Posts Tagged ‘germania’

Paolo Savona, la Germania e la sua politica di potenza

25 maggio 2018

Ho sentito in TV che è in uscita un libro dell’economista Paolo Savona, che forse (speriamo) diventerà Ministro dell’Economia nel nascente governo sostenuto da Matteo Salvini e da Luigi Di Maio.

Questo libro, il cui titolo dovrebbe essere Come un incubo e come un sogno, stando alle anticipazioni riportate dalla stampa, dovrebbe riguardare anche la cosiddetta politica di potenza della Germania.

Ebbene, ho scritto su tale argomento sia nei miei due saggi di scienza politica, sia in questo blog:

«Comunque, se nel Seicento i tedeschi avessero avuto il buon senso di trattare gli Asburgo come gli inglesi trattarono nello stesso secolo gli Stuart (ossia con la prima e la seconda rivoluzione inglese), non ci sarebbero in seguito state né la prima, né la seconda guerra mondiale, la cui remota origine fu la Controriforma degli Asburgo, che distrusse l’unità politica del popolo tedesco e produsse in esso una palese volontà di potenza ipercompensatoria.»

Luigi Cocola, Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, 3° ed., 2012, lulu.com, pag. 33

«Per quanto riguarda la cultura tedesca e quella italiana, esse sono culture difettive. Di ciò ho scritto ampiamente altrove (18, 39).
Il difetto della prima è la mancanza di unità politica (Germania e Austria sono infatti due Stati separati), che ha generato in passato, e continua a generare anche oggi, una palese volontà di potenza ipercompensatoria, per il semplice motivo che in Europa, in assenza di barriere geografiche, l’impulso di coloro che parlano la stessa lingua a unirsi politicamente è irrefrenabile e inestirpabile…

…Bloccare il suddetto impulso significa renderlo ancora più forte e pervasivo, e il risultato, com’è tristemente noto, è quello di stimolare nella cultura tedesca micidiali fantasie di potenza.
La politica di Angela Merkel, ad esempio, è un’evidente politica di potenza, appena mascherata da buone maniere e da sorrisi di circostanza.»

Luigi Cocola, Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, 3° ed., 2013, lulu.com, pagg. 41-42

Vedi anche, su questo blog, questi due post:

Se lo Stato è indispensabile, bisogna non solo rigettare l’Unione Europea, ma anche attuare un’igiene politica degli Stati europei (28 dicembre 2012)

https://luigicocola.wordpress.com/2012/12/28/se-lo-stato-e-indispensabile-bisogna-non-solo-rigettare-lunione-europea-ma-anche-attuare-unigiene-politica-degli-stati-europei/

La volontà di potenza adleriana della cultura tedesca (27 febbraio 2013)

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/27/la-volonta-di-potenza-adleriana-della-cultura-tedesca/

Del resto questa volontà di potenza della Germania è dichiarata esplicitamente nell’inno nazionale tedesco, che inizia così:

“Deutschland, Deutschland über alles,
über alles in der Welt”

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/06/linno-nazionale-della-germania/

Anche un cretino capirebbe che è stato un enorme sbaglio fare della Germania il perno dell’Unione Europea.

L’ho scritto molte volte, l’élite mondialista è un’élite fuori di testa, contraria alla Ragione, anzi affetta da cretinismo europeista, e per giunta anche molto ignorante.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Le lezioni della storia di cui parla Angela Merkel

26 gennaio 2018

By Nuremberg-1-.jpg:English: Work of the United States Governmentderivative work: Beao (Nuremberg-1-.jpg) [Public domain], via Wikimedia Commons

Sai che paura

6 luglio 2015

Grexit, Merkel gela trattative: ‘Non vedo presupposti per intesa, ma tutto dipende da Atene”. Schauble chiude su debito
http://finanzaemercati.org/2015/07/06/grexit-merkel-gela-trattative-non-vedo-presupposti-per-intesa-ma-tutto-dipende-da-atene-schauble-chiude-su-debito/

Non capire la situazione

23 giugno 2015

Pochi giorni fa, Albert A. Stahel, esperto militare svizzero e direttore dell’Istituto per gli studi strategici di Wädenswil, ha espresso l’opinione che, entro pochi anni (da 1 a 5), la Germania cambierà alleato (e protettore), ossia che passerà dagli Stati Uniti d’America alla Russia di Putin.

Vedi qui:

http://it.sputniknews.com/politica/20150618/585803.html

e qui:

http://www.focus.de/politik/ausland/ukraine-krise/hinwendung-zu-russland-militaerexperte-ukraine-krise-koennte-zu-deutschem-kniefall-vor-putin-fuehren_id_4755148.html

A mio parere Stahel non ha ben compreso la situazione, ossia il catastrofico scenario nel quale oggi noi tutti viviamo (purtroppo).

Egli infatti, come si evince dall’articolo di Focus, pensa in termini di Ragione: in base ad essa è ovvio, potrei dire perfino banale, prevedere ciò che ha previsto.

Il punto nodale della situazione è però che gli attori occidentali di questo incredibile, ma reale, scenario sono mossi dall’irrazionalità più esasperata.

C’è in atto uno scontro epocale tra l’Occidente posseduto dal millenarismo, vale a dire da un’ideologia di natura religiosa, e i popoli non occidentali, i quali sono totalmente estranei ad esso.

Il primo vuole suicidarsi eliminando lo Stato, che è una necessità razionale, i secondi vogliono giustamente conservarlo e difenderlo.

Quindi tutta l’analisi di Stahel crolla, perché presuppone un dato, la razionalità degli attori occidentali, che è invece un dato totalmente inesistente.

Per approfondire vedi:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/05/il-millenarismo-e-un-meme-egoista/

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/06/il-problema-del-millenarismo/

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/21/ancora-sul-rapporto-ispi-2015/

Bisogna però dire che i militari, di qualsiasi parte del mondo siano, sono più portati dei politici all’uso della Ragione, proprio a causa del loro lavoro. Sarebbe auspicabile che essi prendessero in mano la situazione. Se non altro, almeno per impedire una guerra nucleare.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Le balle della propaganda occidentale

7 maggio 2015

Leggo sulla Stampa del 5 maggio:

“L’orso russo mostra gli artigli. In occasione del “Victory Day”, l’annuale parata militare che si tiene a Mosca ogni 9 maggio, Vladimir Putin presenterà al mondo il carro armato T-14, primo tank progettato e prodotto da Mosca dopo la dissoluzione dell’Urss…

…Il T-14 pesa 57 tonnellate, ha la torretta a controllo remoto, un sistema automatico di ricarica e un alto livello di protezione per l’equipaggio. Esperti militari russi e occidentali sostengono che è superiore a tutti gli altri carri armati. Alla sfoggio di potenza fa da contraltare l’isolamento: molti leader mondiali (Obama e la Merkel su tutti) hanno rifiutato l’invito a presenziare alla parata. Ci sarà invece il presidente cinese Xi Jinping.”

http://www.lastampa.it/2015/05/05/esteri/victory-day-putin-presenta-il-nuovo-supertank-russo-WvJtufVUkdBD61wDA7DQ2J/pagina.html

Ma come si fa a parlare di “isolamento” della Russia quando ha al fianco nientepopodimeno che la Cina?

Siamo noi occidentali ad essere isolati!

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Obama: nuovi livelli di fallimento

19 marzo 2015

L’amministrazione Obama sembra avere come scopo quello di illustrare al mondo nuovi livelli di fallimento.

L’ultimo è questo: Regno Unito, Francia, Germania e Italia hanno deciso di entrare come membri fondatori nella Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB), la banca d’investimento guidata dalla Cina.

Un vero e proprio “diplomatic disaster” per Obama, come scrive The Washington Times:

http://www.washingtontimes.com/news/2015/mar/18/obama-humiliated-as-allies-join-chinas-asian-infra/

Vedi anche qui:

http://www.formiche.net/2015/03/19/banca-sviluppo-cinese-usa-europa-italia/

e qui:

http://www.panorama.it/economia/cina-contro-usa-guerra-banca/

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Cosa siamo? Siamo nazionalisti

1 marzo 2015

Chiunque sia contrario al mondialismo è un nazionalista.

Non si deve aver paura delle parole.

“Nazionalista” non è un insulto.

Noi vogliamo conservare lo Stato, che è indispensabile, che è una necessità della Ragione.

Lo Stato è ciò che difende il popolo: un popolo senza Stato può essere aggredito da chiunque.

Può essere aggredito dai mondialisti, può essere aggredito dall’Islam in guerra.

Uscire dall’euro non ci basta.

Uscire dall’euro e mantenere immutate le attuali politiche di immigrazione è un’idiozia, perché lo Stato verrebbe spazzato via comunque.

Noi vogliamo conservare la nostra identità, la nostra cultura, i nostri valori, i nostri costumi, la nostra religione, la nostra lingua.

Noi non vogliamo morire per far piacere all’Unione Europea, alla Germania, alle banche, alla finanza internazionale, ai criminali mondialisti che stanno pugnalando alla schiena i popoli del mondo, agli islamici che ci vogliono invadere.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Era meglio Hitler

10 febbraio 2015

Guardo in televisione la Grecia ridotta in miseria.

Un popolo che discende dal miracolo greco di Platone e Aristotele, il miracolo che sta alla base della nostra civiltà, che non ha più cibo da mangiare e una casa per dormire.

Un’infamia.

Era questo il sogno europeo?

Un sogno infamante?

Era questo il sogno del vecchio Kant?

Era meglio Hitler della Merkel, almeno non era ipocrita, almeno non fingeva.

E i tedeschi non comprendono di essersi coperti d’infamia.

O forse sono felici, perché hanno ritrovato, dopo settant’anni, la loro vera essenza, la loro vera natura.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

???????????????????????

Bundesarchiv, Bild 183-H1216-0500-002 / CC-BY-SA [CC BY-SA 3.0 de], via Wikimedia Commons

Due predecessori della Merkel accusano l’Europa di aver sbagliato in Ucraina

13 maggio 2014

Due ex Cancellieri della Germania, Gerhard Schroeder ed Helmut Schmidt, hanno accusato l’Europa di aver sbagliato in Ucraina.

Leggo da un articolo di Guglielmo Sano pubblicato ieri da Termometro Politico, intitolato Ex cancelliere Schroeder difende Putin: “crisi in Ucraina per colpa dell’Europa”:

«Se il governo tedesco si mostra critico nei confronti della Russia sulla questione ucraina, ci pensa l’ex cancelliere Schroeder a intervenire in favore dell’amico Putin. Come già qualche mese fa aveva fatto un altro personaggio politico tedesco apprezzatissimo in patria e suo compagno di partito, ovvero l’ex primo ministro socialdemocratico Helmut Schmidt, Schroeder accusa l’Europa di aver sbagliato sin dall’inizio in Ucraina, sin dalle proteste di Maidan che ora sembrano così lontane ma da cui tutte le drammatiche scene di guerra civile degli ultimi tempi traggono origine.

“Le cause originarie della crisi in Ucraina sono di responsabilità dell’Ue non della Russia” – così dice Schroeder intervistato dalla rivista Welt am Sonntag, dopo che la foto dell’abbraccio con Putin alla sua festa di compleanno aveva destato scalpore dalle parti di Berlino – “l’errore base fu nella politica di associazione condotta dalla Ue. La Ue ha ignorato che l’Ucraina è un paese culturalmente diviso in profondità: da sempre a sud e a est si sono orientati verso la Russia, all’Ovest verso la Ue. Proporre un aut-aut, o associazione con la Ue o unione doganale con la Russia, è stato l’errore originario”.

Vabene, ma allora il “corrotto” Yanukovich? Il presidente rovesciato sarà stato corrotto ma “era stato eletto attraverso libere elezioni” risponde Schroeder…».

http://www.termometropolitico.it/118256_schroeder-ucraina-colpa-europa.html?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=schroeder-ucraina-colpa-europa

Per quanto riguarda Helmut Schmidt, vedi un articolo precedente di Guglielmo Sano, nel quale è riportato:

«La Germania dovrebbe attuare una politica “cauta” nei confronti della Russia – questo il pensiero dell’ex cancelliere – soprattutto perché le sanzioni decise da USA e UE “sono una stupidaggine. Specialmente il divieto di viaggio in Occidente per alte personalità della leadership russa. E sanzioni economiche colpirebbero l’Occidente come i russi”.»

http://www.termometropolitico.it/110495_cancelliere-schmidt-una-terza-guerra-mondiale-e-inverosimile-ma-non-impensabile.html

Così sono state definite da Helmut Schmidt le sanzioni contro la Russia decise dalla Merkel e da Obama: “una stupidaggine”!

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Chi è a contatto con la realtà? Chi è dal lato giusto della storia?

4 marzo 2014

Frau Merkel ha detto ad Obama che Putin non è più a contatto con la realtà.

Vedi infatti quest’articolo pubblicato dal Corriere della Sera il 3 marzo 2014:

Crimea, Mosca smentisce l’ultimatum
Obama: «Putin dal lato sbagliato della storia»

MERKEL– E mentre la diplomazia internazionale cerca una mediazione, secondo la «Bild »on line una Angela Merkel «estremamente irritata» con Vladimir Putin ha detto al presidente Barack Obama di «non esser sicura» che Putin «abbia ancora contatto con la realtà». Secondo un articolo del «New York Times» che cita fonti ufficiali Usa, la Cancelliera tedesca ha detto che Putin «Vive in un altro mondo».”

http://www.corriere.it/esteri/14_marzo_03/ucraina-non-cedera-mai-crimea-567931aa-a2c2-11e3-b600-860f014e2379.shtml

Le parole di Frau Merkel esprimono eloquentemente il delirio in cui è caduto l’Occidente.

È a contatto con la realtà Angela Merkel, la Cancelliera che ha distrutto con l’Euro le economie di quasi tutti i paesi dell’Unione Europea?

Chiedetelo a Paul Krugman se Frau Merkel è a contatto con la realtà.

Chiedetelo a quel terzo di italiani che è a rischio povertà se Frau Merkel è a contatto con la realtà.

È a contatto con la realtà l’Unione Europea, l’unione di folli che cerca di sottrarre l’Ucraina alla sfera di influenza russa, non sapendo neanche dove trovare il denaro per aiutare questo paese in preda a una gravissima crisi economica (mentre la Russia ha i mezzi e la volontà di aiutarlo)?

Vedi qui:

http://www.repubblica.it/economia/2014/02/27/

news/ucraina_bilanci_squilibri_ricchezza-79751766/

È a contatto con la realtà quest’unione di folli che cerca di sottrarre alla Russia la sua indispensabile base navale militare di Sebastopoli, senza capire che ciò non potrà che portare inevitabilmente alla guerra?

Vedi qui:

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/interessi-russi-in-crimea-f893d373-d520-4c82-ae66-c7a0c935c9ce.html

e qui:

http://www.ansa.it/web/notizie/photostory/primopiano/2014/03/01/Crimea-irrinunciabile-Mosca_10165729.html

e qui:

http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2014/3/1/UCRAINA-e-CRIMEA-Castagnetti-la-Russia-e-pronta-alla-guerra/474356/

E Obama non è da meno della Merkel.

Nel suddetto articolo del Corriere della Sera possiamo infatti leggere:

“Dure le parole del presidente Usa Obama secondo cui, schierando l’esercito in Ucraina, la Russia si è messa «dal lato sbagliato della storia».”

Una Cancelliera tedesca che ha distrutto le economie di quasi tutta l’Europa e un Presidente USA che ha nullificato la leadership americana nel mondo pensano di essere a contatto con la realtà e di essere dal lato giusto della storia.

Questa è la tragica situazione attuale dell’Occidente.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.