Posts Tagged ‘l’eccezione della grecia’

Due articoli di Sputnik sulla data dell’Apocalisse

5 ottobre 2018

Leggo su Sputnik, la nota agenzia di stampa russa, i due seguenti articoli.

a) Trovata una profezia sinistra negli scritti di Newton (27 settembre 2018)

«Il famoso scienziato inglese Isaac Newton [il neretto è mio] in una delle sue opere predisse l’apocalisse. Il fisico, in particolare, scrisse che non più tardi del 2060 l’universo avrebbe visto un “nuovo inizio”. Lo riporta il Daily Star.

Nel suo lavoro Newton analizzò i testi della Bibbia. Credeva che nel libro più importante del mondo, ci fossero delle previsioni criptate sul futuro. Lo scienziato ha firmato questo lavoro come Jehovah Sanctus Unus.

Un ricercatore ed esperto di Newton, l’astronomo e blogger austriaco Florian Freistetter, è giunto alla conclusione che lo scienziato inglese è stato in grado di calcolare la data dell’apocalisse. In particolare, Newton era fiducioso che la fine del mondo potesse accadere più tardi del tempo previsto da lui, ma non prima. Allo stesso tempo, il ricercatore dice che il fisico non aveva dubbi che dopo questo evento il nostro pianeta sarebbe diventato “la casa di Dio” [il neretto è mio]

https://it.sputniknews.com/mondo/201809276551872-profezia-sinistra-scritti-newton/

b) Pastore trova nella Bibbia la data dell’apocalisse e il ruolo che avrà la Russia (4 ottobre 2018)

«Il dottor Kenton Beshor, deceduto nel 2016, era presidente della World Bible Society [che ha sede in California, nota mia] e ha dedicato parte della sua carriera a cercare i significati segreti del Vangelo.

Gli appunti di Beshor sono stati recentemente resi pubblici. Stando agli scritti del pastore, la prima fase della fine del mondo inizierà nel 2021 e terminerà con la venuta di Gesù Cristo [il neretto è mio] nel 2028. Beshor arrivò a questa conclusione quando trovò nel testo una predizione di due guerre mondiali e la creazione di Israele.»

https://it.sputniknews.com/mondo/201810046586738-pastore-data-apocalisse-russia/

I due suddetti articoli di Sputnik avvalorano la mia tesi che l’Occidente sia da tempo in preda a un delirio culturale di origine religiosa (1).

Perfino il grande Isaac Newton ne era affetto (ne avevo già accennato in precedenza, 2).

Questo delirio culturale ha prodotto le ideologie antistato di tipo filosofico (Teoria unificata delle ideologie antistato, 3), delle quali l’ultima, e la più letale di tutte (4), è il mondialismo, l’ideologia recentemente rigettata all’ONU da Donald Trump (5).

Questo delirio culturale ha origine nell’Apocalisse di Giovanni, come scrivo da tempo (6).

Il mondo protestante è severamente colpito da questo delirio culturale, perché è caratteristica fondamentale della Riforma la rivendicazione del libero esame personale della Bibbia, dimodoché quello che ho chiamato “filtro interpretativo agostiniano” (7, 8), cioè l’interpretazione allegorica dell’Apocalisse di Giovanni proposta da Agostino d’Ippona dopo il Sacco di Roma da parte dei Visigoti, viene ovviamente a cadere.

Anche il mondo cattolico è colpito da questo delirio culturale, sebbene in misura notevolmente minore rispetto a quello protestante.

Invece il Cristianesimo orientale, cioè ortodosso, grazie al cesaropapismo introdotto da Costantino il Grande, è completamente immune a esso (7, 8, 9).

Per quanto riguarda l’eccezione costituita dalla Grecia, come ho scritto in un vecchio post:

«Anche il popolo greco fa parte del Cristianesimo orientale, ma tale popolo venne cooptato dall’Occidente, perché quest’ultimo giustamente vide nella Grecia antica la culla del pensiero occidentale: così lo Stato greco venne creato nell’Ottocento soprattutto ad opera delle grandi potenze occidentali e il popolo greco, fortemente imbevuto di cultura occidentale, si comporta oggi come un popolo dell’Occidente.» (10)

———-

1) Luigi Cocola, Il mondialismo è un delirio culturale, 2° ed., lulu.com, 2018

2) Le solenni cretinate di Stephen Hawking sul mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2016/12/17/le-solenni-cretinate-di-stephen-hawking-sul-mondialismo/

3) Luigi Cocola, La teoria unificata delle ideologie antistato e altri discorsi politici, 6° ed., lulu.com, 2018

4) Perché il mondialismo durerà meno del comunismo

https://luigicocola.wordpress.com/2016/03/07/perche-il-mondialismo-durera-meno-del-comunismo/

5) Donald Trump: “We reject the ideology of globalism”

https://luigicocola.wordpress.com/2018/09/26/donald-trump-we-reject-the-ideology-of-globalism/

6) Vedi per esempio:

Le tappe principali della genesi storica del mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/07/28/le-tappe-principali-della-genesi-storica-del-mondialismo/

7) L’Apocalisse di Giovanni, il millenarismo e il mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2017/12/19/lapocalisse-di-giovanni-il-millenarismo-e-il-mondialismo/

8) Luci e ombre del pensiero di Renaud Camus sul mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/02/10/luci-e-ombre-del-pensiero-di-renaud-camus-sul-mondialismo/

9) Ho sognato una gara di chef

https://luigicocola.wordpress.com/2018/05/06/ho-sognato-una-gara-di-chef/

10) Il disastro europeo e l’inconscio collettivo dell’Occidente

https://luigicocola.wordpress.com/2015/07/20/il-disastro-europeo-e-linconscio-collettivo-delloccidente/

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Roberto Orsi descrive ma non spiega

5 agosto 2015

Chi è Roberto Orsi?

