Posts Tagged ‘vilfredo pareto’

L’élite fallita non vuole farsi da parte (ovviamente)

10 agosto 2016

Donald Trump, il paladino del popolo oppresso americano, il campione della lotta alla follia criminale del mondialismo, ha bollato con un “failed Washington elite” un gruppo di alti funzionari repubblicani (tra i quali John Negroponte e Michael Hayden) che hanno dichiarato la loro avversione per lui:

“They are nothing more than the failed Washington elite looking to hold on to their power and it’s time they are held accountable for their actions.”

http://www.bbc.com/news/election-us-2016-37016680

Avevo scritto in un vecchio post:

Certo le vecchie élites non se ne andranno di loro spontanea volontà.

Bisogna cacciarle via.

https://luigicocola.wordpress.com/2015/07/10/urge-un-ricambio-delle-elites/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Ma come ha fatto a capirlo?

3 aprile 2015

Dall’articolo di Nadia Urbinati pubblicato sulla Repubblica del 5 marzo 2015 e intitolato Il populismo di Salvini:

«Gli entusiasti del populismo come mobilitazione contro le élite e le nuove oligarchie farebbero bene a comprendere che le masse non fungono da protagoniste nella strategia populista, ma sono strumenti per consentire un ricambio veloce e dirompente delle élite, o in un partito o nel governo del Paese [il corsivo è mio]. Gli scossoni al sistema non intendono rendere più democratica la democrazia; sono gli scossoni di un’élite contro un’altra con il popolo che fa da detonatore.»

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2015/03/05/il-populismo-di-salvini32.html

Ma come ha fatto a capirlo? Che acume, che intelligenza, che cultura! Si vede che ha studiato Pareto, Mosca e Michels.

Inoltre la Professoressa Nadia Urbinati giudica che tutto ciò manchi di «progettualità»:

«…winnability invece di “progettualità” è il loro paradigma. E in questo scenario senza idealità, molti cittadini e movimenti si immettono nel fiume populista.»

Urbinati, Lei si sbaglia.

Il progetto c’è ed è proprio quello, del resto estremamente palese, di mandare a casa a suon di calci in culo l’élite attuale dell’Occidente e dell’Italia.

Quest’élite ignorante, fanatica religiosa e criminale, che sta distruggendo i popoli dei quali dovrebbe invece essere la guida.

Vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/09/07/le-elites-delloccidente-sono-elites-ignoranti/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/05/il-millenarismo-e-un-meme-egoista/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2014/09/13/lelite-occidentale-e-lelite-italiana-vanno-sostituite/

E non ci sono storie, quest’élite verrà cacciata via.

Il problema non è il se, ma il quando e il come.

Copyright © 2015 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

L’élite occidentale e l’élite italiana vanno sostituite

13 settembre 2014

I fatti dimostrano che sia l’élite occidentale in generale, sia l’élite italiana in particolare, sono assolutamente incompetenti.

Basta dare uno sguardo ai miei ultimi post per trovare ampie prove di tale assoluta incompetenza.

Ma non ce n’è neanche bisogno, tutti i media riportano incessantemente i loro fallimenti.

Quando un’élite non funziona più, occorre cambiarla.

Non c’è niente di strano in questo, anzi è naturale.

Come scrisse giustamente Vilfredo Pareto: “La storia è un cimitero di aristocrazie”.

Copyright © 2014 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.