Posts Tagged ‘hillary clinton warmonger’

Il momento comico

19 dicembre 2016

“«Vladimir Putin ha diretto di persona [il neretto è mio] gli attacchi informatici contro il nostro sistema elettorale, contro la nostra democrazia per vendetta personale contro di me», ha affermato la Clinton.

https://it.sputniknews.com/politica/201612173803981-clinton-putin-vendetta/

Infatti Vladimir Putin è un hacker formidabile, un hacker coi fiocchi e i controfiocchi, per intenderci dello stesso livello di Linus Torvalds, ma un po’ più posato nelle discussioni.

Ed è perfino (!) dello stesso livello di Bruce Schneier, per esempio è falso (false):

“SSL is invulnerable to man-in-the-middle attacks. Unless that man is Bruce Schneier.”

http://www.schneierfacts.com/fact/38

È vero (true) invece:

“SSL is invulnerable to man-in-the-middle attacks. Unless that man is Bruce Schneier or Vladimir Putin.”

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Per avverare la parusia intermedia e il Regno di Cristo

5 novembre 2016

Hillary Clinton, una volta eletta, dopo aver assunto i pieni poteri di Presidente degli Stati Uniti d’America, scatenerà la forza militare e nucleare a sua disposizione per annientare gli Stati nazionalisti, cioè quegli Stati che non vogliono essere eliminati dal mondialismo.

In primis lo Stato russo, il campione di tali Stati.

Per chi sa leggere tra le righe, l’ha già annunciato al mondo:

“The bottom line on nuclear weapons is that when the president gives the order, it must be followed [il neretto è mio]. There’s about four minutes between the order being given and the people responsible for launching nuclear weapons to do so.”

http://www.nytimes.com/2016/10/20/us/politics/third-debate-transcript.html

Hillary Clinton ha già eliminato lo Stato nazionalista libico:

Assange: Clinton è stata una figura chiave nella disintegrazione della Libia

https://it.sputniknews.com/mondo/201611053588180-assange-clinton-presidenza-libia/

Naturalmente Assange non ne ha capito il motivo (o almeno mostra di non averlo capito), infatti:

“Secondo Assange, la Clinton voleva usare la fine del leader libico Muammar Gheddafi e il colpo di stato nel Paese come qualcosa da usare per i suoi discorsi elettorali e per la sua corsa presidenziale.”

Non che Obama non volesse eliminare lo Stato nazionalista libico, sia chiaro, è che da solo non ne aveva il coraggio.

Adesso questa psicosi religiosa collettiva che porta il nome di mondialismo sta per armare (con armi nucleari) Hillary Clinton, la donna che scatenerà l’Apocalisse.

Per avverare la parusia intermedia e il Regno di Cristo:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/06/07/svelare-la-verita/

https://luigicocola.wordpress.com/2016/05/11/discolparsi-incolpando-altri/

https://luigicocola.wordpress.com/2016/07/06/lorigine-del-mondialismo/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Come influenzare chi è in preda alla follia?

28 ottobre 2016

La mia analisi del mondialismo (globalism in inglese, mondialisme in francese) è alquanto differente dalle analisi correnti.

Se la mia analisi è giusta, ne consegue che il mondialismo è da considerarsi una psicosi collettiva di natura religiosa, come p.e. la caccia alle streghe che afflisse l’Occidente (in verità più i protestanti che i cattolici) dal Quattrocento al Settecento.

È da ricordare a questo proposito il processo delle streghe di Salem del 1692, che si svolse in ambiente religioso puritano, cioè proprio l’ambiente religioso da cui è nato l’internazionalismo di David Rockefeller, vale a dire il mondialismo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/08/17/tre-caratteristiche-necessarie-del-mondialismo/

Non è certamente con argomenti razionali che si può influenzare coloro che sono in preda a una psicosi religiosa collettiva.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il mondialismo è una psicosi religiosa collettiva

26 ottobre 2016

Il mondialismo (in inglese globalism, in francese mondialisme) è il nostro “Nightmare of Moloch”.

Capirlo bene, analizzarlo bene, è essenziale.

Molti, non capendo di quale natura sia il mostro, il cancro che ci minaccia, pensano che la vittoria elettorale di Hillary Clinton (l’alfiere del mondialismo) non implichi una guerra nucleare tra NATO e Russia, pensano incredibilmente che con la guerrafondaia Hillary Clinton sia possibile la pace tra Occidente e il resto del genere umano, argomentando che la guerra nucleare è contro la Ragione.

Un esempio di questi è Giulietto Chiesa, come ho riportato in un post precedente:

«A Giulietto Chiesa sfugge evidentemente la totale irrazionalità del mondialismo, il suo essere totalmente contro la Ragione e la Weltanschauung scientifica, come ho più e più volte spiegato.»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/10/16/la-russia-avverte-gli-americani-votate-trump-o-guerra-nucleare/

La verità è che il mondialismo è una psicosi religiosa collettiva.

Nella storia si trovano altri casi di psicosi religiosa collettiva, p.e. la caccia alle streghe.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Bill Clinton è uno stupratore? Hillary Clinton lo protegge?

12 ottobre 2016

Bill Clinton Sex Abuse Survivor Kathleen Willey: ‘HILLARY CLINTON IS A FAKE FEMINIST’ (VIDEO)

«From the video:

“I came here for one reason,” Willey said. “To point out that these are not ‘infidelities’ that the mainstream media wants us to all think they are. Sexual assault, rapes and sexual harassment are not ‘infidelities’ period.”

“They are crimes and they are felonies,” Willey continued. “Hillary Clinton is a fake feminist. A champion of women does not attack the victims of sexual assault and rapes.”»

http://americanlookout.com/jpb-bill-clinton-sex-abuse-survivor-kathleen-willey-slams-the-media-sexual-harassment

EXCLUSIVE — Video Interview: Bill Clinton Accuser Juanita Broaddrick Relives Brutal Rapes

http://www.breitbart.com/2016-presidential-race/2016/10/09/breitbart-news-exclusive-video-interview-bill-clinton-accuser-juanita-broaddrick-breaks-describing-brutal-rapes/

Exclusive Video–Broaddrick, Willey, Jones to Bill Clinton’s Defenders: ‘These Are Crimes,’ ‘Terrified’ of ‘Enabler’ Hillary

http://www.breitbart.com/2016-presidential-race/2016/10/09/juanita-broaddrick-kathleen-willey-paula-jones-bill-clinton-sexual-assault/

Over 1 Million Views For Breitbart News’ Powerful Interview With Bill Clinton Rape Accuser Juanita Broaddrick

http://www.breitbart.com/2016-presidential-race/2016/10/11/1-million-views-breitbart-news-powerful-interview-bill-clinton-rape-accuser-juanita-broaddrick/

EXCLUSIVE VIDEO: Juanita Broaddrick Supports ‘Bill Clinton is A Rapist’ Protest Movement

http://www.breitbart.com/big-government/2016/10/11/exclusive-video-juanita-broaddrick-supports-clinton-rapist-movement/

Qualcuno in Italia riesce ancora a scrivere la verità

12 ottobre 2016

Nel mare di menzogne della stampa italiana, qualcuno riesce ancora a scrivere la verità.

Nel post precedente ho menzionato l’articolo di Marco Venturini sul Fatto Quotidiano.

Ecco un articolo di Maria Giovanna Maglie pubblicato sull’Intraprendente e intitolato significativamente Vince Trump (tranne che sui giornali):

«Nella campagna elettorale che finirà davvero non sappiamo ancora come l’otto novembre, si perde un sacco di tempo e di energie a cercare di capire se stiamo tutti guardando lo stesso film, gli stessi candidati, gli stessi dibattiti, la stessa nazione. Ho scritto molte volte che i media americani dovranno intraprendere una lunga traversata nel deserto per recuperare la credibilità perduta nell’attacco forsennato, fazioso,e dunque spesso privo di argomentazioni e numeri e senso della realtà contro Donald Trump, ma dopo il dibattito di Saint Louis credo che non ci sarà una traversata perché certi processi rischiano di essere irreversibili. Bye bye obiettività tutta news e commenti separati della Cnn, addio al paludato ma sempre affidabile Washington Post, desaparecidos i toni credibili e le inchieste senza pregiudizi della signora in grigio, il New York Times

…Diciamo allora che nel secondo dibattito metodo Town hall ovvero assemblea cittadina che per fortuna ha relegato i due conduttori star di Cnn e Abc News a ruolo di mummie egizie che meglio li rappresenta, con il pubblico che giustificatamente non taceva correttamente ma rumoreggiava, Donald Trump ha stravinto, non vinto. Certo, contano anche le condizioni di straordinario svantaggio dalle quali partiva ma non le ha mica decise lui. Hillary Clinton, ammesso che sia lei a guidare la macchina del fango, avrebbe dovuto sapere che l’argomento donne stupratore e predatore sessuale lo puoi far diventare scottante per Trump ma è una piaga cronica per la famiglia Clinton. Alla fine quindi lei non è riuscita ad affondare il colpo e lui si è difeso senza complessi…

