Posts Tagged ‘giulietto chiesa’

Il mondialismo è una psicosi religiosa collettiva

26 ottobre 2016

Il mondialismo (in inglese globalism, in francese mondialisme) è il nostro “Nightmare of Moloch”.

Capirlo bene, analizzarlo bene, è essenziale.

Molti, non capendo di quale natura sia il mostro, il cancro che ci minaccia, pensano che la vittoria elettorale di Hillary Clinton (l’alfiere del mondialismo) non implichi una guerra nucleare tra NATO e Russia, pensano incredibilmente che con la guerrafondaia Hillary Clinton sia possibile la pace tra Occidente e il resto del genere umano, argomentando che la guerra nucleare è contro la Ragione.

Un esempio di questi è Giulietto Chiesa, come ho riportato in un post precedente:

«A Giulietto Chiesa sfugge evidentemente la totale irrazionalità del mondialismo, il suo essere totalmente contro la Ragione e la Weltanschauung scientifica, come ho più e più volte spiegato.»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/10/16/la-russia-avverte-gli-americani-votate-trump-o-guerra-nucleare/

La verità è che il mondialismo è una psicosi religiosa collettiva.

Nella storia si trovano altri casi di psicosi religiosa collettiva, p.e. la caccia alle streghe.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

La Russia avverte gli americani: votate Trump o guerra nucleare

16 ottobre 2016

Leggo su wallstreetitalia.com quest’articolo del 13 ottobre 2016:

Alleato Putin agli americani: “Votate Trump o sarà catastrofe nucleare”

«In un’intervista alla Reuters, Zhirinovski, che è anche vicepresidente della Duma di Stato, ha usato toni durissimi:

Gli americani che voteranno l’8 novembre per il presidente devono capire che stanno votando per la pace sul pianeta terra, se votano Trump. Ma se votano Hillary, sarà guerra. E sarà una guerra breve: ci saranno Hiroshima e Nagasaki ovunque”, ha detto il politico, minacciando una catastrofe nucleare.»

http://www.wallstreetitalia.com/news/leader-politico-russo-agli-americani-votate-trump-o-sara-catastrofe-nucleare/

Infatti la Reuters ha pubblicato il 12 ottobre:

Putin ally tells Americans: vote Trump or face nuclear war

«”Relations between Russia and the United States can’t get any worse. The only way they can get worse is if a war starts,” said Zhirinovsky, speaking in his huge office on the 10th floor of Russia’s State Duma, or lower house of parliament.

“Americans voting for a president on Nov. 8 must realize that they are voting for peace on Planet Earth if they vote for Trump. But if they vote for Hillary it’s war. It will be a short movie. There will be Hiroshimas and Nagasakis everywhere”…

…Though Putin and Trump have never met, Zhirinovsky said he believed they could establish a close working relationship, adding: “Victory for Trump would be a gift to humanity. But if Hillary Clinton wins it will be the last U.S. president ever.”»

http://www.reuters.com/article/us-usa-election-russian-trump-idUSKCN12C28Q

Leggo però su intelligonews.it quest’articolo del 13 ottobre:

Giulietto Chiesa svela: “Macchè guerra mondiale, è una strategia dell’Occidente per nascondere la vera sconfitta”

«“L’idea di un conflitto mondiale può venire in mente solo a dei dementi”. “E’ l’Occidente che sta facendo un grande fragore e rumore di spade perché vuole nascondere la sua fondamentale sconfitta politica e militare. Sta fallendo il disegno del Pentagono e della Cia di riaffermare il loro dominio su scala planetaria. La sconfitta subìta dall’Occidente è la sconfitta in Siria”. Analisi senza sconti che Giulietto Chiesa, giornalista, scrittore ed esperto di scenari geopolitici, argomenta nella conversazione con Intelligonews sui “venti di guerra” tra Washington e Mosca.

La Russia sta preparando la guerra? Si parla di scorte, di rifugi anti-atomici: siamo davvero a un passo dal conflitto mondiale e potrebbe accadere dopo le elezioni americane?

“L’idea di un conflitto mondiale può venire in mente solo a dei dementi. Porre il problema di un conflitto mondiale nel corso dei prossimi mesi, significa automaticamente dire che alla guida dell’Occidente ci sono dei dementi…»

http://www.intelligonews.it/articoli/13-ottobre-2016/50007/usa-russia-guerra-scorte-rifugi-anti-atomici-giulietto-chiesa-svela-macche-guerra-mondiale-e-una-strategia-dell-occidente-per-nascondere-la-vera-sconfitta

Perché, cos’altro sono coloro che guidano l’Occidente se non dementi?

Cos’altro sono l’Unione Europea e l’euro se non progetti ideati da dementi?

Cos’altro è il progetto di eliminare lo Stato (che è una necessità razionale, un universale culturale, come ho più e più volte spiegato) se non un progetto ideato da dementi?

A Giulietto Chiesa sfugge evidentemente la totale irrazionalità del mondialismo, il suo essere totalmente contro la Ragione e la Weltanschauung scientifica, come ho più e più volte spiegato.

