Posts Tagged ‘grecia’

Due articoli di Sputnik sulla data dell’Apocalisse

5 ottobre 2018

Leggo su Sputnik, la nota agenzia di stampa russa, i due seguenti articoli.

a) Trovata una profezia sinistra negli scritti di Newton (27 settembre 2018)

«Il famoso scienziato inglese Isaac Newton [il neretto è mio] in una delle sue opere predisse l’apocalisse. Il fisico, in particolare, scrisse che non più tardi del 2060 l’universo avrebbe visto un “nuovo inizio”. Lo riporta il Daily Star.

Nel suo lavoro Newton analizzò i testi della Bibbia. Credeva che nel libro più importante del mondo, ci fossero delle previsioni criptate sul futuro. Lo scienziato ha firmato questo lavoro come Jehovah Sanctus Unus.

Un ricercatore ed esperto di Newton, l’astronomo e blogger austriaco Florian Freistetter, è giunto alla conclusione che lo scienziato inglese è stato in grado di calcolare la data dell’apocalisse. In particolare, Newton era fiducioso che la fine del mondo potesse accadere più tardi del tempo previsto da lui, ma non prima. Allo stesso tempo, il ricercatore dice che il fisico non aveva dubbi che dopo questo evento il nostro pianeta sarebbe diventato “la casa di Dio” [il neretto è mio]

https://it.sputniknews.com/mondo/201809276551872-profezia-sinistra-scritti-newton/

b) Pastore trova nella Bibbia la data dell’apocalisse e il ruolo che avrà la Russia (4 ottobre 2018)

«Il dottor Kenton Beshor, deceduto nel 2016, era presidente della World Bible Society [che ha sede in California, nota mia] e ha dedicato parte della sua carriera a cercare i significati segreti del Vangelo.

Gli appunti di Beshor sono stati recentemente resi pubblici. Stando agli scritti del pastore, la prima fase della fine del mondo inizierà nel 2021 e terminerà con la venuta di Gesù Cristo [il neretto è mio] nel 2028. Beshor arrivò a questa conclusione quando trovò nel testo una predizione di due guerre mondiali e la creazione di Israele.»

https://it.sputniknews.com/mondo/201810046586738-pastore-data-apocalisse-russia/

I due suddetti articoli di Sputnik avvalorano la mia tesi che l’Occidente sia da tempo in preda a un delirio culturale di origine religiosa (1).

Perfino il grande Isaac Newton ne era affetto (ne avevo già accennato in precedenza, 2).

Questo delirio culturale ha prodotto le ideologie antistato di tipo filosofico (Teoria unificata delle ideologie antistato, 3), delle quali l’ultima, e la più letale di tutte (4), è il mondialismo, l’ideologia recentemente rigettata all’ONU da Donald Trump (5).

Questo delirio culturale ha origine nell’Apocalisse di Giovanni, come scrivo da tempo (6).

Il mondo protestante è severamente colpito da questo delirio culturale, perché è caratteristica fondamentale della Riforma la rivendicazione del libero esame personale della Bibbia, dimodoché quello che ho chiamato “filtro interpretativo agostiniano” (7, 8), cioè l’interpretazione allegorica dell’Apocalisse di Giovanni proposta da Agostino d’Ippona dopo il Sacco di Roma da parte dei Visigoti, viene ovviamente a cadere.

Anche il mondo cattolico è colpito da questo delirio culturale, sebbene in misura notevolmente minore rispetto a quello protestante.

Invece il Cristianesimo orientale, cioè ortodosso, grazie al cesaropapismo introdotto da Costantino il Grande, è completamente immune a esso (7, 8, 9).

Per quanto riguarda l’eccezione costituita dalla Grecia, come ho scritto in un vecchio post:

«Anche il popolo greco fa parte del Cristianesimo orientale, ma tale popolo venne cooptato dall’Occidente, perché quest’ultimo giustamente vide nella Grecia antica la culla del pensiero occidentale: così lo Stato greco venne creato nell’Ottocento soprattutto ad opera delle grandi potenze occidentali e il popolo greco, fortemente imbevuto di cultura occidentale, si comporta oggi come un popolo dell’Occidente.» (10)

———-

1) Luigi Cocola, Il mondialismo è un delirio culturale, 2° ed., lulu.com, 2018

2) Le solenni cretinate di Stephen Hawking sul mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2016/12/17/le-solenni-cretinate-di-stephen-hawking-sul-mondialismo/

3) Luigi Cocola, La teoria unificata delle ideologie antistato e altri discorsi politici, 6° ed., lulu.com, 2018

4) Perché il mondialismo durerà meno del comunismo

https://luigicocola.wordpress.com/2016/03/07/perche-il-mondialismo-durera-meno-del-comunismo/

5) Donald Trump: “We reject the ideology of globalism”

https://luigicocola.wordpress.com/2018/09/26/donald-trump-we-reject-the-ideology-of-globalism/

6) Vedi per esempio:

Le tappe principali della genesi storica del mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/07/28/le-tappe-principali-della-genesi-storica-del-mondialismo/

7) L’Apocalisse di Giovanni, il millenarismo e il mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2017/12/19/lapocalisse-di-giovanni-il-millenarismo-e-il-mondialismo/

8) Luci e ombre del pensiero di Renaud Camus sul mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/02/10/luci-e-ombre-del-pensiero-di-renaud-camus-sul-mondialismo/

9) Ho sognato una gara di chef

https://luigicocola.wordpress.com/2018/05/06/ho-sognato-una-gara-di-chef/

10) Il disastro europeo e l’inconscio collettivo dell’Occidente

https://luigicocola.wordpress.com/2015/07/20/il-disastro-europeo-e-linconscio-collettivo-delloccidente/

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il disastro europeo e l’inconscio collettivo dell’Occidente

20 luglio 2015

La causa del disastro europeo si trova nell’inconscio collettivo dell’Occidente.

È qui che è depositato l’antico imperativo cristiano (dell’Apocalisse di Giovanni) di distruggere lo Stato romano, di distruggere la Roma delle persecuzioni cristiane.

Tale imperativo inconscio agisce sulla coscienza degli occidentali: così sono nate le ideologie antistato quali l’anarchismo, il comunismo, l’europeismo, il multiculturalismo, il mondialismo e così nasce l’adesione popolare a tali ideologie.

Infatti il francese Proudhon, l’ideatore dell’anarchismo, era cristiano e così anche gli ideatori del comunismo, i tedeschi Marx ed Engels.

Karl Marx fu battezzato all’età di sei anni, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/24/di-quale-religione-era-karl-marx/

Poiché lo Stato, come ho mostrato più volte, è una necessità razionale, una necessità della Ragione, eliminarlo vuol dire andare incontro al disastro.

Infatti lo Stato è un universale culturale (come p.e. il tabù dell’incesto e i riti funebri): esso serve a gestire il potere della forza fisica (l’esercito e la legge), ossia, come scrisse Hobbes, serve a difendere il popolo dall’aggressione di stranieri e dai torti reciproci.

Senza Stato, inoltre, non può ovviamente esserci lo stato sociale, il welfare state.

Nel Cristianesimo orientale l’imperativo cristiano di distruggere lo Stato romano venne annullato dalla geniale invenzione di Costantino il Grande: la subordinazione della Chiesa al Principe, ossia allo Stato, ciò che prende il nome di cesaropapismo.

Così nell’inconscio collettivo dei russi non c’è l’imperativo cristiano di distruggere lo Stato.

Anche il popolo greco fa parte del Cristianesimo orientale, ma tale popolo venne cooptato dall’Occidente, perché quest’ultimo giustamente vide nella Grecia antica la culla del pensiero occidentale: così lo Stato greco venne creato nell’Ottocento soprattutto ad opera delle grandi potenze occidentali e il popolo greco, fortemente imbevuto di cultura occidentale, si comporta oggi come un popolo dell’Occidente.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Sai che paura

6 luglio 2015

Grexit, Merkel gela trattative: ‘Non vedo presupposti per intesa, ma tutto dipende da Atene”. Schauble chiude su debito
http://finanzaemercati.org/2015/07/06/grexit-merkel-gela-trattative-non-vedo-presupposti-per-intesa-ma-tutto-dipende-da-atene-schauble-chiude-su-debito/

Cosa sono Tsipras e Varoufakis?

19 febbraio 2015

Leggiamo questo brano dell’intervista di Giacomo Russo Spena a Emiliano Brancaccio, intitolata Brancaccio: “L’eurozona? Insostenibile. Tsipras valuti anche l’uscita dall’euro” e pubblicata il 13 gennaio su MicroMega:

«Ma nel progetto di Syriza non è prevista l’uscita dall’euro…

Soprattutto in tema di moneta, ciò che una forza politica dichiara in campagna elettorale vale solo fino a un certo punto. Fare propaganda sull’uscita da un regime monetario espone ad attacchi speculativi. Ecco perché la storia offre moltissimi esempi di leader politici che prima giurano fedeltà all’assetto monetario vigente ma poi lo abbandonano senza troppo indugio.»

http://temi.repubblica.it/micromega-online/brancaccio-%E2%80%9Cl%E2%80%99eurozona-insostenibile-tsipras-valuti-anche-l%E2%80%99uscita-dall%E2%80%99euro%E2%80%9D/

Lo stessa domanda è stata fatta a Diego Fusaro nell’intervista di Andrea De Angelis, intitolata Grecia-Ue, Fusaro: “Putin con Tsipras? Allora c’è speranza, ecco cosa accadrebbe” e pubblicata il 6 febbraio su IntelligoNews:

«Il suo [di Tsipras] programma non prevedeva l’uscita dall’euro…

“Sì, ma potrebbe essere che non l’abbia messo nel programma per fare in modo di essere costretto dai suoi avversari a farlo. Non ne sono sicuro ovviamente, ma potrebbe dire di aver fatto di tutto per restare nell’euro, ma non avendo ricevuto ascolto è stato costretto ad uscire. La stessa tattica che usano gli Stati Uniti quando decidono di bombardare un Paese”.»

http://www.intelligonews.it/grecia-ue-fusaro-putin-con-tsipras-allora-ce-speranza-ecco-cosa-accadrebbe/

La pensavo anche io così: c’era quindi la ragionevole possibilità che Tsipras e Varoufakis avessero un piano B.

Del resto, non ci si sbilancia così tanto come hanno fatto i due suddetti («”La Grecia non firmerà un’estensione del programma di aiuti. Nemmeno con una pistola puntata alla tempia”», http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/tsipras-avverte-la-ue-non-accettiamo-minacce-alla-nostra-democrazia-_2096136-201502a.shtml ), per poi rimangiarsi tutto.

Altrimenti si fa una gran brutta figura.

Perché, in tal caso, delle due l’una: o si è grandi attori, o si è…molto stupidi.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Tsipras: il piano B, adesso!

17 febbraio 2015

Come era facilmente prevedibile, l’Unione Europea ha risposto picche alle richieste di Tsipras e del suo ormai mitico Ministro delle Finanze, Varoufakis, l’economista che sembra uscito dritto dritto da Pulp Fiction di Tarantino.

Vedi qui:

http://it.euronews.com/2015/02/16/bruxelles-atene-dice-no-alla-proposta-inaccettabile-dell-eurogruppo/

Adesso quello che molti stavano aspettando, il piano B di Tsipras e di Varoufakis, dovrà venire fuori.

Che un piano B debba esistere sembra logico, vedi per esempio qui:

http://contropiano.org/articoli/item/28856

Con la speranza mia personale che questo piano B esista davvero e che corrisponda perfettamente allo strano e inquietante sorriso di Varoufakis.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

CRC_3299

By Jfgoulon (Own work)  CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Era meglio Hitler

10 febbraio 2015

Guardo in televisione la Grecia ridotta in miseria.

Un popolo che discende dal miracolo greco di Platone e Aristotele, il miracolo che sta alla base della nostra civiltà, che non ha più cibo da mangiare e una casa per dormire.

Un’infamia.

Era questo il sogno europeo?

Un sogno infamante?

Era questo il sogno del vecchio Kant?

Era meglio Hitler della Merkel, almeno non era ipocrita, almeno non fingeva.

E i tedeschi non comprendono di essersi coperti d’infamia.

O forse sono felici, perché hanno ritrovato, dopo settant’anni, la loro vera essenza, la loro vera natura.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

???????????????????????

Bundesarchiv, Bild 183-H1216-0500-002 / CC-BY-SA [CC BY-SA 3.0 de], via Wikimedia Commons

Una modesta proposta

17 febbraio 2013

Leggo sul Fatto Quotidiano che ci sono, nonostante i ben noti vantaggi offerti dall’euro e dall’Unione Europea, grossi problemi economici in Grecia.

Vedi qui:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/13/grecia-multinazionali-fanno-affari-ma-tagliano-stipendi-e-indennita/496224/

e qui:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/13/allarme-grecia-silenzio-e-bufale-dei-media/497979/

Avanzo una modesta proposta: per evitare che la povera gente greca sia un peso per l’Unione Europea e per renderla invece un beneficio per quest’ultima.

Reintroduciamo la schiavitù, che del resto era la norma nelle culture antiche, anche tra i greci e i romani dell’antichità.

Erano forse incivili Platone e Aristotele? Cicerone e Giulio Cesare?

Niente affatto.

Possiamo quindi ritornare ai costumi degli antichi e risolvere così tutti gli attuali problemi economici dei poveri dell’Unione Europea, ad iniziare dai greci, ma potendo senz’altro estendere questa mia modesta proposta anche agli spagnoli, agli italiani, agli irlandesi, ecc. ecc.

Gli schiavi saranno venduti alla Germania, che provvederà a smistarli ove occorrano: nelle fabbriche, nelle case private, nei campi di concentramento.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Uno strozzino non avrebbe detto diversamente

24 agosto 2012

«Merkel: vorrei Atene restasse nell’euro

‘Faro’ di tutto perche’ possa mantenere gli impegni’»

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2012/08/24/Merkel-vorrei-Atene-restasse-euro_7374212.html

Che significa precisamente “strozzino”?

Vediamo il Wikizionario:

«Sostantivo

strozzino m (pl: strozzini)

1. chi dà danaro a forte interesse

2. persona disonesta che briga per ricavare da ogni affare la maggior somma possibile

Sillabazione

stroz | zì | no

Pronuncia

IPA (alfabeto fonetico internazionale): /strot’tsino/

Etimologia / Derivazione

derivato dal verbo strozzare

Sinonimi

  1. (chi dà danaro…) cravattaro, usuraio
  2. (persona disonesta…) approfittatore »

http://it.wiktionary.org/wiki/strozzino

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.