Posts Tagged ‘ignoranza’

Paolo Savona, la Germania e la sua politica di potenza

25 Mag 2018

Ho sentito in TV che è in uscita un libro dell’economista Paolo Savona, che forse (speriamo) diventerà Ministro dell’Economia nel nascente governo sostenuto da Matteo Salvini e da Luigi Di Maio.

Questo libro, il cui titolo dovrebbe essere Come un incubo e come un sogno, stando alle anticipazioni riportate dalla stampa, dovrebbe riguardare anche la cosiddetta politica di potenza della Germania.

Ebbene, ho scritto su tale argomento sia nei miei due saggi di scienza politica, sia in questo blog:

«Comunque, se nel Seicento i tedeschi avessero avuto il buon senso di trattare gli Asburgo come gli inglesi trattarono nello stesso secolo gli Stuart (ossia con la prima e la seconda rivoluzione inglese), non ci sarebbero in seguito state né la prima, né la seconda guerra mondiale, la cui remota origine fu la Controriforma degli Asburgo, che distrusse l’unità politica del popolo tedesco e produsse in esso una palese volontà di potenza ipercompensatoria.»

Luigi Cocola, Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, 3° ed., 2012, lulu.com, pag. 33

«Per quanto riguarda la cultura tedesca e quella italiana, esse sono culture difettive. Di ciò ho scritto ampiamente altrove (18, 39).
Il difetto della prima è la mancanza di unità politica (Germania e Austria sono infatti due Stati separati), che ha generato in passato, e continua a generare anche oggi, una palese volontà di potenza ipercompensatoria, per il semplice motivo che in Europa, in assenza di barriere geografiche, l’impulso di coloro che parlano la stessa lingua a unirsi politicamente è irrefrenabile e inestirpabile…

…Bloccare il suddetto impulso significa renderlo ancora più forte e pervasivo, e il risultato, com’è tristemente noto, è quello di stimolare nella cultura tedesca micidiali fantasie di potenza.
La politica di Angela Merkel, ad esempio, è un’evidente politica di potenza, appena mascherata da buone maniere e da sorrisi di circostanza.»

Luigi Cocola, Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, 3° ed., 2013, lulu.com, pagg. 41-42

Vedi anche, su questo blog, questi due post:

Se lo Stato è indispensabile, bisogna non solo rigettare l’Unione Europea, ma anche attuare un’igiene politica degli Stati europei (28 dicembre 2012)

https://luigicocola.wordpress.com/2012/12/28/se-lo-stato-e-indispensabile-bisogna-non-solo-rigettare-lunione-europea-ma-anche-attuare-unigiene-politica-degli-stati-europei/

La volontà di potenza adleriana della cultura tedesca (27 febbraio 2013)

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/27/la-volonta-di-potenza-adleriana-della-cultura-tedesca/

Del resto questa volontà di potenza della Germania è dichiarata esplicitamente nell’inno nazionale tedesco, che inizia così:

“Deutschland, Deutschland über alles,
über alles in der Welt”

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/06/linno-nazionale-della-germania/

Anche un cretino capirebbe che è stato un enorme sbaglio fare della Germania il perno dell’Unione Europea.

L’ho scritto molte volte, l’élite mondialista è un’élite fuori di testa, contraria alla Ragione, anzi affetta da cretinismo europeista, e per giunta anche molto ignorante.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’ignoranza ci sta sommergendo II

19 giugno 2013

Circa un anno fa ho scritto un post sull’ignoranza che ci sta sommergendo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/07/10/lignoranza-ci-sta-sommergendo-2/

Oggi scriverò di un’altra perla, opera questa volta di Giulio Sapelli:

“La Germania, come ben aveva visto il grande Federico Engels in Po und Rhein, sorge dalla spada d’acciaio degli Junker prussiani che sono gli eredi delle tribù germaniche descritte da Tacito («adorano gli alberi, spezzano il pane con i denti…») che fermarono Roma al vallo di Adriano e cambiarono così la storia d’Europa e del mondo, ponendo di fatto le basi storico-concrete per l’avvento del nazismo secoli e secoli dopo.”

http://www.linkiesta.it/italia-mario-monti

Chi è Giulio Sapelli? Wikipedia ci informa che:

“Giulio Sapelli (Torino, 1947) è uno storico ed economista italiano…

…È attualmente professore ordinario di Storia Economica presso l’Università degli Studi di Milano, dove insegna anche Analisi Culturale dei Processi Organizzativi. È collaboratore del Corriere della Sera e de Il Sussidiario.net.”

http://it.wikipedia.org/wiki/Giulio_Sapelli

Il bello è che più d’uno ha avvertito Sapelli che il “vallo di Adriano” non si trova in Germania (vedi ad esempio con la funzione “trova” del browser i termini “Adriano” e “Tacito” nella pagina web suddetta), ma lui niente, non ha cambiato una virgola.

