Posts Tagged ‘paolo barnard’

È Paolo Barnard che ha torto

30 agosto 2013

Alcuni ritengono che la causa dell’attacco dell’11 settembre sia l’esistenza dello Stato d’Israele.

Ebbene, questa è una solenne sciocchezza.

Lo Stato d’Israele esiste dal 14 maggio 1948.

Perché mai, dunque, l’attacco agli USA non è stato sferrato prima dell’11 settembre 2001?

La risposta è semplice: perché tale attacco non ha niente a che fare con lo Stato d’Israele.

Sulla vera causa dell’11 settembre ho scritto qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/22/la-vera-causa-dell11-settembre/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/08/18/senza-lunione-europea-non-ci-sarebbe-mai-stato-l11-settembre/

In parole povere: essi ci odiano, perché storicamente ci hanno sempre odiato.

Il proselitismo islamico è sempre stato un proselitismo bellico.

Ignorare ciò significa non conoscere la storia.

Ecco cosa Paolo Barnard arriva a scrivere in un suo post:

“Solo chi ha l’onestà intellettuale di voler leggere quelle prove può oggi comprendere perché Israele non ha e non può avere un diritto giuridico e morale di esistere, ma solo un diritto di fatto...

Oggi Israele c’è, e non lo si può certo sopprimere come Stato. Il suo unico diritto di esistere si fonda su questo pragmatismo, e naturalmente sul diritto di esistere degli israeliani che lo abitano. In ciò, esso condivide la medesima problematica con gli Stati Uniti, nati sul genocidio dei nativi ma pragamaticamente ormai legittimati ad esistere...

Ciò che sta accadendo da ormai 100 anni in quelle terre, è non solo una spaventosa tragedia di ingiustizia e di complicità internazionale nel perpetrarla, ma è anche la causa diretta della peggior minaccia alla pace dopo la fine della Guerra Fredda [il corsivo è mio]. La verità sulla genesi di quel conflitto va raccontata alle opinioni pubbliche fino in fondo, costi quel che costi, e giustizia va fatta, costi quel che costi. Tradotto: Israele ha torto marcio, e dovrà lavorare decenni per riparare all’orrendo misfatto della sua condotta in Palestina.”

http://paolobarnard.info/palestina.php

Oltretutto, Barnard non si rende conto che non si può essere per lo Stato (come egli in effetti è) e poi condannare gli Stati Uniti perché “nati sul genocidio dei nativi”. Questa è più di una contraddizione: è ignoranza totale della scienza politica. Il diritto si basa sulla forza, non l’inverso.

Gli Stati Uniti sono il risultato delle guerre tra alcuni popoli europei (tra i quali, alla fine, prevalsero gli inglesi) e gli indiani d’America. Se per assurdo si adottasse il modo di ragionare di Barnard su tale argomento, allora bisognerebbe considerare illegittimi i risultati di tutte le guerre. Perché alcune sì e altre no? O tutte o nessuna. Quindi, ad esempio, la Spagna dovrebbe ritornare all’Islam, anzi no: ai visigoti, anzi no: ai romani, anzi no…

Ma che modo di ragionare è questo?

La definizione universalmente accettata di Stato (vedi: Robert A. Dahl, Introduzione alla scienza politica, 1970, Il Mulino, pag. 28 e pag. 211; Ian Robertson, Sociologia, 1988, Zanichelli, pag. 505) è quella fornita da Max Weber:

“…lo Stato è quella comunità umana che all’interno di un determinato territorio – quello del «territorio» costituisce un segno distintivo – rivendica per sé (con successo) il monopolio dell’uso legittimo della forza fisica.” (Max Weber, La politica come professione, 2005, Armando, pagg. 32-33).

Come si può scrivere, quindi, che “Israele non ha e non può avere un diritto giuridico e morale di esistere, ma solo un diritto di fatto”?

Scrivere cose del genere significa non conoscere la definizione di Stato, che è un concetto basilare della scienza politica.

