Posts Tagged ‘sovranità’

L’ultimo chiodo sulla bara del climate change

12 luglio 2019

Leggo su ZeroHedge un articolo intitolato Bombshell Claim: Scientists Find “Man-made Climate Change Doesn’t Exist In Practice” (11 luglio 2019):

«A new scientific study could bust wide open deeply flawed fundamental assumptions underlying controversial climate legislation and initiatives such as the Green New Deal, namely, the degree to which ‘climate change’ is driven by natural phenomena vs. man-made issues measured as carbon footprint. Scientists in Finland found “practically no anthropogenic [man-made] climate change” after a series of studies.

“During the last hundred years the temperature increased about 0.1°C because of carbon dioxide. The human contribution was about 0.01°C”, the Finnish researchers bluntly state in one among a series of papers.

This has been collaborated by a team at Kobe University in Japan, which has furthered the Finnish researchers’ theory: “New evidence suggests that high-energy particles from space known as galactic cosmic rays affect the Earth’s climate by increasing cloud cover, causing an ‘umbrella effect’,” the just published study has found, a summary of which has been released in the journal Science Daily. The findings are hugely significant given this ‘umbrella effect’ — an entirely natural occurrence — could be the prime driver of climate warming, and not man-made factors.» (1)

Questo è l’ultimo chiodo sulla bara del climate change, ossia del global warming, una delle menzogne preferite dei globalisti, menzogna che ha l’evidente scopo di ridurre in modo significativo la sovranità degli Stati di tutto il mondo, come ho già scritto in un precedente post (2).

In realtà l’élite globalista è una vera e propria setta (David Rockefeller stesso nella sua autobiografia usò il termine “secret cabal”, 3), che è composta da individui che non sanno nulla della scienza, per esempio George Soros ha un degree di secondo livello in filosofia, e che vuole imporre a tutto il genere umano il suo ignorante, criminale e folle delirio culturale (cfr. 4).

Ecco la definizione di “setta” dell’Enciclopedia Treccani: «setta Associazione di persone che seguono e difendono una particolare dottrina filosofica, religiosa o politica.» (5).

—————-

1) Bombshell Claim: Scientists Find “Man-made Climate Change Doesn’t Exist In Practice”

https://www.zerohedge.com/news/2019-07-11/scientists-finland-japan-man-made-climate-change-doesnt-exist-practice

2) La frode mondialista del global warming

https://luigicocola.wordpress.com/2018/11/15/la-frode-mondialista-del-global-warming/

Cfr.:

Donald Trump, Carlo Rubbia, il global warming e le bufale

https://luigicocola.wordpress.com/2016/12/28/donald-trump-carlo-rubbia-il-global-warming-e-le-bufale/

e anche

Imporre false verità: ieri i nazisti, oggi i mondialisti

https://luigicocola.wordpress.com/2019/02/16/imporre-false-verita-ieri-i-nazisti-oggi-i-mondialisti/

3) «Some even believe we are part of a secret cabal [il neretto è mio] working against the best interests of the United States, characterizing my family and me as “internationalists” [il neretto è mio] and of conspiring with others around the world to build a more integrated global political and economic structure—one world, if you will. If that’s the charge, I stand guilty, and I am proud of it [il neretto è mio]

David Rockefeller, Memoirs, Random House, 2003, pag. 405

4) Sull’idea errata che l’uguaglianza totale conduca alla pace nel mondo

https://luigicocola.wordpress.com/2019/02/12/sullidea-errata-che-luguaglianza-totale-conduca-alla-pace-nel-mondo/

5) Voce “setta” dell’Enciclopedia Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/setta/

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 


 

N.B.: tutti i post del mio blog, Blog di Luigi Cocola – Per un nuovo Risorgimento, sono raccolti in libri cartacei in vendita qui:

http://www.lulu.com/spotlight/LuigiCocola

Se volete farmi una donazione, lo potete fare per mezzo di PayPal, indicando:

Luigi Cocola

dottluigicocola11@gmail.com

Un perfetto esempio di articolo che fa indignare

5 gennaio 2019

Ci sono articoli che fanno indignare (per usare un eufemismo).

Un perfetto esempio è l’articolo di Gordon Chang intitolato Xi Jinping Thinks China Is World’s Only Sovereign State e pubblicato il 4 gennaio 2019 sia su gatestoneinstitute.org, sia su zerohedge.com:

«The trend of Chinese ruler Xi Jinping’s recent comments warns us that his China does not want to live within the current Westphalian system of nation states or even to adjust it. From every indication, Xi is thinking of overthrowing it altogether [il neretto è mio].

Beijing now thinks it can, with impunity, injure Americans [il neretto è mio]. In the first week of May, the Pentagon said that China, from its base in Djibouti, lasered a C-130 military cargo plane, causing eye injuries to two American pilots.

