Posts Tagged ‘donald trump’

La miserabile censura mondialista di Wikipedia in lingua italiana

8 giugno 2017

Ho scritto più volte che Wikipedia in lingua italiana non ha la voce “globalismo” (o “mondialismo”), vedi p.e. qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/01/21/la-propaganda-mondialista-italiana-nega-levidenza/

In questo post del 2016 avevo riportato l’elenco delle lingue in cui la suddetta voce di Wikipedia era presente.

Ultimamente si è aggiunta la lingua cinese.

Quindi in data odierna (8 giugno 2017) è questo l’elenco delle lingue in cui è presente su Wikipedia la voce “globalismo” (o “mondialismo”):

Català
Deutsch
English
Español
فارسی (Persian)
Français
한국어 (Korean)
Հայերեն (Armenian)
Bahasa Indonesia
Қазақша (Kazakh)
日本語 (Japanese)
پښتو (Pashto)
Polski
Português
Română
Русский (Russian)
Српски / srpski (Serbian)
Українська (Ukrainian)
中文 (Chinese)

https://en.wikipedia.org/wiki/Globalism

Come si può notare, ci sono tutte le principali lingue del mondo tranne l’italiano.

Ecco Donald Trump che pronuncia la parola “globalism”:

«We will no longer surrender this country, or its people, to the false song of globalism.

The nation-state remains the true foundation for happiness and harmony. I am skeptical of international unions that tie us up and bring America down, and will never enter America into any agreement that reduces our ability to control our own affairs.»

https://www.donaldjtrump.com/press-releases/donald-j.-trump-foreign-policy-speech

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Luttwak: non riusciranno a buttar giù Trump

1 giugno 2017

Leggo su lookoutnews.it un’intervista molto interessante di Luciano Tirinnanzi a Edward Luttwak (31 maggio 2017):

L’America di Trump, dal “Russiagate” alla Merkel. Intervista a Edward Luttwak
La presidenza repubblicana vista dagli occhi del celebre politologo, già consulente strategico del governo degli Stati Uniti. «Non c’è modo di fermare Trump. Ivanka il prossimo presidente»

«Il presidente è alle prese con il cosiddetto “Russiagate”, ma da dove originano le accuse contro Trump e il suo staff, che lo vorrebbero troppo vicino a Mosca?

Sa come si chiama questo? Post-traumatic election disorder. I democratici, e l’opposizione più in generale, sono ancora traumatizzati dalla vittoria di Donald Trump e dalla maniera con cui ha vinto le elezioni. Tutti i commentatori politici erano convinti che avrebbe perso amaramente e che, con lui alla testa dei repubblicani, il partito ne sarebbe uscito distrutto. Invece, Trump non solo ha trionfato, ma ha fatto guadagnare al partito repubblicano sia il Senato che la Camera, e gli ha dato persino due nuovi governatori, cosa che ha permesso al Grand Old Party di raggiungere un numero record di governatori nella storia repubblicana. Solo a quel punto, i democratici hanno compreso quanto i loro calcoli fossero stati sbagliati. La vittoria di Trump, perciò, non è stata ancora digerita dall’élite di Washington, che resta in stato di choc e tenta disperatamente di usare i peggiori metodi del maccartismo (il clima esasperato di sospetto per attività anti-americane e comuniste generatosi nel secondo dopoguerra, ndr).

È questo ad aver generato il caos politico di cui siamo spettatori?

Intorno alla figura di Trump è stata messa in piedi una congiura ed è stata costruita una teoria che lo vorrebbe un agente di Vladimir Putin, secondo una sceneggiatura degna di Hollywood. Ragion per cui ogni contatto di qualsiasi persona vicina al presidente con qualsivoglia russo e in qualsiasi tempo, costituirebbe un comportamento sospetto, se non addirittura delittuoso. In breve, vogliono criminalizzarlo. Ma per simili accuse servono prove solide, mentre qui di prove non ce ne sono. Quindi, dopo tanti discorsi, alla fine tutti gli accusatori di Trump saranno obbligati ad ammettere che non hanno niente di concreto contro di lui. Il cosiddetto “Russiagate”, in definitiva, è una manifestazione isterica che si risolverà tra poco tempo e non avrà alcuna conseguenza o impatto sull’Amministrazione. Donald Trump semplicemente non può essere rimosso [il neretto è mio]…

