Posts Tagged ‘i globalisti vogliono censurare internet’

L’attentato di Manchester e la censura mondialista

23 maggio 2017

Strage delle ragazzine a Manchester, attacco terroristico al concerto di Ariana Grande: 22 morti
L’attentato nell’Arena centrale della città, subito dopo la fine dello spettacolo. Bambini tra le vittime

«Torna il terrore in Gran Bretagna, e torna nel modo più scioccante possibile: un attacco terroristico al termine di un concerto per giovani e giovanissime all’Arena di Manchester, il più grande spazio per il divertimento della città. Il bilancio delle vittime è di 22 morti e 59 feriti. Tra i morti – fa sapere il capo della polizia di Manchester, Ian Hopkins – ci sono anche dei bambini. L’esplosione è stata provocata da un attentatore morto suicida; ora bisognerà capire se ha agito da solo o come parte di un network terroristico. Di sicuro c’era l’intenzione di creare il maggior numero di vittime possibile, mettendo a segno il più grave attentato compiuto con ordigni esplosivi in Gran Bretagna dagli attacchi alla metro di Londra del luglio 2005, in cui persero la vita 52 persone.»

http://www.huffingtonpost.it/2017/05/23/manchester-attacco-terroristico-a-concerto-per-teenager-19-mor_a_22104697/

In quest’articolo dell’Huffington Post (23/05/2017), il noto giornale globalista, il lettore troverà scritto “attacco terroristico”, “attentatore”, “network terroristico”, ecc. ecc., ma non troverà la parola “islamico” e sinonimi.

Questa si chiama censura mondialista.

Il terrorismo islamico è una caratteristica necessaria del mondialismo, è uno dei tre cavalieri dell’apocalisse mondialista, come ho scritto più volte, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/08/17/tre-caratteristiche-necessarie-del-mondialismo/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/12/29/i-tre-cavalieri-dellapocalisse-mondialista/

Il mondialismo è un crimine contro l’umanità.

Bisogna ribellarsi al mondialismo.

Non si può più andare avanti così.

Tutte le persone oneste dell’Occidente, e anche del resto del mondo, hanno il dovere morale di porre fine al mondialismo.

P.S.: il famoso cantautore e scrittore inglese Morrissey, noto per non avere peli sulla lingua, ha scritto quanto segue sul proprio account Facebook.

«Celebrating my birthday in Manchester as news of the Manchester Arena bomb broke. The anger is monumental.
For what reason will this ever stop?

Theresa May says such attacks “will not break us”, but her own life is lived in a bullet-proof bubble, and she evidently does not need to identify any young people today in Manchester morgues. Also, “will not break us” means that the tragedy will not break her, or her policies on immigration. The young people of Manchester are already broken – thanks all the same, Theresa. Sadiq Khan says “London is united with Manchester”, but he does not condemn Islamic State – who have claimed responsibility for the bomb. The Queen receives absurd praise for her ‘strong words’ against the attack, yet she does not cancel today’s garden party at Buckingham Palace – for which no criticism is allowed in the Britain of free press. Manchester mayor Andy Burnham says the attack is the work of an “extremist”. An extreme what? An extreme rabbit? [il neretto è mio]
In modern Britain everyone seems petrified to officially say what we all say in private. Politicians tell us they are unafraid, but they are never the victims. How easy to be unafraid when one is protected from the line of fire. The people have no such protections.

Morrissey
23 May 2017.»

http://www.facebook.com/Morrissey/posts/1349891061714098

Come Morrissey riporta, il sindaco di Manchester Andy Burnham ha detto soltanto “un estremista”.

Invece avrebbe dovuto dire “un estremista islamico”.

E Morrissey sarcasticamente scrive: “Un estremo cosa? Un coniglio estremo?”.

Un altro esempio di censura mondialista.

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

L’élite globalista USA vuole censurare internet II

22 maggio 2017

Evan Williams, uno dei padri del blog (coniò fra l’altro il termine “blogger”) e anche uno dei fondatori di Twitter, rinnega il principio che sta alla base di internet: dare la parola a tutti, che è la perfetta attuazione della libertà di parola e della libertà di stampa garantite dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d’America, in inglese “freedom of speech” e “freedom of the press”.

Questo è il First Amendment:

«Congress shall make no law respecting an establishment of religion, or prohibiting the free exercise thereof; or abridging the freedom of speech, or of the press; or the right of the People peaceably to assemble, and to petition the Government for a redress of grievances.»

In italiano:

«Il Congresso non promulgherà leggi per il riconoscimento ufficiale di una religione, o che ne proibiscano la libera professione; o che limitino la libertà di parola, o di stampa; o il diritto delle persone di riunirsi pacificamente in assemblea e di fare petizioni al governo per la riparazione dei torti.»

Ecco cosa ha detto Evan Williams in un’intervista al New York Times (20 maggio 2017):

«”I think the internet is broken,” he says. He has believed this for a few years, actually. But things are getting worse. “And it’s a lot more obvious to a lot of people that it’s broken.”…

…”I thought once everybody could speak freely and exchange information and ideas, the world is automatically going to be a better place,” Mr. Williams says. “I was wrong about that.”…

…“It’s a very bad thing, Twitter’s role in that,” he said finally. “If it’s true that he [Donald Trump] wouldn’t be president if it weren’t for Twitter, then yeah, I’m sorry.”»

www.nytimes.com/2017/05/20/technology/evan-williams-medium-twitter-internet.html

«Un tempo pensavo che, se avessimo dato a tutti la possibilità di esprimersi liberamente e scambiarsi idee e informazioni, il mondo sarebbe diventato automaticamente un posto migliore. Mi sbagliavo»

http://www.corriere.it/tecnologia/17_maggio_21/confessione-fondatore-twitter-internet-non-funziona-piu-scusateci-donald-trump-0a58775a-3ddc-11e7-b817-1edf273dd83b.shtml

Insomma, l’élite globalista USA vuole censurare internet, per trasformare la democrazia degli United States in dittatura.

Che dire, Mr. Williams, lei mi fa schifo, proprio schifo…come si dice in inglese?

Provi a impedirmi di scriverlo in questo blog.

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Confermato: Soros e Zuckerberg sono alleati

27 dicembre 2016

Nel mio post del 14 aprile 2016, intitolato Il ruolo degli ebrei nel mondialismo, avevo scritto:

«È piuttosto diffusa l’idea che gli ebrei abbiano un ruolo centrale e fondamentale nel mondialismo.

Ebbene, si tratta di un’idea sbagliata.

La teoria unificata delle ideologie antistato mostra che queste ultime sono il portato inequivocabile del millenarismo.

E il millenarismo è un fenomeno esclusivamente cristiano…

…Se gli ebrei non hanno un ruolo centrale e fondamentale nel mondialismo, comunque hanno in esso un ruolo secondario (mentre i musulmani, per esempio, non hanno alcun ruolo nel mondialismo).

Bisogna capire che gli ebrei, dalla Diaspora provocata dall’Impero romano con le Guerre giudaiche, sono stati molto a lungo, fino alla recente creazione dello Stato d’Israele, un popolo senza Stato e quindi naturaliter contro lo Stato

…Oggi l’esistenza dello Stato d’Israele (che si chiama ufficialmente così e non Israele) ha fortunatamente cambiato le cose: il sionismo è un nazionalismo e in quanto tale è per definizione nemico del mondialismo…

…Rimane però una certa percentuale di ebrei che restano a tutt’oggi ancorati all’antica tradizione ebraica di essere contro lo Stato: per esempio i Rothschild (che erano i precedenti proprietari dell’Economist, passato recentemente agli Agnelli), George Soros, Mark Zuckerberg, ecc. ecc.»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/04/14/il-ruolo-degli-ebrei-nel-mondialismo/

Ebbene è del 16 dicembre 2016 la conferma di quanto avevo scritto e cioè che Mark Zuckerberg, il creatore di Facebook, e George Soros, il famigerato globalista, sono alleati:

«Billionaire Clinton donor George Soros is among a line-up of wealthy liberal figures who will fund Facebook’s fake news fact checker…

…The feature was announced by Facebook CEO Mark Zuckerberg on Thursday night.