“Roberto Orsi is researcher at the Security Studies Unit of the Policy Alternatives Research Institute, and lecturer at the Graduate School of Public Policy, University of Tokyo. He holds a PhD in International Relations obtained from the London School of Economics in 2013. His research interests focus on international political theory, history of political concepts, East Asian and European international politics.”

http://www.e-ir.info/2015/06/02/the-politics-of-the-humanitarian-crisis-in-europe/

Vedi anche qui:

http://blogs.lse.ac.uk/eurocrisispress/2015/06/15/the-politics-of-the-humanitarian-crisis-in-europe/

Ai due suddetti link è riportato il suo recente scritto: The Politics of the Humanitarian Crisis in Europe.

In esso Orsi descrive compiutamente il disastro europeo per quanto riguarda l’immigrazione selvaggia, ma, purtroppo, gli sfugge completamente la natura, la causa, di tale disastro.

In altre parole, egli descrive ma non spiega.

Come ho scritto più volte, stiamo assistendo a uno sconvolgimento epocale, ossia l’Occidente sta collassando e ciò è causato dall’ideologia mondialista (o globalista che dir si voglia), la quale sta cercando di attuare l’imperativo millenaristico di eliminare lo Stato.

Siamo all’inizio di un Secondo Medio Evo.

La mia teoria unificata delle ideologie antistato spiega che tutte le ideologie antistato sono il prodotto dell’antica prescrizione cristiana di abbattere lo Stato romano (la Roma delle persecuzioni cristiane), prescrizione che si trova nell’ultimo libro del Nuovo Testamento, l’Apocalisse di Giovanni.

Si tratta, insomma, di ciò che potrebbe essere definito un bug del Cristianesimo. Questo bug è operante solo nel Cristianesimo occidentale, perché in quello orientale il cesaropapismo, geniale invenzione di Costantino il Grande, blocca tale bug.

Per l’eccezione della Grecia, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/07/20/il-disastro-europeo-e-linconscio-collettivo-delloccidente/

Per quanto riguarda poi i popoli non cristiani, il problema neanche si pone (probabilmente essi staranno pensando che gli occidentali sono impazziti).

Per approfondire la mia teoria unificata delle ideologie antistato, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/05/il-millenarismo-e-un-meme-egoista/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il disastro europeo e l’inconscio collettivo dell’Occidente

20 luglio 2015

La causa del disastro europeo si trova nell’inconscio collettivo dell’Occidente.

È qui che è depositato l’antico imperativo cristiano (dell’Apocalisse di Giovanni) di distruggere lo Stato romano, di distruggere la Roma delle persecuzioni cristiane.

Tale imperativo inconscio agisce sulla coscienza degli occidentali: così sono nate le ideologie antistato quali l’anarchismo, il comunismo, l’europeismo, il multiculturalismo, il mondialismo e così nasce l’adesione popolare a tali ideologie.

Infatti il francese Proudhon, l’ideatore dell’anarchismo, era cristiano e così anche gli ideatori del comunismo, i tedeschi Marx ed Engels.

Karl Marx fu battezzato all’età di sei anni, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/24/di-quale-religione-era-karl-marx/

Poiché lo Stato, come ho mostrato più volte, è una necessità razionale, una necessità della Ragione, eliminarlo vuol dire andare incontro al disastro.

Infatti lo Stato è un universale culturale (come p.e. il tabù dell’incesto e i riti funebri): esso serve a gestire il potere della forza fisica (l’esercito e la legge), ossia, come scrisse Hobbes, serve a difendere il popolo dall’aggressione di stranieri e dai torti reciproci.

Senza Stato, inoltre, non può ovviamente esserci lo stato sociale, il welfare state.

Nel Cristianesimo orientale l’imperativo cristiano di distruggere lo Stato romano venne annullato dalla geniale invenzione di Costantino il Grande: la subordinazione della Chiesa al Principe, ossia allo Stato, ciò che prende il nome di cesaropapismo.

Così nell’inconscio collettivo dei russi non c’è l’imperativo cristiano di distruggere lo Stato.

Anche il popolo greco fa parte del Cristianesimo orientale, ma tale popolo venne cooptato dall’Occidente, perché quest’ultimo giustamente vide nella Grecia antica la culla del pensiero occidentale: così lo Stato greco venne creato nell’Ottocento soprattutto ad opera delle grandi potenze occidentali e il popolo greco, fortemente imbevuto di cultura occidentale, si comporta oggi come un popolo dell’Occidente.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.