…Vincendo le elezioni di midterm dopo la rielezione, potrà preparare il terreno per la figlia Ivanka, che diventerà così la prima donna presidente d’America [il neretto è mio] e che è già in apprendistato alla Casa Bianca, dove non a caso ha un proprio ufficio. Questa è anche la ragione per cui l’élite americana tenta di buttarlo giù con ostinazione.»

http://www.lookoutnews.it/trump-edward-luttwak-intervista/

Come si può notare, Edward Luttwak, senza mai nominare in quest’intervista il punto nodale della situazione, e cioè lo scontro acerrimo tra il globalismo (l’élite di Washington) e il nazionalismo (Donald Trump), accetta tranquillamente che vinca quest’ultimo, anzi parla di Ivanka Trump come 46° Presidente USA dopo il doppio mandato del padre.

Altro che Mark Zuckerberg!

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

“The Germans are bad, very bad”? Lo scrivo da anni!

27 maggio 2017

«Citing unidentified attendees, Spiegel quoted Trump as saying that “the Germans are bad, very bad” and adding “look at the millions of cars that they sell in the U.S. Terrible. We’re going to stop that.” The comments were said to have been made during a closed-door meeting with the EU President Jean-Claude Juncker and the European Council President Donald Tusk, who reportedly both stood up for Germany, according to CNBC.»

http://www.zerohedge.com/news/2017-05-26/we-will-stop-trump-blasts-germans-selling-millions-cars-us

«During a meeting Thursday with European Union officials in Brussels, Trump allegedly said, “The Germans are bad, very bad,” according to Germany’s Spiegel Online, which cited unnamed sources in the room. He continued, the outlet said, by saying: “See the millions of cars they are selling in the U.S.? Terrible. We will stop this.”»

http://www.ndtv.com/world-news/the-germans-are-bad-very-bad-trumps-alleged-slight-generates-confusion-backlash-1704514

«Donald Trump has attacked Germans for being “bad, very bad” and vowed to limit US car imports from the country.
At a meeting with European Union leaders in Brussels on Thursday Mr Trump reportedly said: “Look at the millions of cars they sell in the US. Terrible. We will stop this,” German news magazine Der Spiegel reported, citing people who attended the talks.»

http://www.independent.co.uk/news/business/news/donald-trump-g7-summit-germans-bad-very-bad-car-imports-curb-us-trade-surplus-president-a7757106.html

“The Germans are bad, very bad”? Lo scrivo da anni!

Vedi qui:

Era meglio Hitler

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/10/era-meglio-hitler/

La volontà di potenza adleriana della cultura tedesca

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/27/la-volonta-di-potenza-adleriana-della-cultura-tedesca/

Una modesta proposta

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/17/una-modesta-proposta/

L’inno nazionale della Germania

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/06/linno-nazionale-della-germania/

Se lo Stato è indispensabile, bisogna non solo rigettare l’Unione Europea, ma anche attuare un’igiene politica degli Stati europei

https://luigicocola.wordpress.com/2012/12/28/se-lo-stato-e-indispensabile-bisogna-non-solo-rigettare-lunione-europea-ma-anche-attuare-unigiene-politica-degli-stati-europei/

Del cosiddetto problema tedesco ho scritto anche prima della nascita di questo blog, in questi due saggi:

«Comunque, se nel Seicento i tedeschi avessero avuto il buon senso di trattare gli Asburgo come gli inglesi trattarono nello stesso secolo gli Stuart (ossia con la prima e la seconda rivoluzione inglese), non ci sarebbero in seguito state né la prima, né la seconda guerra mondiale, la cui remota origine fu la Controriforma degli Asburgo, che distrusse l’unità politica del popolo tedesco e produsse in esso una palese volontà di potenza ipercompensatoria. È interessante notare che volontà di potenza e ipercompensazione sono concetti fondamentali della psicologia di Alfred Adler, che era di lingua tedesca.
L’unità politica del popolo tedesco risultò distrutta dalla guerra dei Trent’anni per il semplice motivo che non vinse una delle due fazioni, ma ci si accordò per un compromesso con la pace di Westfalia. In conclusione, Hitler è il prodotto finale di una lunga concatenazione di eventi iniziata nel 1648, o meglio con la guerra dei Trent’anni.
Ma quella tedesca è un’altra storia, che con l’anomalia italiana non c’entra nulla. È molto comune confondere il nazismo con il fascismo, mentre ciò in realtà significa confondere, in modo assai superficiale, le mele con le pere.
Quando si parla di problema tedesco, si parla in definitiva soltanto di un problema di unità politica, anche se ciò può sembrare bizzarro e stravagante a chi vive nelle Americhe. Ma in Europa (diversamente che nelle Americhe) coloro che parlano la stessa lingua vogliono essere politicamente uniti: è una regola che ha pochissime eccezioni, p. e. Irlanda e Regno Unito (ma qui c’è il fattore insularità).
Ciò probabilmente è causato dal grande numero di lingue esistenti in Europa (diversamente che nelle Americhe): ognuna di esse lotta strenuamente per la propria sopravvivenza e l’impulso a unirsi politicamente è la diretta conseguenza di questa strenua lotta per la sopravvivenza.»

(Luigi Cocola, Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, 3° ed., 2012, lulu.com, pagg. 33-34)

«Per quanto riguarda la cultura tedesca e quella italiana, esse sono culture difettive. Di ciò ho scritto ampiamente altrove (18, 39).
Il difetto della prima è la mancanza di unità politica (Germania e Austria sono infatti due Stati separati), che ha generato in passato, e continua a generare anche oggi, una palese volontà di potenza ipercompensatoria, per il semplice motivo che in Europa, in assenza di barriere geografiche, l’impulso di coloro che parlano la stessa lingua a unirsi politicamente è irrefrenabile e inestirpabile.
Ciò probabilmente è causato dal grande numero di lingue esistenti in Europa (diversamente che nelle Americhe): ognuna di esse lotta strenuamente per la propria sopravvivenza e l’impulso a unirsi politicamente è la diretta conseguenza di questa strenua lotta per la sopravvivenza.
Bloccare il suddetto impulso significa renderlo ancora più forte e pervasivo, e il risultato, com’è tristemente noto, è quello di stimolare nella cultura tedesca micidiali fantasie di potenza.
La politica di Angela Merkel, ad esempio, è un’evidente politica di potenza, appena mascherata da buone maniere e da sorrisi di circostanza.
Questo problema, di cruciale importanza per la conservazione della pace in Europa, non è stato affatto eliminato dalla puerile utopia europeista, la quale, a questo proposito, consiste unicamente in un appello ai buoni sentimenti dei tedeschi. Ciò riflette chiaramente la matrice religiosa delle ideologie antistato di tipo filosofico, alla classe delle quali appartiene l’ideologia europeista.»

(Luigi Cocola, Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, 3° ed., 2013, lulu.com, pagg. 41-42)

Del resto, per capire quanto sia grave per la pace nel mondo il problema tedesco, che non è stato certo una scoperta di Donald Trump (al contrario di ciò che pensano le élites ignoranti del globalismo), basta leggere le parole dell’inno nazionale della Germania, che infatti viene chiamato comunemente col titolo di Deutschland über Alles.

Fra l’altro fu l’inno nazionale tedesco durante il Nazismo.

E ciò vorrà pur dire qualcosa!

Ecco il testo originale in tedesco:

Deutschland, Deutschland über alles,
Über alles in der Welt,
Wenn es stets zum Schutz und Trutze
Brüderlich zusammenhält,
Von der Maas bis an die Memel,
Von der Etsch bis an den Belt –
Deutschland, Deutschland über alles,
Über alles in der Welt!

Deutsche Frauen, deutsche Treue,
Deutscher Wein und deutscher Sang
Sollen in der Welt behalten
Ihren alten schönen Klang,
Uns zu edler Tat begeistern
Unser ganzes Leben lang –
Deutsche Frauen, deutsche Treue,
Deutscher Wein und deutscher Sang!