E infatti Barnard non fa che parlare di economia, mentre invece è la scienza politica che ci permette di capire sia il disastro italiano che il disastro europeo, come ho più volte scritto nei miei due saggi e in questo blog, vedi ad esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/09/21/per-capire-il-disastro-europeo-e-il-disastro-italiano/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/07/10/lignoranza-ci-sta-sommergendo-2/

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Successo della 2° conferenza nazionale sulla Modern Money Theory (MMT) di Rimini

21 ottobre 2012

La 2° conferenza nazionale sulla Modern Money Theory (MMT) di Rimini del 20-21 ottobre (il 27-28 ottobre ci sarà quella di Cagliari) ha avuto un buon successo, tenuto conto delle polemiche che l’hanno preceduta.

Vedi il mio post del 14 ottobre, Barnard, gli economisti americani dell’MMT e Reggio Calabria:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/10/14/barnard-gli-economisti-americani-dellmmt-e-reggio-calabria/

Come infatti scrive Roberto Santilli il 20 ottobre, cioè ieri:

«Al convegno non hanno preso parte gli economisti Stephanie Kelton, Marshall Auerback, Bill Black, economisti che avevano segnato, con Parguez e Michael Hudson, il summit dello scorso febbraio, e James Galbraith e Pavlina Tcherneva, per aver scelto di portare la Mmt dal presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, “pluri inquisito – spiega Barnard motivando la decisione di lasciarli fuori dal summit – gravato da una condanna in primo grado, e da altri seri problemi giudiziari, come ampiamente riportato dagli atti e dalla cronaca, che io colpevolmente ignoravo o sottovalutavo”.»

http://www.abruzzoweb.it/contenuti/economia-summit-mmt-disoccupazione-e-crimine-contro-lumanita/496320-327/

Della questione di Reggio Calabria aveva scritto anche l’Huffington Post, sia nell’edizione italiana, sia nell’edizione U.S.:

«Il Viminale ha sciolto per mafia il Comune di Reggio Calabria. E’ la prima volta in 21 anni, da quando esiste la legge, che viene presa una decisione del genere. Una decisione che mette politicamente nei guai l’ex sindaco – ed attuale governatore della Calabria – Giuseppe Scopelliti, già rinviato a giudizio per reati connessi alla sua gestione.»

http://www.huffingtonpost.it/2012/10/09/il-viminale-scioglie-per-mafia-il-comune-di-reggio-calabria_n_1951822.html

«The government of Reggio Calabria, a southern city that is an `ndrangheta stronghold, was dissolved on Tuesday. Three commissioners will run the city until elections in 18 months’ time.»

http://www.huffingtonpost.com/huff-wires/20121010/eu-italy-mafia-arrest/

Comunque, come scrive Roberto Santilli, gli intervenuti al 2° summit MMT di Rimini sono stati «un migliaio», che non sono certo pochi.

Sempre dal post di Santilli apprendiamo che Warren Mosler ha affermato:

«”L’Italia può pagare in Lire, o nella nuova moneta, tutto ciò che è in vendita. Non è possibile esaurirle, le Lire. L’inflazione, come abbiamo giò spiegato, non è un probolema se gestita con una moneta sovrana. Non è un problema neanche la piena occupazione. Essendo inesauribile, la Lira, come ogni moneta posseduta ed emessa da uno Stato sovrano, c’è la possibilità di dare un lavoro a tutti, garantendo uno stipendio decente per vivere bene ai lavoratori”.»

Come si può notare, il punto è lo «Stato sovrano» e la «moneta sovrana».

Interessante anche il post di Roberto Santilli di oggi, cioè del 21 ottobre, dal quale apprendiamo che:

«Prima di iniziare e dopo la performance di Forstater, che ha ‘suonato’ a parole il ‘blues della Mmt’, Barnard ha lasciato la parola a Rossella Giavarini, imprenditrice di Parma e presidente di Reimpresa, associazione che si è fatta promotrice del summit.

“Non lasceremo distruggere le nostre imprese – ha dichiarato la Giavarini – quello che sta succedendo alle nostre aziende è un crimine, ma noi non siamo delle multinazionali potenti, noi siamo persone che hanno lavorato sempre. Chiediamo a tutti gli imprenditori, alle casalinghe, ai giovani, alle persone comuni, di unirsi a noi in questa lotta per salvare l’Italia”.»

http://www.abruzzoweb.it/contenuti/summit-mmt-ultimo-giorno-di-lezioni-e-ora-di-uscire-dalleurocrimine/496384-327/

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Barnard, gli economisti americani dell’MMT e Reggio Calabria

14 ottobre 2012

Paolo Barnard, il noto giornalista, divulgatore e propugnatore della Modern Money Theory, MMT, in agosto aveva annunciato (per il 20-21 ottobre a Rimini e per il 27-28 ottobre a Cagliari) la seconda conferenza nazionale su tale teoria economica, avendo come relatori vari economisti americani sostenitori di quest’ultima, più Alain Parguez, che è francese (la prima conferenza nazionale si era tenuta a Rimini lo scorso febbraio, riscuotendo un buon successo).

In precedenza, era stato proposto a Barnard di organizzare una conferenza a Reggio Calabria. Ma le lunghe trattative per organizzarla hanno poi prodotto una rottura tra Barnard e la maggior parte degli economisti americani di cui sopra, nel senso che Barnard si è alla fine rifiutato, mentre questi ultimi hanno deciso di andarci senza di lui.

Le cose ora stanno così: la seconda conferenza nazionale MMT si terrà nei giorni e nei luoghi suddetti, con gli interventi di Warren Mosler, Mathew Forstater e Alain Parguez, mentre gli altri economisti americani dell’MMT andranno a un convegno che si terrà a Reggio Calabria (e cioè, pare, nella sede del Consiglio Regionale della Calabria).

Ma, quando tutti, o quasi, biasimavano Barnard per la spaccatura prodotta dal suo rifiuto di andare a Reggio Calabria, ecco il colpo di scena.

Il 9 ottobre La Repubblica esce con quest’articolo:

«Il Viminale scioglie per mafia

il comune di Reggio Calabria

Il ministro Cancellieri: “Un atto sofferto, fatto a favore della città”. La pesantissima relazione del Prefetto»

«Reggio Calabria – Il Viminale ha sciolto per mafia il Comune di Reggio Calabria. E’ la prima volta in 21 anni, da quando esiste la legge, che viene presa una decisione del genere. Una decisione che mette politicamente nei guai l’ex sindaco – ed attuale governatore della Calabria – Giuseppe Scopelliti, già rinviato a giudizio per reati connessi alla sua gestione. Lo scioglimento del comune di Reggio Calabria “è stato un atto sofferto fatto a favore della città” ha dichiarato il ministro. Già nominato Commissario Vincenzo Perico, attuale Prefetto di Crotone.»

http://www.repubblica.it/cronaca/2012/10/09/news/scioglimento-44197399/?ref=HREC1-4

Da notare che la notizia è stata ripresa anche dall’edizione italiana dell’Huffington Post:

http://www.huffingtonpost.it/2012/10/09/il-viminale-scioglie-per-mafia-il-comune-di-reggio-calabria_n_1951822.html

Cos’è l’Huffington Post? Vedi qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/The_Huffington_Post

Ecco cosa aveva scritto Barnard sull’argomento (prima del 9 ottobre, cioè il 5 ottobre):

«Ho licenziato dalla lista dei relatori, e da future collaborazioni con me in Italia, Stephanie Kelton, Marshall Auerback e James Galbraith, per gravi violazioni di ordine deontologico ed etico. Costoro, assieme agli altri MMT Bill Black e Pavlina Tcherneva, hanno accettato di offrire il prestigio accademico della MMT al Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti (e ad alcuni suoi faccendieri diffamatori e amici di massoni in seconda). Scopelliti è un politico pluri inquisito, gravato da una condanna in primo grado, e da altri seri problemi giudiziari, come ampiamente riportato dagli atti e dalla cronaca, che io colpevolmente ignoravo o sottovalutavo. Mi sono ravveduto, in fretta. Ritengo infatti che se la MMT viene portata in pompa magna, e pubblicamente, a dar lustro a un politico così legalmente compromesso, si rischia la fine della sua credibilità in Italia, di tutto il mio lavoro di tre anni, e di quello di chi ha faticato con me, con un danno tragico al beneficio che la MMT può offrire a questo Paese in crisi disperata. La MMT può e deve andare come consulenza a (quasi) chiunque la richieda, ma non come marchio di prestigio pubblico di un politico o di un partito, meno che meno di quelli indagati o condannati. Significa bollarla e squalificarla per tutto il resto della cittadinanza.

