Posts Tagged ‘rockefeller memoirs’

Le teste coronate d’Occidente sono mondialiste

15 giugno 2017

Quando, recentemente, David Rockefeller è morto, il Corriere della Sera, il più famoso quotidiano italiano, ha titolato così:

David Rockefeller muore a 101 anni
Fondò Bilderberg e la Trilaterale

«…Rockefeller fu anche l’ideatore degli incontri del gruppo Bilderberg e il fondatore della Trilateral Commission, nel 1973, con l’obiettivo di spingere l’economia verso la globalizzazione…»

http://www.corriere.it/economia/17_marzo_20/david-rockefeller-muore-101-anni-filantropo-banchiere-internazionale-238495cc-0d82-11e7-a60b-8fc97ae3c91d.shtml

Infatti è del tutto assodato che l’artefice del mondialismo sia stato David Rockefeller.

Tanto che a buon diritto il mondialismo (o globalismo) può anche essere chiamato internazionalismo di David Rockefeller: egli stesso, nella sua autobiografia, usa più volte la parola “internationalist”.

Vedi p.e. qui:

«Some even believe we are part of a secret cabal working against the best interests of the United States, characterizing my family and me as “internationalists” and of conspiring with others around the world to build a more integrated global political and economic structure—one world, if you will. If that’s the charge, I stand guilty, and I am proud of it.»

David Rockefeller, Memoirs, Random House, 2003, pag. 405

E qui:

«Global interdependence is not a poetic fantasy but a concrete reality that this century’s revolutions in technology, communications, and geopolitics have made irreversible. The free flow of investment capital, goods and people across borders will remain the fundamental factor in world economic growth and in the strengthening of democratic institutions everywhere. The United States cannot escape from its global responsibilities. Today’s world cries out for leadership, and our nation must provide it. In the twenty-first century there can be no place for isolationists: we must all be internationalists.»

Ibid., pag. 406

Del resto, non è possibile usare la parola “internazionalismo” da sola, bisogna per forza dire “internazionalismo di David Rockefeller”, perché esistono anche altri tipi di internazionalismo, per esempio l’internazionalismo marxista.

Ebbene, se noi andiamo a leggere gli elenchi degli incontri annuali del gruppo Bilderberg, potremo vedere che hanno partecipato a tali incontri molte teste coronate d’Europa, vale a dire d’Occidente.

Ecco cosa riporta Wikipedia in lingua inglese:

«Belgium

King Philippe of Belgium (2007–2009, 2012)[1][2][3]

Commonwealth realms

Prince Charles, Prince of Wales, Commonwealth realms (1986)[4][5]
Prince Phillip, Duke of Edinburgh, Commonwealth realms (1965, 1967)[6][7]

Netherlands

Queen Beatrix of the Netherlands (1997, 2000, 2006, 2008–2015)[8][better source needed][3][9][10][11][12][13][14]
Prince Bernhard of the Netherlands (1954–1975)[15][16]
Willem-Alexander of the Netherlands (2008)[2]

Norway

King Harald V of Norway[17] (1984[18])
Haakon, Crown Prince of Norway (2011)[19]

Spain

Juan Carlos I of Spain, King of Spain (2004)[20]
Queen Sofía of Spain (2008–2011)[10][11][21]»

https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Bilderberg_participants

Ci sono in quest’elenco TUTTI i regni d’Europa oggi esistenti, eccetto quelli di Svezia e di Danimarca.

Ciò vuol dire chiarissimamente che i sovrani d’Occidente, invece di opporsi strenuamente al mondialismo (come sarebbe logico aspettarsi), lo hanno accettato, hanno venduto i loro rispettivi popoli (e anche i loro rispettivi troni) al mondialismo.

Altro che ebrei e massoneria, come si farnetica dappertutto.

Sono proprio i sovrani cristiani, i sovrani dell’Occidente cristiano, a sostenere il mondialismo, altro che storie!

Come ho sempre scritto, l’origine del mondialismo sta nel Cristianesimo, è il Cristianesimo.

Si tratta, solo e unicamente, del Cristianesimo.

Qualsiasi altra cosa è un capro espiatorio.

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Più chiaro di così si muore

29 marzo 2014

Da un articolo di Amanda Cochran del 28 marzo 2014, pubblicato da CBS News e intitolato Obama calls on Putin to move troops from Ukraine border:

«Mr. Obama said Russian President Vladimir Putin has been “willing to show a deeply held grievance about what he considers to be the loss of the Soviet Union.”

