Posts Tagged ‘marco de palma’

Il partito che non esiste potrebbe vincere le elezioni

20 luglio 2017

Leggo sull’Occidentale quest’articolo di Marco De Palma (19 Lug 2017):

Centrodestra unito avanti in tutti i sondaggi, male Pd e 5 Stelle

«Otto diversi sondaggi confermano lo stesso dato: il centrodestra unito (Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia) raccoglie un numero di consensi maggiore di quello del Pd e del Movimento 5 stelle. A dirlo sono i numeri relativi alle intenzioni di voto elaborati nella settimana dall’11 al 17 luglio dalle più note case sondaggistiche italiane (Euromedia, Index,Emg, swg, Ixè, IPR, Piepoli, Demopolis)…»

https://www.loccidentale.it/articoli/145918/centrodestra-unito-avanti-in-tutti-i-sondaggi-male-pd-e-5-stelle

Peccato si tratti di un partito che non esiste e che neanche può esistere, dato che Silvio Berlusconi è, ed è sempre stato, mondialista (e ha anche sostenuto Hillary Clinton alle elezioni presidenziali USA vinte da Donald Trump, esattamente come ha fatto Matteo Renzi), mentre è ragionevole pensare che Matteo Salvini e Giorgia Meloni siano contro il mondialismo (altrimenti a che servono?), vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/04/24/chi-sostiene-hillary-clinton/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/20/essere-contro-lo-stato-non-e-monopolio-della-sinistra/

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il delirio della Merkel e di Obama

8 marzo 2014

Come ho riportato in un post precedente, sia la Merkel che Obama hanno condannato Putin, definendolo, rispettivamente, non più a contatto con la realtà e dal lato sbagliato della storia.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/04/chi-e-a-contatto-con-la-realta-chi-e-dal-lato-giusto-della-storia/

Oggi Marco De Palma sull’Occidentale scrive:

Da Gazprom alla base occupata in Crimea: la Ue non capisce Putin

“…Chiaro come il sole: la Russia non teme la Ue e Putin proseguirà sulla sua strada. Non si tratta solo di agire, come il presidente russo ha dimostrato di fare invadendo la Crimea, e’ proprio la dimensione ideologica che muove Putin a non essere compresa dalle cancellerie europee. L’idea postmoderna della fine dei conflitti, del multilateralismo senza crisi, della kantiana pace perpetua, il Ventunesimo secolo della mano tesa sognato dal presidente Obama al Cairo, non funziona con Putin, che vive sospeso tra il Diciannovesimo e il Ventesimo secolo e come ha detto la signora Merkel non si riesce a capire cosa pensi. Ma sono l’Europa e anche gli USA che non capiscono: credono di vivere in un mondo che funziona secondo le loro regole mentre l’ex KGB ragiona nel più classico schema di scontro delle civiltà.”

http://www.loccidentale.it/node/130689

De Palma da un lato ha certamente ragione quando scrive che l’Europa e gli USA “credono di vivere in un mondo che funziona secondo le loro regole”, dall’altro ha torto: Putin non “vive sospeso tra il Diciannovesimo e il Ventesimo secolo”, vive nella realtà.

Invece la Merkel e Obama vivono in un mondo assolutamente immaginario, ossia in un mondo dove l’internazionalismo di David Rockefeller ha vinto.

Ebbene, ciò non accadrà mai, come ho scritto in un post precedente:

“Tutto ciò l’Occidente non lo capisce affatto e anzi pensa di convincere l’Islam ad aderire al suo progetto suicida di eliminare lo Stato, di far trionfare la città celeste (il Cristianesimo) sulla città terrena (lo Stato), cosa che se non fosse tragica, sarebbe comica: l’Islam non è il Cristianesimo e in esso non esiste alcun dualismo tra religione e Stato.

L’Islam non contiene alcuna istanza contraria allo Stato, non proibisce in alcun modo la forza.

Così il famoso discorso tenuto da Obama al Cairo nel 2009 è un discorso essenzialmente tragicomico.

Così come è essenzialmente tragicomico il progetto internazionalista di David Rockefeller (quindi Bilderberg, Trilaterale, ecc. ecc.), il quale molto probabilmente non si è mai reso conto che tale suo progetto non è altro che il progetto cristiano di far trionfare la città celeste sulla città terrena. E che i popoli non cristiani, per esempio quelli musulmani, ma anche i cinesi, i giapponesi, ecc. ecc., non l’accetteranno mai. Perfino la Russia, che è cristiana ortodossa (ossia discende dall’Impero romano d’Oriente), non l’accetterà mai.

L’accetterebbero se fosse un progetto realizzabile, così come hanno accettato la scienza.

Ma il punto nodale della questione è che tale progetto è irrealizzabile, è un’utopia, una chimera.

E quindi i suddetti popoli non accetteranno mai, com’è ovvio, di suicidarsi in nome di una concezione religiosa che non è la loro.”

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/27/quale-sara-il-futuro-delloccidente/

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.