I miei ex relatori Kelton, Auerback e Galbraith, con Black e Tcherneva, non hanno avuto alcuna remora nella loro scelta, devastante, e ciò che più m’indigna è che nel loro Paese – dove per molto meno qualsiasi personaggio pubblico viene distrutto nella reputazione – essi non si sarebbero neppure sognati di compiere una simile scelleratezza. Fra l’altro trovo comico (e indecente), mi si permetta, che il prode criminologo Bill Black siederà pacioso a fianco di un politico già condannato e pluri indagato. In ogni caso essi non posseggono più da questo momento i requisiti di trasparenza ed etica necessari a contribuire a ciò che io, e chi lavora con me, stiamo cercando di costruire in Italia con la MMT. A noi rimangono Warren Mosler, Alain Parguez e Mathew Forstater, un team eccezionale.»

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=463

Che ciò sia stato scritto da Barnard prima del 9 ottobre è provato da vari documenti rintracciabili in rete, p.e. questo:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=10907

Tirate le somme, in questa vicenda Barnard è risultato vincente, laddove invece l’avevano dato tutti, o quasi, per perdente.

L’uomo è più in gamba di quanto molti pensassero.

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il disastro italiano è un disastro doppio e le risse peggiorano le cose

31 agosto 2012

In rete c’è ormai una rissa continua tra Alberto Bagnai (economista) e Paolo Barnard (giornalista e divulgatore di economia).
Nei post precedenti ho elogiato entrambi, perché, oggettivamente, lo meritano entrambi.

Questa rissa continua è assai italiana (nel senso deteriore del termine) e va deprecata: entrambi i suddetti stanno svolgendo un’opera estremamente importante, non c’è affatto bisogno di litigare, e tantomeno quando le teorie economiche rispettivamente sostenute sono simili.
Perché si tratta, in definitiva, di due correnti keynesiane diverse.
Dobbiamo stare a litigare per delle sfumature?

E trovo che Debora Billi, nel suo post Keynesiani: potreste per cortesia smettere di litigare?, abbia perfettamente ragione quando scrive:

«Mentre attendiamo trepidanti che i postkeynesiani arrivino col cavallo bianco a salvarci dall’apocalisse Maya, essendo ormai gli ultimi a poterlo fare, loro sono indaffarati in beghette da parrocchia che a me ricordano tanto quando se le davano quelli di Lotta Continua e quelli di Avanguardia Operaia. Aspetta e spera, a fare la rivoluzione!»

E anche quando scrive:

«A questo punto è chiaro che chiedere “Sei di destra o di sinistra?” non ha più alcun senso. La vera domanda, da fare ad ogni politico che chieda il nostro voto, è “Keynes o Friedman?”

http://crisis.blogosfere.it/2012/08/keynesiani-potreste-per-cortesia-smettere-di-litigare.html

Dal canto mio, vorrei osservare che, se l’euro è certamente un argomento di economia, lo Stato è un argomento di scienza politica.

La teoria dello Stato, che fa parte della scienza politica, è, a mio parere, la chiave per interpretare sia il disastro europeo, sia il disastro italiano.
Quest’ultimo è un disastro doppio, come ho scritto nel post precedente.

Se noi pensassimo che la reintroduzione della lira sia in grado di risolvere da sola la situazione disastrosa dell’Italia, sbaglieremmo completamente: perché in Italia c’è, da sempre, un collasso cronico dello Stato che non c’entra nulla con l’euro e l’europeismo. Perché l’Italia è un’anomalia, l’anomalia italiana.

