Posts Tagged ‘wikipedia in lingua italiana’

Dov’è che Hobbes scrisse “bellum omnium contra omnes”?

6 marzo 2019

È impossibile sopravvalutare l’importanza della formula hobbesiana “bellum omnium contra omnes”.

Il concetto che essa rappresenta, che è una scoperta originale di Thomas Hobbes (1), è alla base del pensiero di Charles Darwin, uno dei più grandi geni dell’umanità, e il pensiero di Charles Darwin è alla base dell’intera biologia scientifica moderna, come ho scritto più volte (1, 2, 3).

Questo dato di fatto in genere sfugge a chi non ha un’educazione scientifica; del resto chi ha un’educazione scientifica in genere non si occupa di Thomas Hobbes.

Si tratta quindi di un argomento ignorato e ciò ha reso possibile la nascita e l’affermazione del mondialismo (o globalismo, in inglese globalism, in francese mondialisme), l’ideologia che si basa sull’esatto contrario dello stato di natura hobbesiano (il “bellum omnium contra omnes”), si basa in altre parole sullo stato di natura lockiano, e per un motivo semplicissimo: se Locke ha ragione e Hobbes torto, allora lo Stato è inutile, anzi dannoso, e quindi va eliminato ad ogni costo, il che è letteralmente lo scopo del mondialismo, come ho molte volte scritto (4, 5, 6, 7, 8).

È da ricordare che un recente articolo scientifico pubblicato su Nature (il 21 gennaio 2016) e intitolato Inter-group violence among early Holocene hunter-gatherers of West Turkana, Kenya (9) ha smentito le idee cristiane di Locke e di Rousseau sullo stato di natura e ha confermato invece quelle non cristiane (cioè atee) di Thomas Hobbes e di Charles Darwin (10).

Il bello è che proprio i mondialisti dicono di seguire la scienza e la Ragione e le glorificano incessantemente entrambe, ma la verità è che essi non sanno né di scienza, né di Ragione!

Come ho già scritto, il mondialismo non ha niente di scientifico e di razionale, perché il mondialismo è una degenerazione del Cristianesimo (11, 12).

Considerato tutto ciò, è ovviamente molto importante sapere con certezza dove Hobbes scrisse l’espressione “bellum omnium contra omnes”.

C’è però una grande confusione su questo argomento e su di esso, come al solito, Wikipedia afferma falsità.

Ecco infatti cosa è scritto (in data 5 marzo 2019) in Wikipedia in lingua inglese:

«Italiano: La Præfatio (Prefazione) del De Cive (1642) di Thomas Hobbes (1588–1679), dove la frase bellum omnium contra omnes appare per la prima volta. Presa dall’edizione riveduta stampata nel 1647 ad Amsterdam (apud L. Elzevirium).

English: The Præfatio (Preface) of De Cive (1642) by Thomas Hobbes, where the phrase bellum omnium contra omnes appears for the first time. Taken from the revised edition printed in 1647 at Amsterdam (apud L. Elzevirium

en.wikipedia.org/wiki/File:Bellum_omnium_contra_omnes.png

Wikipedia in lingua italiana fa lo stesso errore (5 marzo 2019):

«Ma l’espressione latina compariva già nel Il cittadino (1642):

1. come bellum omnium contra omnes nella Praefatio,[6]
2. come bellum omnium in omnes in 1, 12,[7]
3. come bellum istud omnium contra omnes in 1, 13.[8]»

https://it.wikipedia.org/wiki/Bellum_omnium_contra_omnes

Qual è l’errore?

È che il virgolettato “bellum omnium contra omnes” compare come tale nel De cive solo nella Praefatio e la Praefatio non c’è nella prima edizione del De cive, quella del 1642!

La Praefatio si trova nella seconda edizione del De cive, quella del 1647, che infatti è considerata l’edizione definitiva (13).

Questa non è una mia sensazionale scoperta: è un fatto ben noto (14).

Mostrerò di seguito i tre passi del De cive in cui si trovano il virgolettato suddetto ed espressioni simili (la Praefatio ad lectores, il Capitolo 1, XII e il Capitolo 1, XIII) in diverse edizioni del libro, questo perché nelle traduzioni in altre lingue tali espressioni possono venir tradotte tutte allo stesso modo, come per esempio nella traduzione italiana più autorevole, che è quella di Tito Magri.

Del resto anche tra le edizioni in inglese ci sono differenze, come vedremo più avanti.

De cive in latino, 1° edizione (1642) (15):

a) Praefatio ad lectores:

non c’è

b) Capitolo 1, XII:

“bellum omnium in omnes”

c) Capitolo 1, XIII:

“bellum istud omnium contra omnes”

De cive in latino, 2° edizione (1647) (16):

a) Praefatio ad lectores:

“bellum omnium contra omnes”

b) Capitolo 1, XII:

“bellum omnium in omnes”

c) Capitolo 1, XIII:

“bellum istud omnium contra omnes”

De cive in latino, pubblicato nel 1839 a cura di William Molesworth (17):

a) Praefatio ad lectores:

“bellum omnium contra omnes”

b) Capitolo 1, XII:

“bellum omnium in omnes”

c) Capitolo 1, XIII:

“bellum istud omnium contra omnes”

De cive in inglese, 1° edizione (1651) (18):

a) Preface to the Reader :

“warre of all against all”

Notare che “warre” è una forma obsoleta di “war”.

b) Capitolo 1, XII:

“War of all men, against all men”

c) Capitolo 1, XIII:

“war of all against all”

De cive in inglese moderno, tradotto nel 1841 a cura di William Molesworth (19):

a) Preface to the Reader :

“war of all against all”

b) Capitolo 1, XII:

“war of all men against all men”

c) Capitolo 1, XIII:

“war of all against all”

De cive in italiano, a cura di Tito Magri (20):

a) Prefazione ai lettori :

“guerra di tutti contro tutti”

b) Capitolo 1, XII:

“guerra di tutti contro tutti”

c) Capitolo 1, XIII:

“guerra di tutti contro tutti”

——————–

1) Luigi Cocola, Le nuove forme dell’utopia: europeismo e multiculturalismo – Come e perché l’Occidente cerca ripetutamente di suicidarsi, lulu.com, 3° ed., 2013, pagg. 10-13

2) La menzogna senza fine dell’Occidente

https://luigicocola.wordpress.com/2014/07/05/la-menzogna-senza-fine-delloccidente/

3) Sull’idea errata che l’uguaglianza totale conduca alla pace nel mondo

https://luigicocola.wordpress.com/2019/02/12/sullidea-errata-che-luguaglianza-totale-conduca-alla-pace-nel-mondo/

4) «Il punto è che le ideologie di questa classe ignorano, e ostentatamente, i due micidiali pericoli a cui sono sottoposte le comunità umane, e per combattere i quali esiste da sempre lo Stato, ossia, per usare le parole di Hobbes, l’«aggressione di stranieri» e i «torti reciproci» (4, pag. 142).
Perché li ignorano? Perché queste ideologie hanno una radice comune ed essa si trova in John Locke (30, “Due trattati sul governo”, 1690), che ha una concezione ottimistica dell’uomo.
Il loro punto di partenza è il concetto di stato di natura che Locke sviluppò proprio in reazione a quello precedente di Hobbes. Secondo Locke l’uomo è un essere virtuoso e razionale, che allo stato di natura vive in armonia con i propri simili.
Ne consegue che lo Stato non serve a nulla, se non ad arrecare oppressione, dolore e danno

Luigi Cocola, op. cit., pag. 35

5) Il mito della dannosità dello Stato

https://luigicocola.wordpress.com/2012/10/23/il-mito-della-dannosita-dello-stato/

6) Il mondialismo e il nazionalismo sono il prodotto di due diverse Weltanschauung

https://luigicocola.wordpress.com/2017/04/02/il-mondialismo-e-il-nazionalismo-sono-il-prodotto-di-due-diverse-weltanschauung/

7) Le tappe principali della genesi storica del mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2018/07/28/le-tappe-principali-della-genesi-storica-del-mondialismo/

8) Le sciocchezze che si scrivono sul mondialismo

https://luigicocola.wordpress.com/2015/12/19/le-sciocchezze-che-si-scrivono-sul-mondialismo/

9) M. Mirazón Lahr et al., Inter-group violence among early Holocene hunter-gatherers of West Turkana, Kenya, Nature 529, 394–398 (21 January 2016)

http://www.nature.com/articles/nature16477

10) Smentite le idiozie di Locke e di Rousseau sullo stato di natura

https://luigicocola.wordpress.com/2016/01/25/smentite-le-idiozie-di-locke-e-di-rousseau-sullo-stato-di-natura/

11) Il mondialismo è una degenerazione del Cristianesimo

https://luigicocola.wordpress.com/2019/01/28/il-mondialismo-e-una-degenerazione-del-cristianesimo/

12) «Quindi, quando voi pensate all’élite globalista, per esempio Jeff Bezos, Mark Zuckerberg, Bill Gates, George Soros, Angela Merkel, Emmanuel Macron, Mario Draghi, Jean-Claude Juncker, ecc. ecc., non dovete lasciarvi fuorviare dalle loro sembianze moderne, che sono solo una maschera.

Dietro questa maschera, altro non c’è che la folla medievale, urlante e ripugnante come in un quadro di Bruegel o di Bosch, che nel febbraio dell’anno 1420, nelle vicinanze di Praga, in preda a un delirio collettivo (7), aspettava la seconda venuta di Cristo.»

L’Unione Europea e il Nuovo Ordine Mondiale sono tentativi di attuare il Regno di Cristo sulla terra

https://luigicocola.wordpress.com/2018/10/08/lunione-europea-e-il-nuovo-ordine-mondiale-sono-tentativi-di-attuare-il-regno-di-cristo-sulla-terra/

13) Luigi Cocola, Il leviatano senza spada – Una teoria del popolo italiano e del Cristianesimo, lulu.com, 3° ed., 2012, pag. 45

14) Thomas Hobbes, De Cive – Elementi filosofici sul cittadino, a cura di Tito Magri, Editori Riuniti, 2014, Introduzione di Tito Magri, pag. 53

15) 1° edizione del De cive in latino (Parisiis, 1642):

https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/btv1b86070296/f5.image

16) 2° edizione del De cive in latino (Amsterodami, Apud Ludovicum Elzevirium, Anno 1647):

https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k65319279/f9.image

17) Edizione del De cive in latino curata nel 1839 da William Molesworth (Londini: Apud Joannnem Bohn, Henrietta Street, Covent Garden. MDCCCXXXIX.):

https://archive.org/details/operaphilosophi00molegoog/page/n7

18) 1° edizione del De cive in inglese (London, Printed by J.C. for R. Royston, at the Angel in Ivie-Lane. 1651.):

https://socialsciences.mcmaster.ca/econ/ugcm/3ll3/

19) Traduzione del De cive in inglese moderno curata nel 1841 da William Molesworth (London: John Bohn, Henrietta Street, Covent Garden. MDCCCXLI.):

https://archive.org/details/englishworkstho27hobbgoog

o qui:

http://www.archive.org/details/englishworkstho32hobbgoog

o qui:

http://books.google.com/books?id=6nnotknc9DMC

o qui:

http://books.google.com/books?id=0HQMAAAAIAAJ

20) Thomas Hobbes, De Cive – Elementi filosofici sul cittadino, a cura di Tito Magri, Editori Riuniti, 2014, pag. 73 e pag. 87

N.B.: tutti i link sono stati verificati in data 5 marzo 2019.

Copyright © 2019 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Wikipedia in lingua italiana è controllata da un gruppo di globalisti faziosi e prepotenti

23 ottobre 2018

Ho già scritto su questo argomento nel 2016:

La propaganda mondialista italiana nega l’evidenza

https://luigicocola.wordpress.com/2016/01/21/la-propaganda-mondialista-italiana-nega-levidenza/

e nel 2017:

La miserabile censura mondialista di Wikipedia in lingua italiana

https://luigicocola.wordpress.com/2017/06/08/la-miserabile-censura-mondialista-di-wikipedia-in-lingua-italiana/

L’argomento è questo:

Wikipedia in lingua italiana è controllata da un gruppo di globalisti faziosi e prepotenti che impedisce a tutt’oggi (23 ottobre 2018) la pubblicazione di due voci: quella del Globalismo (sinonimo: Mondialismo) e quella del Nuovo Ordine Mondiale (politica).

Come tutti possono verificare, queste due voci sono presenti (al 23 ottobre 2018) nelle versioni di Wikipedia nelle principali lingue occidentali (inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese), in arabo e in persiano, in coreano, in russo, e, solo per quanto riguarda la voce “Globalismo”, anche in cinese e in giapponese.

Non sto ovviamente affermando che tali voci nelle suddette lingue siano scritte bene, sto affermando solo che esse esistono.

Il popolo italiano si deve ribellare a questo gruppo di globalisti faziosi e prepotenti che controlla e censura Wikipedia in lingua italiana!

Ecco le due voci in inglese:

Globalism

https://en.wikipedia.org/wiki/Globalism

New world order (politics)

https://en.wikipedia.org/wiki/New_world_order_%28politics%29

Ed ecco le due voci in francese:

Mondialisme

https://fr.wikipedia.org/wiki/Mondialisme

Nouvel ordre mondial (relations internationales)

https://fr.wikipedia.org/wiki/

Nouvel_ordre_mondial_%28relations_internationales%29

Per una corretta definizione e per una corretta spiegazione sia del globalismo (o mondialismo) che del Nuovo Ordine Mondiale, vedi il mio post precedente:

Perfino per Lucio Caracciolo il Nuovo Ordine Mondiale è una cagata pazzesca

https://luigicocola.wordpress.com/2018/10/22/perfino-per-lucio-caracciolo-il-nuovo-ordine-mondiale-e-una-cagata-pazzesca/

Copyright © 2018 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

La propaganda mondialista italiana nega l’evidenza

21 gennaio 2016

Esistono siti in lingua italiana di propaganda mondialista (o di utili idioti, è lo stesso) che definiscono il mondialismo (o globalismo) come bufala complottista.

Non perderei tempo a parlare di queste miserie di internet, se non fosse che la posizione di Wikipedia in lingua italiana è (in data odierna) proprio questa:

https://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_del_complotto_del_Nuovo_ordine_mondiale

Notare che la posizione di Wikipedia in lingua inglese e di Wikipedia in lingua francese è differente, perché in entrambe le lingue esiste per il mondialismo una voce ad hoc (mentre in data odierna in lingua italiana non c’è):

https://en.wikipedia.org/wiki/Globalism

https://fr.wikipedia.org/wiki/Mondialisme

Basta guardare l’elenco delle lingue in cui tale voce di Wikipedia è presente:

Català
Deutsch
English
Español
فارسی
Français
한국어
Հայերեն
Bahasa Indonesia
Қазақша
日本語
پښتو
Polski
Português
Română
Русский
Српски / srpski
Українська

Come si può notare, manca la lingua italiana (in data odierna).

Relativamente alla suddetta posizione di Wikipedia in lingua italiana, occorre essere analitici: esistono qui due proposizioni condensate in una, allo scopo evidentissimo di mistificare la questione.

La prima proposizione è che il mondialismo è un complotto.

Questa proposizione è falsa, come ho scritto in un mio precedente post, intitolato Il mondialismo non è un complotto:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/06/29/il-mondialismo-non-e-un-complotto/

La seconda proposizione è che il Nuovo Ordine Mondiale (in altre parole il mondialismo) non esiste (se non nella mente di poveri paranoici).

Ebbene, anche questa proposizione è falsa.

Per essere più che certi di ciò, è sufficiente ricordare che a nominare il “Nuovo Ordine Mondiale” (in inglese “New World Order”) è stato nientepopodimeno che George H. W. Bush, ossia Bush senior, come del resto riporta (incoerentemente) la stessa Wikipedia in lingua italiana alla voce Teoria del complotto del Nuovo ordine mondiale (in data odierna).

C’è su YouTube il filmato di Bush senior che parla di ciò:

https://www.youtube.com/watch?v=byxeOG_pZ1o

Bush senior diffonde bufale complottiste?

Si può aggiungere che anche l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI), nel Rapporto ISPI 2015, intitolato In mezzo al guado – Scenari globali e l’Italia, a cura di Alessandro Colombo e Paolo Magri, parla di “Nuovo Ordine Internazionale”, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/18/il-rapporto-ispi-2015-riconosce-il-fallimento-del-mondialismo/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2015/03/21/ancora-sul-rapporto-ispi-2015/

L’ISPI diffonde bufale complottiste?

P.S.: tra i “siti in lingua italiana di propaganda mondialista (o di utili idioti, è lo stesso) che definiscono il mondialismo (o globalismo) come bufala complottista”, come ho scritto all’inizio di questo post, è da includere anche il sito dell’UAAR – Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, uaar.it, vedi l’articolo La Filosofia, ancella della Teologia e del Complotto di Giovanni Gaetani:

http://www.uaar.it/news/2015/11/13/filosofia-ancella-della-teologia-del-complotto/

In tale articolo viene infatti adoperato, ancora una volta, l’argomento fallace dell’inesistenza del Nuovo Ordine Mondiale, addirittura paragonando quest’ultimo a: “le scie chimiche, i vaccini che causano l’autismo ed ogni altro possibile complotto”.

È incredibile che l’UAAR – Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti non sappia (o meglio mostri di non sapere) che a certificare l’esistenza del Nuovo Ordine Mondiale sono stati (almeno!) Bush senior e l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI).

Questa è la tragica situazione dell’Italia.

Copyright © 2016 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.