La verità, come ho scritto in un precedente post, è che è difficile accettare tutto questo:

«Insomma, dovremmo accettare che l’élite dell’Occidente, vale a dire la crème de la crème dell’umanità, è stata ed è costituita, a partire dalla fine della seconda guerra mondiale, da emeriti imbecilli (o fanatici religiosi, è lo stesso)…»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/10/07/cio-che-e-difficile-accettare/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Con l’Ucraina l’Occidente ha gettato la maschera

18 marzo 2014

Con la vicenda dell”Ucraina è accaduto un fatto nuovo: l’Occidente è passato platealmente dalla parte del torto, per il semplice e incontrovertibile motivo che il Presidente dell’Ucraina Viktor Yanukovych era stato eletto con libere e democratiche elezioni, sulle quali nessuno a suo tempo aveva avuto nulla da ridire.

Ciò è sottolineato da fonti molto differenti fra loro.

Ecco cosa scrive giustamente Giulietto Chiesa:

“D’ora in poi dobbiamo sapere che non c’è più difesa legale contro l’eversione organizzata dall’esterno contro un qualsiasi paese. Valga come lezione. Dunque, riassumendo: se una massa di scontenti (giustificatamente) assalta i palazzi del potere di un qualsiasi paese, li brucia e li conquista, deve essere esaltata e lodata.

Questo è quanto è avvenuto nei giorni scorsi a Kiev, Ucraina. L’Occidente, unanime, ha esaltato un colpo di Stato violento e sanguinoso, cercando di dipingere un presidente regolarmente eletto come un “dittatore”, magari anche “sanguinario”. Ma questo non cambia il quadro, sia di fronte alla storia, che alla cronaca.

Da questo momento in avanti dobbiamo tutti sapere che non c’è più alcuna difesa legale contro l’eversione organizzata dall’esterno contro un qualsiasi paese. Valga come lezione per tutti.”

http://www.ticinolive.ch/2014/03/11/crisi-ucraina-unopinione-da-sinistra/

Ed ecco cosa scrive giustamente Massimo Fini:

“Sappiamo che la storia dell’Ucraina è particolare. Nondimeno la cacciata con la violenza delle armi del presidente Yanukovich, di cui è stata richiesta anche l’incriminazione davanti al Tribunale internazionale dell’Aja, pone delle importanti questioni di principio. Finora per le democrazie occidentali era pacifico che una rivolta armata della popolazione fosse legittima quando era contro un dittatore, come è avvenuto in Tunisia con Ben Alì, in Egitto con Mubarak, in Libia con Gheddafi (anche se, per la verità, in questo caso più che il popolo furono i missili francesi a cacciare il rais di Tripoli). Ma Yanukovich era arrivato al potere democraticamente nel 2010 col 51,8% dei voti, in elezioni che erano state considerate regolari anche da quell’Occidente che deve sempre ficcare il naso dappertutto. Eppure in Ucraina l’Occidente si è schierato dalla parte della piazza e di una rivolta armata estremamente violenta (quando si sequestrano una sessantina di poliziotti si è fuori da qualsiasi manifestazione, per quanto dura, espressa democraticamente) e contro il presidente che aveva dalla sua il suffragio della maggioranza e che ha reagito con altrettale, e forse anche maggiore, violenza. Finchè Yanukovich, sotto le pressioni della piazza e dell’Occidente, è stato costretto a fuggire.

Ebbene se vale in principio affermato dall’Occidente in Ucraina, e cioè che anche un regime democraticamente eletto può essere legittimamente rovesciato con la violenza, non si vede perchè non possa essere applicato anche in Italia.”

http://www.massimofini.it/articoli/da-yanukovich-a-grillo

Il punto è che con l’Ucraina l’Occidente ha gettato la maschera.

Infatti esso è attualmente guidato dal folle progetto internazionalista di David Rockefeller, di cui ho scritto più volte nei post precedenti, progetto il quale, fra l’altro, ha prodotto il disastro europeo.

Questo progetto internazionalista è un’ideologia antistato, che non si fermerà davanti a niente per cercare di conseguire il suo scopo: eliminare dalla faccia della terra lo Stato.

Ecco perché l’Occidente deve attaccare prima la Russia e poi la Cina: esse sono le uniche grandi potenze che possano ostacolarlo nel suo folle progetto di eliminazione dello Stato.

Inoltre occorre sottolineare due aspetti dell’internazionalismo di David Rockefeller:

1) esso non è un complotto, in quanto non si tratta di un segreto, basta leggere l’autobiografia di David Rockefeller (David Rockefeller, Memoirs, Random House, 2003), disponibile anche su Amazon, e andare sul sito del Gruppo Bilderberg:

http://www.bilderbergmeetings.org/governance.html

La segretezza è un elemento necessario del “complotto”, vedi le seguenti definizioni della Treccani:

complòtto s. m. [dal fr. complot, di etimo incerto]. – Cospirazione, congiura, intrigo ai danni delle autorità costituite o (meno com., e solo in senso estens. e fig.) di persone private…”

http://www.treccani.it/vocabolario/complotto/

cospirazióne s. f. [dal lat. conspiratio -onis, der. di conspirare «cospirare»]. – 1. Unione segreta di più persone che s’accordano per conseguire uno scopo comune, per lo più di natura sovversiva, contro lo stato, le sue istituzioni, o in genere contro chi detiene il potere…”

http://www.treccani.it/vocabolario/tag/cospirazione/

congiura s. f. [der. di congiurare]. – Patto segreto, e per lo più confermato da giuramento, fra persone che s’accordano a rovesciare l’ordinamento di uno stato e chi lo rappresenta…”

http://www.treccani.it/vocabolario/tag/congiura/

2) esso è l’ennesimo esempio di millenarismo cristiano, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/02/14/linternazionalismo-di-rockefeller-e-un-millenarismo/

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.