The laser attack in the Horn of Africa, far from any Chinese boundaries, highlights Beijing’s unstated position that the U.S. military has no right to operate anywhere and that China is free to do whatever it wants anyplace it chooses [il neretto è mio]. And let us understand the severity of the Chinese act: an attempt to blind pilots is akin to an attempt to bring down their planes, and an attempt to bring down planes is an assertion China has the right to kill [il neretto è mio]

…The breathtaking position puts China’s aggressive actions into a far more ominous context.

Carter, and almost all others who comment on Chinese foreign policy, see Beijing competing for influence in the current international order. That existing order, accepted virtually everywhere, is based on the Treaty of Westphalia of 1648, which recognizes the sovereignty of individual states that are supposed to refrain from interfering in each other’s internal affairs [il neretto è mio]. Those states now compete and cooperate in a framework, largely developed after World War II, of treaties, conventions, covenants, and norms.

Many Chinese policymakers believe they are entitled to dominate others, especially peoples on their periphery [il neretto è mio]. That concept underpinned the imperial tributary system in which states near and far were supposed to acknowledge Chinese rule. Although there is no “cultural DNA” that forces today’s communist leaders to view the world as emperors did long ago, the tributary system nonetheless presents, as Stephen Platt of the University of Massachusetts points out, “a tempting model” of “a nostalgic ‘half-idealized, half-mythologized past.’ ”

In that past, there were no fixed national boundaries [il neretto è mio]

…China has been called a “trivial state,” one which seeks nothing more than “perpetuation of the regime itself and the protection of the county’s territorial integrity.” This view fundamentally underestimates the nature of the Chinese challenge. China, under Xi Jinping, has become a revolutionary regime that seeks not only to dominate others but also take away their sovereignty [il neretto è mio]

https://www.zerohedge.com/news/2019-01-04/xi-jinping-thinks-china-worlds-only-sovereign-state

https://www.gatestoneinstitute.org/13497/china-sovereign-state

È un vero scandalo che si arrivi a pubblicare cose come queste: non solo è un perfetto esempio di articolo che fa indignare (ripeto: per usare un eufemismo), è anche un perfetto esempio della follia criminale del mondialismo e del baratro morale in cui il mondialismo (nonostante gli strenui sforzi contrari del patriota Donald Trump) ha fatto precipitare gli Stati Uniti d’America e l’intero genere umano.

A parte la retorica globalista fasulla e le ridicole menzogne globaliste sia riguardanti la storia, sia riguardanti la filosofia politica e la scienza politica, di cui ho scritto molte volte (l’idea ridicola che la sovranità degli Stati sia nata dalla pace di Westfalia del 1648, come se la polis greca e la res publica romana, che erano Stati, non avessero sovranità sul loro territorio; l’idea ridicola che in passato non ci siano mai stati confini, come se fosse possibile avere uno Stato senza confini; ecc., ecc.), come è possibile condannare la Cina perché Pechino pensa di poter ferire impunemente stranieri?

È proprio quello che molto spesso, se non quasi sempre, fanno gli Stati Uniti d’America!

Secondo l’autore di questo immondo scritto: «The laser attack in the Horn of Africa, far from any Chinese boundaries, highlights Beijing’s unstated position that the U.S. military has no right to operate anywhere…».

Infatti è proprio così: «the U.S. military has no right to operate anywhere»!

E sono proprio gli Stati Uniti d’America che cercano «not only to dominate others but also take away their sovereignty»!

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La frode mondialista del global warming

15 novembre 2018

Sulla frode mondialista del global warming ho già scritto qui:

Donald Trump, Carlo Rubbia, il global warming e le bufale

https://luigicocola.wordpress.com/2016/12/28/donald-trump-carlo-rubbia-il-global-warming-e-le-bufale/

Il global warming (cioè il climate change) è uno dei più noti cavalli di battaglia del mondialismo (in inglese globalism, in francese mondialisme) e ovviamente ha lo scopo di espropriare gli Stati della loro sovranità.

Perché espropriare gli Stati della loro sovranità?

Perché uno Stato a cui è stata tolta la sua sovranità non è più uno Stato.

Infatti lo scopo supremo del mondialismo è quello di eliminare lo Stato dalla faccia della terra: il mondialismo vuole imporre a tutto il genere umano un Nuovo Ordine Mondiale (in inglese New World Order, in francese Nouvel Ordre Mondial) nel quale lo Stato non esiste più.

Come ho scritto in un post precedente:

«…uno Stato o è sovrano o non esiste, dato che lo Stato è costituito dalla triade: sovranità, popolo, territorio, come giustamente scrive Nicola Abbagnano (20).»

https://luigicocola.wordpress.com/2018/11/13/perche-si-censura-il-ruolo-di-henri-de-saint-simon-nella-genesi-storica-del-mondialismo-e-dellunione-europea/

Ebbene, leggo oggi un articolo di ZeroHedge:

Climate Scientists Admit To Major Math Error After Global Warming Study Debunked:

«The co-author of a widely-cited global warming study has owned up to a major math error uncovered six days after its Oct. 31 publication by an independent scientist.»

https://www.zerohedge.com/news/2018-11-14/climate-scientists-admit-major-math-error-after-global-warming-study-debunked

Se ciò non fosse tragico, anzi criminale (altro che errore innocente, ci hanno provato, ma li hanno beccati con le mani nella marmellata!), sarebbe assai comico, come per esempio questo video:

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Perché si censura il ruolo di Henri de Saint-Simon nella genesi storica del mondialismo e dell’Unione Europea?

