Posts Tagged ‘greta thunberg’

I trichechi suicidi di David Attenborough, l’ennesima menzogna dei globalisti sul climate change

8 novembre 2019

Leggo su RT un articolo di Helen Buyniski (6 novembre 2019):

You’ve been lied to: Walrus suicide NOT caused by climate change as Attenborough story quietly revised. What else is a lie?

«Footage of walruses driven to suicide by climate change broke the world’s heart last year, only for the story to be quietly revised. But if media lied about walrus suicides, what else are they lying about?

Renowned nature documentarian David Attenborough probably converted a few climate skeptics with his heartrending footage of walruses, their habitat decimated by climate change, throwing themselves off cliffs in despair in the 2018 Netflix documentary Our Planet.

Unfortunately, the story was untrue. Walruses regularly take to the water as part of their seasonal migration, and some plummet to their doom in their hurry to escape predators like polar bears, which sometimes hunt their prey by triggering a stampede off a precipice.

Some eagle-eyed viewers noted that the placement of Attenborough’s camera crew might have also left his walruses with no choice but to jump off the cliff, since humans were blocking the beach. With polar bears menacing them inland, the walruses could have been caught between the proverbial rock and hard place.

Other sleuths found the filmmakers had engaged in some editing trickery to make it seem that the ‘desperate’ walruses going ashore to the dangerous cliffs were just around the corner from the packed 100,000-strong colony showcased in the documentary. In fact, the two locations were 400 hundred kilometers apart in Russia’s Far East.

The persistence of a handful of climate change skeptics seems to have shamed Attenborough into revising his explanation of the pinniped tragedy. In a more recent BBC documentary Seven Worlds, One Planet, he explains the walrus mass suicide as a consequence of marauding polar bears – another species supposedly on the edge of extinction because of climate change but apparently doing quite well…

…Environmental activists tearing their hair out about “climate change deniers” fail to take into account the frequency with which the media gets climate change wrong. Attenborough’s walruses are just the latest flub in a long history of green fables that have evaporated on closer examination. Former vice president turned environmental crusader Al Gore famously predicted New York would be underwater in the near future due to a 20-foot rise in sea levels, declaring in 2008 that the North Pole would go completely ice-free within five years. Gore has become a very rich man off his holdings in solar energy, which ballooned in value following the release of his film An Inconvenient Truth – a film so full of errors a UK judge would only allow it to be showed in schools with “guidance notes to prevent political indoctrination.” [il neretto è mio]

The familiar “hockey stick” graph, used by climate change alarmists to claim that global temperatures have been rising rapidly since the industrial revolution, was dealt a near-fatal blow in 2009 with the release of internal emails from the University of East Anglia’s [il neretto è mio] climate research division. The emails revealed the scientists had ‘edited’ the Earth’s historical temperature record to fit their theories, a scandal that has come to be known as ClimateGate [il neretto è mio]. These scientists worked with the UN’s Intergovernmental Panel on Climate Change – the group whose recent report warned humanity we have 12 years to act before irreversible climate change dooms us all to temperature increases incompatible with life.»

https://www.rt.com/op-ed/472795-walrus-suicide-climate-change-lies/

I trichechi suicidi di David Attenborough sono l’ennesima menzogna dei globalisti sul climate change (o global warming), il quale in realtà è un fraudolento e ignobile espediente dei globalisti per sottrarre larghe fette di sovranità agli Stati di tutto il mondo, come ho scritto più volte.

Ripropongo qui un video del truffatore Al Gore (1), Vicepresidente degli Stati Uniti d’America dal 1993 al 2001 e Premio Nobel per la pace 2007, già da me proposto in un precedente post (2):

——————

1) Greta Thunberg, Al Gore e la truffa molto remunerativa del global warming

https://luigicocola.wordpress.com/2019/09/28/greta-thunberg-al-gore-e-la-truffa-molto-remunerativa-del-global-warming/

2) Due Premi Nobel a confronto: Al Gore e Carlo Rubbia

https://luigicocola.wordpress.com/2019/10/01/due-premi-nobel-a-confronto-al-gore-e-carlo-rubbia/

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

P.S. (9 novembre 2019): occorre notare che pochi giorni fa Donald Trump, il 45° Presidente degli Stati Uniti d’America, ha avuto il coraggio di uscire formalmente dall’accordo di Parigi sul clima, mentre Vladimir Putin e Xi Jinping lo hanno ratificato.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Scenari mondiali di fine secolo

18 ottobre 2019

Dato che la Russia e la Cina, le uniche grandi potenze del pianeta che possono opporsi efficacemente al globalismo, con tutta evidenza non intendono contrastare e far interrompere l’esperimento globalista costituito dall’Unione Europea, anzi incredibilmente lo sostengono (perché si rifiutano di guardare in faccia la realtà!), come ho già scritto nel precedente post, quali scenari mondiali sono ipotizzabili alla fine del secolo?

È facile immaginarlo: alla fine del secolo sarà probabilmente portata a termine l’islamizzazione dell’Europa, uno dei mezzi principali che il globalismo sta adoperando per eliminare gli Stati, sostituendoli (o meglio cercando di sostituirli) con la tecnocrazia (il vecchio sogno del Conte Henri de Saint-Simon, attuato però contro il popolo).

Sia chiaro che il globalismo non è affatto una teoria della cospirazione, essendo stato nominato pubblicamente più volte da Donald Trump, cioè dal 45° Presidente degli Stati Uniti d’America, suscitando così un incontenibile odio da parte dei globalisti, basti pensare all’ira sul volto della sedicenne Greta Thunberg, quando si trovò al cospetto di Trump lo scorso settembre all’ONU.

Infatti la strategia dei globalisti è quella di non dichiararsi tali, come ho già scritto in un post precedente.

E finora, a quanto pare, questa strategia si è dimostrata vincente, dato che ha ingannato i russi e i cinesi.

Ritornando agli scenari mondiali di fine secolo, gli islamici d’Europa, una volta raggiunto il controllo dei paesi europei, sicuramente porranno fine all’ideologia mondialista, perché l’Islam non concepisce l’assenza dello Stato, non concepisce quella separazione tra Cesare e Dio che è una caratteristica peculiare del Cristianesimo, come tutti sanno o dovrebbero sapere, essendo una nozione elementare di cultura generale (se poi si è ignoranti, è un altro discorso).

Essi quindi restaureranno gli Stati europei e prenderanno il controllo delle rispettive forze armate, comprese ovviamente le armi nucleari.

Dopodiché lo Stato d’Israele cesserà di esistere, verrà nuclearizzato, alla faccia degli ebrei internazionalisti, come ho già scritto più volte.

Ma non solo: il proselitismo bellico, cioè il proselitismo attuato mediante la spada, che è una caratteristica peculiare dell’Islam, spingerà gli Stati europei islamici a confliggere con la Russia e la Cina.

Tale conflitto sarà molto più aspro del conflitto attuale tra l’Occidente mondialista da un lato e la Russia e la Cina dall’altro, data l’indole islamica.

Questo è lo scenario mondiale di fine secolo che i nostri discendenti dovranno affrontare.

Chi si rifiuta di guardare in faccia la realtà o è in preda al delirio culturale costituito dall’ideologia mondialista, o comunque non è in grado, per qualsiasi altro motivo, di fare previsioni basate sulla Ragione.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Uno sguardo ad alcune analisi del mondialismo pubblicate da “Strategic Culture”

7 ottobre 2019

Mentre “ZeroHedge” è certamente il mio sito di informazione preferito tra quelli in lingua inglese, spesso ne leggo anche altri, fra i quali uno dei più rimarchevoli è “Strategic Culture“.

Ecco cosa “Strategic Culture” dice di se stesso:

“Strategic Culture Foundation provides a platform for exclusive analysis, research and policy comment on Eurasian and global affairs.”

www.strategic-culture.org/about/

Ebbene, vorrei menzionare due articoli presenti sulla home page di questo sito il 5 ottobre 2019:

Western Zero-Sum Geopolitics is a Dead-End

editoriale anonimo (4 ottobre 2019)

www.strategic-culture.org/news/2019/10/04/western-zero-sum-geopolitics-is-a-dead-end/

Culture Wars, Foreign Policy Wars – When They Meet, They Clash

di Alastair Crooke (30 settembre 2019)

www.strategic-culture.org/news/2019/09/30/culture-wars-foreign-policy-wars-when-they-meet-they-clash/

e anche un terzo articolo visibile alla stessa data nelle pagine interne:

The War Against Globalism

di Philip Giraldi (13 dicembre 2018)

www.strategic-culture.org/news/2018/12/13/war-against-globalism/

In tutti e tre questi articoli viene esposta la causa, secondo i rispettivi autori, di ciò che nel 2018 Donald Trump giustamente chiamò “the ideology of globalism” (ma che in questi articoli viene chiamato in vario modo, cosa che qui non mi interessa):

nel primo articolo la causa sarebbe il capitalismo e l’imperialismo (“US corporate capitalism and its militarist machine”),

nel secondo articolo la causa sarebbe l’Illuminismo e la Ragione (“the Enlightenment ideal of ‘incontrovertible’ reason”),

nel terzo articolo la causa sarebbe la lotta di classe (“There have been windows in history when the people have had enough abuse and so rise up in revolt. The American and French revolutions come to mind as does 1848. Perhaps we are experiencing something like that at the present time, a revolt against the pressure to conform to globalist values that have been embraced to their benefit by the elites and the establishment in much of the world. It could well become a hard fought and sometimes bloody conflict but its outcome will shape the next century. Will the people really have power in the increasingly globalized world or will it be the 1% with its government and media backing that emerges triumphant?”).

Ebbene, queste tre spiegazioni del globalismo (dall’inglese “globalism”), detto anche mondialismo (dal francese “mondialisme”), sono clamorosamente sbagliate ed è facilissimo dimostrarlo.

Tutte e tre infatti presuppongono la razionalità del globalismo, mentre è evidente che il mondialismo è contro la Ragione, perché uno dei mezzi principali che questa ideologia usa per conseguire il suo scopo supremo, cioè eliminare lo Stato, sostituendolo con la tecnocrazia (che era l’utopia ottocentesca di Henri de Saint-Simon), consiste nell’islamizzazione dell’Europa prima e dell’intero Occidente poi.

L’Islam però non concepisce minimamente l’assenza dello Stato: il risultato di questa islamizzazione sarà inevitabilmente la restaurazione dello Stato in Europa e nell’Occidente per opera degli immigrati islamici e dei loro discendenti, quando essi diventeranno maggioranza (e ciò non accadrà in un futuro remoto, a causa del loro notevolissimo tasso di natalità).

Tale inevitabile risultato non è stato previsto solo da me, ma anche da Renaud Camus, il quale purtroppo, a differenza di me, si ferma qui nella sua analisi, mentre la mia analisi del mondialismo spiega esaurientemente e razionalmente perché il mondialismo vuole eliminare lo Stato e perché esso è contro la Ragione: perché è un delirio culturale causato da un potentissimo e letale meme egoista (cfr. la teoria dei memi di Richard Dawkins), che fu creato dai primi cristiani durante la persecuzione di Domiziano e inserito nell’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento, e che consiste nella prescrizione di eliminare lo Stato. Lo Stato infatti, nella narrazione di tale libro, verrà sostituito dal Regno di Cristo, che, nonostante si chiami “Regno”, non è uno Stato, ma bensì è una condizione di perfezione trascendente, avendo il Messia cristiano, a differenza di quello ebraico, sia natura umana che natura divina. È proprio questa condizione di perfezione trascendente ciò a cui anelano Greta Thunberg, il Primate della Chiesa di Svezia, l’Arcivescovo Antje Jackelén, il Primate of All England, l’Arcivescovo Justin Welby, il capo della Chiesa Cattolica, Papa Bergoglio, e tutti gli altri globalisti.

Il suddetto meme, che ovviamente all’inizio non era egoista (era al contrario perfettamente rispondente alla necessità dei primi cristiani di far crollare lo Stato romano che li voleva eliminare), ebbe un enorme successo e distrusse l’Impero romano d’Occidente (i barbari, come è ben noto agli storici, erano numericamente troppo pochi per essere la vera causa di ciò). Dopodiché esso divenne un meme egoista, cioè non scomparve dopo aver assolto la sua funzione, ma rimase nell’inconscio collettivo dei popoli occidentali, scorrendo sotterraneamente come un fiume carsico e riaffiorando ogni tanto, come per esempio nel delirio culturale dei Taboriti boemi del 1420, per poi riemergere impetuosamente nell’Ottocento, in forma secolarizzata, con Henri de Saint-Simon (sansimonismo), con Pierre-Joseph Proudhon (anarchismo) e con la coppia costituita da Karl Marx e Friedrich Engels (comunismo), i creatori delle ideologie antistato di tipo filosofico (cfr. la mia Teoria unificata delle ideologie antistato).

Il mondialismo, nato nel Novecento, altro non è che un pervertimento del sansimonismo, perché Saint-Simon era a favore del popolo, mentre i mondialisti sono contro il popolo: in effetti essi vogliono distruggerlo, eliminarlo dalla faccia della terra, perché questa è la via che hanno scelto per far scomparire lo Stato e per instaurare così il Nuovo Ordine Mondiale, la versione secolarizzata del Regno di Cristo sulla terra.

È clamoroso che le spiegazioni oggi in voga del mondialismo siano palesemente errate, mentre la mia spiegazione del mondialismo, che è esauriente e che non ha falle logiche, sia misconosciuta e ignorata.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

È sempre più evidente che il mondialismo è una degenerazione del Cristianesimo

4 ottobre 2019

Come ho già scritto, Justin Welby, l’attuale Arcivescovo di Canterbury, Primate of All England (cioè capo religioso della Church of England), è notoriamente europeista e contrario alla Brexit, in altre parole egli è un globalista (1).

Anche l’attuale Primate della Chiesa di Svezia, l’Arcivescovo Antje Jackelén (la Chiesa di Svezia era fino al 2000 religione di Stato), mostra palesemente di essere globalista.

Ecco infatti cosa scrive Sputnik in lingua italiana (1 ottobre 2019):

Santa Greta! L’arcivescovo di Svezia equipara l’attivista a un profeta biblico
La Chiesa di Svezia ha chiesto al governo di adottare una politica climatica più vigorosa. Allo stesso tempo, l’arcivescovo Antje Jackelén ha paragonato la sua connazionale e attivista adolescente Greta Thunberg ai profeti dell’Antico Testamento.

https://it.sputniknews.com/mondo/201910018143351-santa-greta-larcivescovo-di-svezia-equipara-lattivista-a-un-profeta-biblico/

E Sputnik in lingua inglese (1 ottobre 2019):

Holy Greta! Archbishop of Sweden Compares 16-Year-Old Climate Alarmist to Biblical Prophets
The Church of Sweden has demanded that the government adopt a more strenuous climate policy. At the same time, Archbishop Antje Jackelén compared her compatriot and teenage activist Greta Thunberg, the figurehead of the international climate strike movement, to Old Testament prophets.

https://sputniknews.com/environment/201910011076931161-holy-greta-archbishop-of-sweden-compares-16-year-old-climate-alarmist-to-biblical-prophets/

Del capo della Chiesa Cattolica, Papa Bergoglio, è superfluo parlare: tutti sanno che egli è furiosamente a favore del globalismo (o mondialismo). E Bergoglio non è di certo venuto da Marte: è stato eletto dalla maggioranza dei cardinali della Chiesa cattolica, maggioranza che è quindi costituita da globalisti (2).