Einigkeit und Recht und Freiheit
Für das deutsche Vaterland!
Danach lasst uns alle streben
Brüderlich mit Herz und Hand!
Einigkeit und Recht und Freiheit
Sind des Glückes Unterpfand –
Blüh im Glanze dieses Glückes,
Blühe deutsches Vaterland!

La traduzione in italiano:

Germania, Germania, al di sopra di tutto,
Al di sopra di tutto nel mondo,
Purché per protezione e difesa
Si riunisca fraternamente,
Dalla Mosa fino al Nemunas,
Dall’Adige fino al Belt –
Germania, Germania, al di sopra di tutto,
Al di sopra di tutto nel mondo!

Donne tedesche, fedeltà tedesca,
Vino tedesco e canto tedesco
Devono mantenere nel mondo
Il loro antico, bel suono,
Che ci ispirino a nobili azioni
Lungo tutta la nostra vita –
Donne tedesche, fedeltà tedesca,
Vino tedesco e canto tedesco!

Unità, giustizia e libertà
Per la patria tedesca!
Aspiriamo orsù a questo
Fraternamente col cuore e con la mano!
Unità, giustizia e libertà
Sono la garanzia della felicità –
Fiorisci nel fulgore di questa gioia,
Fiorisci, patria tedesca!

La traduzione in inglese:

Germany, Germany above everything,
Above everything else in the world,
When for protection and defense
It always stands brotherly together,
From the Meuse to the Neman,
From the Adige to the Belt –
Germany, Germany above everything,
Above everything else in the world!

German women, German loyalty,
German wine and German song
Shall retain in the world
Their old beautiful chime,
And inspire us to noble deeds
During all of our life –
German women, German loyalty,
German wine and German song!

Unity and justice and freedom
For the German fatherland!
Towards these let us all strive
Brotherly with heart and hand!
Unity and justice and freedom
Are the foundation of happiness –
Flourish in the radiance of this happiness,
Flourish, German fatherland!

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Ariana Grande: i am so so sorry

24 maggio 2017

Ariana Grande dopo la vittoria di Donald Trump:

Ariana Grande dopo l’attentato di Manchester:

Perché Mark Zuckerberg e Jeff Bezos sono globalisti?

21 maggio 2017

Nonostante che premi Nobel per l’Economia come Joseph Stiglitz e Paul Krugman facciano indecorosamente e servilmente propaganda mondialista, gettando nel fango la loro dignità e i loro premi Nobel, e nonostante che ultraricchi come Mark Zuckerberg e Jeff Bezos (*) vogliano raggirare il popolo americano facendosi alfieri dell’ideologia mondialista, resta un dato di fatto incontrovertibile, che è questo:

il globalismo, il cui scopo è quello di eliminare lo Stato per mezzo dell’ultracapitalismo, comporta necessariamente che il popolo, cioè tutti tranne una piccolissima élite, viva in povertà.

Così stanno le cose e affermare che l’Open Society, cioè una società senza Stato, possa contemporaneamente essere un welfare state, come ha fatto per esempio, senza vergogna alcuna, Joseph Stiglitz, significa insultare l’intelligenza di chi legge queste baggianate, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/05/11/joseph-stiglitz-racconta-menzogne-e-fa-propaganda-mondialista/

Bisogna porsi una semplicissima domanda:

il popolo degli Unites States accetta la povertà?

Certamente no, finché esisterà la democrazia negli United States, cioè finché il popolo americano potrà votare.

Il potere della propaganda ha dei limiti (soprattutto nell’era di internet) che non possono essere superati.

Quindi o negli United States vengono abolite le elezioni e l’élite impone al paese una dittatura esplicita o l’ideologia mondialista cadrà.

