Posts Tagged ‘nouvel ordre mondial’

La parola d’ordine è: minimizzare la mostruosità occidentale

10 giugno 2018

Ecco un video in cui Benito Mussolini spiega qual era la sua parola d’ordine:

vincere!

Oggi la parola d’ordine dell’intero Occidente è la seguente:

minimizzare la mostruosità occidentale!

Tanto per fare un esempio, questa è la ridicola definizione che dà del globalismo Daniele Scalea, «analista del Centro Studi politici e strategici Machiavelli»:

«Non fa poi difetto essere in linea con la posizione espressa da questo establishment, che è di sostegno a oltranza al globalismo, ossia ad una sempre più fitta trama che colleghi e leghi il mondo sotto un unico sistema economico, un unico sistema ideologico e un unico sistema di amministrazione e controllo.»

https://it.sputniknews.com/opinioni/201806086096089-bilderberg-gruppo-segreto-club-elitario-torino/

Tutto qui?

Machiavelli si starà rivoltando nella tomba!

Il globalismo, o mondialismo, è invece una vera e propria mostruosità.

Non è una mostruosità, infatti, che Re e Regine delle monarchie europee, la crème de la crème dell’Occidente, complottino al Bilderberg, al fine di distruggere il proprio trono, il proprio Stato, il proprio popolo?

Non è una mostruosità che il Papa agisca esplicitamente e apertamente per far diventare islamico il sacro suolo cristiano dell’Europa?

Questa è la mostruosità del delirio culturale mondialista!

Il mondialismo è un delirio culturale.

Globalism is a cultural delusion.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Piccolo giallo della lista dei partecipanti del Bilderberg 2018

9 giugno 2018

La lista è pubblicata sul sito del Bilderberg:

http://www.bilderbergmeetings.org/participants.html

Noto in particolare tra i partecipanti:

Caracciolo, Lucio (ITA), Editor-in-Chief, Limes

Gruber, Lilli (ITA), Editor-in-Chief and Anchor “Otto e mezzo“, La7 TV

Parolin, H.E. Pietro (VAT), Cardinal and Secretary of State (vedi il mio post di ieri)

Ma c’è un piccolo giallo: in data odierna (9 giugno 2018) il Re dei Paesi Bassi Guglielmo Alessandro, della Casa d’Orange-Nassau, al suddetto link non compare, mentre mi ricordavo di averlo visto nei giorni scorsi.

Allora ho fatto qualche banale indagine in internet e ho trovato che il suo nome c’è al seguente link, che è il link della cache del motore di ricerca Bing del giorno 5 giugno 2018:

http://cc.bingj.com/cache.aspx?q=http%3a%2f%2fwww.bilderbergmeetings.org%2fparticipants2018.html

&d=1681802668456&mkt=it-IT&setlang=

it-IT&w=K-JeCLg05OgPEff4LOg1DHQIIsEJfFcI

Ecco come egli era registrato al 5 giugno 2018:

Netherlands, H.M. the King of the (NLD),

Ovviamente ho scattato degli screenshot (che riporto sotto) per provare ciò che scrivo.

Una domandina facile facile:

Cosa è successo al Re dei Paesi Bassi Guglielmo Alessandro?

Come ho riportato più volte in questo blog, suo nonno, il Principe Bernhard dei Paesi Bassi (1911-2004), insieme con David Rockefeller (1915-2017), fondò il Bilderberg nel 1954, ed è legittimo di conseguenza considerarlo come uno dei principali attuatori del mondialismo, vedi qui:

Il mondialismo non è una lotta di classe, è un delirio culturale

https://luigicocola.wordpress.com/2017/07/15/il-mondialismo-non-e-una-lotta-di-classe-e-un-delirio-culturale/

e qui:

Anche per Diego Fusaro il mondialismo è un complotto ebraico

https://luigicocola.wordpress.com/2017/12/01/anche-per-diego-fusaro-il-mondialismo-e-un-complotto-ebraico/

e qui:

La mia analisi del mondialismo e delle ideologie antistato

https://luigicocola.wordpress.com/2018/01/10/la-mia-analisi-del-mondialismo-e-delle-ideologie-antistato/

e qui:

Luci e ombre del pensiero di Renaud Camus sul mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/02/10/luci-e-ombre-del-pensiero-di-renaud-camus-sul-mondialismo/

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Porsi domande sciocche III

8 giugno 2018

Why Is A Top Vatican Official Hanging Out At Bilderberg?

«Cardinal Pietro Parolin, the Vatican Secretary of State, will participate in this year’s Bilderberg Conference, taking place in Turin, Italy today through Sunday, according to the official guest list of 131 participants.

Parolin’s attendance marks the first time a high-ranking Vatical official has taken part in the conferences, and may have something to do with the “culture of encounter” encouraged by Pope Francis.»

https://www.zerohedge.com/news/2018-06-07/why-top-vatican-official-hanging-out-bilderberg

Perché i millenaristi secolarizzati (cioè i globalisti), come George Soros, e i millenaristi religiosi, come Bergoglio, sono alleati nel loro scopo comune di instaurare un Nuovo Ordine Mondiale, nel quale gli Stati, e quindi i popoli corrispondenti a questi, non esistono più.

Essi vogliono distruggere i popoli di tutto il mondo.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’enorme contraddizione dei nazionalisti antisemiti

16 maggio 2018

Coloro che ho chiamato nazionalisti antisemiti, in altre parole tutti coloro che sono contro il mondialismo e che sono anche antisemiti (in quanto ritengono che il mondialismo sia un complotto ebraico), sono vittime di un’enorme contraddizione.

Quest’enorme contraddizione deriva dalla loro erronea comprensione dell’origine e della natura del mondialismo e consiste nell’essere filoislamici.

Esattamente come i mondialisti stessi!

I nazionalisti antisemiti non si accorgono di favorire così i mondialisti, che adoperano proprio l’Islam come potentissimo mezzo (non è però l’unico da loro usato) per conseguire il loro scopo supremo: eliminare gli Stati dalla faccia della terra, come ho mostrato più e più volte.

Tanto per fare un esempio, eliminare i confini, uno dei leitmotiv dei mondialisti, vuol dire proprio questo: eliminare gli Stati, realizzare il Nuovo Ordine Mondiale (cioè un mondo senza Stati).

Tutto ciò non è altro che l’ennesima dimostrazione di una semplicissima verità: senza una corretta diagnosi, non si può avere una terapia efficace.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

È morto a 101 anni David Rockefeller

25 marzo 2017

Courtesy of Ben Garrison

L’origine del mondialismo

6 luglio 2016

Il mondialismo, detto anche globalismo, in inglese globalism, in francese mondialisme, è un’ideologia che ha lo scopo di eliminare dalla faccia della terra lo Stato usando come mezzo l’ultracapitalismo.

Qual è la vera origine del mondialismo?

È un’origine religiosa: come le altre ideologie antistato, il mondialismo origina dal Cristianesimo, dal quale prende lo scopo, ma non il mezzo per raggiungere tale scopo (teoria unificata delle ideologie antistato).

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/20/la-teoria-unificata-delle-ideologie-antistato/

Leggiamo un brano dell’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento, brano dal quale risulta evidente che lo scopo del Cristianesimo è quello di eliminare lo Stato.

In italiano:

«Poi vidi il cielo aperto, ed ecco un cavallo bianco; colui che lo cavalcava si chiamava Fedele e Veritiero: egli giudica e combatte con giustizia.
I suoi occhi sono come una fiamma di fuoco, ha sul suo capo molti diademi; porta scritto un nome che nessuno conosce all’infuori di lui. È avvolto in un mantello intriso di sangue e il suo nome è: il Verbo di Dio. Gli eserciti del cielo lo seguono su cavalli bianchi, vestiti di lino bianco e puro. Dalla bocca gli esce una spada affilata, per colpire con essa le nazioni. Egli le governerà con scettro di ferro e pigerà nel tino il vino dell’ira furiosa di Dio, l’Onnipotente [il neretto è mio].»

