Posts Tagged ‘giulio sapelli’

L’ignoranza ci sta sommergendo II

19 giugno 2013

Circa un anno fa ho scritto un post sull’ignoranza che ci sta sommergendo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/07/10/lignoranza-ci-sta-sommergendo-2/

Oggi scriverò di un’altra perla, opera questa volta di Giulio Sapelli:

“La Germania, come ben aveva visto il grande Federico Engels in Po und Rhein, sorge dalla spada d’acciaio degli Junker prussiani che sono gli eredi delle tribù germaniche descritte da Tacito («adorano gli alberi, spezzano il pane con i denti…») che fermarono Roma al vallo di Adriano e cambiarono così la storia d’Europa e del mondo, ponendo di fatto le basi storico-concrete per l’avvento del nazismo secoli e secoli dopo.”

http://www.linkiesta.it/italia-mario-monti

Chi è Giulio Sapelli? Wikipedia ci informa che:

“Giulio Sapelli (Torino, 1947) è uno storico ed economista italiano…

…È attualmente professore ordinario di Storia Economica presso l’Università degli Studi di Milano, dove insegna anche Analisi Culturale dei Processi Organizzativi. È collaboratore del Corriere della Sera e de Il Sussidiario.net.”

http://it.wikipedia.org/wiki/Giulio_Sapelli

Il bello è che più d’uno ha avvertito Sapelli che il “vallo di Adriano” non si trova in Germania (vedi ad esempio con la funzione “trova” del browser i termini “Adriano” e “Tacito” nella pagina web suddetta), ma lui niente, non ha cambiato una virgola.

Per un’analisi razionale del carattere, per così dire, aggressivo del popolo tedesco (intendo per popolo tedesco l’insieme di individui che parlano il tedesco come lingua madre), vedi invece questi miei due post:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/12/28/se-lo-stato-e-indispensabile-bisogna-non-solo-rigettare-lunione-europea-ma-anche-attuare-unigiene-politica-degli-stati-europei/

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/27/la-volonta-di-potenza-adleriana-della-cultura-tedesca/

Del resto Wikipedia alla voce “Impero romano” giustamente recita:

“Nella sua massima espansione, l’Impero si estendeva, in tutto o in parte sui territori degli odierni stati di: Portogallo, Spagna, Andorra, Francia, Monaco, Belgio, Paesi Bassi (regioni meridionali), Regno Unito (Inghilterra, Galles, parte della Scozia), Lussemburgo, Germania (regioni meridionali e occidentali), Svizzera, Austria, Liechtenstein, Ungheria, Italia…[il corsivo è mio]”.

http://it.wikipedia.org/wiki/Impero_romano

La stessa Vienna fu costruita dagli antichi romani. Si chiamava Vindobona, vedi qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/Vindobona

L’Austria “Fu conquistata da Romani e per secoli fece parte dell’Impero Romano”:

http://it.wikipedia.org/wiki/Austria

È appena il caso di ricordare che Hitler era austriaco.

Come si può quindi ipotizzare (senza parlare poi del Vallo di Adriano) che l’attuale aggressività del popolo tedesco sia causata dal fatto che esso non fu civilizzato dagli antichi romani? Lo fu, eccome.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La ragione e la paura

20 gennaio 2013

Da un post trovato in rete:

«Per quanto io ritenga che sia assolutamente necessario uscire dalla trappola dell’euro prima che ci cada addosso, mi fa paura che sia una forza populista di destra a usare l’argomento.»

http://robuz.wordpress.com/2013/01/18/se-la-cosa-non-vi-piace-non-so-che-farci/

Mi rivolgo all’autore del post, che dimostra di saper ragionare e di essere ben informato: ma lei chi vuole che ci faccia uscire dalla trappola dell’euro? Il PD, che è proprio il partito dell’euro, come ha sottolineato Bersani in persona?

Ecco una sua recente dichiarazione:

«La prima cosa che intendo dire all’Italia e all’Europa è che noi siamo quelli dell’euro [il corsivo è mio], siamo quelli dei governi Prodi, Amato, D’Alema che fecero fede in condizioni difficili a tutti i patti internazionali, europei e occidentali, che siamo quelli di Ciampi e Padoa-Schioppa».

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-08-09/fedeli-europa-rigore-industria-063619.shtml?uuid=Abu5giLG

Se si sa ragionare, non bisogna aver paura delle conseguenze dei propri ragionamenti.

E per quanto riguarda il pericolo di una guerra europea causata dalla Germania (intendo una guerra vera, non una guerra economica: quest’ultima è già in corso), si tranquillizzi. Oggi non può accadere, perché il Regno Unito e la Francia sono potenze nucleari, mentre la Germania non lo è. E diventare una potenza nucleare non è cosa che si possa fare in poco tempo e in segreto. Dell’Italia, poi, mi creda, non è neanche il caso di parlarne. Noi italiani non abbiamo alcuna vocazione bellica.

Preoccupa anche me, invece, la frase di Giulio Sapelli che lei riporta:

«Gli Usa, dal canto loro, non sanno che fare. Obama pare aver abbandonato del tutto il ruolo d’interprete e difensore in ultima e suprema istanza dei destini dell’Occidente, essenziale per la giustificazione storica degli Usa nel legame transatlantico.»

Sia perché (se l’opinione di Sapelli fosse aderente alla realtà, questo non lo so) noi europei saremmo abbandonati a noi stessi, sia per via delle eventuali cantonate che gli americani potrebbero prendere intervenendo in Europa mentula canis, come fecero, ad esempio, alla Conferenza della pace di Parigi nel 1919 con Woodrow Wilson.

Dividere il territorio della Germania in due parti tramite il Corridoio di Danzica – una cosa da pazzi, peggio di uno sputo in faccia – fu precisamente la causa della seconda guerra mondiale. È corretto affermare che Wilson fu causa sia della seconda guerra mondiale (con la creazione del Corridoio di Danzica), sia del fascismo, perché senza il suo indegno comportamento verso la delegazione italiana alla Conferenza della pace di Parigi (la quale, umiliata a morte, abbandonò addirittura la Conferenza), non ci sarebbe mai stata l’Impresa di Fiume da parte di D’Annunzio e quindi non sarebbe mai nato il fascismo di Mussolini. E senza Mussolini, Hitler è impensabile. È assai difficile trovare nella storia un individuo che abbia causato più danni di Woodrow Wilson. È molto probabile che egli avesse tendenze sadiche. A riprova del fatto che il premio Nobel per la pace è una buffonata, gliene fu assegnato uno proprio nel 1919.

P.S.: Per chi sia convinto che le rivendicazioni italiane alla Conferenza della pace di Parigi fossero in realtà illegittime, riporto il giudizio di un grandissimo storico inglese, Alan J.P. Taylor.

“La politica americana avrebbe contato meno se le grandi potenze europee fossero state di un solo avviso. Francia, Gran Bretagna e Italia costituivano una coalizione formidabile, nonostante la svalutazione che se ne fece dopo. Avevano retto contro la Germania, pur non riuscendo a sconfiggerla. L’Italia era la più debole delle tre, sia per risorse economiche che per coerenza politica; si era inoltre estraniata dai suoi alleati per il risentimento di non aver avuto la giusta parte delle spoglie belliche: non le era stata data la sua fetta di Impero ottomano, e fu poi gabbata, dopo molte lagnanze, con insignificanti concessioni coloniali. [il corsivo è mio]”

(Alan J.P. Taylor, Le origini della seconda guerra mondiale, Laterza, 2006, pag. 60)

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.