Quello che Arnold J. Toynbee denominò a suo tempo “proletariato interno” farà cadere il globalismo, come avevo scritto in un mio post del 7 marzo 2016:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/03/07/perche-il-mondialismo-durera-meno-del-comunismo/

—————

(*)

16 Jan 2017

Deborah Hardoon

AN ECONOMY FOR THE 99%
It’s time to build a human economy that benefits everyone, not just the privileged few

New estimates show that just eight men own the same wealth as the poorest half of the world. As growth benefits the richest, the rest of society – especially the poorest – suffers. The very design of our economies and the principles of our economics have taken us to this extreme, unsustainable and unjust point. Our economy must stop excessively rewarding those at the top and start working for all people. Accountable and visionary governments, businesses that work in the interests of workers and producers, a valued environment, women’s rights and a strong system of fair taxation, are central to this more human economy.

“It is four years since the World Economic Forum identified rising economic inequality as a major threat to social stability (1), and three years since the World Bank twinned its goal for ending poverty with the need for shared prosperity (2). Since then, and despite world leaders signing up to a global goal to reduce inequality, the gap between the rich and the rest has widened. This cannot continue. As President Obama told the UN General Assembly in his departing speech in September 2016: «A world where 1% of humanity controls as much wealth as the bottom 99% will never be stable.»

Yet the global inequality crisis continues unabated:

•  Since 2015, the richest 1% has owned more wealth than the rest of the planet (3) [il neretto è mio].

•  Eight men now own the same amount of wealth as the poorest half of the world (4) [il neretto è mio].

•  Over the next 20 years, 500 people will hand over $2.1 trillion to their heirs – a sum larger than the GDP of India, a country of 1.3 billion people (5).

•  The incomes of the poorest 10% of people increased by less than $3 a year between 1988 and 2011, while the incomes of the richest 1% increased 182 times as much (6).

•  A FTSE-100 CEO earns as much in a year as 10,000 people in working in garment factories in Bangladesh (7).

•  In the US, new research by economist Thomas Piketty shows that over the last 30 years the growth in the incomes of the bottom 50% has been zero, whereas incomes of the top 1% have grown 300% (8).

•  In Vietnam, the country’s richest man earns more in a day than the poorest person earns in 10 years (9).

Left unchecked, growing inequality threatens to pull our societies apart. It increases crime and insecurity, and undermines the fight to end poverty (10). It leaves more people living in fear and fewer in hope.

From Brexit to the success of Donald Trump’s presidential campaign, a worrying rise in racism and the widespread disillusionment with mainstream politics, there are increasing signs that more and more people in rich countries are no longer willing to tolerate the status quo [il neretto è mio]…”

http://policy-practice.oxfam.org.uk/publications/an-economy-for-the-99-its-time-to-build-a-human-economy-that-benefits-everyone-620170

Vorrei far notare quanto segue.

«Eight men now own the same amount of wealth as the poorest half of the world» afferma il suddetto Rapporto Oxfam 2017 (disponibile in inglese, francese, spagnolo e portoghese).

E chi sono costoro?

Ce lo dice questo articolo di internazionale.it (16 gennaio 2017), intitolato Otto uomini possiedono la stessa ricchezza di metà della popolazione mondiale:

«Al momento otto uomini possiedono il corrispettivo della ricchezza del 50 per cento della popolazione mondiale. Ecco gli otto miliardari: Bill Gates (75 miliardi di dollari), Amancio Ortega (67 miliardi di dollari), Warren Buffett (60,8 miliardi di dollari), Carlos Slim Helu (50 miliardi di dollari), Jeff Bezos (45,2 miliardi di dollari), Mark Zuckerberg (44,6 miliardi di dollari), Larry Ellison (43,6 miliardi di dollari), Michael Bloomberg (40 miliardi di dollari).»

http://www.internazionale.it/notizie/2017/01/16/otto-uomini-ricchezza-oxfam

Sorge irresistibilmente il dubbio che individui come Mark Zuckerberg e Jeff Bezos abbiano abbracciato l’ideologia mondialista solo e unicamente per conservare (e possibilmente anche accrescere) la propria sproporzionata ricchezza.

Insomma, perché dobbiamo imporre il globalismo (cioè la povertà) a tutto il mondo, magari usando le armi nucleari contro la Russia, dato che essa (giustamente!) si oppone al globalismo (ed essa certamente contrattaccherà usando il suo formidabile arsenale nucleare)?