Così il quadro generale si va sempre più chiarendo ed è sempre più evidente ciò che io sostengo nei miei scritti dal 2014 (a quanto pare in perfetta solitudine) (3) e che può essere sintetizzato così:

il mondialismo è una degenerazione del Cristianesimo (4).

Per quanto riguarda la Russia, come ho scritto molte volte, il Cristianesimo ortodosso del popolo russo non soffre affatto di questa malattia degenerativa, per via del cesaropapismo ereditato da Costantinopoli (Mosca è la terza Roma) (cfr. per esempio 5).

Purtroppo però sono estremamente diffuse interpretazioni del mondialismo che non esito a definire ignoranti e stupide, e che in alcuni casi lo sono così tanto, da indurmi addirittura a ipotizzare che esse possano essere forme sofisticate di gatekeeping.

——

1) Le parole dell’Arcivescovo di Canterbury Justin Welby confermano la mia analisi del mondialismo

«Ecco infatti cosa dice Justin Welby (notoriamente contrario alla Brexit) dell’Unione Europea, che è la punta di diamante del mondialismo:

«The EU has been the greatest dream realised for human beings since the fall of the Western Roman Empire [il neretto è mio]. It has brought peace, prosperity, compassion for the poor and weak, purpose for the aspirational and hope for all its people.» (8, 9)»

https://luigicocola.wordpress.com/2019/08/31/le-parole-dellarcivescovo-di-canterbury-justin-welby-confermano-la-mia-analisi-del-mondialismo/

2) Ma Papa Francesco viene forse da Marte???

https://luigicocola.wordpress.com/2019/04/20/ma-papa-francesco-viene-forse-da-marte/

3) La teoria unificata delle ideologie antistato

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/20/la-teoria-unificata-delle-ideologie-antistato/

4) Il mondialismo è una degenerazione del Cristianesimo

https://luigicocola.wordpress.com/2019/01/28/il-mondialismo-e-una-degenerazione-del-cristianesimo/

5) Non capire nulla di quello che sta succedendo tra Inghilterra e Russia

«Per ritornare al cesaropapismo, occorre chiarire che si tratta della ben nota antitesi storica tra il Cristianesimo occidentale (sia cattolico che protestante) e il Cristianesimo ortodosso.

Il Cristianesimo occidentale è nato per buttar giù lo Stato schiavista romano, quello ortodosso è una creazione (davvero geniale!) di Costantino il Grande per conservarlo (5).

Per i russi eliminare lo Stato, che è lo scopo del mondialismo, è né più né meno che un sacrilegio, perché per loro lo Stato (Cesare) sta sopra il Cristianesimo (cesaropapismo), è sacro quanto il Cristianesimo, fa parte del “sacro”»

https://luigicocola.wordpress.com/2018/11/28/non-capire-nulla-di-quello-che-sta-succedendo-tra-inghilterra-e-russia/

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Due Premi Nobel a confronto: Al Gore e Carlo Rubbia

1 ottobre 2019

Ecco due video: il primo video riguarda un volgare truffatore, Al Gore, Premio Nobel per la pace 2007, il quale, nel 2009, afferma, senza ridere, che l’intera calotta glaciale del Polo Nord, durante l’estate, sarà completamente ice-free entro 5-7 anni (quindi nel 2014-2016), mentre il secondo video riguarda un vero scienziato, Carlo Rubbia, Premio Nobel per la fisica 1984 (e anche: membro della Royal Society dal 1984, Higgins Professor of Physics alla Harvard University dal 1970 al 1988, Direttore Generale del CERN dal 1989 al 1994, ecc. ecc.), il quale, nel 2014, afferma che dal 2000 al 2014 la temperatura della terra non è aumentata, è diminuita di -02 gradi.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Greta Thunberg, Al Gore e la truffa molto remunerativa del global warming