It will flag any stories which have been ‘disputed by a 3rd party’ before users attempt to share them and prohibit the promotion of any fake stories.

The third parties include but are not limited to ABC News, Politico, Snopes and The Washington Post [il neretto è mio].»

http://www.dailymail.co.uk/news/article-4041910/Clinton-mega-donor-George-Soros-leads-line-liberal-billionaires-funding-Facebook-s-fake-news-fact-checker.html

The Washington Post?

È come dare a una banda di falsari il controllo della Zecca!

Infatti il Daily Mail riporta due commenti di Paul Joseph Watson su Twitter:

«One of Facebook’s “fact checkers” is the Washington Post, who had to admit to putting out an inaccurate “fake news” list just a week ago.»

«The “fact checkers” that will bury “fake news” on Facebook is just a bunch of mainstream news outlets. This is about silencing competition.»

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’élite globalista USA vuole censurare internet

30 agosto 2016

The Huffington Post ha censurato un articolo sulla salute di Hillary intitolato:

Hillary Clinton’s Health Is Superb (Aside From Seizures, Lesions, Adrenaline Pens)

Hanno licenziato l’autore, David Seaman, e cancellato il suo articolo dal sito.

Leggo su Infowars:

Huffington Post Bans Journalist For Writing About Hillary’s Health, Deletes Article

“This is spooky, to me this is extremely spooky”

Paul Joseph Watson – August 29, 2016

«The Huffington Post has sensationally censored an article pertaining to questions about Hillary Clinton’s health and banned the journalist who wrote it from posting on their website altogether.

David Seaman penned a commentary piece discussing questions surrounding Hillary’s health problems on Sunday. The story included a link to my viral video about the subject, which now has over 3.5 million views.

The post, which had been trending at number 3 on the website, was deleted within hours and Seaman’s posting rights were completely revoked.

The link now just contains an editor’s note stating, “This post is no longer available on the Huffington Post.”…

…It appears as though the main reason for the article being deleted was the fact that Seaman didn’t automatically dismiss the entire issue as a “conspiracy theory” in line with the rest of the pro-Hillary media…

…“I’ve filed hundreds of stories over the years as a journalist and I’ve never had anything like this happen….I’ve never experienced this,” remarked Seaman, adding that he was now seeking legal counsel…

…“They’re deleting and censoring commentary on her health – why is that?” asked Seaman. “Do they not want more people to watch that video on YouTube, is that what’s going on here?”»

http://www.infowars.com/huffington-post-bans-journalist-for-writing-about-hillarys-health-deletes-article/

Si può leggere il post cancellato nella cache di Google:

http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:LwXcO-agP6sJ:www.huffingtonpost.com/david-seaman/hillary-clintons-health-

Si può leggere anche qui:

http://archive.is/V5Mkj

Questo è il video linkato al post cancellato:

David Seaman ha anche ricevuto minacce di morte:

HuffPo writer gets fired, receives DEATH THREATS, then goes off on Hillary supporters

«If you haven’t already heard, a contributor to the Huffington Post was TERMINATED for simply questioning Hillary’s health in an op-ed on Sunday night.

The liberal freaks at the Huffington Post were none-too-pleased with his stance, so they arbitrarily deleted his article and then terminated him on the spot!

Now, less than 24 hours later, he is receiving DEATH THREATS from Hillary supporters and he is scared for his life.»

http://ilovemyfreedom.org/huffpo-writer-gets-fired-receives-death-threats-goes-off-hillary-supporters/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati