettuali hanno ripetuto questo colossale errore.

Essi sono vissuti dentro questo colossale errore.

È tempo che questo colossale errore, che è un vero e proprio delirio culturale, venga compreso ed eliminato.»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/11/18/il-mondialismo-e-un-delirio-culturale/

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.