Semplicemente per far conservare a Jeff Bezos il suo capitale di 45,2 miliardi di dollari e a Mark Zuckerberg il suo capitale di 44,6 miliardi di dollari.

Ecco perché.

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Sull’essere nella merda fino al collo

20 maggio 2017

Quando ci si immagina un premio Nobel per l’Economia, ci si immagina ovviamente una persona estremamente intelligente, insomma un genio.

Bene, leggo sul Sole24ore un recente articolo di Paul Krugman, intitolato Gli elettori di Trump non ammettono (ancora) l’errore.

Cosa scrive qui il nostro geniale premio Nobel per l’Economia 2008?

Scrive della sua costernazione nel constatare che gli elettori di Donald Trump («Americanism, not globalism, will be our credo») non si sono affatto pentiti di averlo votato.

Ma essi prima o poi si pentiranno, egli conclude.

Insomma, il messaggio è questo:

dovete pentirvi peccatori che non siete altro, non dovete più votare per gente come Donald Trump, ma per noi globalisti!

Ecco qui alcune geniali frasi del suddetto articolo:

«…Eppure ci sono stati 7mila articoli (okay, è una stima approssimativa, non li ho contati uno per uno) sul fatto che i sostenitori di Trump rimangono al suo fianco, sono arrabbiati con quei cattivoni dei media e lo voterebbero di nuovo a cuor leggero. Come si spiega?…

…Un principio di fondo che ho imparato negli anni trascorsi al New York Times è che quasi nessuno ammette mai di essersi sbagliato, su qualunque cosa: e più sono nel torto, meno sono disposti ad ammetterlo…

…Ora pensate a che cosa significa aver votato per Trump. I mezzi di informazione hanno passato gran parte della campagna elettorale a crogiolarsi in un’orgia di false equivalenze, eppure la maggior parte degli elettori probabilmente ha ricavato l’impressione che l’establishment politico e mediatico considerava Trump ignorante e caratterialmente inadeguato a fare il presidente. Nel voto per il candidato repubblicano ha quindi pesato molto una reazione del genere: «Ah! Voi dell’élite vi credete tanto intelligenti? Ora vi facciamo vedere noi!».

Adesso, che Trump sia ignorante e caratterialmente inadeguato a fare il presidente è evidente. Ma se pensate che i suoi supporter accetteranno ben presto questa realtà evidentemente non conoscete bene la natura umana. Paradossalmente, l’atrocità di Trump gli copre le spalle: i suoi sostenitori non sono pronti – non ancora, almeno – ad ammettere di aver fatto un errore di queste proporzioni.

Inoltre, va detto, finora il trumpismo non ha prodotti grandi effetti sulla vita quotidiana: i maggiori fallimenti di Trump sono legati a quello che non è successo, non a quello che è successo. Perciò è ancora abbastanza facile per le persone che hanno questa inclinazione liquidare le notizie negative come pregiudizi dei mezzi di informazione.

Ma questo argine prima o poi cederà…»

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2017-05-19/gli-elettori-trump-non-ammettono-ancora-l-errore-122038.shtml

Nella versione originale inglese pubblicata in data 1 maggio 2017 sul New York Times, col titolo On the Power of Being Awful:

«…Yet there have, by my count, been seven thousand news articles — O.K., it’s a rough estimate — about how Trump supporters are standing by their man, are angry at those meanies in the news media, and would gladly vote for him all over again. What’s going on?…

…One basic principle I’ve learned in my years at The Times is that almost nobody ever admits being wrong about anything — and the wronger they were, the less willing they are to concede error…

…Now think about what it means to have voted for Trump. The news media spent much of the campaign indulging in an orgy of false equivalence; nonetheless, most voters probably got the message that the political/media establishment considered Trump ignorant and temperamentally unqualified to be president. So the Trump vote had a strong element of: “Ha! You elites think you’re so smart? We’ll show you!”

