Posts Tagged ‘principio di hobbes’

Essere contro lo Stato non è monopolio della sinistra

20 Mag 2014

Da tempo sostengo che la sinistra europea attuale (compresa quella italiana) è contro lo Stato, vedi per esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/23/ecco-perche-le-sinistre-europee-vogliono-leuro/

Ma essere contro lo Stato non è monopolio della sinistra.

Leggiamo un articolo di Antonio Martino pubblicato il 16/10/2008 sul sito dell’Istituto Bruno Leoni (IBL) e intitolato La cintura di castità:

«Il più grande filosofo politico vivente, Anthony de Jasay, economista inglese nato in Ungheria e residente in Francia, nel suo capolavoro The State (1985), pietra miliare del pensiero politico moderno, mette in guardia nei confronti dell’illusione che sia sufficiente un vincolo costituzionale qualsiasi per impedire che lo Stato straripi dai suoi compiti istituzionali, invadendo la società e mettendo in pericolo le libertà personali. Una cintura di castità con la chiave a portata di mano, dice de Jasay, può al massimo ritardare il corso naturale degli eventi.»

http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=7166

Chi è Antonio Martino? Leggiamo da Wikipedia:

«A fine 1993 è stato tra i fondatori di Forza Italia (la sua tessera di partito porta il numero “2”, dopo quella di Silvio Berlusconi).»

In seguito ha ricoperto la carica di «Ministro degli esteri nel primo Governo Berlusconi» e quella di «Ministro della difesa (Governi Berlusconi II e III)»

http://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Martino

Questo significa solo una cosa: che Forza Italia e Silvio Berlusconi in realtà sono sempre stati per l’eliminazione dello Stato.

Ecco infatti un passo significativo di The State di Anthony de Jasay:

«Among men and groups of men, it is harder to judge the viability of the state of nature than among nations. Civilized men have long been the subjects of states, so we have no opportunity to observe how well they would cooperate in the state of nature. Hence we cannot even pretend empirically to assess the difference it makes to have a state. Would people honour contracts in the absence of an enforcing agent possessing the monopoly of last-resort force? It used to be held that since it is every man’s interest that all other men should keep their word and that he should be free to break his, social cooperation could not be maintained on a voluntary basis. In the technical language of decision theory, a properly constructed “prisoners’ dilemma” could not have a non-imposed cooperative solution. Recent contributions of mathematics and psychology to the social sciences teach us that if men confront such dilemmas repeatedly, this need not be so. Results teach them, and expected results induce them, to cooperate spontaneously [il corsivo è mio]. Any argument that, since the state must force them to cooperate, they would not have done so without being forced is, of course, a non sequitur

(Anthony de Jasay, The State, Liberty Fund, 1998, Introduction, http://oll.libertyfund.org/titles/jasay-the-state, data di accesso odierna)

In un post precedente avevo scritto:

«Leggiamo questo passo di un notissimo testo di scienza politica:

«CAN COOPERATION OCCUR WITHOUT THE STATE?

According to Hobbes (1651/1994), life in the state of nature is “solitary, poor, nasty, brutish, and short.” This seemed to be confirmed when we found that both players in our State of Nature Game had a dominant strategy to steal rather than refrain—both players were better off stealing no matter what the other player was doing. Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them. As we saw in our Civil Society Game, the threat of a large enough punishment by the state was sufficient to get the players to refrain. In fact, both players now had a dominant strategy to cooperate and refrain. In effect, this is Hobbes’s justification for the existence of the state. Some scholars, however, have challenged this justification by arguing that cooperation can emerge through a decentralized process in the state of nature; you do not always need to create a sovereign or a state (Axelrod 1981, 1984; Taylor 1976). These scholars claim that cooperation can occur without a sovereign as long as the individuals in the state of nature repeatedly interact with each other and care sufficiently about the future benefits of cooperation. Earlier in the chapter, we saw that cooperation or refraining was not possible when the State of Nature Game was played once. But let’s now examine what happens if the individuals in the state of nature play the game over and over again…

…The important point here is that cooperation can occur in the state of nature without needing to create a state. In effect, cooperation can evolve in the state of nature as long as the players are sufficiently concerned about the potential benefits of future cooperation. This conclusion runs directly counter to the claims of social contract theorists like Hobbes and provides support for groups like anarchists who believe that society can survive, and thrive, without a state.
That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not necessarily mean that we should all become anarchists, though. It turns out that cooperation is only one of a whole host of possible equilibria in the infinitely repeated State of Nature Game. For example, it is also a Nash equilibrium for both players to steal. This is relatively easy to see. If your opponent is always going to steal, then you never have an incentive to unilaterally deviate—you will always steal as well. Thus, (Steal; Steal) is another Nash equilibrium. Game theory cannot tell us which equilibrium is most likely to occur in these circumstances. As a result, there is no reason to believe that the cooperative outcome will be any more likely to occur than any of the other equilibrium outcomes. That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not guarantee that cooperation will, in fact, occur. Moreover, it actually takes a lot of effort for the players to sustain cooperation in the state of nature because everyone has to monitor everyone else to see who is stealing and who is not. It is also requires that the individuals get together to punish those people who have been caught stealing. In sum, although it is possible for cooperation to occur in the state of nature without a state, relying on it to emerge through some decentralized process may not be the best thing to do—the creation of a state may be a more preferable and reliable route to cooperative outcomes.»

(William Roberts Clark, Matt Golder, Sona Nadenichek Golder, Principles of Comparative Politics, CQ Press, 2013, second edition, pagg. 138-142)»

Insomma, il concetto surriportato in corsivo di Anthony de Jasay («Il più grande filosofo politico vivente» secondo Antonio Martino, uno dei fondatori di Forza Italia), ossia che la teoria dei giochi dimostra che lo Stato è inutile, è erroneo.

E tale concetto è basilare nell’opera di Anthony de Jasay di cui stiamo parlando, ossia The State.

Inoltre, come avevo scritto nello stesso post:

«Oltre a ciò, è mia opinione che l’argomento di Thomas Hobbes a cui viene applicata da tutti la teoria dei giochi, ossia, come scrivono William Roberts Clark et al., «Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them.» (vedi a questo proposito: Thomas Hobbes, Leviatano, Laterza, 2009, pag. 143), non è affatto l’argomento migliore fornito dal saggio di Malmesbury per dimostrare la necessità dello Stato.

La grandezza di Thomas Hobbes sta nell’aver fornito un altro argomento per dimostrare incontrovertibilmente la necessità dello Stato (ibid., pag. 140 e pag. 142)…»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/05/la-teoria-dei-giochi-dimostra-che-lo-stato-e-inutile-e-falso/

Qual è l’argomento incontrovertibile fornito da Hobbes per dimostrare la necessità dello Stato?

Come avevo scritto in un altro post:

«Il nodo della questione è espresso da Hobbes con queste parole:

“Divergendo, infatti, nelle opinioni concernenti il miglior uso e la migliore applicazione della loro forza, non si aiutano, ma si ostacolano a vicenda e, con la reciproca opposizione, riducono la loro forza a nulla…”

(Thomas Hobbes, op. cit., pag. 140)

Nell’originale inglese:

“For being distracted in opinions concerning the best use and application of their strength, they do not help, but hinder one another, and reduce their strength by mutual opposition to nothing…”

(Thomas Hobbes, Leviathan, prepared for the McMaster University Archive of the History of Economic Thought by Rod Hay, pag. 104, XVII: Of the Causes, Generation, and Definition of a Commonwealth, disponibile su: http://ebookbrowsee.net/gdoc.php?id=52021357&url=9d32467d4831e17f19d83845ff1deac8&c=146451481, data di accesso odierna)

Ho denominato la spiegazione di Hobbes (depurandola dalla sua faziosità politica) Principio di Hobbes in entrambi i miei saggi di scienza politica (Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, pagg. 40-43; Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, pagg. 19-23).

Lo Stato consiste in questo: nel porre sotto un solo centro di comando (che può essere costituito da un uomo o da più uomini) il potere della forza fisica di tutti i membri di una comunità, perché solo così si può assicurare, per quanto riguarda l’esercito, la coordinazione e la strategia e, per quanto riguarda la legge, la terzietà e l’imparzialità.

Si tratta dunque del modo di gestire efficacemente il potere della forza fisica in tutti i gruppi umani che gestiscono tale potere (anche nei piccoli gruppi e perfino quando non c’è il fattore territorio di cui scrisse Max Weber, per esempio nelle popolazioni nomadi).

Ciò non va confuso con la forma di governo, che è tutt’altra cosa.»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/03/siamo-in-mezzo-a-un-conflitto-mondiale-ma-nessuno-ne-parla/

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La teoria dei giochi dimostra che lo Stato è inutile? È falso

5 Mag 2014

Nel post precedente ho scritto:

«Però a partire dalla filosofia politica di John Locke (1690) è nato un tipo nuovo di ideologia antistato: sostanzialmente cristiana, ma formalmente filosofica, e verso la quale l’Occidente è indifeso, perché non ne riconosce la natura religiosa e irrazionale.

Nella cultura occidentale si è creata così, nel corso degli ultimi tre secoli, una capziosa e fallace Weltanschauung, la quale tenta di rendere razionale ciò che è invece assolutamente irrazionale: il mito dell’inutilità e della dannosità dello Stato.»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/05/03/siamo-in-mezzo-a-un-conflitto-mondiale-ma-nessuno-ne-parla/

Ebbene, uno degli argomenti ingannevoli più recenti di questa capziosa e fallace Weltanschauung riguarda la teoria dei giochi, una teoria matematica che viene spesso utilizzata allo scopo di dimostrare che lo Stato è inutile.

Ma se la teoria dei giochi è correttamente applicata, essa non dimostra affatto che lo Stato è inutile.

Leggiamo questo passo di un notissimo testo di scienza politica:

«CAN COOPERATION OCCUR WITHOUT THE STATE?

According to Hobbes (1651/1994), life in the state of nature is “solitary, poor, nasty, brutish, and short.” This seemed to be confirmed when we found that both players in our State of Nature Game had a dominant strategy to steal rather than refrain—both players were better off stealing no matter what the other player was doing. Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them. As we saw in our Civil Society Game, the threat of a large enough punishment by the state was sufficient to get the players to refrain. In fact, both players now had a dominant strategy to cooperate and refrain. In effect, this is Hobbes’s justification for the existence of the state. Some scholars, however, have challenged this justification by arguing that cooperation can emerge through a decentralized process in the state of nature; you do not always need to create a sovereign or a state (Axelrod 1981, 1984; Taylor 1976). These scholars claim that cooperation can occur without a sovereign as long as the individuals in the state of nature repeatedly interact with each other and care sufficiently about the future benefits of cooperation. Earlier in the chapter, we saw that cooperation or refraining was not possible when the State of Nature Game was played once. But let’s now examine what happens if the individuals in the state of nature play the game over and over again…

…The important point here is that cooperation can occur in the state of nature without needing to create a state. In effect, cooperation can evolve in the state of nature as long as the players are sufficiently concerned about the potential benefits of future cooperation. This conclusion runs directly counter to the claims of social contract theorists like Hobbes and provides support for groups like anarchists who believe that society can survive, and thrive, without a state.
That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not necessarily mean that we should all become anarchists, though. It turns out that cooperation is only one of a whole host of possible equilibria in the infinitely repeated State of Nature Game. For example, it is also a Nash equilibrium for both players to steal. This is relatively easy to see. If your opponent is always going to steal, then you never have an incentive to unilaterally deviate—you will always steal as well. Thus, (Steal; Steal) is another Nash equilibrium. Game theory cannot tell us which equilibrium is most likely to occur in these circumstances. As a result, there is no reason to believe that the cooperative outcome will be any more likely to occur than any of the other equilibrium outcomes. That cooperation can be sustained in equilibrium without a state does not guarantee that cooperation will, in fact, occur. Moreover, it actually takes a lot of effort for the players to sustain cooperation in the state of nature because everyone has to monitor everyone else to see who is stealing and who is not. It is also requires that the individuals get together to punish those people who have been caught stealing. In sum, although it is possible for cooperation to occur in the state of nature without a state, relying on it to emerge through some decentralized process may not be the best thing to do—the creation of a state may be a more preferable and reliable route to cooperative outcomes.»

(William Roberts Clark, Matt Golder, Sona Nadenichek Golder, Principles of Comparative Politics, CQ Press, 2013, second edition, pagg. 138-142)

Quindi la proposizione «la teoria dei giochi dimostra che lo Stato è inutile» è falsa.

Oltre a ciò, è mia opinione che l’argomento di Thomas Hobbes a cui viene applicata da tutti la teoria dei giochi, ossia, come scrivono William Roberts Clark et al., «Hobbes believed that the only way to get individuals in the state of nature to cooperate and refrain was to create a state with sufficient power to “awe” them.» (vedi a questo proposito: Thomas Hobbes, Leviatano, Laterza, 2009, pag. 143), non è affatto l’argomento migliore fornito dal saggio di Malmesbury per dimostrare la necessità dello Stato.

La grandezza di Thomas Hobbes sta nell’aver fornito un altro argomento per dimostrare incontrovertibilmente la necessità dello Stato (ibid., pag. 140 e pag. 142), cioè quello di cui ho scritto nel post precedente, argomento che ho denominato (depurandolo dalla sua faziosità politica) Principio di Hobbes in entrambi i miei saggi di scienza politica (Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, pagg. 40-43; Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, pagg. 19-23).

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Siamo in mezzo a un conflitto mondiale ma nessuno ne parla

3 Mag 2014

C’è attualmente nel mondo un aspro e sempre più crescente conflitto, ma è un conflitto nascosto, un conflitto del quale non si parla: se voi guardate la televisione e/o leggete i giornali (anche digitali), non ne troverete traccia, o quasi.

In cosa consiste questo conflitto?

Una parte del genere umano, l’Occidente, che si considera il sale della terra e la luce del mondo (e che oggettivamente lo è stato nei secoli passati, a partire dal Rinascimento, il quale fu, occorre dirlo, un fenomeno della cultura italiana), l’Occidente, dicevo, ha perso la Ragione e vuole eliminare lo Stato.

Il resto del genere umano, cioè la Russia (che è l’erede di Costantinopoli, ossia è la terza Roma), la Cina, i paesi dell’Islam (tra i quali spicca l’Iran), l’India, ecc. ecc., si sta giustamente opponendo a quest’idea folle.

Anche il Giappone e lo Stato di Israele (si chiama ufficialmente così e non Israele) si opporrebbero, se non fosse che dipendono militarmente e/o economicamente dagli Stati Uniti d’America, il paese leader della fazione che vuole eliminare lo Stato.

L’ultima manifestazione di questo conflitto è la crisi dell’Ucraina, crisi nella quale l’Occidente ha aggredito in modo plateale la Russia, mentre invece la sua propaganda accusa quest’ultima di essere l’aggressore, secondo uno schema già visto nella storia, per esempio con Hitler, vedi l’incidente di Gleiwitz, http://it.wikipedia.org/wiki/Incidente_di_Gleiwitz, vicenda storica che sicuramente Frau Merkel conosce. La storia si ripete.

Del resto l’Occidente spinge sul pedale della propaganda in modo forsennato: per esempio grida che vuole portare in tutto il mondo la democrazia, mentre invece la verità è che vuole eliminare lo Stato.

Oggi però tutto questo non può passare sotto silenzio, non può essere nascosto. Nell’era di internet, nell’era dell’informazione totale, la verità non può essere negata. Internet, è ovvio, si può prestare alla propaganda e alla manipolazione, ma permette comunque alla verità di manifestarsi, permette a ciascuno di decidere quale sia la verità e quale sia la menzogna.

Internet ha trasformato il mondo ed è una benedizione per l’umanità intera.

Perché dunque l’Occidente vuole eliminare lo Stato? Questa è la domanda che ci dobbiamo porre.

La mia tesi, di cui sto scrivendo da tempo, sia nei miei due saggi che nei post di questo blog, è che l’origine di questa volontà di eliminare lo Stato è il Cristianesimo. Questa tesi può anche essere denominata teoria unificata delle ideologie antistato.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/03/20/la-teoria-unificata-delle-ideologie-antistato/

Deve essere chiaro che il Cristianesimo è irrinunciabile, perché, come ho mostrato in dettaglio nei miei due saggi, ci ha dato storicamente due incommensurabili benefici: l’eliminazione dello schiavismo e la nascita della scienza.

Se noi fossimo vissuti prima del Cristianesimo, la nostra vita sarebbe stata priva dei benefici apportati dalla scienza (per esempio l’efficace cura delle malattie da parte della medicina moderna) e saremmo stati esposti al rischio ben concreto di vivere in schiavitù.

Inoltre il genere umano nel suo complesso non può vivere senza religione: pensarla diversamente è solo un atto di arroganza intellettuale ed elitaria, che è possibile riscontrare purtroppo anche in pensatori sommi (per esempio Bertrand Russell).

Del resto il Cristianesimo può convivere benissimo con lo Stato, mediante due artifici alternativi tra loro, uno molto antico e l’altro più recente: la separazione tra Stato e Chiesa e la subordinazione della Chiesa allo Stato (quest’ultimo fu inventato da Costantino il Grande).

Questi due artifici sono usati efficacemente da tutti i popoli dell’Occidente, tranne quello italiano, il che costituisce l’anomalia italiana, come ho scritto più volte.

Però a partire dalla filosofia politica di John Locke (1690) è nato un tipo nuovo di ideologia antistato: sostanzialmente cristiana, ma formalmente filosofica, e verso la quale l’Occidente è indifeso, perché non ne riconosce la natura religiosa e irrazionale.

Nella cultura occidentale si è creata così, nel corso degli ultimi tre secoli, una capziosa e fallace Weltanschauung, la quale tenta di rendere razionale ciò che è invece assolutamente irrazionale: il mito dell’inutilità e della dannosità dello Stato.

Infatti eliminare i conflitti attuati con il potere della forza fisica è impossibile e da questa impossibilità nasce la necessità dello Stato, che è il mezzo naturale per gestire tali conflitti, sia che si tratti di aggressione di stranieri, sia che si tratti di torti reciproci all’interno di una comunità, come ci spiegò per la prima volta in modo approfondito Hobbes (Thomas Hobbes, Leviatano, Laterza, 2009, pag. 140 e pag. 142), ampliando e migliorando un concetto originale di Machiavelli (Niccolò Machiavelli, Il Principe, Rizzoli, 1991, pag. 128).

Il nodo della questione è espresso da Hobbes con queste parole:

“Divergendo, infatti, nelle opinioni concernenti il miglior uso e la migliore applicazione della loro forza, non si aiutano, ma si ostacolano a vicenda e, con la reciproca opposizione, riducono la loro forza a nulla…”

(Thomas Hobbes, op. cit., pag. 140)

Nell’originale inglese:

“For being distracted in opinions concerning the best use and application of their strength, they do not help, but hinder one another, and reduce their strength by mutual opposition to nothing…”

(Thomas Hobbes, Leviathan, prepared for the McMaster University Archive of the History of Economic Thought by Rod Hay, pag. 104, XVII: Of the Causes, Generation, and Definition of a Commonwealth, disponibile su: http://ebookbrowsee.net/gdoc.php?id=52021357&url=9d32467d4831e17f19d83845ff1deac8&c=146451481, data di accesso odierna)

Ho denominato la spiegazione di Hobbes (depurandola dalla sua faziosità politica) Principio di Hobbes in entrambi i miei saggi di scienza politica (Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, pagg. 40-43; Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, pagg. 19-23).

Lo Stato consiste in questo: nel porre sotto un solo centro di comando (che può essere costituito da un uomo o da più uomini) il potere della forza fisica di tutti i membri di una comunità, perché solo così si può assicurare, per quanto riguarda l’esercito, la coordinazione e la strategia e, per quanto riguarda la legge, la terzietà e l’imparzialità.

Si tratta dunque del modo di gestire efficacemente il potere della forza fisica in tutti i gruppi umani che gestiscono tale potere (anche nei piccoli gruppi e perfino quando non c’è il fattore territorio di cui scrisse Max Weber, per esempio nelle popolazioni nomadi).

Ciò non va confuso con la forma di governo, che è tutt’altra cosa.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Senza l’Unione Europea non ci sarebbe mai stato l’11 settembre

18 agosto 2013

Vorrei in questo post ribadire la mia opinione che senza l’Unione Europea (e l’euro, che ne è la diretta e naturale conseguenza, perché, nell’impossibilità di fare un’unione politica, l’unica via era quella di fare un’unione monetaria) non ci sarebbe mai stato l’11 settembre.

Ne ho parlato qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/22/la-vera-causa-dell11-settembre/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/08/07/il-terrorismo-e-linevitabile-conseguenza-della-delegittimazione-dello-stato/

Il piano di realtà è il seguente:

1. Lo Stato è indispensabile per difendersi “dall’aggressione di stranieri” (mediante l’esercito) e “dai torti reciproci” (mediante la legge), come spiegato per la prima volta in modo approfondito da Thomas Hobbes (Thomas Hobbes, Leviatano, Laterza, 2009, pag. 142). Nei miei due saggi di scienza politica ho definito ciò come “Principio di Hobbes“.

2. Chi sono gli stranieri che vogliono aggredire l’Occidente? Se si considerano i fatti storici, la risposta è evidente: si tratta dei musulmani.

3. Perché i musulmani sono ostili all’Occidente? Perché l’Islam si diffuse nel bacino del Mediterraneo, a partire dal VII secolo d.C.,  proprio combattendo vittoriosamente contro il Cristianesimo.

Il proselitismo islamico è sempre stato un proselitismo bellico.

Basta leggere un manuale di storia del liceo.

Prima del VII secolo d.C., il bacino del Mediterraneo era cristiano anche nella sua porzione africana. Agostino d’Ippona, ossia Sant’Agostino, 354 d.C. – 430 d.C., nacque e morì in Numidia, che corrisponde all‘incirca alla parte nord occidentale dell’attuale Algeria.

L’Islam ha provato più volte a conquistare l’Europa (che è cristiana), ma venne fermato a Ovest nel 732 da Carlo Martello nella battaglia di Poitiers (nota anche come battaglia di Tours) e a Est nel 1683 da Giovanni III di Polonia nella battaglia di Vienna.

Notare che tra le due date intercorrono quasi mille anni: stiamo parlando dunque di una caratteristica permanente dell’Islam.

Se gli europei avessero perso in una di queste due battaglie, l’Europa oggi non sarebbe più cristiana: sarebbe islamica.

Infatti nell’assedio di Costantinopolinel 1453, i cristiani persero e da allora quello che era stato l’Impero romano d’Oriente fa parte dell’Islam. Oggi Costantinopoli si chiama Istanbul e fa parte della Turchia, che è uno Stato islamico. Cosa vuol dire Stato islamico? Uno Stato dove la stragrande maggioranza della popolazione è di religione islamica.

4. Cos’è l’Occidente? È il luogo ideale delle culture nate dal crollo dell’Impero romano d’Occidente, crollo provocato dal Cristianesimo, che è la religione dell’Occidente. Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/07/28/cose-loccidente-2/

5. Gli ebrei, dopo la Diaspora prodotta dall’Impero romano (con le Guerre giudaiche, dal 66 d.C. al 135 d.C., ossia da Nerone ad Adriano), vissero sempre nell’Occidente, ossia ci vivono da quasi due millenni. Essi sono perfettamente integrati nell’Occidente, fanno parte di esso, hanno contribuito ad edificarlo (tanto per fare un esempio, Sigmund Freud, che personalmente considero uno dei più grandi pensatori della storia, era ebreo), sono nostri parenti.

6.  Da circa tre secoli l’Occidente sta cercando di suicidarsi, ossia dalla pubblicazione, nel 1690, dei Due trattati sul governo di John Locke. Come cerca di suicidarsi? Cercando di eliminare lo Stato, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/10/23/il-mito-della-dannosita-dello-stato/

Conclusione: senza lo Stato è ovvio che la comunità non si può difendere “dall’aggressione di stranieri”(Thomas Hobbes, ibid.). Perché le due funzioni essenziali dello Stato, come scrive Bobbio, sono la milizia e i tribunali (Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pag. 124). Questo concetto risale a Machiavelli: E’ principali fondamenti che abbino tutti li stati, così nuovi, come vecchi o misti, sono le buone legge e le buone arme.” (Niccolò Machiavelli, Il Principe, Rizzoli, 1991, pag. 128).

Dunque Machiavelli, Hobbes e Bobbio concordano su tale concetto.

Più l’Occidente delegittima lo Stato (con l’europeismo e il multiculturalismo, che sono ideologie antistato), più diventa debole e più l’Islam si sente autorizzato ad attaccarlo.

Questo accade perché l’Islam si diffonde, come dimostra la storia, mediante l’aggressione bellica.

Gli USA sono stati attaccati, in quanto sono il campione dell’Occidente.

È piuttosto semplice da capire.

È anche piuttosto angosciante.

Così l’Occidente lo rimuove, elaborando una realtà fittizia.

Obama e le élite USA che lo hanno sospinto verso la presidenza rappresentano il tentativo, ovviamente destinato al fallimento, di trasformare, come per magia (we can), questa realtà fittizia in realtà vera, cioè rappresentano il tentativo di dialogare con un immaginario Islam moderato, laico, democratico e pacifista.

L’attuale bagno di sangue in Egitto è il risultato diretto e inevitabile di questo tentativo.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.