Posts Tagged ‘russiagate’

Come funziona la propaganda mondialista: Trump e il gorilla channel

6 gennaio 2018

Su Twitter un utente ha pubblicato il 4 gennaio un falso estratto del libro Fire and Fury di Michael Wolff (che è uscito il 5 gennaio), nel quale è descritta una follia (ovviamente falsa) di Donald Trump, cioè che egli passerebbe moltissimo tempo, fino a 17 ore di seguito, guardando un canale televisivo sui gorilla, appositamente creato dallo staff della Casa Bianca per compiacere questa sua ossessione:

twitter.com/pixelatedboat/status/949100087350710272

Ecco cosa scrive Tgcom24:

“Donald Trump 17 ore al giorno davanti al canale sui gorilla”: la Rete ci abbocca
Ma è solo una fake news: un finto estratto pubblicato da un utente su Twitter ha scatenato il social network, ma alla fine era solo uno scherzo. La smentita è arrivata dopo i migliaia di retweet

«”Di tanto in tanto il presidente Trump guarda un canale sui gorilla per 17 ore al giorno”. Voleva essere semplicemente uno scherzo. E invece il popolo della Rete ci ha abboccato. Questa volta la Russia – che secondo gli Usa ha interferito nelle sue elezioni presidenziali del 2016 – non c’entra nulla [il neretto è mio]. E’ la parodia di un utente di Twitter ad avere provocato un fraintendimento gigantesco. Mentre la Casa Bianca continuava a screditare il libro controverso “Fire and Fury: Inside the Trump White House” che ha portato alla scomunica da parte di Donald Trump del suo ex stratega Steven Bannon, l’account @pixelatedboat ne pubblicava un finto estratto…

La smentita – Viste le decine di migliaia di retweet, l’autore è stato costretto ad annunciare che erano tutto uno scherzo. E’ arrivato persino a cambiare il nome del suo account sul sito di microblogging: “La cosa sul canale dei gorilla è uno scherzo”. Il “gorilla channel” nel frattampo però è diventato il terzo trend più gettonato in Usa su Twitter [il neretto è mio].

Reporter attacca: sono gli stessi che credono alla storia della Russia – Glenn Greenwald, il giornalista che contribuì a fare esplodere il “datagate” di Edward Snowden nel 2013, ha retwittato il cinguettio di un collega di The Hill (giornale politico filodemocratico) che ci ha abboccato: “Queste sono le persone che credono che il Cremlino abbia ipnotizzato i loro criceti per spiarli e riferire delle loro azioni a Putin, quindi non è difficile credere che abbiano creduto alla storia dei gorilla”[il neretto è mio].»

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/-donald-trump-17-ore-al-giorno-davanti-al-canale-sui-gorilla-la-rete-ci-abbocca_3115715-201802a.shtml

In lingua inglese:

Internet falls for Trump-‘Gorilla Channel’ parody
Amid startling disclosures about life in the Trump White House, Twitter users fall for a satirical fake excerpt from Michael Wolff’s book that claims the president is obsessed with gorillas.

«Among those who fell for the parody was Eric Garland, an internet personality with nearly 175,000 followers known for his sometimes-conspiratorial commentary about Trump’s Russia ties [il neretto è mio]. “I got totally punked on the Gorilla Channel thing — but when you’ve already gotten to ‘eating KFC in bed,’ I mean, we’re through the looking glass,” Garland tweeted Friday, apparently referring to a Wolff claim that Trump eats fast food in bed.»

https://www.politico.com/story/2018/01/05/trump-gorilla-channel-parody-326374

In Italia ecco cosa ha pubblicato il manifesto, il noto quotidiano globalista italiano, evidentemente prendendo (o facendo finta di prendere) la bufala per vera:

Il gossip su Trump diverte, ma la sua azione di governo è brutale

«I giornali di tutto il mondo hanno già pubblicato decine di aneddoti tratti dal libro, la cui uscita è stata anticipata a ieri, in considerazione del fatto che era già al primo posto nella classifica delle vendite su Amazon, pur non essendo ancora fisicamente presente nelle librerie, né disponibile on line.
Il mio preferito è questo: pare che, entrando alla Casa bianca, Trump si sia lamentato del fatto che sul televisore nella sua camera da letto mancasse il «Gorilla Channel». Purtroppo, nella pur sterminata offerta delle tv americane via cavo non esiste un canale esclusivamente dedicato alle simpatiche bestiole rese celebri dalle indagini sul campo di Dian Fossey. Così, lo staff della residenza presidenziale ha trovato una soluzione: un collage di documentari sui gorilla, una compilation messa in onda sul circuito televisivo interno, che a quanto pare Trump guarda avidamente per varie ore al giorno [il neretto è mio].

A quanto pare nello staff della Casa bianca c’era qualcuno che aveva visto il film del 2003 di Wolfgang Becker Good-by Lenin, nel quale un figlio devoto realizza improbabili telegiornali della scomparsa tv della Germania Est per ingannare la madre, che potrebbe avere un infarto se scoprisse che il Muro è caduto nel 1989 e che la Germania è ormai riunificata e consumista. Chissà cosa farà Trump quando scoprirà che i “suoi” gorilla non esistono. [il neretto è mio]»

https://ilmanifesto.it/il-gossip-su-trump-diverte-ma-la-sua-azione-di-governo-e-brutale/

Se non ci credete, date un’occhiata allo screenshot sotto.

Ecco alcuni altri recentissimi articoli riguardanti Donald Trump (sono di gennaio 2018 oppure di dicembre 2017):

Trump author Michael Wolff: ‘He is like a child’ – BBC News

http://www.bbc.com/news/av/world-us-canada-42584398/wolff-trump-is-like-a-child

Trump? «Un imbecille, un idiota, un bambino». Le rivelazioni di Wolff sul presidente americano

http://www.corriere.it/video-articoli/2018/01/05/trump-un-imbecille-idiota-bambino-rivelazioni-wolff-presidente-americano/8ac9eb3c-f22f-11e7-97ff-2fed46070853.shtml

Donald Trump’s mental health is ‘unravelling’, claims Yale psychiatrist Bandy X Lee

https://www.standard.co.uk/news/world/yale-university-psychiatrist-tells-congress-that-donald-trumps-mental-health-is-unravelling-a3732456.html

Psichiatra incaricata dal Congresso: Trump presto impazzirà

http://www.trend-online.com/prp/psichiatra-trump-usa/

Is Something Neurologically Wrong With Donald Trump?

https://www.theatlantic.com/health/archive/2018/01/trump-cog-decline/548759/

Donald Trump Doesn’t Even Have a Dog – and That Says a Lot About Him

https://www.yahoo.com/lifestyle/donald-trump-doesn-apos-t-143500914.html

Donald Trump è un incapace: ma nonostante lui gli Stati Uniti restano i padroni del mondo

http://espresso.repubblica.it/internazionale/2017/12/07/news/donald-trump-e-un-incapace-ma-nonostante-lui-gli-stati-uniti-restano-i-padroni-del-mondo-1.315664

Donald Trump, 5 bugie al giorno. Il bilancio di un anno fatto dal Washington Post

http://www.huffingtonpost.it/2018/01/02/donald-trump-5-bugie-al-giorno-il-bilancio-di-un-anno-fatto-dal-washington-post_a_23321847/

Donald Trump, ritratto di un idiota geopolitico

http://www.linkiesta.it/it/article/2017/12/11/donald-trump-ritratto-di-un-idiota-geopolitico/36449/

Donald Trump Is Guilty
The only remaining question is what exactly he’s guilty of.

foreignpolicy.com/2017/12/05/donald-trump-is-guilty/

Questa è la grottesca situazione attuale degli Stati Uniti d’America e dell’Occidente intero.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Luttwak: non riusciranno a buttar giù Trump

1 giugno 2017

Leggo su lookoutnews.it un’intervista molto interessante di Luciano Tirinnanzi a Edward Luttwak (31 maggio 2017):

L’America di Trump, dal “Russiagate” alla Merkel. Intervista a Edward Luttwak
La presidenza repubblicana vista dagli occhi del celebre politologo, già consulente strategico del governo degli Stati Uniti. «Non c’è modo di fermare Trump. Ivanka il prossimo presidente»

«Il presidente è alle prese con il cosiddetto “Russiagate”, ma da dove originano le accuse contro Trump e il suo staff, che lo vorrebbero troppo vicino a Mosca?

Sa come si chiama questo? Post-traumatic election disorder. I democratici, e l’opposizione più in generale, sono ancora traumatizzati dalla vittoria di Donald Trump e dalla maniera con cui ha vinto le elezioni. Tutti i commentatori politici erano convinti che avrebbe perso amaramente e che, con lui alla testa dei repubblicani, il partito ne sarebbe uscito distrutto. Invece, Trump non solo ha trionfato, ma ha fatto guadagnare al partito repubblicano sia il Senato che la Camera, e gli ha dato persino due nuovi governatori, cosa che ha permesso al Grand Old Party di raggiungere un numero record di governatori nella storia repubblicana. Solo a quel punto, i democratici hanno compreso quanto i loro calcoli fossero stati sbagliati. La vittoria di Trump, perciò, non è stata ancora digerita dall’élite di Washington, che resta in stato di choc e tenta disperatamente di usare i peggiori metodi del maccartismo (il clima esasperato di sospetto per attività anti-americane e comuniste generatosi nel secondo dopoguerra, ndr).

È questo ad aver generato il caos politico di cui siamo spettatori?

Intorno alla figura di Trump è stata messa in piedi una congiura ed è stata costruita una teoria che lo vorrebbe un agente di Vladimir Putin, secondo una sceneggiatura degna di Hollywood. Ragion per cui ogni contatto di qualsiasi persona vicina al presidente con qualsivoglia russo e in qualsiasi tempo, costituirebbe un comportamento sospetto, se non addirittura delittuoso. In breve, vogliono criminalizzarlo. Ma per simili accuse servono prove solide, mentre qui di prove non ce ne sono. Quindi, dopo tanti discorsi, alla fine tutti gli accusatori di Trump saranno obbligati ad ammettere che non hanno niente di concreto contro di lui. Il cosiddetto “Russiagate”, in definitiva, è una manifestazione isterica che si risolverà tra poco tempo e non avrà alcuna conseguenza o impatto sull’Amministrazione. Donald Trump semplicemente non può essere rimosso [il neretto è mio]…

…Vincendo le elezioni di midterm dopo la rielezione, potrà preparare il terreno per la figlia Ivanka, che diventerà così la prima donna presidente d’America [il neretto è mio] e che è già in apprendistato alla Casa Bianca, dove non a caso ha un proprio ufficio. Questa è anche la ragione per cui l’élite americana tenta di buttarlo giù con ostinazione.»

http://www.lookoutnews.it/trump-edward-luttwak-intervista/

Come si può notare, Edward Luttwak, senza mai nominare in quest’intervista il punto nodale della situazione, e cioè lo scontro acerrimo tra il globalismo (l’élite di Washington) e il nazionalismo (Donald Trump), accetta tranquillamente che vinca quest’ultimo, anzi parla di Ivanka Trump come 46° Presidente USA dopo il doppio mandato del padre.

Altro che Mark Zuckerberg!

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.