Now, sure enough, it turns out that Trump is ignorant and temperamentally unqualified to be president. But if you think his supporters will accept this reality any time soon, you must not know much about human nature. In a perverse way, Trump’s sheer awfulness offers him some political protection: His supporters aren’t ready, at least so far, to admit that they made that big a mistake.

Also, to be fair, so far Trumpism hasn’t had much effect on daily life. In fact, Trump’s biggest fails have involved what hasn’t happened, not what has. So it’s still fairly easy for those so inclined to dismiss the bad reports as media bias.

Sooner or later, however, this levee is going to break…»

www.nytimes.com/2017/05/01/opinion/donald-trump-on-the-power-of-being-awful.html

E a questo qui hanno dato un premio Nobel per l’economia???

La mia conclusione non può che essere questa:

siamo nella merda fino al collo,

l’Occidente è nella merda fino al collo,

e, dato che l’Occidente è in possesso di ingentissimi quantitativi di armi nucleari, l’intera umanità è nella merda fino al collo.

Vedi infatti qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/05/14/ce-delirio-e-delirio/

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

I Founding Fathers e la sedition

18 maggio 2017

Da Wikipedia in inglese:

«Historian Richard B. Morris in 1973 identified the following seven figures as the key Founding Fathers: John Adams, Benjamin Franklin, Alexander Hamilton, John Jay, Thomas Jefferson, James Madison, and George Washington…»

https://en.wikipedia.org/wiki/Founding_Fathers_of_the_United_States

«In 1798, President John Adams signed into law the Alien and Sedition Acts, the fourth of which, the Sedition Act or “An Act for the Punishment of Certain Crimes against the United States” set out punishments of up to two years of imprisonment for “opposing or resisting any law of the United States” or writing or publishing “false, scandalous, and malicious writing” about the President or the U.S. Congress…»

https://en.wikipedia.org/wiki/Sedition

Al giorno d’oggi, a quanto pare, la sedizione non è più un reato.

Anzi, viene ampiamente praticata.

Perché è proprio questa la parola giusta per indicare ciò che sta accadendo negli Stati Uniti: sedizione.

In inglese: sedition.

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Perfino Francis Fukuyama lo dice

17 maggio 2017

Ecco un brano di un’intervista a Francis Fukuyama, l’autore del saggio La fine della storia:

«Vivo da sette anni qui, nel cuore della Silicon Valley e mi rendo sempre più conto che i manager che la guidano non hanno il senso della realtà complessa e contraddittoria del mondo che è fuori dalla bolla di questa valle. Magari sono bene intenzionati, ma ugualmente pericolosi nel perseguimento delle loro utopie perché hanno molto potere economico e di convinzione. Hanno creato monopoli giganteschi che condizionano tutti noi. Bisogna intervenire finché siamo in tempo…»

http://www.corriere.it/esteri/17_maggio_17/fukuyama-trump-presidente-piu-ignorante-anche-colpa-silicon-valley-0b790e26-3a74-11e7-acbd-5fa0e1e5ad68.shtml

Su questo (solo su questo!) sono perfettamente d’accordo con lui.

Questi esaltati della Silicon Valley vanno fermati, finché siamo in tempo.

Ma non mi sembra una cosa facile, per niente.

Chi li può fermare?

Donald Trump non credo proprio, non ne ha il potere.

Forse i militari, se avessero un po’ di sale in zucca e un po’ di coraggio.

È infatti del tutto evidente che, se i globalisti riuscissero a eliminare Trump, sarebbe inevitabilmente ripreso il programma puritano del globalismo: far avverare sulla terra il Regno di Cristo con la spada in pugno.

Il che ci porta alla guerra nucleare con la Russia.

Il programma originale di Hillary Clinton e George Soros.

Che, in ogni caso, sarà ripreso dopo la presidenza Trump.

Sarò pessimista, ma le probabilità di eliminare questo eventuale futuro mi sembrano poche, oggi come oggi.

L’umanità è troppo stupida per poterlo evitare.

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Gli Stati Uniti sono una democrazia fallita?

16 maggio 2017

Sta divampando negli Stati Uniti d’America il conflitto tra l’élite globalista e il popolo, quel popolo che ha eletto legalmente, liberamente e democraticamente Donald Trump come suo 45° Presidente.