…Certo, l’assalto è senza precedenti per intensità e bassezza di metodi. Manca solo che gli sparino su un piede e poi sostengano tutti in coro che uno zoppo non può fare il presidente.»

http://www.lintraprendente.it/2016/10/vince-trump-tranne-che-sui-giornali/

Complimenti a Maria Giovanna Maglie.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

I globalisti vogliono parlare di sesso? Allora parliamo di sesso

11 ottobre 2016

Donald Trump è stato messo sotto accusa per aver detto pesanti frasi sessiste in un video del 2005 pubblicato il 7 ottobre dal Washington Post.

E Robert De Niro ha pubblicato un video in cui insulta Donald Trump e dice di volerlo prendere a pugni in faccia:

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/De-Niro-contro-Trump-maiale-prenderei-pugni-usa2016-1a7a04dd-ea39-4056-ba7a-aee5e2e8c538.html

Bene, benissimo.

Ma qual è l’alternativa a Trump?

È unicamente e solo Hillary Clinton, tuttora sposata con Bill Clinton, che andrà con lei alla Casa Bianca in caso di vittoria e che certamente non farà soltanto il “First Gentleman”, vedi p.e. qui:

http://www.corriere.it/esteri/16_luglio_27/usa-2016-hillary-clinton-conquista-nomination-democratica-201be288-5382-11e6-ae43-c1c76a863041.shtml

Leggiamo un articolo di Marco Venturini pubblicato il 10 ottobre sul Fatto Quotidiano e intitolato Usa 2016, 2° dibattito tv: le tre mosse con cui Trump si è salvato:

«Poche ore prima del dibattito, Donald Trump si è presentato in conferenza stampa con quattro donne. Si tratta di Juanita Broaddrick, Paula Jones, Kathleen Willey and Kathy Shelton. Chi sono e soprattutto cosa hanno da dire? “Trump può aver detto parole spiacevoli, ma Bill Clinton mi ha stuprata e Hillary Clinton mi ha minacciata. Non credo ci sia niente di peggio” ha detto la Broaddrick. Altre due donne — Paula Jones e Kathleen Willey — hanno invece dichiarato che l’ex presidente in passato ha abusato sessualmente di loro, mentre la quarta — Kathy Shelton — che aveva 12 anni quando fu violentata in Arkansas nel 1975 ha ricordato che Hillary Clinton era l’avvocato difensore dello stupratore 41enne.

Trump ha riportato queste accuse in diretta nel dibattito, con le telecamere che inquadravano impietosamente Bill Clinton, in un momento ad alta tensione.

Sintesi: le mie sono chiacchiere da spogliatoio, tu Hillary ti presenti come paladina delle donne ma stai coprendo uno stupratore, che è tuo marito.»

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/10/10/usa-2016-2-dibattito-tv-le-tre-mosse-con-cui-trump-si-e-salvato/3087452/

Per approfondire:

Bill Clinton sexual misconduct allegations

https://en.wikipedia.org/wiki/Bill_Clinton_sexual_misconduct_allegations

Juanita Broaddrick

https://en.wikipedia.org/wiki/Juanita_Broaddrick

Kathleen Willey

https://en.wikipedia.org/wiki/Kathleen_Willey

Paula Jones

https://en.wikipedia.org/wiki/Paula_Jones

Gennifer Flowers

https://en.wikipedia.org/wiki/Gennifer_Flowers

Monica Lewinsky

https://en.wikipedia.org/wiki/Monica_Lewinsky

Insomma, per considerare solo il caso più grave, c’è una donna, Juanita Broaddrick, la quale afferma pubblicamente di essere stata stuprata da Bill Clinton nel 1978 e di essere stata minacciata in seguito da Hillary Clinton per mantenere il silenzio.

Perché Hillary Clinton e Bill Clinton non la querelano?

Evidentemente vogliono mettere a tacere la vicenda.

E questi due dovrebbero andare alla Casa Bianca?

E Robert De Niro, se voleva spaccare la faccia a Donald Trump per aver pronunciato frasi sessiste, cosa intende fare a Bill Clinton, che avrebbe stuprato Juanita Broaddrick?

Buffone! Pagliaccio!