Per un’analisi razionale del carattere, per così dire, aggressivo del popolo tedesco (intendo per popolo tedesco l’insieme di individui che parlano il tedesco come lingua madre), vedi invece questi miei due post:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/12/28/se-lo-stato-e-indispensabile-bisogna-non-solo-rigettare-lunione-europea-ma-anche-attuare-unigiene-politica-degli-stati-europei/

https://luigicocola.wordpress.com/2013/02/27/la-volonta-di-potenza-adleriana-della-cultura-tedesca/

Del resto Wikipedia alla voce “Impero romano” giustamente recita:

“Nella sua massima espansione, l’Impero si estendeva, in tutto o in parte sui territori degli odierni stati di: Portogallo, Spagna, Andorra, Francia, Monaco, Belgio, Paesi Bassi (regioni meridionali), Regno Unito (Inghilterra, Galles, parte della Scozia), Lussemburgo, Germania (regioni meridionali e occidentali), Svizzera, Austria, Liechtenstein, Ungheria, Italia…[il corsivo è mio]”.

http://it.wikipedia.org/wiki/Impero_romano

La stessa Vienna fu costruita dagli antichi romani. Si chiamava Vindobona, vedi qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/Vindobona

L’Austria “Fu conquistata da Romani e per secoli fece parte dell’Impero Romano”:

http://it.wikipedia.org/wiki/Austria

È appena il caso di ricordare che Hitler era austriaco.

Come si può quindi ipotizzare (senza parlare poi del Vallo di Adriano) che l’attuale aggressività del popolo tedesco sia causata dal fatto che esso non fu civilizzato dagli antichi romani? Lo fu, eccome.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’ignoranza della scienza politica contagia anche Wikipedia

10 novembre 2012

Leggendo Wikipedia in italiano alla voce “democrazia” c’è da trasecolare, perché viene affermato che la democrazia è una forma di Stato, invece che una forma di governo, come anche i bambini sanno:

“La democrazia è una forma di stato…”

http://it.wikipedia.org/wiki/Democrazia

Meno male che su Wikipedia in inglese è correttamente riportato che:

“Democracy is a form of government…”

http://en.wikipedia.org/wiki/Democracy

Per chi avesse qualche dubbio sul corretto significato di “government”:

“States are served by a continuous succession of different governments.”

http://en.wikipedia.org/wiki/Government

C’è da rimarcare che le classificazioni delle forme di governo sono parecchie.

Norberto Bobbio, ad esempio, riporta le classificazioni delle forme di governo proposte da Aristotele, Machiavelli, Montesquieu e Kelsen (Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pagg. 95-97).

Ma vediamo cosa personalmente scrive Bobbio della democrazia:

«Dall’età classica ad oggi il termine “democrazia” è sempre stato adoperato per designare una delle forme di governo…»

(Norberto Bobbio, ibid., pag. 126).

Comunque su Wikipedia in italiano è riportato correttamente che:

“Per forma di governo si intende il modello organizzativo che uno Stato assume per esercitare il potere sovrano.”

http://it.wikipedia.org/wiki/Forma_di_governo

Ne discende che senza Stato non vi può essere forma di governo, come ho scritto più volte in post precedenti.

Vedi ad esempio:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/08/05/domanda-cose-la-democrazia/

Quindi, volendo abolire in Europa lo Stato, verrà abolita anche la democrazia, come in effetti sta vistosamente e palesemente accadendo.

Una democrazia senza Stato (così come una giustizia senza Stato) può esistere, parodiando Shakespeare, soltanto nei sogni dei nostri filosofi.

In assenza dello Stato ci ritroviamo, come spiega Thomas Hobbes, in una “guerra di tutti contro tutti” (Thomas Hobbes, De cive, Editori Riuniti, 1979, pag. 73 e pag. 87), nella quale ovviamente vincono i più forti: la Germania, le banche, la finanza internazionale, i ricchi.

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’ignoranza ci sta sommergendo

10 luglio 2012

Leggo su “Toghe rotte”, a cura di Bruno Tinti, prefazione di Marco Travaglio, Chiarelettere Editore, quarta edizione, ottobre 2007, pagina 161:

“…quindi secondo le regole di separazione dei poteri inventate dopo la Rivoluzione francese…”

Questa frase mostra in modo inequivocabile l’ignoranza dei concetti basilari della scienza politica. Sarebbe bastato dare uno sguardo a Wikipedia (alla voce “Separazione dei poteri”).

Ma Travaglio, prima di scriverne la prefazione, l’ha letto il libro?
L’ha letto un qualche editor, un qualche correttore di bozze?
L’ha letto qualcuno alla prima o alla seconda o alla terza edizione?
L’hanno letto prima di dargli il Premio Enzo Biagi 2008?
Vedi a questo proposito:

http://toghe.blogspot.it/2008/05/toghe-rotte-vince-il-premio-enzo-biagi.html

In Italia la scienza politica è in genere considerata una scienza inutile, un residuo del passato. Invece è la chiave, con la teoria dello Stato, per interpretare sia il disastro italiano, sia il disastro europeo. Certo, bisogna ripudiare Marx (e il suo concetto che l’economia sia la base di tutto) e Locke (e il suo concetto che l’uomo sia, allo stato di natura, un essere virtuoso e razionale).

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.