Posts Tagged ‘we came we saw he died’

Il momento comico

19 dicembre 2016

“«Vladimir Putin ha diretto di persona [il neretto è mio] gli attacchi informatici contro il nostro sistema elettorale, contro la nostra democrazia per vendetta personale contro di me», ha affermato la Clinton.

https://it.sputniknews.com/politica/201612173803981-clinton-putin-vendetta/

Infatti Vladimir Putin è un hacker formidabile, un hacker coi fiocchi e i controfiocchi, per intenderci dello stesso livello di Linus Torvalds, ma un po’ più posato nelle discussioni.

Ed è perfino (!) dello stesso livello di Bruce Schneier, per esempio è falso (false):

“SSL is invulnerable to man-in-the-middle attacks. Unless that man is Bruce Schneier.”

http://www.schneierfacts.com/fact/38

È vero (true) invece:

“SSL is invulnerable to man-in-the-middle attacks. Unless that man is Bruce Schneier or Vladimir Putin.”

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Per avverare la parusia intermedia e il Regno di Cristo

5 novembre 2016

Hillary Clinton, una volta eletta, dopo aver assunto i pieni poteri di Presidente degli Stati Uniti d’America, scatenerà la forza militare e nucleare a sua disposizione per annientare gli Stati nazionalisti, cioè quegli Stati che non vogliono essere eliminati dal mondialismo.

In primis lo Stato russo, il campione di tali Stati.

Per chi sa leggere tra le righe, l’ha già annunciato al mondo:

“The bottom line on nuclear weapons is that when the president gives the order, it must be followed [il neretto è mio]. There’s about four minutes between the order being given and the people responsible for launching nuclear weapons to do so.”

http://www.nytimes.com/2016/10/20/us/politics/third-debate-transcript.html

Hillary Clinton ha già eliminato lo Stato nazionalista libico:

Assange: Clinton è stata una figura chiave nella disintegrazione della Libia

https://it.sputniknews.com/mondo/201611053588180-assange-clinton-presidenza-libia/

Naturalmente Assange non ne ha capito il motivo (o almeno mostra di non averlo capito), infatti:

“Secondo Assange, la Clinton voleva usare la fine del leader libico Muammar Gheddafi e il colpo di stato nel Paese come qualcosa da usare per i suoi discorsi elettorali e per la sua corsa presidenziale.”

Non che Obama non volesse eliminare lo Stato nazionalista libico, sia chiaro, è che da solo non ne aveva il coraggio.

Adesso questa psicosi religiosa collettiva che porta il nome di mondialismo sta per armare (con armi nucleari) Hillary Clinton, la donna che scatenerà l’Apocalisse.

Per avverare la parusia intermedia e il Regno di Cristo:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/06/07/svelare-la-verita/

https://luigicocola.wordpress.com/2016/05/11/discolparsi-incolpando-altri/

https://luigicocola.wordpress.com/2016/07/06/lorigine-del-mondialismo/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Come influenzare chi è in preda alla follia?

28 ottobre 2016

La mia analisi del mondialismo (globalism in inglese, mondialisme in francese) è alquanto differente dalle analisi correnti.

Se la mia analisi è giusta, ne consegue che il mondialismo è da considerarsi una psicosi collettiva di natura religiosa, come p.e. la caccia alle streghe che afflisse l’Occidente (in verità più i protestanti che i cattolici) dal Quattrocento al Settecento.

È da ricordare a questo proposito il processo delle streghe di Salem del 1692, che si svolse in ambiente religioso puritano, cioè proprio l’ambiente religioso da cui è nato l’internazionalismo di David Rockefeller, vale a dire il mondialismo, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/08/17/tre-caratteristiche-necessarie-del-mondialismo/

Non è certamente con argomenti razionali che si può influenzare coloro che sono in preda a una psicosi religiosa collettiva.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Il mondialismo è una psicosi religiosa collettiva

26 ottobre 2016

Il mondialismo (in inglese globalism, in francese mondialisme) è il nostro “Nightmare of Moloch”.

Capirlo bene, analizzarlo bene, è essenziale.

Molti, non capendo di quale natura sia il mostro, il cancro che ci minaccia, pensano che la vittoria elettorale di Hillary Clinton (l’alfiere del mondialismo) non implichi una guerra nucleare tra NATO e Russia, pensano incredibilmente che con la guerrafondaia Hillary Clinton sia possibile la pace tra Occidente e il resto del genere umano, argomentando che la guerra nucleare è contro la Ragione.

Un esempio di questi è Giulietto Chiesa, come ho riportato in un post precedente:

«A Giulietto Chiesa sfugge evidentemente la totale irrazionalità del mondialismo, il suo essere totalmente contro la Ragione e la Weltanschauung scientifica, come ho più e più volte spiegato.»

https://luigicocola.wordpress.com/2016/10/16/la-russia-avverte-gli-americani-votate-trump-o-guerra-nucleare/

La verità è che il mondialismo è una psicosi religiosa collettiva.

Nella storia si trovano altri casi di psicosi religiosa collettiva, p.e. la caccia alle streghe.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Lo dice perfino Jill Stein: “A vote for Hillary Clinton is a vote for war”

17 ottobre 2016

Perfino il candidato del Green Party, Jill Stein, lo dice:

‘A Vote for Hillary Clinton Is A Vote For War’: Green Party’s Jill Stein Warns Of Nuclear War In Clinton Presidency

“It is now Hillary Clinton that wants to start an air war with Russia over Syria by calling for a no fly zone. We have 2000 nuclear missiles on hairtrigger alert. They are saying we are closer to a nuclear war than we have ever been. Under Hillary Clinton, we could slide into nuclear war very quickly from her declared policy in Syria [il neretto è mio]… On the issue of war and nuclear weapons, it is actually Hillary’s policies which are much scarier than Donald Trump who does not want to go to war with Russia. He wants to seek modes of working together, which is the route that we need to follow not to go into confrontation and nuclear war with Russia.”

http://www.breitbart.com/big-government/2016/10/14/stein-vote-clinton-vote-nuclear-war/

Da ricordare che la frase “A vote for Hillary Clinton is a vote for nuclear war” l’ha usata Paul Craig Roberts in agosto, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2016/08/26/un-voto-per-hillary-e-un-voto-per-la-guerra-nucleare/

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Bill Clinton è uno stupratore? Hillary Clinton lo protegge?

12 ottobre 2016

Bill Clinton Sex Abuse Survivor Kathleen Willey: ‘HILLARY CLINTON IS A FAKE FEMINIST’ (VIDEO)

«From the video:

“I came here for one reason,” Willey said. “To point out that these are not ‘infidelities’ that the mainstream media wants us to all think they are. Sexual assault, rapes and sexual harassment are not ‘infidelities’ period.”

“They are crimes and they are felonies,” Willey continued. “Hillary Clinton is a fake feminist. A champion of women does not attack the victims of sexual assault and rapes.”»

http://americanlookout.com/jpb-bill-clinton-sex-abuse-survivor-kathleen-willey-slams-the-media-sexual-harassment

EXCLUSIVE — Video Interview: Bill Clinton Accuser Juanita Broaddrick Relives Brutal Rapes

http://www.breitbart.com/2016-presidential-race/2016/10/09/breitbart-news-exclusive-video-interview-bill-clinton-accuser-juanita-broaddrick-breaks-describing-brutal-rapes/

Exclusive Video–Broaddrick, Willey, Jones to Bill Clinton’s Defenders: ‘These Are Crimes,’ ‘Terrified’ of ‘Enabler’ Hillary

http://www.breitbart.com/2016-presidential-race/2016/10/09/juanita-broaddrick-kathleen-willey-paula-jones-bill-clinton-sexual-assault/

Over 1 Million Views For Breitbart News’ Powerful Interview With Bill Clinton Rape Accuser Juanita Broaddrick

http://www.breitbart.com/2016-presidential-race/2016/10/11/1-million-views-breitbart-news-powerful-interview-bill-clinton-rape-accuser-juanita-broaddrick/

EXCLUSIVE VIDEO: Juanita Broaddrick Supports ‘Bill Clinton is A Rapist’ Protest Movement

http://www.breitbart.com/big-government/2016/10/11/exclusive-video-juanita-broaddrick-supports-clinton-rapist-movement/

Secondo dibattito presidenziale: è andato come il primo

10 ottobre 2016

In altre parole ha vinto nettamente Donald Trump, anzi è stato ancora più convincente che nel primo dibattito, ma i media globalisti anche questa volta affermano il contrario:

che ha vinto Hillary Clinton!

Ecco due titoli italiani, ovviamente allineati a quelli made in U.S.A.:

Dibattito Clinton-Trump, i primi sondaggi assegnano la vittoria a Hillary

http://www.corriere.it/esteri/16_ottobre_10/i-primi-sondaggi-assegnano-vittoria-hillary-clinton-03c69e66-8ea1-11e6-85bd-f14ac05199eb.shtml

Dibattito Clinton Trump, secondo la Cnn ha vinto Hillary con il 57%

http://www.huffingtonpost.it/2016/10/09/dibattito-clinton-trump_n_12424004.html

Come ho fatto per il primo dibattito, ho cercato i sondaggi di time.com, fortune.com e variety.com.

Sorpresa: fortune.com ha imparato la lezione e non ha fatto il poll!

Time.com ne ha fatto uno limitato alla sola economia.

Variety.com evidentemente non ha imparato la lezione, forse pensando che il vergognoso spot pubblicitario di Robert De Niro (perché non parla degli abusi sessuali di Bill Clinton, ampiamente coperti dalla moglie? Basta dare un’occhiata a Wikipedia in inglese) potesse spostare dei voti.

Riporto sotto gli screenshot.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

istantanea-10102016-132454

istantanea-10102016-132352

istantanea-10102016-133311

istantanea-10102016-133349

Anche il Giornale pubblica la balla dei quattro punti percentuali

29 settembre 2016

istantanea-29092016-065229

istantanea-2-27092016-095243

istantanea-29092016-074551

Nel poll di time.com Donald Trump ha battuto Hillary Clinton di ben 10 punti percentuali, non quattro!

Su quasi due milioni di voti!

Nata negli USA, non so se su people.com o su foxnews.com o su un altro sito ancora (vedi gli screenshot del mio post precedente), questa balla arriva anche in Italia.

Ecco come le balle si propagano nel mondo.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Ecco come i media globalisti mentono spudoratamente

28 settembre 2016

istantanea-11-27092016-180447

istantanea-28092016-061532

istantanea-2-27092016-095243

istantanea-12-27092016-175749

Sono ben dieci punti percentuali, non quattro!

E per quanto riguarda la questione della non scientificità dei sondaggi di questo genere: allora perché mai i media globalisti li hanno fatti?

Li hanno fatti perché pensavano che i loro lettori, essendo tali, si fossero bevuti le loro stupidaggini globaliste!

E invece no, proprio i loro lettori li hanno sconfessati.

È emblematico il caso di variety.com (vedi post precedente).

Ma in un clima del genere il pericolo di brogli elettorali o di soluzioni alla John Fitzgerald Kennedy o di altro ancora non appare affatto trascurabile.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Siamo al preludio di un colpo di Stato in USA?

27 settembre 2016

Mi sveglio e subito mi chiedo come sia andato il primo dibattito tra Donald Trump e Hillary Clinton, dibattito che non ho visto perché in Italia era notte.

Accendo il televisore e guardo il televideo: non ci sono storie, ha vinto Hillary Clinton.

Bene, passo al computer e Google mi mostra lo stesso (sia in italiano che in inglese).

Ecco alcuni titoli italiani:

Tra Donald Trump e Hillary Clinton va in scena il primo dibattito. E vince la ex first lady

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/USA-2016-Dibattito-Tra-Donald-Trump-e-Hillary-Clinton-va-in-scena-il-primo-dibattito-vince-la-ex-first-lady-14eec19b-ed25-4a01-82a4-ba4ca939f0bf.html

Clinton-Trump, è scontro su tutto. Hillary vince lo show in tv ma ai punti

http://www.ansa.it/usa_2016/notizie/2016/09/26/usa-2016-netanyahu-a-new-york-vede-trump-e-hillary_08a3a260-03c7-49af-aeb9-3df119e53c58.html

Dibattito Trump Clinton
Il sondaggio Cnn: «Ha vinto Hillary»

http://www.corriere.it/esteri/16_settembre_27/dibattito-trump-clinton-c68cf5f2-8443-11e6-b7a9-74dcfa8f2989.shtml

Elezioni presidenziali Usa, Clinton batte Trump nel primo duello tv: Hillary gioca d’esperienza, Donald evita gli eccessi

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/09/27/elezioni-presidenziali-usa-hillary-clinton-batte-donald-trump-nel-primo-duello-tv/3059335/

Soltanto visitando il sito infowars.com riesco ad appurare la verità, che è totalmente differente:

Polls: Trump Won First Presidential Debate – HANDS DOWN!
The American people have spoken

http://www.infowars.com/poll-who-won-the-first-presidential-debate/

Riporto sotto gli screenshot (fatti da me) dei sondaggi di time.com, fortune.com e variety.com, in tutti i quali è Donald Trump ad aver vinto nettamente il dibattito.

Su variety.com, nientedimeno!

Che diranno adesso Barbara Streisand, Johnny Depp e gli altri pagliacci di Hollywood?

La falsificazione dei media è talmente grossolana e vistosa che mi chiedo:

siamo al preludio di un colpo di Stato in USA?

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

 

istantanea-1-27092016-095635

 

istantanea-2-27092016-095243

 

istantanea-3-27092016-094239

 

istantanea-4-27092016-094218

 

istantanea-5-27092016-094400

 

istantanea-6-27092016-094409

 

istantanea-7-27092016-094423

 

istantanea-8-27092016-094612

 

istantanea-9-27092016-105311

 

istantanea-10-27092016-105942