Ecco la trascrizione di ciò che ha detto Donald Trump a questo proposito nel secondo dibattito presidenziale:

«TRUMP: It was locker room talk, as I told you. That was locker room talk. I’m not proud of it. I am a person who has great respect for people, for my family, for the people of this country. And certainly, I’m not proud of it. But that was something that happened.

If you look at Bill Clinton, far worse. Mine are words, and his was action. His was what he’s done to women. There’s never been anybody in the history politics in this nation that’s been so abusive to women. So you can say any way you want to say it, but Bill Clinton was abusive to women.

Hillary Clinton attacked those same women and attacked them viciously. Four of them here tonight. One of the women, who is a wonderful woman, at 12 years old, was raped at 12. Her client she represented got him off, and she’s seen laughing on two separate occasions, laughing at the girl who was raped. Kathy Shelton, that young woman is here with us tonight.

So don’t tell me about words. I am absolutely — I apologize for those words. But it is things that people say. But what President Clinton did, he was impeached, he lost his license to practice law. He had to pay an $850,000 fine to one of the women. Paula Jones, who’s also here tonight.

And I will tell you that when Hillary brings up a point like that and she talks about words that I said 11 years ago, I think it’s disgraceful, and I think she should be ashamed of herself, if you want to know the truth.

(APPLAUSE)»

http://www.nytimes.com/2016/10/10/us/politics/transcript-second-debate.html

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

istantanea-11102016-061418

Secondo dibattito presidenziale: è andato come il primo

10 ottobre 2016

In altre parole ha vinto nettamente Donald Trump, anzi è stato ancora più convincente che nel primo dibattito, ma i media globalisti anche questa volta affermano il contrario:

che ha vinto Hillary Clinton!

Ecco due titoli italiani, ovviamente allineati a quelli made in U.S.A.:

Dibattito Clinton-Trump, i primi sondaggi assegnano la vittoria a Hillary

http://www.corriere.it/esteri/16_ottobre_10/i-primi-sondaggi-assegnano-vittoria-hillary-clinton-03c69e66-8ea1-11e6-85bd-f14ac05199eb.shtml

Dibattito Clinton Trump, secondo la Cnn ha vinto Hillary con il 57%

http://www.huffingtonpost.it/2016/10/09/dibattito-clinton-trump_n_12424004.html

Come ho fatto per il primo dibattito, ho cercato i sondaggi di time.com, fortune.com e variety.com.

Sorpresa: fortune.com ha imparato la lezione e non ha fatto il poll!

Time.com ne ha fatto uno limitato alla sola economia.

Variety.com evidentemente non ha imparato la lezione, forse pensando che il vergognoso spot pubblicitario di Robert De Niro (perché non parla degli abusi sessuali di Bill Clinton, ampiamente coperti dalla moglie? Basta dare un’occhiata a Wikipedia in inglese) potesse spostare dei voti.

Riporto sotto gli screenshot.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

istantanea-10102016-132454

istantanea-10102016-132352

istantanea-10102016-133311

istantanea-10102016-133349

Se questo è il sistema democratico

30 settembre 2016

È un orrendo spettacolo questo delle elezioni USA 2016, con i media americani e occidentali che sparano una balla dopo l’altra pur di sostenere il candidato globalista, Hillary Clinton, un candidato insostenibile, un candidato “unfit” come non s’era mai visto prima.

Disonesta, bugiarda, guerrafondaia, con una pregressa trombosi cerebrale diagnosticata ufficialmente: ma i globalisti non potevano trovarsi un candidato migliore?

Si deve concludere che Hillary Clinton è esattamente il candidato che li rappresenta.

Il globalismo mostra il suo vero volto ed è un volto che suscita odio e disprezzo.

Se questo è il sistema democratico, allora è preferibile la dittatura.

Il modello occidentale mostra al mondo e alla storia il suo fallimento.

Gli americani hanno distrutto la legittimità della democrazia.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Anche il Giornale pubblica la balla dei quattro punti percentuali

29 settembre 2016

istantanea-29092016-065229

istantanea-2-27092016-095243

istantanea-29092016-074551

Nel poll di time.com Donald Trump ha battuto Hillary Clinton di ben 10 punti percentuali, non quattro!

Su quasi due milioni di voti!

Nata negli USA, non so se su people.com o su foxnews.com o su un altro sito ancora (vedi gli screenshot del mio post precedente), questa balla arriva anche in Italia.

Ecco come le balle si propagano nel mondo.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.