«We the People of the United States», così inizia la United States Constitution, come si può vedere in questa foto:

L’élite globalista non ha accettato il risultato delle elezioni legali, libere e democratiche, vuole calpestare la Costituzione, vuole eliminare Donald Trump, e ciò sia per tiranneggiare il popolo, sia per imporre al popolo il delirio culturale del globalismo, delirio culturale da cui essa è posseduta, mentre invece il popolo, eleggendo Donald Trump («Americanism, not globalism, will be our credo»), ha rifiutato nettamente questo delirio culturale, dimostrando assai più buon senso e capacità di giudizio della sua élite.

I fatti dimostrano, a un ritmo sempre più crescente, che l’élite globalista non si fermerà finché non avrà eliminato Donald Trump o con l’impeachment (vedi il caso Nixon) o con l’assassinio (vedi il caso Kennedy).

David Rockefeller, il capo indiscusso dell’élite globalista USA, è morto, ma hanno preso il suo posto altri capitalisti globalisti: George Soros, Mark Zuckerberg, Jeff Bezos, ecc. ecc.

Ecco cosa scrisse David Rockefeller nella sua autobiografia:

«Some even believe we are part of a secret cabal working against the best interests of the United States, characterizing my family and me as “internationalists” and of conspiring with others around the world to build a more integrated global political and economic structure – one world, if you will.

If that’s the charge, I stand guilty, and I am proud of it.»

(David Rockefeller, Memoirs, Random House, 2003, pag. 405)

Chi protegge, con il potere della forza fisica, questi capitalisti globalisti, che sono nemici giurati del popolo e perciò nemici giurati degli United States, come lo fu, per sua stessa confessione scritta, David Rockefeller?

L’FBI? LA CIA? Chi???

Siamo in un momento paradossale della storia: il popolo americano ha internet, un mezzo potentissimo di democrazia che i Founding Fathers neanche si sognavano, eppure essi, tra mille difficoltà, riuscirono a produrre la United States Declaration of Independence e la United States Constitution.

Possibile che il popolo americano di oggi non abbia neanche la forza di far rispettare ciò che i Founding Fathers produssero?

Se i capitalisti globalisti riuscissero a eliminare, in un modo o nell’altro, Donald Trump, vorrebbe dire, in modo assolutamente definitivo, che gli Stati Uniti d’America sono una democrazia fallita.

E che quindi la United States Declaration of Independence e la United States Constitution sono soltanto vecchi pezzi di carta, senza valore alcuno.

E anche che il popolo USA è condannato alla povertà, come previsto dal delirio culturale del globalismo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/08/17/tre-caratteristiche-necessarie-del-mondialismo/

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Se il nazionalismo vince, il Papato va neutralizzato

31 marzo 2017

Il nazionalismo si sta prendendo la rivincita sul mondialismo: Vladimir Putin, la Brexit e Donald Trump sono la felice espressione di questa rivincita.

E si spera che Marine Le Pen vinca le imminenti elezioni francesi, anche se il meccanismo elettorale francese è fatto apposta per bloccare i cambiamenti.

Ma non importa, in ogni caso i russi, gli inglesi e gli americani dovrebbero bastare a far crollare l’Unione Europea, questo aborto del mondialismo.

E prima o poi bisognerà provvedere a neutralizzare il Papato, che è mondialista ab origine.

Vale a dire: eliminare i Patti Lateranensi, il grande, terribile e tragico errore di Benito Mussolini.

Come ho già scritto in un precedente post:

“…Nel caso tipico italiano la Società delle Nazioni favorirà il nostro necessario urgente svaticanamento dell’Italia [il neretto è mio] o lo contrarierà?

That is the question, dear Wilson!…»

(Filippo Tommaso Marinetti, DEMOCRAZIA FUTURISTA – DINAMISMO POLITICO, 1919, Facchi Editore, Milano)”

https://luigicocola.wordpress.com/2017/02/25/il-fascismo-il-futurismo-e-il-mancato-svaticanamento-dellitalia/

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.