13 novembre 2018

Francamente sono disgustato dalle continue falsità, mistificazioni e menzogne che si scrivono sul mondialismo (o globalismo, in inglese globalism, in francese mondialisme) e sull’Unione Europea, la quale altro non è che il progetto più avanzato dell’ideologia mondialista.

Il concetto dell’Unione Europea nacque dalla mente del Conte Henri de Saint-Simon (1760-1825), che nel 1814 pubblicò De la réorganisation de la société européenne (titolo), ou de la nécessité et des moyens de rassembler les peuples de l’Europe en un seul corps politique, en conservant a chacun son indépendance nationale (sottotitolo) (1, 2).

Tanto per fare un esempio, il capitolo II del libro II di tale opera si intitola: De la Chambre des Députés du Parlement Européen.

Vediamo cosa scrive l’Enciclopedia Britannica su Saint-Simon:

«Henri de Saint-Simon, in full Claude-Henri de Rouvroy, Comte (count) de Saint-Simon, (born Oct. 17, 1760, Paris, Fr.—died May 19, 1825, Paris), French social theorist and one of the chief founders of Christian socialism. In his major work, Nouveau Christianisme (1825), he proclaimed a brotherhood of man that must accompany the scientific organization of industry and society.» (3)

Quindi Saint-Simon è uno dei capi fondatori del socialismo cristiano e scrisse un’opera (la sua opera maggiore) intitolata Nouveau Christianisme.

Il principio fondamentale del mondialismo è quello di sostituire lo Stato con la tecnocrazia e, proprio come il concetto dell’Unione Europea, tale concetto (sostituire lo Stato con la tecnocrazia) nacque anch’esso dalla mente di Saint-Simon, come ci spiegano Norberto Bobbio e Claudio Finzi (4, 5).

Perché tutto ciò viene quasi sempre taciuto da chi si occupa a vario titolo del mondialismo?

Perché si tace sul fatto storico che il concetto di sostituire lo Stato con la tecnocrazia (4, 5) e il concetto dell’Unione Europea (1, 2) nacquero entrambi dalla mente di Saint-Simon?

Perché si tace sulla “durevole influenza” (6) nell’élite dell’Ottocento del sansimonismo, l’ideologia antistato creata da Saint-Simon (della quale il mondialismo è semplicemente e banalmente una perversione, essendo, a differenza del sansimonismo, contro il popolo, 7)?

Perché si tace sul fatto storico che ci furono nell’Ottocento ebrei sansimonisti (proprio come lo è oggi George Soros, 8, 9) (10, 11)?

Perché si tace sui sansimonisti dell’Ottocento che predicarono la bancocrazia (proprio come la predica oggi Mario Draghi, 12) (13)?

Perché si tace sul fatto storico che il secondo Presidente della Repubblica Italiana, Luigi Einaudi (1874-1961) (che fu scelto dal democristiano Alcide De Gasperi, 14), era europeista e contro lo Stato, proprio come Saint-Simon?

Ecco i primi scritti di Luigi Einaudi sull’Unione Europea, come riportati (cioè tradotti in inglese) da Angelo Santagostino nel suo recente libro Luigi Einaudi, the Father of the Fathers of Europe:

«SIXTY-TWO YEARS OF EUROPEAN WRITINGS, 1897-1959

(Original titles have been translated into English)

“The United States of Europe,” La Stampa, 20 August 1897.

* “The League of Nations: a Possible Ideal?” Corriere della sera, 5 January 1918.

“The Dogma of Sovereignty and the Idea of the League of Nations,” Corriere della sera, 28 December 1918…» (15)

È da puntualizzare che Santagostino in tale libro non nomina mai Saint-Simon, che scrisse sull’unificazione dell’Europa nel 1814, quindi ben prima di Luigi Einaudi.

Questa è una mistificazione bella e buona!

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’Europa, di cui scrisse appunto Luigi Einaudi, ho spiegato diverse volte, dal 19 aprile 2012 in poi, che si tratta di un’idea impossibile da attuarsi, per un ben preciso motivo (16, 17), e ciò è stato poi ripetuto da Giovanni Sartori in un suo famoso editoriale sul Corriere della Sera intitolato Un animale senza difese (12 novembre 2012) (18).

Ed ecco infine alcuni passi di uno scritto di Luigi Einaudi del 1945 intitolato Il mito dello Stato sovrano, in cui egli dichiara che lo Stato è dannoso (anzi addirittura “immondo”!) e va eliminato:

«Perché l’idea della società delle nazioni è infeconda e distruttiva? Perché essa è fondata sul principio dello Stato “sovrano”. Questo è oggi nemico numero uno della civiltà, il fomentatore pericoloso dei nazionalismi e delle conquiste. Il concetto dello Stato sovrano, dello Stato che, entro i suoi limiti territoriali, può fare leggi, senza badare a quel che accade fuor di quei limiti, è oggi anacronistico ed è falso

…Divenute gigantesche le forze in contrasto, anche le guerre diventeranno più rare; finché esse non scompaino del tutto, nel giorno in cui sia per sempre fugato dal cuore e dalla mente degli uomini l’idolo immondo dello Stato sovrano [il neretto è mio].» (19)

Qui Luigi Einaudi fa mostra di ignorare che uno Stato o è sovrano o non esiste, dato che lo Stato è costituito dalla triade: sovranità, popolo, territorio, come giustamente scrive Nicola Abbagnano (20).

Quindi Luigi Einaudi intende in realtà questo: che lo Stato deve essere eliminato.

È il mantra dei millenaristi religiosi e dei millenaristi secolarizzati, i quali ripetono tale mantra all’infinito da quasi duemila anni, mantra che altro non è che un meme egoista (21), creato dall’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento (9).

Tale mantra ha prodotto le ideologie antistato (cfr. la mia Teoria unificata delle ideologie antistato, 22), delle quali l’ultima e la più letale è proprio il mondialismo.

Quando dico letale intendo che il mondialismo è la vera causa della ben nota isteria antirussa e che tale isteria ci può condurre assai facilmente alla guerra nucleare tra la NATO e la Russia (23).

Si può definire il mondialismo come un delirio culturale (24):

il mondialismo è un delirio culturale.

In inglese:

globalism is a cultural delusion.

In francese:

le mondialisme est un délire culturel.

————————

1) De la réorganisation de la société européenne si può scaricare integralmente qui:

http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k10497526/f7.image

2) Chi ideò l’Unione Europea?

https://luigicocola.wordpress.com/2018/04/20/chi-ideo-lunione-europea/

3) La voce dell’Enciclopedia Britannica su Saint-Simon:

https://www.britannica.com/biography/Henri-de-Saint-Simon

4) «All’estremo opposto l’ideale della fine della società politica e della classe politica che ne trae un abusivo vantaggio è stato predicato da una concezione che oggi si direbbe tecnocratica dello Stato, come quella esposta da Saint-Simon secondo cui nella società industriale ove protagonisti non sono più i guerrieri e i legisti ma diventano gli scienziati e i produttori, non ci sarà più bisogno della «spada di Cesare». Questo ideale tecnocratico peraltro si accompagna in Saint-Simon con una forte ispirazione religiosa (il nouveau christianisme), quasi a suggerire l’idea che questo salto fuori della storia che è la società senza Stato non sia pensabile prescindendo da un’idea messianica.»

Norberto Bobbio, Stato, governo, società, Einaudi, 1995, pag. 124

5) «Inutile che qui io rifaccia la storia della tecnocrazia. Basta ricordarne alcuni principi fondamentali, che poi sono quelli fissati già dal fondatore o inventore: il francese Claude Henri de Rouvroy, conte di Saint-Simon, e poi affinati, adattati, rielaborati in due secoli di sviluppo senza però mai tradire alcuni presupposti irrinunciabili…

…Il mondo va male, perché al governo sono gli uomini della politica, regno appunto dell’incertezza, mentre ne restano fuori quelli che possono contare su un sapere certo e indubitabile: gli industriali, nei quali Saint-Simon comprende tutti coloro che in qualsiasi modo appartengono alla sfera della produzione. Per rimettere le cose a posto in questo mondo così cambiato occorre sostituire le incertezze della politica con le certezze della scienza e della tecnica; occorre che il controllo della società passi dalle mani dei politici a quelle degli industriali.»

Claudio Finzi, Ideologia tecnocratica e globalizzazione, in Agostino Carrino (a cura di), L’Europa e il futuro della politica, Società Libera, 2002, pagg. 235-236

Ideologia tecnocratica e globalizzazione si può leggere integralmente in rete:

http://www.teleion.it/users/garbolino/

librisoclibera/testi/europafutpol/19_europapf.shtml

6) Joyce M.H. Reid, Dizionario Oxford della letteratura francese, Gremese Editore, 2002 (trad. it. di The Concise Oxford Dictionary of French Literature, Oxford University Press, 1976), pag. 396

7) Ulteriori precisazioni sul mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/01/21/ulteriori-precisazioni-sul-mondialismo/

8) Il programma politico di Soros è proprio quello di Saint-Simon

https://luigicocola.wordpress.com/2018/05/12/il-programma-politico-di-soros-e-proprio-quello-di-saint-simon/

9) Le tappe principali della genesi storica del mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/07/28/le-tappe-principali-della-genesi-storica-del-mondialismo/

10) Un ben noto esempio di ebrei sansimonisti dell’Ottocento ci è dato dai fratelli Pereire, Isaac (1806-1880) ed Émile (1800-1875):

«The Pereire brothers were prominent 19th-century financiers in Paris, France, who were rivals of the Rothschilds. Like the Rothschilds, they were Jews, but unlike them the Pereire brothers were Sephardi Jews of Portuguese origin [il neretto è mio].»

