Posts Tagged ‘zombi’

“La notte dei morti viventi” di George A. Romero

18 novembre 2012

È vero, paragonare i politici attuali a degli zombi non è molto originale, ci ha già pensato Grillo.

Il fatto è che ho acquistato giorni fa il DVD di questo film (quello del 1968, il primo e insuperabile) e ne ho potuto gustare appieno la metafora potente.

Che è una critica feroce alla società USA del tempo.

Ma è una metafora perfetta anche per la società italiana di oggi.

Siamo infatti circondati da morti viventi, gente, cioè, che crede ancora vivo il mondo al quale essi sono abituati.

Non si rendono affatto conto che quel mondo è in parte già defunto e in parte lo sarà presto, del tutto e definitivamente.

Mi riferisco all’euro, vedi qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/11/17/la-realta-delle-cose-sta-incominciando-a-imporsi-sui-sogni-e-le-utopie/

e qui:

https://luigicocola.wordpress.com/2012/11/17/sartori-ed-io-sugli-stati-uniti-deuropa-scriviamo-le-stesse-cose/

Senza l’unità politica dell’Europa, l’euro inevitabilmente cadrà.

E l’unità politica dell’Europa è una chimera, un sogno irrealizzabile.

Siamo di fronte a un cambiamento drammatico, come ad esempio il crollo del comunismo nell’URSS all’inizio degli anni ’90.

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.

Annunci

Caro Bersani, in internet non è come da Mentana o da Vespa

26 agosto 2012

Leggo dalle News di Google amene (ma anche gravi) dichiarazioni dell’On. Bersani:

“Pier Luigi Bersani, censura gli attacchi offensive [sic] che, su web, vengono lanciati nei confronti del Pd. «Vedo correre sulla rete – afferma – frasi come ‘siete cadaveri ambulanti, siete zombi, vi seppelliremo’. Sono espressioni fasciste. Noi non ci impressioniamo, vengano via dalla rete, vengano qui a dircele»…

…Bersani non ha fatto esplicito riferimento né al blog di Grillo né a quello dell’Idv…”

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-08-25/bersani-attacca-grillo-pietro-194613.shtml?uuid=AbZNreTG

Innanzitutto, caro Bersani, è tutta internet che vi dice queste cose, come potremmo venire tutti fisicamente davanti a lei? Non basterebbe neanche uno stadio intero, suvvia…

Il suo tono, però, non va affatto bene, è un tono intimidatorio. Cosa vorrebbe dire: che se gliele dicessimo in faccia, ci farebbe prendere a calci dalle sue guardie del corpo?

E lascerei perdere il fascismo, perché, vede, in internet queste accuse non fanno più neanche sorridere.

Lanciando queste accuse lei non fa che confermare di non essere al passo coi tempi, di essere rimasto al secolo scorso.

Lei non fa che confermare l’opinione che moltissimi in internet hanno su di lei.

Copyright © 2012 Luigi Cocola. Tutti i diritti riservati.