Apocalisse di Giovanni, 19, 11-15, Bibbia CEI 2008

In inglese:

«And I saw heaven opened, and behold a white horse; and he that sat upon him was called Faithful and True, and in righteousness he doth judge and make war.
His eyes were as a flame of fire, and on his head were many crowns; and he had a name written, that no man knew, but he himself.
And he was clothed with a vesture dipped in blood: and his name is called The Word of God.
And the armies which were in heaven followed him upon white horses, clothed in fine linen, white and clean.
And out of his mouth goeth a sharp sword, that with it he should smite the nations: and he shall rule them with a rod of iron: and he treadeth the winepress of the fierceness and wrath of Almighty God [il neretto è mio].»

Apocalypse of John, 19, 11-15, The King James Bible, Oxford standard text, ed. Benjamin Blayney, 1769

In francese:

«Puis je vis le ciel ouvert, et voici, parut un cheval blanc. Celui qui le montait s’appelle Fidèle et Véritable, et il juge et combat avec justice.
Ses yeux étaient comme une flamme de feu; sur sa tête étaient plusieurs diadèmes; il avait un nom écrit, que personne ne connaît, si ce n’est lui-même;
et il était revêtu d’un vêtement teint de sang. Son nom est la Parole de Dieu.
Les armées qui sont dans le ciel le suivaient sur des chevaux blancs, revêtues d’un fin lin, blanc, pur.
De sa bouche sortait une épée aiguë, pour frapper les nations; il les paîtra avec une verge de fer; et il foulera la cuve du vin de l’ardente colère du Dieu tout-puissant [il neretto è mio].»

Apocalypse de Jean, 19, 11-15, La Bible, Traduction de Louis Segond 1880, révisée en 1910

Lo “scettro di ferro” di cui parla l’Apocalisse è una citazione dal Salmo 2 dell’Antico Testamento, risalente a parecchi secoli prima: però, anche se le parole citate sono le stesse, si tratta di una concezione completamente differente, in quanto in tale Salmo non c’è alcuna negazione dello Stato. Un conto è voler conquistare gli Stati della terra (Salmo 2), un altro conto è voler eliminare gli Stati dalla terra (Apocalisse).

Tale differenza sarà chiarita dal brano seguente.

In italiano:

«Poi vidi alcuni troni – a quelli che vi sedettero fu dato il potere di giudicare – e le anime dei decapitati a causa della testimonianza di Gesù e della parola di Dio, e quanti non avevano adorato la bestia e la sua statua e non avevano ricevuto il marchio sulla fronte e sulla mano. Essi ripresero vita e regnarono con Cristo per mille anni [il neretto è mio]; gli altri morti invece non tornarono in vita fino al compimento dei mille anni. Questa è la prima risurrezione.»

Apocalisse di Giovanni, 20, 4-5, Bibbia CEI 2008

In inglese:

«And I saw thrones, and they sat upon them, and judgment was given unto them: and I saw the souls of them that were beheaded for the witness of Jesus, and for the word of God, and which had not worshipped the beast, neither his image, neither had received his mark upon their foreheads, or in their hands; and they lived and reigned with Christ a thousand years [il neretto è mio].
But the rest of the dead lived not again until the thousand years were finished. This is the first resurrection.»

Apocalypse of John, 20, 4-5, The King James Bible, Oxford standard text, ed. Benjamin Blayney, 1769

In francese:

«Et je vis des trônes; et à ceux qui s’y assirent fut donné le pouvoir de juger. Et je vis les âmes de ceux qui avaient été décapités à cause du témoignage de Jésus et à cause de la parole de Dieu, et de ceux qui n’avaient pas adoré la bête ni son image, et qui n’avaient pas reçu la marque sur leur front et sur leur main. Ils revinrent à la vie, et ils régnèrent avec Christ pendant mille ans [il neretto è mio].
Les autres morts ne revinrent point à la vie jusqu’à ce que les mille ans fussent accomplis. C’est la première résurrection.»

Apocalypse de Jean, 20, 4-5, La Bible, Traduction de Louis Segond 1880, révisée en 1910

In conclusione, dopo aver trionfato sul Male, Cristo, il cavaliere sul cavallo bianco, regnerà per mille anni insieme ai martiri del Cristianesimo (millenarismo).

Si tratta del Regno di Cristo, che, nonostante il nome, non è affatto uno Stato, ma una condizione di perfezione trascendente, in quanto il Messia cristiano, vale a dire Cristo, ha sia natura umana, sia natura divina, mentre il Messia ebraico, che non è Cristo, ha solo natura umana.

È adesso lampante che il Cristianesimo intende eliminare lo Stato, mentre l’Ebraismo no.

La forma modernizzata e laicizzata del Regno di Cristo viene chiamata dal mondialismo Nuovo Ordine Mondiale, in inglese New World Order, in francese Nouvel Ordre Mondial.

Un esempio poetico è quello della canzone Imagine di John Lennon, che tutti conoscono.

Il punto nodale della questione è che i primi cristiani avevano un motivo razionale per voler eliminare lo Stato romano: l’Apocalisse fu scritta verso la fine del I secolo, ossia dopo la persecuzione di Nerone e nel corso della persecuzione di Domiziano; inoltre è noto da lungo tempo che il Cristianesimo stesso nacque come rivolta contro lo schiavismo dello Stato romano (teoria del Cristianesimo).

Per riuscire a eliminare lo schiavismo dello Stato romano, il Cristianesimo adottò la strategia di eliminare lo Stato: il Medio Evo, ossia un periodo storico privo di Stato, ne fu il risultato più immediato.

Questa strategia ha funzionato perfettamente e ha avuto uno straordinario successo, come ho evidenziato più volte nei miei saggi e in questo blog.

Oggi quindi non c’è alcun motivo razionale di voler eliminare lo Stato: le ideologie antistato sono di per sé prive di razionalità (lo Stato è una necessità razionale, anzi un universale culturale, come mostra la teoria dello Stato), né esiste più il motivo per il quale il Cristianesimo adottò la strategia di eliminare lo Stato.

Ci dobbiamo insomma chiedere a cosa sia dovuta l’esistenza delle ideologie antistato, sia nella forma anticapitalista (rappresentata dall’anarchismo e dal comunismo), sia in quella ultracapitalista (rappresentata dal mondialismo, dall’europeismo e dal multiculturalismo), vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/02/12/le-tre-vie-delle-ideologie-antistato/

La spiegazione ce la fornisce Richard Dawkins con il concetto di meme egoista, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/05/il-millenarismo-e-un-meme-egoista/

Si tratta, in altre parole, della persistenza altamente irrazionale e altamente nociva dell’imperativo cristiano di eliminare lo Stato nell’inconscio collettivo dell’Occidente.

Ciò accade perché l’Occidente non ha consapevolezza delle origini storiche del Cristianesimo: non ha affatto sviluppato una capacità critica nei suoi confronti.

La cultura occidentale è per conseguenza una cultura apocalittica e altamente instabile.

E ciò è terrificante, considerando le armi nucleari dell’Occidente.

Nel Cristianesimo orientale, ossia ortodosso, anche se nel canone ortodosso è presente l’Apocalisse di Giovanni, la situazione è del tutto differente, per ragioni storiche e culturali.

Infatti nell’Impero romano d’Oriente la strategia antistato del Cristianesimo fu perfettamente neutralizzata dal geniale stratagemma di Costantino il Grande, stratagemma noto col nome di cesaropapismo, che consiste nella subordinazione della Chiesa allo Stato.

La parte orientale del Cristianesimo rappresenta il tentativo, perfettamente riuscito, dell’Impero romano di neutralizzare le istanze eversive di questa religione.

A causa del cesaropapismo, l’Impero romano d’Oriente non crollò come quello d’Occidente, non vi fu in Oriente quel singolare fenomeno storico che noi chiamiamo Medio Evo, lo Stato non venne eliminato e lo schiavismo venne sì mitigato dal Cristianesimo, ma restò sempre una caratteristica basilare dell’Impero romano d’Oriente, mentre nell’Europa occidentale dal IX secolo in poi l’economia schiavista perse la sua importanza e molto lentamente cessò di esistere del tutto.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.