Posts Tagged ‘gender theory’

Perché il mondialismo promuove l’omosessualità

18 aprile 2015

Come ho già scritto in un precedente post, il giudizio sociale (accettazione o rifiuto) verso l’omosessualità fa parte dei mores (ossia dei costumi) di una determinata società, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/09/15/la-differenza-fra-ratio-e-mores/

Per esempio, nella Grecia antica l’omosessualità era socialmente accettata. Con l’avvento del Cristianesimo essa venne rifiutata in modo molto netto e radicale.

Oggi stiamo assistendo, nell’Occidente, a un ritorno dell’accettazione sociale dell’omosessualità.

C’è da notare un aspetto eclatante di questo fenomeno: il mondialismo promuove esplicitamente e deliberatamente l’omosessualità, per esempio con la teoria del gender (gender theory, in italiano teoria del genere), di cui recentemente ha parlato, in senso negativo, anche il Papa (il che è naturale, dato che l’omosessualità è contro la Weltanschauung cristiana).

Ma perché il mondialismo promuove, ossia incoraggia, l’omosessualità?

È molto semplice: perché ciò è un mezzo per diminuire le nascite. Diminuendo le nascite, si indeboliscono i popoli e automaticamente si favoriscono le immigrazioni. Cosicché, alla fine, si favorisce l’eliminazione degli Stati, che è lo scopo supremo del mondialismo.

Per eliminare gli Stati, occorre annientare i popoli.

Stiamo assistendo a un tentativo di genocidio.

Leggiamo infatti la voce Stato del Dizionario di filosofia di Nicola Abbagnano:

STATO (gr. πολιτεία; lat. Respublica; inglese State; franc. État; ted. Staat). In generale, l’organizzazione giuridica coercitiva di una comunità determinata. L’uso della parola S. è dovuta a Machiavelli (Principe, 1513, § 1)…

…lo S. ha tre elementi o proprietà caratteristiche: la sovranità o il potere preponderante o supremo; il suo popolo e il suo territorio.”

(Nicola Abbagnano, Dizionario di filosofia, 1971, UTET, pagg. 833-835)

Eliminando un popolo, si elimina ovviamente lo Stato corrispondente.

Ed ecco la definizione di genocidio:

genocìdio (raro genicìdio) s. m. [comp. del gr. γένος «stirpe» e –cidio: voce coniata in forma ingl. (genocide) dal giurista polacco R. Lemkin nel 1944 e pubblicamente usata nel processo di Norimberga (1946)]. – Grave crimine, di cui possono rendersi colpevoli singoli individui oppure organismi statali, consistente nella metodica distruzione di un gruppo etnico, razziale o religioso, compiuta attraverso lo sterminio degli individui, la dissociazione e dispersione dei gruppi familiari, l’imposizione della sterilizzazione e della prevenzione delle nascite [il corsivo è mio], lo scardinamento di tutte le istituzioni sociali, politiche, religiose, culturali, la distruzione di monumenti storici e di documenti d’archivio, ecc.”

http://www.treccani.it/vocabolario/genocidio/

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci