Posts Tagged ‘italiani’

Riace è stata violentata dalla sinistra

2 giugno 2019

 

 

 

 

al minuto 1 e 21:

“Riace è stata violentata dalla sinistra, sia nella nostra cultura, sia nella nostra libertà”

Solo Riace? Tutta l’Italia è stata violentata dalla sinistra, cioè dai globalisti

Tutti i patrioti italiani sostengano Matteo Salvini

 

 

—————————————————-

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Annunci

Siamo italiani e siamo incazzati

11 maggio 2019

 

 

 

 

Matteo Salvini:

«…ah, gli Italiani, spaghetti, mafia, pizza, mandolino, col cazzo! Glielo facciamo vedere il 26 maggio chi sono gli Italiani, mandateci in Europa e la ribaltiamo quest’Europa, rimettendo al centro il diritto al lavoro, alla vita, alla salute…»

Tutti i patrioti italiani sostengano Matteo Salvini

 

 


N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

La Lega di Matteo Salvini continua a essere il primo partito italiano

11 luglio 2018

Ecco cosa dice il sondaggio politico di SWG del 9 luglio 2018:

Lega – 30,5% (il 18 giugno era al 29,2%)

Movimento 5 Stelle – 29,0% (il 18 giugno era al 29,0%)

Partito Democratico – 17,8% (il 18 giugno era al 18,8%)

Forza Italia – 7,7% (il 18 giugno era al 9,2%)

Fratelli D’Italia – 4,3% (il 18 giugno era al 4,1%)

https://www.termometropolitico.it/1311137_sondaggi-elettorali-swg-lega-m5s.html

Per il sondaggio SWG del 18 giugno 2018 vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2018/06/19/sondaggio-swg-la-lega-e-il-primo-partito/

Tutti i patrioti italiani sostengano Matteo Salvini.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Sondaggio SWG: la Lega è il primo partito

19 giugno 2018

Secondo il sondaggio SWG di ieri 18 giugno 2018, la Lega di Matteo Salvini è il primo partito italiano:

Lega   –   29,2%

Movimento 5 Stelle   –   29,0%

Partito Democratico   –   18,8%

Forza Italia   –   9,2%

Fratelli D’Italia   –   4,1%

http://tg.la7.it/politica/il-sondaggio-politico-di-luned%C3%AC-18-giugno-2018-18-06-2018-128712

Come ho già scritto nel mio post del 13 giugno 2018:

tutti i patrioti italiani sostengano Matteo Salvini.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

©_ANGELO_TRANI

By English: Ministry of the InteriorItaliano: Ministero dell’interno [CC BY 3.0 it], via Wikimedia Commons

Mi sembra di vivere in un sogno, in un universo parallelo

1 giugno 2018

Oggi nascerà il governo di Giuseppe Conte, sostenuto da Matteo Salvini e da Luigi Di Maio.

Mi sembra di vivere in un sogno, cioè in un mondo in cui Salvini e il Movimento 5 Stelle hanno vinto le elezioni e governano insieme, mentre i malefici Renzi e Berlusconi assistono sconfitti e impotenti.

Ma questa è la realtà.

Chi avrebbe mai potuto immaginarlo prima delle elezioni del 4 marzo?

Come non ricordare che a luglio dell’anno scorso il Pd era, nei sondaggi politici, il primo partito italiano? Come non ricordare che nei sondaggi pre-elettorali Berlusconi era nettamente davanti a Salvini?

È successo un miracolo? Sono passato in un universo parallelo?

L’Italia, questa nostra povera Patria, che è stata devastata per anni e anni dai millenaristi secolarizzati (cioè i globalisti), come il leader del Pd e il leader di Forza Italia, e dai millenaristi religiosi, come Bergoglio, potrebbe finalmente risorgere.

I traditori della Patria e del popolo italiano sono stati sconfitti, ma solo momentaneamente.

Il cammino è ancora lungo.

Ho perfino paura ad avere speranze, come se averne potesse infrangere questo sogno e farmi risvegliare all’improvviso nel mondo in cui vivevo prima del 4 marzo.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Netanyahu crede che l’Italia sia la pattumiera di Israele

2 aprile 2018

Leggo sul Sole24ore, l’organo dei mondialisti (2 aprile 2018):

Israele, 16mila migranti saranno estradati in Italia, Germania e Canada

«l governo israeliano di Benjamin Netanyahu ha modificato il destino di 16.250 migranti africani: annullata la deportazione in Africa dallo Stato ebraico e siglato accordo con Italia, Germania e Canada affinché li accolgano. Israele ha annullato a sorpresa l’espulsione verso il Ruanda e l’Uganda di migliaia di migranti eritrei e sudanesi, che avrebbe dovuto iniziare già nei prossimi giorni ma che era stata temporaneamente bloccata dalla Corte Suprema. Nel frattempo, ha reso noto il governo, è stata raggiunta con l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati «un’intesa senza precedenti» in base alla quale i 16.250 migranti saranno estradati gradualmente verso Paesi occidentali. I primi 6mila nel primo anno.

Lo stesso Netanyahu, illustrando l’accordo, ha precisato che i migranti saranno «reinsediati» in particolare in Italia, Germania e Canada.»

http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-04-02/israele-16mila-migranti-saranno-estradati-italia-germania-e-canada-170000.shtml

Questo articolo è del 2 aprile, quindi non si può trattare di un pesce d’aprile. Perché questa è una delle due possibili interpretazioni.

Esclusa la prima interpretazione, non resta che la seconda: Netanyahu crede che l’Italia sia la pattumiera di Israele.

Ebbene, forse nel mondo non hanno capito i risultati delle elezioni italiane del 4 marzo 2018.

L’ITALIA NON È LA PATTUMIERA DI ISRAELE.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La proiezione a Roma di “Girlfriend in a Coma” viene rimandata

2 febbraio 2013

Dal Corriere della Sera di ieri:

Bloccato il film di Emmott sul declino italiano

Il Maxxi fa slittare la proiezione: «Ordini del ministero, si tratta di contenuti politici». Ma il Mibac smentisce

Il film di Bill Emmot sul declino dell’Italia non verrà proiettato al Maxxi di Roma il prossimo 13 febbraio. Almeno non fino alle elezioni. Il Museo nazionale delle arti del XXI secolo ha citato «ferree disposizioni» del Ministero delle Attività Culturali da cui dipende per motivare lo slittamento della proiezione (ma il ministero in serata ha smentito, affermando che la decisione del Maxxi è stata autonoma). I vertici del museo hanno comunicato agli organizzatori dell’anteprima italiana di Girlfriend in a Coma, realizzato dal giornalista inglese con Annalisa Piras, di essere «costretti» a differire la proiezione a una data successiva al 24-25 febbraio.

LA MOTIVAZIONE – Nella nota pervenuta alla produzione del film, si legge testualmente: «Disposizioni della Presidente della Fondazione, che si fanno interpreti delle indicazioni assai rigorose dateci dal ministero – socio unico della Fondazione ed Autorità Vigilante sul nostro operato – non ci consentono di ospitare nello spazio del museo qualunque iniziativa che possa essere letta secondo connotazioni politiche, nell’imminenza della competizione elettorale».

IL MIBAC SMENTISCE – In serata, con una nota, il ministero per i Beni e le attività culturali ha sottolineato di non aver dato disposizioni in merito alla proiezione del documentario all’auditorium del MAXXI di Roma. «Il Maxxi – si precisa – è una fondazione di diritto privato le cui decisioni sono assunte dagli organi competenti».”

http://www.corriere.it/spettacoli/13_febbraio_01/emmott-film-slitta_e70d6004-6c92-11e2-9729-7dce41528d1f.shtml

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC) è guidato attualmente da Lorenzo Ornaghi, Ministro del governo Monti.

La Presidente della Fondazione MAXXI è Giovanna Melandri.

Avevo scritto del film qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/14/come-lex-direttore-della-rivista-the-economist-vede-litalia-e-come-la-vedo-io/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/28/bill-emmott-litalia-e-le-diagnosi-puerili/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/30/bill-emmott-corregge-il-sito-girlfriendinacoma-eu/

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Bill Emmott corregge il sito girlfriendinacoma.eu

30 gennaio 2013

Forse colpito dalla mia accusa di essere niente altro che “un predicatore protestante”, Bill Emmott, l’ex direttore della rivista “The Economist”, corregge la home del sito http://girlfriendinacoma.eu/?lang=it .

Infatti nei miei precedenti post avevo scritto:

«…nella home del sito dedicato al film, girlfriendinacoma.eu, è scritto addirittura: “Ora tocca a voi denunciare i peccatori”…»

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/28/bill-emmott-litalia-e-le-diagnosi-puerili/

e

«…tanto che nella home del sito è scritto addirittura: “Ora tocca a voi denunciare i peccatori”…»

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/14/come-lex-direttore-della-rivista-the-economist-vede-litalia-e-come-la-vedo-io/

Ecco la foto della home del sito com’era prima (presa il 29/01/2013 alle 22.19 dalla copia cache di Google visualizzata il 15 gen 2013 13:59:46 GMT) e la foto della home del sito com’è adesso (presa il 29/01/2013 alle 22.28):

girlfriendinacoma1

girlfriendinacoma2

 

P.S.: cliccate sulle foto per ingrandirle.

Bill Emmott, l’Italia e le diagnosi puerili

28 gennaio 2013

Leggo su affaritaliani.it:

«Il 13 febbraio al “MAXXI” di Roma ci sarà la prima proiezione italiana di “Girlfriend in a Coma”, il documentario di Bill Emmott e Annalisa Piras sul declino – forse terminale – del Paese.»

«Emmott commenta: “Gli italiani stessi forse non se ne rendono conto, ma il loro è un Paese chiave per tutto l’Occidente – per certi versi ne definisce l’anima – e il collasso visibilmente in corso è una tragedia che pagheremo tutti, nei decenni e forse nei secoli”.»

http://affaritaliani.libero.it/politica/nelle-sale-un-docufilm-contro-berlusconi280113.html

Ho già scritto di Emmott e del suo film qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/01/14/come-lex-direttore-della-rivista-the-economist-vede-litalia-e-come-la-vedo-io/

L’ex direttore della rivista “The Economist” provoca sempre in me grande stupore: come è mai possibile dirigere per molti anni (dal 1993 al 2006) quella che è considerata da tutti una delle più famose e autorevoli riviste d’economia del mondo e avere una visione così puerile della cosiddetta “anomalia italiana”?

Come è mai possibile pensare che sia solo una questione di peccati e di peccatori (nella home del sito dedicato al film, girlfriendinacoma.eu, è scritto addirittura: “Ora tocca a voi denunciare i peccatori”)?

Mr. Emmott, ma cos’è lei, un predicatore protestante?

Una volta, molto tempo fa, trovandomi a Londra, andai ad Hyde Park, dove chiunque, com’è noto, può liberamente arringare gli astanti sugli argomenti più disparati e strampalati.

C’era, fra gli altri, un signore di mezz’età che predicava rumorosamente contro i peccati del mondo e il suo ritornello era un “The Loooord…” urlato all’incirca come usano fare i cronisti di calcio sudamericani quando viene segnato un gol.

Bill Emmott mi ricorda molto quell’invasato di tanti anni fa ad Hyde Park.

Per approfondire vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/11/02/e-sbagliato-spiegare-i-difetti-della-societa-italiana-in-termini-di-questione-morale/

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Gli inglesi non sono come gli italiani

23 gennaio 2013

«Cameron: “Se saro’ rieletto subito un referendum sulla Ue”
15:39 23 GEN 2013

(AGI) – Londra, 23 gen. – Con un discorso che ha gia’ suscitato infuocate reazioni, il premier britannico, il conservatore David Cameron, si e’ impegnato a un referendum entro 5 anni sulla permanenza o meno nell’Unione Europea, qualora vincesse le prossime elezioni. Rispondendo alle pressioni dagli euroscettici anche nel suo partito, il premier ha detto che il Regno Unito, che si uni’ alla Comunita’ Economica Europea 40 anni fa, non vuole uscirne, ma che la delusione per l’Ue “e’ a picchi mai cosi’ alti”. “E’ tempo che i britannici possano dire la loro, e’ il momento di risolvere la questione europea nella politica britannica”, ha detto; e il suo partito, Tory, fara’ campagna elettorale nel 2015 promettendo di rinegoziare l’adesione all’Ue. Cameron ha infatti spiegato che alle prossime elezioni chiedera’ ai britannici “che autorizzino il governo conservatore a negoziare un nuovo accordo con gli alleati europei”; e sottoporra’ a referendum questo “nuovo accordo” con l’Ue. “Daremo ai britannici un referendum con una scelta molto semplice, rimanere nell’Ue con queste nuove condizioni o venirne fuori complessivamente. Sara’ un referendum dentro o fuori”.»

http://www.agi.it/in-primo-piano/notizie/201301231539-ipp-rt10250-cameron_se_saro_rieletto_subito_un_referendum_sulla_ue

Poi qualcuno si meraviglia se ammiro la cultura inglese! Questa è la cultura che per prima mise in pratica nell’Evo Moderno, ossia dopo la stasi del Medio Evo, la democrazia, e precisamente dopo la Gloriosa Rivoluzione (1688). Mi fanno ridere coloro che, con ragionamenti assai lambiccati e cavillosi, ritengono che sia più importante la Rivoluzione Francese, la quale avvenne più di un secolo dopo! L’Inghilterra è la culla moderna della democrazia e non si discute su questa verità!

La reazione della Merkel: “Angela Merkel auspica un ruolo attivo e impegnato della Gran Bretagna nell’Unione Europea”.

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/articoli/1078524/merkel-gb-e-importante-per-la-ue.shtml

Tradotto dal linguaggio diplomatico: vorrebbe che gli inglesi si facessero fottere dai tedeschi come gli italiani…

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.