28 settembre 2019

Ecco due screenshot, scattati da me ieri, 27 settembre 2019, dell’account Twitter di Greta Thunberg, in cui c’è una foto di lei ed Al Gore (l’indirizzo è visibile in alto nella barra degli indirizzi):

In uno dei due screenshot è visibile la data in cui la foto è stata postata (30 dicembre 2018), nell’altro è visibile cosa ha scritto Greta in quell’occasione:

Thank you @algore for being a true pioneer. Very few people have done more. It was an honour to meet you. #climatecrisis #climatebreakdown

Ebbene, chi è Al Gore?

Al Gore fu il Vicepresidente degli Stati Uniti d’America dal 1993 al 2001, quando il Presidente era Bill Clinton. Fu anche candidato alla presidenza nelle elezioni del 2000, ma fu battuto da George W. Bush. Dopo questa sconfitta egli si dedicò all’ecologismo (è laureato in giurisprudenza) e nel 2006 fu protagonista (e autore del soggetto e della sceneggiatura) del film-documentario Una scomoda verità (An Inconvenient Truth) sul riscaldamento globale (global warming), che vinse il premio Oscar 2007 come miglior documentario e per la migliore canzone originale.

Vediamo cosa riporta Wikipedia in lingua italiana (che certamente non può essere accusata di antiglobalismo, anzi, tutt’altro!), in data 28 settembre 2019:

«Nel 2007 vince insieme all’Intergovernmental Panel on Climate Change il Premio Nobel per la pace «…per i loro sforzi per costruire e diffondere una conoscenza maggiore sui cambiamenti climatici provocati dall’uomo e per porre le basi per le misure necessarie a contrastare tali cambiamenti».[7] Particolare scalpore fa il suo discorso tenuto ad Oslo in occasione del conferimento del premio Nobel, quando afferma:

(EN)

«Last September 21, as the Northern Hemisphere tilted away from the sun, scientists reported with unprecedented distress that the North Polar ice cap is “falling off a cliff.” One study estimated that it could be completely gone during summer in less than 22 years. Another new study, to be presented by U.S. Navy researchers later this week, warns it could happen in as little as 7 years.

Seven years from now.»

(IT)

«Lo scorso 21 settembre, quando l’emisfero settentrionale s’inclinò dalla parte opposta al sole, gli scienziati riferirono del guaio senza precedenti che la calotta polare artica “sta cadendo a strapiombo”. Uno studio prevede che essa sarà completamente andata durante l’estate in meno di 22 anni. Un altro studio, che sarà presentato dai ricercatori della Marina americana al più tardi questa settimana, avverte che ciò potrebbe succedere fra soli 7 anni.

Sette anni a partire da oggi.»

(Al Gore, dal discorso tenuto in occasione del conferimento del Premio Nobel per la Pace a Oslo il 10 dicembre 2007[8])»

https://it.wikipedia.org/wiki/Al_Gore

E ancora su Wikipedia in lingua italiana, sempre in data 28 settembre 2019:

«Tuttavia, nell’editoriale del 26 giugno 2006 del Wall Street Journal, il prof. Richard S. Lindzen del Massachusetts Institute of Technology critica il film di Gore e mette in dubbio quanto da lui affermato.[3] Lo stesso Lindzen è a sua volta stato criticato per i finanziamenti di aziende petrolifere ricevuti da vari istituti di cui è partecipe.[3][4]

Un giudice dell’Alta Corte inglese ha stabilito che il film An Inconvenient Truth è «largamente accurato», ma «in un contesto di allarmismo ed esagerazione»; inoltre, per la presenza di accuse di immobilismo all’amministrazione Bush «non è solo un documento scientifico, è un film politico». In sede processuale vengono anche evidenziate delle incongruenze scientifiche e rilevati 9 principali errori commessi nel giungere ad alcune conclusioni.[5][6][7]

Ad esempio, Gore discute la possibilità di un innalzamento dei mari di circa “6 metri” causato sia dallo scioglimento dei ghiacciai dell’Antartide Occidentale o della Groenlandia. Anche se Gore non fa esplicitamente riferimento a un prossimo futuro, tuttavia dal contesto il giudice ne ha evinto un riferimento implicito che contrasta con quanto riportato da un rapporto dell’IPCC [Intergovernmental Panel on Climate Change, nota mia] del 2007: secondo questo studio, nei prossimi 100 anni i due ghiacciai citati potranno apportare solamente un innalzamento di 6 cm del livello dei mari, per raggiungere la quota di innalzamento citata da Gore sarebbero necessari diversi millenni.[8]

In totale sono stati rilevati 35 errori nel film di Gore.[8]»

https://it.wikipedia.org/wiki/Una_scomoda_verità

Lasciamo Wikipedia in lingua italiana e diamo uno sguardo a un articolo del Times del 14 dicembre 2009:

Arctic summer ice may be gone in five years, Al Gore warns

«The Arctic polar ice cap could disappear entirely in the summer months in as little as five years, Al Gore, the former American Vice-President, said today.

Mr Gore was the star draw at a Copenhagen summit side event during which Scandinavian scientists delivered a grim update on the state of the Greenland ice sheet and its potential to contribute to rising sea levels over the coming century.

Mr Gore won both the Nobel Peace Prize and an Oscar for his 2006 documentary An Inconvenient Truth, the extended film version of a climate change slideshow that he had been delivering for years and which helped to galvanise a worldwide campaign to tackle global warming.»

https://www.thetimes.co.uk/article/arctic-summer-ice-may-be-gone-in-five-years-al-gore-warns-tqxrj9chvfn

Allego uno screenshot scattato da me in data 28 settembre 2019 di questo articolo del Times:

Vediamo cosa riporta il Corriere della Sera in un articolo del 14 dicembre 2009:

Al Gore: «L’intera calotta polare artica potrebbe sparire in 5-7 anni»
In un’intervista su Current Tv: «Sull’ambiente Italia e Usa imparino dai Paesi scandinavi»

«MILANO – È stato accolto come una rock star dal pubblico di Copenaghen dove è arrivato lunedì per convincere i leader a trovare un accordo sul clima e lanciare l’ennesimo allarme sul riscaldamento globale. Al Gore, paladino degli ecologisti americani, ha messo in guardia i delegati alla conferenza organizzata dalle Nazioni Unite che il cambiamento è già in atto e che la calotta polare artica potrebbe scomparire, nel periodo estivo, già tra 5 o 7 anni. Il premio Nobel ha mostrato i dati di due nuove ricerche alla presenza dei ministri degli Esteri di Norvegia e Danimarca.
Il «profondo nord» è secondo Gore una delle aree più a rischio del pianeta, dove le temperature sono salite al doppio della velocità rispetto alla media. «C’è il 75% di possibilità che entro 5 o 7 anni l’intera calotta polare artica scompaia durante l’estate», ha detto l’ex vicepresidente americano, che nei giorni scorsi è stato in contatto diretto con le basi scientifiche del Polo Nord per ricevere gli ultimi dati aggiornati.»

https://www.corriere.it/scienze/speciali/2009/summit-copenaghen

/notizie/al_gore_intervista_current_ambiente_copenaghen_

fbd84e06-e89a-11de-b930-00144f02aabc.shtml

Allego uno screenshot scattato da me in data 28 settembre 2019 di questo articolo del Corriere della Sera:

Ebbene, dal 2009 a oggi sono passati non cinque anni, ma bensì dieci e la calotta polare artica è ancora al suo posto, viva e vegeta!

Qual è l’ovvia conclusione di tutto ciò che ho riportato qui? L’ovvia conclusione è che Al Gore è un volgare truffatore (infatti egli si è enormemente arricchito grazie alle sue profezie apocalittiche*) e che Greta Thunberg lo vuole imitare, basta leggere il suo tweet del 30 dicembre 2018, visibile a tutti in internet (almeno fino al 27 settembre 2019).

Che poi l’élite globalista utilizzi per i propri scopi sia Al Gore che Greta Thunberg è verissimo, ma è un altro discorso: il punto è che entrambi, Al Gore e Greta Thunberg, sono volgari truffatori e chi li propaganda è loro complice.

—–

* Come Al Gore ha costruito la frode del riscaldamento globale

«Al Gore è stato anche in grado di sfruttare la sua alta visibilità, i suoi premi cinematografici, il suo premio Nobel e il suo coinvolgimento in vari scambi di carbonio e altri schemi di una fortuna personale. Quando finì il suo mandato come vicepresidente nel 2001, il suo patrimonio netto era di $ 2 milioni. Entro il 2013, ha superato i $ 300 milioni [il neretto è mio]

www.attivitasolare.com/come-al-gore-ha-costruito-la-frode-del-riscaldamento-globale/

Il suddetto articolo è la traduzione italiana di:

How Al Gore built the global warming fraud

by Paul Driessen

«Al Gore was also able to leverage his high visibility, his movie awards, his Nobel Prize, and his involvement in various carbon trading and other schemes into a personal fortune. When he ended his tenure as Vice President in 2001, his net worth was $2 million. By 2013, it exceeded $300 million [il neretto è mio]

www.cfact.org/2018/10/20/how-al-gore-built-the-global-warming-fraud/

—–

N.B. tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Greta Thunberg all’ONU ha esagerato, la sua recitazione è stata troppo sopra le righe

26 settembre 2019

Greta Thunberg (che a me, a differenza di altri, non fa affatto pena, è solo una truffatrice in erba) l’altro giorno all’ONU ha esagerato nella sua esibizione davanti ai rappresentanti di tutti i paesi del mondo, la sua recitazione è stata troppo sopra le righe, e quindi la sua narrazione truffaldina è andata in pezzi.

Come disse Joe Mantegna in House of Games (1987): “You see? You crumbed the play”.

Così la piccola truffatrice è stata sconfessata nientepopodimeno che da Emmanuel Macron (che non è certamente un antiglobalista!):

Macron e il fastidio verso Greta: «Manifestare? Meglio pulire le spiagge in Corsica»
Il governo francese ha cambiato atteggiamento nei confronti dell’attivista svedese. Dopo averla ricevuta con tutti gli onori a febbraio, ora la critica come oltranzista e irresponsabile

«Il personaggio Greta sembra essere sfuggito di mano, le sue denunce e il discorso pronunciato all’Onu non sono piaciuti né a Macron né al suo entourage.»

https://www.corriere.it/esteri/19_settembre_25/macron-fastidio-greta-manifestare-meglio-pulire-spiagge-corsica-c5a4f0d0-df7c-11e9-aa5f-fbca0c81b7c9.shtml

La prossima volta i globalisti dovrebbero incaricare, invece di una truffatrice in erba, un truffatore esperto, o anche un bravo attore di Hollywood, per esempio Robert De Niro (che a mio parere non è semplicemente bravo: è il più bravo attore vivente, cfr. Awakenings, 1990).

Certo, De Niro costa molto. Ma cosa non si farebbe per spianare la via a Cristo e agevolare così la Sua seconda venuta?

Infatti il globalismo questo è: l’aspettativa delirante della parusìa intermedia in forma secolarizzata.

Suvvia, non è il momento di essere taccagni!

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com