https://en.wikipedia.org/wiki/P%C3%A9reire_brothers

«Isaac Pereire:

French financier; born Nov. 25, 1806, at Bordeaux; died July 12, 1880, at Armanvilliers; grandson of Jacob Rodrigues Pereire. While still young he lost his father, and in 1823 went to Paris as employee in a bank. From this time he and his brother Emile were inseparable. Through Olinde-Rodrigues, a relative and the foremost pupil of St. Simon, the two brothers were introduced to Rodrigues’ followers and became at once enthusiastic supporters of St.-Simonism, making active propaganda, together with Enfantin, Michel Chevalier, Eugène Rodrigues, Duveyrier, and others [il neretto è mio]. The brothers then took up journalism, Isaac becoming collaborator on the “Globe,” “Temps,” “Journal des Débats,” etc.

In 1835, amid great financial difficulties, Pereire and his brother Emile built the first railway in France, that from Paris to St.-Germain; in 1836 they constructed the Paris-Versailles line, and in 1845 the Chemin de Fer du Nord. In 1852 the two brothers founded, not without reference to St.-Simonistic ideas, the Société Générale du Crédit Mobilier, which had for its object the carrying out of great undertakings by means of the union of small capitalists, thereby allowing the latter to share in the profits [il neretto è mio]. This institution undertook the building of several large railways in France, Switzerland, Russia, and Spain, and founded several gas and omnibus companies. Although the Crédit Mobilier, which caused radical changes in the entire financial market, was obliged to liquidate in 1867, Isaac and Emile Pereire remained prominent financiers. Both, together with Isaac’s son Eugène, were returned to the Corps Législatif in 1863.

Isaac, who was made a knight of the Legion of Honor, was distinguished for his philanthropy. In 1880 he founded a prize of 100,000 francs, divided into four series, for the best works on social economics. Although he remained true to the religion of his fathers, he used his influence in favor of the Roman Catholic Church, and voted in the Chamber for the maintenance of the temporal power of the pope.»

http://www.jewishencyclopedia.com/articles/12022-pereire

11) La pronipote di Isaac Pereire, Noémie, sposò proprio un Rothschild:

«Baroness Noémie de Rothschild (1888-1968) was a French philanthropist and property developer….

…Noémie de Rothschild was born as Noémie Halphen on 29 June 1888 in Paris, France.[1] She was the granddaughter of financier Eugène Péreire of the Sephardic-Jewish Péreire family of Portugal who were banking rivals of the Rothschilds.»

https://en.wikipedia.org/wiki/No%C3%A9mie_de_Rothschild

Il figlio della Baroness Noémie de Rothschild, Edmond de Rothschild (1926-1997), fu membro dello Steering Committee dei Bilderberg Meetings, come riportato dall’Official Website dei Bilderberg Meetings:

https://www.bilderbergmeetings.org/former-steering-committee-members.html

12) Questo è parlar chiaro!

https://luigicocola.wordpress.com/2014/08/12/questo-e-parlar-chiaro/

13) «”La banca, questa regina del secolo dovrà impadronirsi delle terre, delle macchine, dei capitali; la banca diventerà la nazione, il governo; la banca diventerà il centro della nuova organizzazione sociale; la banca ingrandirà sino a creare un’epoca … “.
Chi esalta così la banca non è un qualsiasi, grande o piccolo, banchiere dei nostri giorni. Autore della frase è uno dei più noti rivoluzionari italiani dell’Ottocento: Giuseppe Ferrari, che così scrive negli anni trenta del secolo scorso, tracciando un rapido profilo della storia del pensiero europeo come introduzione alle opere di Giambattista Vico 17.
Ma non è il solo, che così esalti la banca e la sua funzione. Anzi, Giuseppe Ferrari è proprio l’anello di congiunzione fra il profeta della tecnocrazia, il nobile più volte ricordato Claude Henri de Rouvroy conte di Saint-Simon, e il più avanzato sostenitore di tutto il potere alle banche, che sarà pochissimi anni dopo un altro italiano…

…Henri de Saint-Simon muore nel 1825. La scuola saintsimoniana accentua la sua fede nella banca e nella funzione regolatrice dell’alta finanza. La scuola si espande in Italia, dove i suoi principi, i suoi dogmi, le sue pretese salvifiche vengono portati all’estremo. Giuseppe Ferrari scrive la lode della banca nel 1837. Subito dopo, nel 1840-42, a Milano si pubblica un’opera in due volumi dal titolo quanto mai significativo: Bancocrazia. Autore è il siciliano barone Giuseppe Corvaia, personaggio dalla vita tumultuosa e vagabonda, protagonista di avventure economiche in tutta Europa (lo incontriamo a Parigi, Napoli, Malta, Torino, Londra) e di disavventure politiche in patria (arrestato a Napoli nel 1822, perde beni e libertà; condannato a dieci anni, ne sconta soltanto tre) 18.
Giuseppe Corvaia è un deciso e fervente ammiratore e seguace del Saint-Simon, ma va oltre le tesi del maestro, individuando senza esitazioni nella banca il possente centro del nuovo desiderabile potere universale, destinato a sostituire anche il potere tecnico…

…Queste idee bancocratiche sono tornate alla ribalta con George Soros, il famoso finanziere statunitense, che espone le sue opinioni in materia in discorsi, articoli, libri, ampiamente diffusi e tradotti. Vediamo ora La crisi del capitalismo globale. La società aperta in pericolo, testo molto recente, perché pubblicato nel 1998 e tradotto in italiano l’anno successivo 24.»

Claudio Finzi, op. cit., pagg. 243-246

14) Corsa al Colle: l’elezione di Einaudi (1948-1955)

https://www.panorama.it/news/politica/quirinale-luigi-einaudi/

15) Angelo Santagostino, Luigi Einaudi, the Father of the Fathers of Europe, Cambridge Scholars Publishing, 2017, pag. XV

16) Sartori ed io sugli Stati Uniti d’Europa scriviamo le stesse cose

https://luigicocola.wordpress.com/2012/11/17/sartori-ed-io-sugli-stati-uniti-deuropa-scriviamo-le-stesse-cose/

17) Un’analisi errata e mendace dell’Unione Europea

https://luigicocola.wordpress.com/2018/01/04/unanalisi-errata-e-mendace-dellunione-europea/

18) Giovanni Sartori, Un animale senza difese, Corriere della Sera, 12 novembre 2012

https://www.corriere.it/editoriali/12_novembre_12/un-animale-senza-difese-giovanni-sartori_121347e2-2c91-11e2-ac32-eb50b1e8a70b.shtml

19) Luigi Einaudi, Il mito dello Stato sovrano, Il risorgimento liberale, 3 gennaio 1945

disponibile qui:

http://www.iisf.it/discorsi/einaudi/mito_s_s.htm

20) «STATO (gr. πολιτεία; lat. Respublica; inglese State; franc. État; ted. Staat). In generale, l’organizzazione giuridica coercitiva di una comunità determinata. L’uso della parola S. è dovuta a Machiavelli (Principe, 1513, § 1)…

…lo S. ha tre elementi o proprietà caratteristiche: la sovranità o il potere preponderante o supremo; il suo popolo e il suo territorio

Nicola Abbagnano, Dizionario di filosofia, UTET, 1971, pagg. 833-835

21) Richard Dawkins, Il gene egoista, Zanichelli, 1979 (trad. it. di The Selfish Gene, Oxford University Press, 1976), pagg. 162-172

22) Luigi Cocola, La teoria unificata delle ideologie antistato e altri discorsi politici, 6° ed., lulu.com, 2018

23) Svelare la verità sul mondialismo, oppure morire tutti di guerra nucleare?

https://luigicocola.wordpress.com/2018/10/20/svelare-la-verita-sul-mondialismo-oppure-morire-tutti-di-guerra-nucleare/

24) Luigi Cocola, Il mondialismo è un delirio culturale, 2° ed., lulu.com, 2018

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data odierna.

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Gianni Riotta non ricorda l’Art. 1 della Costituzione

15 Mag 2018

Ecco cosa dice l’Articolo 1 della Costituzione della Repubblica italiana:

«Art. 1

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.»

http://www.governo.it/costituzione-italiana/principi-fondamentali/2839

http://www.senato.it/documenti/repository/istituzione/costituzione.pdf

Come ha correttamente ricordato Antonio Maria Rinaldi ad Agorà, venerdì 11 marzo 2018.

Ecco la “National Security Strategy” di Donald Trump

29 dicembre 2017

Ecco cosa Donald Trump scrive nella sua National Security Strategy, NSS (dicembre 2017).

A pag. ii:

«My Administration’s National Security Strategy lays out a strategic vision for protecting the American people and preserving our way of life, promoting our prosperity, preserving peace through strength, and advancing American influence in the world. We will pursue this beautiful vision—a world of strong, sovereign, and independent nations, each with its own cultures and dreams, thriving side-by-side in prosperity, freedom, and peace—throughout the upcoming year [il neretto è mio]

Most of all, we will serve the American people and uphold their right to a government that prioritizes their security, their prosperity, and their interests [il neretto è mio]. This National Security Strategy puts America First.»

A pag. 1:

«An America First National Security Strategy is based on American principles, a clear-eyed assessment of U.S. interests, and a determination to tackle the challenges that we face. It is a strategy of principled realism that is guided by outcomes, not ideology. It is based upon the view that peace, security, and prosperity depend on strong, sovereign nations that respect their citizens at home and cooperate to advance peace abroad [il neretto è mio]. And it is grounded in the realization that American principles are a lasting force for good in the world.

“We the People” is America’s source of strength [il neretto è mio]

A pag. 3:

«These competitions require the United States to rethink the policies of the past two decade policies based on the assumption that engagement with rivals and their inclusion in international institutions and global commerce would turn them into benign actors and trustworthy partners. For the most part, this premise turned out to be false [il neretto è mio]

A pag. 4:

«First, our fundamental responsibility is to protect the American people, the homeland, and the American way of life. We will strengthen control of our borders and reform our immigration system…

…Second, we will promote American prosperity. We will rejuvenate the American economy for the benefit of American workers and companies…

…Third, we will preserve peace through strength by rebuilding our military so that it remains preeminent, deters our adversaries, and if necessary, is able to fight and win. We will compete with all tools of national power to ensure that regions of the world are not dominated by one power…

…Fourth, we will advance American influence because a world that supports American interests and reflects our values makes America more secure and prosperous. We will compete and lead in multilateral organizations so that American interests and principles are protected…

Strengthening our sovereignty—the first duty of a government is to serve the interests of its own people—is a necessary condition for protecting these four national interests [il neretto è mio]. And as we strengthen our sovereignty we will renew confidence in ourselves as a nation. We are proud of our history, optimistic about America’s future, and confident of the positive example the United States offers to the world. We are also realistic and understand that the American way of life cannot be imposed upon others, nor is it the inevitable culmination of progress [il neretto è mio] (1)…

…In the United States, free men and women have created the most just and prosperous nation in history. Our generation of Americans is now charged with preserving and defending that precious inheritance [il neretto è mio]. This National Security Strategy shows the way.»

A pag. 37:

«There is no arc of history that ensures that America’s free political and economic system will automatically prevail. Success or failure depends upon our actions [il neretto è mio] (2)…

…During the Cold War, a totalitarian threat from the Soviet Union motivated the free world to create coalitions in defense of liberty. Today’s challenges to free societies are just as serious, but more diverse. State and non-state actors project influence and advance their objectives by exploiting information, democratic media freedoms, and international institutions [il neretto è mio]

We are not going to impose our values on others [il neretto è mio]. Our alliances, partnerships, and coalitions are built on free will and shared interests. When the United States partners with other states, we develop policies that enable us to achieve our goals while our partners achieve theirs.»

www.whitehouse.gov/wp-content/uploads/2017/12/NSS-Final-12-18-2017-0905-2.pdf

————————————

(1) (2) Da queste frasi a pag. 4 e a pag. 37 del testo di National Security Strategy si può inferire che Donald Trump non accetta l’interpretazione della storia come piano provvidenziale, che è l’interpretazione della storia propria del millenarismo e del mondialismo, mentre invece accetta l’interpretazione della storia come progresso, che è propria dell’Illuminismo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/02/21/il-mondialismo-e-la-storia-come-piano-provvidenziale/

Donald Trump quindi si basa sulla Ragione e non sulla falsa Ragione dei mondialisti, cioè di coloro che si fanno ingannare da quella che io ho definito “mistificazione di origine lockiana”, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/05/11/joseph-stiglitz-racconta-menzogne-e-fa-propaganda-mondialista/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/04/02/il-mondialismo-e-il-nazionalismo-sono-il-prodotto-di-due-diverse-weltanschauung/

Il punto nodale della questione è che John Locke, a differenza di Thomas Hobbes, identifica la Ragione con Dio, proprio come si faceva all’epoca di Agostino d’Ippona, e ciò lo si può inferire facilmente dal testo di Two Treatises of Government, come ho mostrato qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/08/07/stato-di-natura-mark-zuckerberg-e-dennis-prager/

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Paolo Becchi: “L’Unione Europea è morta”

8 luglio 2017

Pubblicato il 5 lug 2017 su YouTube

————————————————

L’Unione Europea, cioè il disastro europeo, è un prodotto del mondialismo.

La voce “mondialismo” (detto anche globalismo, in inglese globalism, in francese mondialisme) non si trova su Wikipedia in lingua italiana (in data odierna), ma si trova su Wikipedia in lingua inglese e su Wikipedia in lingua francese:

https://en.wikipedia.org/wiki/Globalism

https://fr.wikipedia.org/wiki/Mondialisme

Vedi anche qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/06/08/la-miserabile-censura-mondialista-di-wikipedia-in-lingua-italiana/

Il mondialismo è definibile come delirio culturale, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/05/14/ce-delirio-e-delirio/

È anche possibile definirlo come virus memetico, oppure come psicosi religiosa collettiva, dato che la sua origine è quella prescrizione di eliminare lo Stato che si trova nell’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/07/06/lorigine-del-mondialismo/

Infatti il mondialismo è un’ideologia che vuole eliminare i confini degli Stati, in altre parole vuole eliminare gli Stati stessi (dato che uno Stato deve avere necessariamente dei confini, altrimenti non è più uno Stato).

Non esiste la prescrizione di eliminare lo Stato nelle altre due grandi religioni monoteistiche: l’Ebraismo e l’Islam.

E il motivo di ciò si trova nella storia: il Cristianesimo nacque come rivolta degli schiavi contro lo Stato schiavista romano.

La crocifissione altro non era che la pena capitale romana per gli schiavi che si ribellavano.

Solo e unicamente il Cristianesimo fu storicamente contro lo schiavismo.

Chi nega questo non conosce la storia, in altre parole è un ignorante.

Affermare che il mondialismo sia un complotto ebraico, sionista, o sia un complotto massonico, è da ignoranti.

E non parliamo poi degli altri capri espiatori del mondialismo (oltre l’Ebraismo e la massoneria), p.e. l’Illuminismo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/02/21/il-mondialismo-e-la-storia-come-piano-provvidenziale/

Del resto è estremamente evidente il carattere autodistruttivo e irrazionale del mondialismo, in altre parole il mondialismo è contro la Ragione e ciò proprio perché esso ha un’origine e una natura religiose, vedi p.e. qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/03/05/ideologie-antistato-come-vacche-sacre/

Non cogliere l’irrazionalità del mondialismo è assai frequente, ma vuol dire non vedere la realtà.

Per quanto riguarda Paolo Becchi, pur apprezzando molto ciò che egli dice sull’Unione Europea, non sono d’accordo con lui su parecchie questioni, per esempio sul termine “sovranismo” et similia: si tratta solo di un eufemismo per non usare la parola “nazionalismo”.

Questo eufemismo può essere giustificabile solo per questioni di marketing elettorale, ma in sede di analisi politica non è giustificabile, come ho scritto più volte, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2013/06/30/un-neologismo-inutile-e-sbagliato/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2017/01/19/sovranisti-o-nazionalisti/

Anche negli Stati Uniti d’America usano la parola “nationalism“, non è affatto un tabù, vedi p.e. qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/06/02/donald-trump-grida-il-re-e-nudo/

Copyright © 2017 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Un neologismo inutile e sbagliato

30 giugno 2013

Si sta affermando un neologismo che io trovo inutile e sbagliato: il sostantivo “sovranista” (et similia, ossia l’aggettivo “sovranista” e il sostantivo “sovranismo”).

Che cosa significa il sostantivo “sovranista”? Esso viene usato per indicare chi è per lo Stato, in opposizione a chi vuole eliminarlo.

Infatti la sovranità è una proprietà caratteristica dello Stato.

Leggiamo la voce “Stato” del Dizionario di filosofia di Nicola Abbagnano:

STATO (gr. πολιτεία; lat. Respublica; inglese State; franc. État; ted. Staat). In generale, l’organizzazione giuridica coercitiva di una comunità determinata. L’uso della parola S. è dovuta a Machiavelli (Principe, 1513, § 1)…

…lo S. ha tre elementi o proprietà caratteristiche: la sovranità o il potere preponderante o supremo; il suo popolo e il suo territorio.”

(Nicola Abbagnano, Dizionario di filosofia, 1971, UTET, pagg. 833-835)

Perché ritengo che il sostantivo “sovranista” sia un neologismo inutile e sbagliato?

Perché le ideologie antistato (anarchismo, comunismo, europeismo, multiculturalismo) sono un errore della ragione.

E non ha senso coniare una denominazione per chi non commette tale errore.

Se si fa ciò, si mette sullo stesso piano chi erra e chi non erra.

Ci si comporta come se si trattasse di un’opinione, di un giudizio di valore.

Invece non si tratta di un giudizio di valore, bensì di un giudizio di fatto: uno è un errore, l’altro non lo è.

Infatti lo Stato è sempre esistito, da quando il genere umano è uscito dall’età primitiva.

Leggiamo questo passo di Norberto Bobbio:

«Una tesi ricorrente percorre con straordinaria continuità tutta la storia del pensiero politico: lo Stato, inteso come ordinamento politico di una comunità, nasce dalla dissoluzione della comunità primitiva fondata sui legami di parentela e dalla formazione di comunità più ampie derivanti dall’unione di più gruppi familiari per ragioni di sopravvivenza interne (il sostentamento) ed esterne (la difesa). Mentre per alcuni storici contemporanei, come si è detto, la nascita dello Stato segna l’inizio dell’età moderna [il corsivo è mio], secondo questa più antica e più comune interpretazione la nascita dello Stato rappresenta il punto di passaggio dall’età primitiva, via via distinta in selvaggia e barbara, all’età civile, dove “civile” sta insieme per “cittadino” e “civilizzato” (Adam Ferguson).»

(Norberto Bobbio, Stato, governo, società, 1995, Einaudi, pag. 63)

Ebbene, la tesi di “alcuni storici contemporanei” che “la nascita dello Stato segna l’inizio dell’età moderna” è semplicemente il prodotto delle ideologie antistato nate a causa del concetto di stato di natura di John Locke, che risale al 1690, come ho già scritto più volte, sia nei miei post che nel mio saggio di scienza politica Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi.

La suddetta tesi costituisce il tentativo di affermare che lo Stato non è esistito sempre, quindi non è necessario e quindi può essere tranquillamente eliminato. In altre parole, tale tesi non ha come scopo la verità oggettiva, bensì una verità di parte, fittizia.

Vedi ad esempio qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/08/10/ma-lo-stato-e-sempre-esistito-oppure-e-uninvenzione-recente/

Copyright © 2013 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.