“You would have thought that after a couple of decades that there’d be an awareness on the part of any Russian leader that the path forward is not to revert back to the kinds of practices that, you know, were so prevalent during the Cold War but, in fact, to move forward with further integration with the world economy and to be a responsible international citizen [il corsivo è mio].”»

http://www.cbsnews.com/news/obama-calls-on-vladimir-putin-to-move-russian-troops-from-ukraine/

Leggiamo adesso un passo dell’autobiografia di David Rockefeller:

«Global interdependence [il corsivo è mio] is not a poetic fantasy but a concrete reality that this century’s revolutions in technology, communications, and geopolitics have made irreversible. The free flow of investment capital, goods and people across borders will remain the fundamental factor in world economic growth [il corsivo è mio] and in the strengthening of democratic institutions everywhere. The United States cannot escape from its global responsibilities. Today’s world cries out for leadership, and our nation must provide it. In the twenty-first century there can be no place for isolationists: we must all be internationalists [il corsivo è mio].»

(David Rockefeller, Memoirs, Random House, 2003, pag. 406)

Insomma, il messaggio è questo:

lo Stato russo deve essere eliminato, perché l’internazionalismo deve vincere in tutto il mondo. Nel ventunesimo secolo tutti devono essere, responsabilmente, internazionalisti. Questo cambiamento deve essere guidato dagli Stati Uniti d’America. Tutto il mondo deve piegarsi alla leadership degli Stati Uniti d’America.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’internazionalismo di Rockefeller è un millenarismo

14 febbraio 2014

In vari post precedenti ho scritto di David Rockefeller e del suo progetto internazionalista.

Egli stesso usa la parola “internationalist” (in italiano “internazionalista”) nella sua autobiografia:

«Some even believe we are part of a secret cabal working against the best interests of the United States, characterizing my family and me as “internationalists” and of conspiring with others around the world to build a more integrated global political and economic structure—one world, if you will. If that’s the charge, I stand guilty, and I am proud of it.»

(David Rockefeller, Memoirs, Random House, 2003, pag. 405)

Da notare che questo passo, molto noto in internet, è spesso tradotto assai maldestramente in lingua italiana (per esempio su Wikiquote alla voce Nuovo Ordine Mondiale, data odierna), soprattutto per quanto riguarda la parola inglese “cabal”, che in realtà significa “complotto” e non ha niente a che fare con l’occulto, come invece si farnetica in internet da parte di italiani che non hanno evidentemente in casa un dizionario inglese-italiano (*).

Il disastro europeo, nel quale noi europei attualmente viviamo, è il tragico risultato dell’internazionalismo di David Rockefeller, che, come ho già ricordato in altri post, è il fondatore della Trilaterale e l’unico membro dell’Advisory Group (Gruppo Consultivo) del Gruppo Bilderberg, come riporta lo stesso bilderbergmeetings.org (in data odierna):

http://www.bilderbergmeetings.org/governance.html

E parlare di Trilaterale e di Bilderberg non è affatto complottismo, come alcuni pensano. Si tratta della realtà oggettiva. Per esempio, basta andare al link suddetto per trovare i nomi di Monti e di Prodi.

In un post precedente ho scritto:

«Così come è essenzialmente tragicomico il progetto internazionalista di David Rockefeller (quindi Bilderberg, Trilaterale, ecc. ecc.), il quale molto probabilmente non si è mai reso conto che tale suo progetto non è altro che il progetto cristiano di far trionfare la città celeste sulla città terrena. E che i popoli non cristiani, per esempio quelli musulmani, ma anche i cinesi, i giapponesi, ecc. ecc., non l’accetteranno mai. Perfino la Russia, che è cristiana ortodossa (ossia discende dall’Impero romano d’Oriente), non l’accetterà mai.»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/27/quale-sara-il-futuro-delloccidente/

Tale folle progetto internazionalista non avrà dunque nessun altro effetto che quello di mandare in rovina l’Occidente.

In Italia spesso i nostalgici del ventennio pensano che tutto ciò sia un complotto demo-pluto-giudaico-massonico.

In realtà non è altro che l’ennesimo esempio di millenarismo cristiano.

E infatti i Rockefeller sono cristiani protestanti (come del resto scrive lo stesso David Rockefeller nella sua autobiografia a proposito del padre, vedi a pag. 406).

Leggiamo cosa riporta Nicola Abbagnano nel suo Dizionario di Filosofia, alla voce CHILIASMO:

«C. o millenarismo si chiama ogni credenza nell’avvento di un radicale rinnovamento del genere umano e nell’instaurazione di uno stato definitivo di perfezione. L’Apocalisse di S. Giovanni è il maggiore documento di una credenza del genere che fu abbastanza frequente nei primi tempi del Cristianesimo e si ripresentò spesso anche nel Medioevo.»

(Nicola Abbagnano, Dizionario di Filosofia, UTET, 1971, pag. 126)

È ben noto che il chiliasmo o millenarismo è un fenomeno caratteristico del Cristianesimo.

Il punto nodale della questione è quello che Abbagnano chiama «la concezione della S. [Storia] come piano provvidenziale»:

«La nozione di piano provvidenziale è implicita in ogni millenarismo o chiliasmo (v.): ogni dottrina siffatta include l’idea di uno sviluppo necessario degli eventi umani, sino al raggiungimento di uno stato definitivo di perfezione. Questo fu, per es., il concetto che della S. [Storia] ebbe Origene…

…Ma il primo a formulare chiaramente il concetto del piano provvidenziale è stato S. Agostino. Questi vide nella S. [Storia] la lotta tra la città celeste e la città terrena: lotta destinata a finire con il trionfo della città celeste…

…Dall’altro lato non è indispensabile che il concetto della S. [Storia] come ordine provvidenziale si fondi sulla credenza in una provvidenza, immanente o trascendente, di natura divina. «Ordine provvidenziale» significa «ordine necessario e perfetto»: e un ordine siffatto è riconosciuto proprio della S. [Storia] anche da dottrine che negano il concetto religioso della provvidenza, come il positivismo sociale e il marxismo.»

(ibid., pagg. 839-840)

Come ho scritto in un post precedente:

«Avendo l’Occidente raggiunto (ad esclusione dell’anomalia italiana) un compromesso funzionale tra la forza dello Stato e la caritas della Chiesa, si potrebbe pensare che esso non abbia più problemi.

Invece, a partire dalla filosofia politica di John Locke (1690), il suddetto equilibrio è stato minacciato da forme laicizzate delle istanze del Cristianesimo, ossia dalle ideologie antistato di tipo filosofico: anarchismo, comunismo, europeismo e multiculturalismo.

L’Occidente è assai vulnerabile a tali ideologie, perché non ne riconosce l’origine cristiana, non ne riconosce lo scopo di raggiungere il trionfo della città celeste sulla città terrena (per usare la terminologia agostiniana), ossia il trionfo delle istanze del Cristianesimo sulle istanze dello Stato.

Così il futuro dell’Occidente è in grave pericolo, sia perché il compromesso funzionale su cui si basa sta diventando sempre più rapidamente disfunzionale, sia perché l’eterno nemico del Cristianesimo, ossia l’Islam, ha compreso benissimo che l’Occidente è ormai in ginocchio e, come è sempre avvenuto nella storia, lo sta attaccando militarmente.»

https://luigicocola.wordpress.com/2014/01/27/quale-sara-il-futuro-delloccidente/

È anche importante ricordare che Karl Marx fu battezzato all’età di sei anni e quindi ebbe certamente modo di assorbire l’ideologia cristiana e la propensione a vedere nello Stato un nemico, che è tipica del Cristianesimo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/24/di-quale-religione-era-karl-marx/

Tutto questo ci permette di comprendere che noi viviamo in una sorta di Matrix, la nota saga cinematografica.

Infatti quella che noi crediamo sia la realtà, ossia l’inevitabile internazionalismo, l’inevitabile europeismo, l’inevitabile multiculturalismo, il tutto illuminato dall’asettica luce della scienza economica, è invece tutt’altro, ossia uno psicodramma religioso a fosche tinte dell’Occidente cristiano.

Ed è evidente il perché gli Stati Uniti d’America guidino tale psicodramma: non bisogna mai dimenticare che i Padri Pellegrini del Mayflower erano puritani, una fazione estremista dei protestanti inglesi. Il Giorno del Ringraziamento, una delle più importanti festività statunitensi, non è altro che la ricorrenza di un festeggiamento dei Padri Pellegrini avvenuto nel 1621 a Plymouth, nel Massachusetts.

È anche ben noto che i puritani furono fortemente influenzati dal millenarismo.

Leggiamo un altro passo dell’autobiografia di David Rockefeller:

«Like many in my generation I returned from World War II believing a new international architecture had to be erected and that the United States had a moral obligation to provide leadership to the effort.»

(David Rockefeller, op. cit., pag. 406)

Così questi bravi americani stanno conducendo l’Occidente alla rovina, in nome delle loro concezioni religiose, presentate però in forma laicizzata.

Se l’Occidente si vuole salvare, dovrà rifiutare la loro leadership, perché essi sono in realtà dei fanatici religiosi, più estremisti dei fondamentalisti islamici. E anche più pericolosi, perché si mascherano da laici.

——————

(*) P.S.: ecco infatti cosa scrive a questo proposito la BBC in un articolo intitolato Bilderberg mystery: Why do people believe in cabals? (8 giugno 2011):
«Meaning of cabal
The use of the world cabal to mean a “secret or private intrigue of a sinister character formed by a small body of persons; ‘something less than conspiracy'”, was first used in 1660…
…Source: Oxford English Dictionary»

http://www.bbc.com/news/magazine-13682082

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il sogno irrealizzabile di un uomo molto ricco: un mondo senza Stato

25 agosto 2013

Leggo un’intervista del 24 giugno 2013 a Zbigniew Brzezinski, vedi qui nell’originale inglese:

http://nationalinterest.org/print/commentary/brzezinski-the-syria-crisis-8636

e qui nella traduzione italiana:

http://www.ossin.org/crisi-siriana/zbigniew-brzezinski-intervento-militare-in-siria-sarebbe-una-follia.html

Chi è Brzezinski? Wikipedia ci informa che:

“È stato Consigliere per la sicurezza nazionale durante il mandato presidenziale di Jimmy Carter (dal 1977 al 1981).

È tuttora membro effettivo della Commissione Trilaterale…

…Nel marzo 2008 Barack Obama lo ha pubblicamente ringraziato per il suo contributo e i servigi forniti agli Stati Uniti d’America. Nel 1981 il Presidente Carter lo aveva insignito della medaglia presidenziale della libertà.”

http://it.wikipedia.org/wiki/Zbigniew_Brzezinski

Non voglio entrare nel merito dell’argomento della suddetta intervista, che si intitola Un intervento militare in Siria sarebbe una follia, vedi a questo proposito l’articolo della Repubblica di ieri:

Siria, Usa: se il presidente Obama decide pronti a intervento, Europa divisa

http://www.repubblica.it/esteri/2013/08/24/news/siria_usa_obama-65205436/?ref=HREC1-1

Quello che mi interessa dell’intervista a Brzezinski è il seguente brano:

“Ma nel lungo periodo, una simile regione ostile non potrebbe essere controllata, nemmeno da Israele che è dotata dell’arma nucleare. Questa situazione farebbe a Israele quello che certe guerre hanno prodotto a noi, su scala minore. La logorerebbe, la stancherebbe, la minerebbe, la demoralizzerebbe, provocherebbe l’emigrazione degli elementi più brillanti, per finire in un cataclisma impossibile da prevedere ora perché non sappiamo nel momento fatale chi saranno gli attori. E, dopo tutto, l’Iran è vicino. Potrebbe avere una certa capacità nucleare. Supponiamo che gli Israeliani riescano a farlo cadere. Che succederebbe in Pakistan o altrove? L’idea che si possa controllare una regione a partire da un paese molto forte e motivato, ma abitato da soli sei milioni di abitanti, è semplicemente un sogno folle.”

È noto che Brzezinski abbia posizioni contrarie allo Stato d’Israele, vedi per esempio qui:

“Non è la prima volta che l’intellighenzia ebraica Usa accusa Brzezinski di antisemitismo per le sue persistenti critiche anti-Israele, da lui accusata di «eccesso di forza» e «rifiuto del compromesso». Lo scorso anno Brzezinski difese John Mearsheimer e Stephen Walt, i due controversi studiosi americani che nel loro libro «The Israel Lobby» hanno osato mettere in dubbio il diritto d’esistere di Israele.”

http://www.corriere.it/Esteri/2008/Primarie_USA/

Brzezinski_dichiarazioni

_anti_ebrei_107b03ae-2d4d-11dd-913b-00144f02aabc.shtml

Brzezinski, come ho scritto sopra, è membro della Trilaterale, che fu fondata da David Rockefeller, il quale è anche l’unico membro dell’Advisory Group (Gruppo Consultivo) del Gruppo Bilderberg, come riporta lo stesso bilderbergmeetings.org:

http://www.bilderbergmeetings.org/governance.html

La partita è fra chi vuole distruggere lo Stato (per esempio Brzezinski e Rockefeller), e quindi anche lo Stato d’Israele, e chi vuole difenderlo.

Difendere lo Stato significa anche difendere l’Occidente (del quale lo Stato d’Israele fa parte, come ho scritto in un post precedente), perché chi vuole distruggere lo Stato vuole anche distruggere l’Occidente, che è oggettivamente un ostacolo alla realizzazione di ciò che Rockefeller stesso ha definito “…a more integrated global political and economic structure – one world, if you will.”

Ma leggiamo il passo originale di Rockefeller da cui ho estrapolato il suddetto virgolettato:

«Some even believe we are part of a secret cabal working against the best interests of the United States, characterizing my family and me as “internationalists” and of conspiring with others around the world to build a more integrated global political and economic structure – one world, if you will.

If that’s the charge, I stand guilty, and I am proud of it.»

(David Rockefeller, Memoirs, Random House, 2003, pag. 405).

Come si può notare, Rockefeller può impunemente permettersi di scrivere nella propria autobiografia di essere fiero di far parte di un complotto segreto (secret cabal) che lavora contro gli interessi degli Stati Uniti d’America.

Ma il sogno di Rockefeller, poter fare a meno dello Stato, non si realizzerà, perché neanche tutto il denaro del mondo può far funzionare un’utopia.

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.