Per salvare l’Italia occorre eliminare sia l’euro (il male nuovo), sia il collasso cronico dello Stato italiano (il male antico).

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Barnard ha organizzato per ottobre la seconda conferenza italiana sulla MMT

22 agosto 2012

Il 20-21 ottobre 2012 a Rimini

e

il 27-28 ottobre 2012 a Cagliari

si terrà la seconda conferenza italiana sulla Modern Money Theory, MMT.

Per i particolari, si rimanda al sito di Paolo Barnard:

http://www.paolobarnard.info/

I due corni del problema

22 luglio 2012

Nella trasmissione TV di Gianluigi Paragone “L’ultima parola” del 20 luglio 2012 c’era anche Paolo Barnard, il giornalista noto per essersi fortemente impegnato nella divulgazione della Teoria Monetaria Moderna (Modern Monetary Theory, o Modern Money Theory, MMT).

Barnard è assai encomiabile per la passione e l’impegno che profonde nel propagandare soluzioni nuove al disastro economico provocato dall’euro e nel propagandare il concetto che senza lo Stato siamo completamente indifesi nei riguardi del sistema finanziario internazionale.
Vedi:

http://paolobarnard.info/

Ebbene, Barnard, nella suddetta trasmissione TV, ha espresso un concetto fondamentale:

“Lei [si rivolgeva a Maroni] si deve porre la domanda: chi crea la liquidità? Chi crea il bene finanziario? 1. Lo Stato 2. Le banche. Con il sistema euro lo Stato è morto.”

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-562e7042-d847-4816-921b-ec60c4536332.html#p=0

O lo Stato o le banche. Sono questi i due corni del problema.

La sinistra politica italiana, spacciatrice di utopie, ha voluto eliminare lo Stato pensando di realizzare il paradiso in terra, di realizzare l’utopia, e invece, senza lo scudo dello Stato, si è trovata davanti il potere delle banche!
Non che lo Stato sovrano non abbia il potere, ma un conto è un potere che ha lo scopo di difendere la comunità, un altro è un potere al quale della comunità non frega niente, un potere per il quale la comunità è solo un pollo da spennare!

Illuminante, sempre nella suddetta trasmissione TV, anche il breve intervento di Alain Parguez (Professore Emerito di Economia dell’Université de Franche-Comté at Besançon, ed ex consigliere di Mitterrand), il quale ha detto chiaro e tondo che l’euro è stato creato proprio per distruggere lo Stato.

Vedi un altro intervento di Alain Parguez, quello pronunciato a Rimini il 25 febbraio 2012 al seminario sulla Teoria Monetaria Moderna organizzato da Paolo Barnard:

http://www.libreidee.org/2012/05/parguez-con-leuro-si-avvera-oggi-il-sogno-dei-fan-di-hitler/

Focalizziamo l’attenzione su un punto di quest’ultimo intervento di Parguez:
“Cito il direttore generale del ministero delle finanze francese, che appartiene all’ordine monastico dei Benedettini ed è anche il capo dell’Opus Dei francese – fra l’altro, anche la Commissione Europea (come il governo francese) è ampiamente controllata dall’Opus Dei.”

Leggiamo adesso questo passo di Bobbio:
“All’estremo opposto l’ideale della fine della società politica e della classe politica che ne trae un abusivo vantaggio è stato predicato da una concezione che oggi si direbbe tecnocratica dello Stato, come quella esposta da Saint-Simon secondo cui nella società industriale ove protagonisti non sono più i guerrieri e i legisti ma diventano gli scienziati e i produttori, non ci sarà più bisogno della «spada di Cesare». Questo ideale tecnocratico peraltro si accompagna in Saint-Simon con una forte ispirazione religiosa (il nouveau christianisme), quasi a suggerire l’idea che questo salto fuori della storia che è la società senza Stato [il corsivo è mio] non sia pensabile prescindendo da un’idea messianica.” (Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pag. 124).

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.